USA- ISRAELE la causa dei conflitti in Medio Oriente

Un analista politico americano afferma che gli Stati Uniti saranno coinvolti in più conflitti in Medio Oriente se il loro “sostegno incondizionato a Israele” continuerà.

James Petras ha fatto il commento in un’intervista a Press TV mercoledì quando gli è stato chiesto il secondo discorso sullo stato dell’Unione del presidente americano Donald Trump.

Nel dicembre 2017, Trump ha ufficialmente dichiarato la città di Gerusalemme al-Quds come capitale israeliana, nonostante gli avvertimenti di tutto il mondo che la misura rischia di scatenare una nuova ondata di violenza in Medio Oriente.

Durante il suo discorso nella camera della Camera dei rappresentanti martedì, Trump ha sollevato ancora una volta la questione, dicendo: “La mia amministrazione ha riconosciuto la vera capitale di Israele – e con orgoglio ha aperto l’ambasciata americana a Gerusalemme” al-Quds.

Netanyahu con Trump

Petras ha detto che “la proclamazione di Trump che continuerà a sostenere Israele è praticamente il problema che sta definendo la strategia degli Stati Uniti in Medio Oriente”.

“Il sostegno incondizionato a Israele significa che gli Stati Uniti saranno trascinati in più conflitti in Medio Oriente, forse anche per il ritorno degli sforzi di occupazione nei confronti della Siria e di altri paesi del Medio Oriente”, ha aggiunto.


Nel suo secondo discorso sullo Stato dell’Unione, il presidente degli Stati Uniti annuncia il prossimo vertice della Corea del Nord, saluta colloqui costruttivi con i talebani, parla dei piani di ritiro delle truppe e promette di costruire il muro del Messico.
Commentando le osservazioni di Trump sulla Cina, l’analista ha affermato che non c’è futuro nei negoziati commerciali tra Washington e Pechino, perché Trump vuole cambiamenti strutturali in Cina, una richiesta che Pechino non accetterà mai.

“Trump dice che gli Stati Uniti sono interessati al commercio equo e poi parla di cambiamenti strutturali, penso che la parola chiave siano roprio questi i cambiamenti strutturali”, ha detto Petras, aggiungendo: “La Cina ha accettato di aumentare le sue importazioni dagli Stati Uniti, ma non è disposta a smantellare le sue strutture tecnologiche e industriali e questo è ciò a cui Trump punta, quindi non credo che nessun accordo sostanziale deriverà da questi negoziati “.

“Penso che gli Stati Uniti entreranno in un periodo di confronto con la Cina”, ha osservato.

Trump ha avviato quella che è effettivamente una guerra commerciale con la Cina ad aprile, quando per la prima volta ha imposto tariffe insolitamente pesanti sulle importazioni dal paese asiatico. Pechino ha imposto tariffe di ritorsione di $ 50 miliardi sui prodotti statunitensi in rappresaglia alle tariffe precedenti degli Stati Uniti. A dicembre , i due paesi hanno concordato di fermare temporaneamente la loro guerra commerciale in seguito ai colloqui ad alto rischio tra Trump e il presidente cinese Xi Jinping.

Petras ha anche parlato delle osservazioni di Trump sul Venezuela, affermando che gli Stati Uniti vogliono “sponsorizzare una guerra civile” nel paese.

“Oggi, nelle notizie della stampa, scopriamo che gli Stati Uniti hanno spedito armi da Miami ai terroristi in Venezuela, quindi penso che sia la conclusione che Washington sta cercando di sponsorizzare una guerra civile e un’invasione del Venezuela”, ha osservato.

Decine di migliaia di venezuelani hanno affollato le strade del Venezuela, tenendo le manifestazioni in sostegno e contro Maduro, che ha iniziato il suo secondo mandato di sei anni il mese scorso.

Gli scontri sono iniziati dopo che Juan Guaido, il leader dell’opposizione nell’Assemblea nazionale del paese, si è proclamato “presidente ad interim” e ha esortato Maduro a dimettersi.

Gli Stati Uniti si sono affrettati a sostenere Guaido, annunciando sanzioni sull’industria petrolifera venezuelana. Altri funzionari statunitensi hanno anche raddoppiato la possibilità di un’azione militare, ribadendo la posizione del presidente Trump che “tutte le opzioni sono sul tavolo”. Questa operazione rappresenta l’ennesima interferenza degli USA in America Latina nello sforzo di tenere sotto controllo il proprio “cortile di casa” (el patio trasero).

Tuttavia la situazione attuale è cambiata e ci sono paesi come il Venezuela, Cuba, il Nicaragua, la Bolivia che non tollerano più le imposizioni di Washington. 

Fonte: Press Tv

Traduzione: Luciano Lago

1 commento

  • Eugenio Orso
    12 Febbraio 2019

    La bestia ferita è quella più pericolosa, pronta ad azzannare alla anche alla cieca.
    La bestia Usa/neocapitalista attacca con ferocia le prede che giudica più deboli.
    Oggi il Venezuela è ad elevatissimo rischio e sotto assedio, domani chissà a chi toccherà …
    L’Italia non corre rischi (per ora), nelle mani di un governicchio docile e falsamente rivoluzionario, nonostante certi tweet di Salvini o certe dichiarazioni elettoralistiche di Di Maio,
    Per quanto riguarda israele, che molti chiamo giustamente “entità sionista”, la sua distruzione, con annessa pulizia/espulsione degli ebrei sarebbe sacrosanta, ma ricordiamoci delle armi nucleari …
    La mostruosa bestia sionista, ferita, non esiterebbe ad usarle.

    cari saluti

Inserisci un Commento

*

code