"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Usa, fondatore Pink Floyd contro Congresso per legge pro Israele

WASHINGTON – Il Congresso sta analizzando la possibilità di approvare una legge, l’Israel Anti-Boycott Act, che andrebbe a colpire ogni associazione o persona che partecipa alla campagna di boicottaggio di Israele a sostegno della Palestina e dei diritti dei palestinesi.

Sul New York Times, il fondatore dei Pink Floyd, Roger Waters, ha scritto un editoriale per denunciare questa possibilità. Il musicista sostiene che si tratta di una legge “draconiana” che punisce in modo eccessivo i membri del movimento B.D.S., Boycott, Divestment and Sanctions, la campagna per il boicottaggio di aziende e prodotti israeliani.

Il provvedimento infatti prevede fino a 20 anni di prigione e multe fino a 1 milione di dollari. Secondo Waters l’atto che stanno portando avanti sia i democratici che i repubblicani al Congresso, ovvero criminalizzare il boicottaggio, è “anti-americano e anti-democratico”, scrive Waters.

L’attivista per i diritti umani sostiene che la legge americana sia del tutto simile a un provvedimento già approvato da Israele che permette di portare a processo persone e organizzazioni israeliane che portano avanti il boicottaggio delle industrie del Paese. Inoltre la legge voluta dal Knesset vieta l’ingresso nel Paese a persone coinvolte in B.D.S.

Fonte: Pars Today

*

code

  1. animaligebbia 2 settimane fa

    Allucinante; conosco decine di persone adulte che ,anche se credono ancora alle favole, il 27 Gennaio tengono la tv spenta.Si DEVE amare sion per legge.Cosi’ facendo non capiscono che ottengono l’effetto opposto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Anonimo 2 settimane fa

      “quando l’amore deve essere un dovere, l’odio diventa un piacere” (charles bukowski)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Rabdomante 2 settimane fa

    Sicuramente il boicottaggio stà funzionando, altrimenti non si spiegherebbe.
    Anche con la legge, ognuno acquista ciò che vuole!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Massimo Gnoffo 2 settimane fa

    Cito :
    Traditi gli americani

    Tra i capi più in vista del movimento, e il più capace come politico, fu Beniamino Franklin. Benché massone, ebbe il merito di introdurre nella Costituzione alcune clausole rivolte a impedire la penetrazione degli ebrei, dato che si rese conto di ciò che, in realtà, stava al fondo del movimento stesso.Beniamino Franklin era il più vecchio, il più colto e il più cristiano tra i colleghi che, ufficialmente, praticavano pure la religione cristiana, dato che, in quel tempo, la massoneria cercava di salvare le apparenze e si faceva passare come “associazione cristiana”. D’altra parte non avrebbe potuto prosperare all’interno di una società eminentemente cristiana.Convinto del pericolo giudaico, che minacciava la nuova nazione, Franklin tentò di escludere gli ebrei dalla società americana e, durante i dibattiti preliminari della Costituzione, pronunciò un discorso in cui disse:«In qualsiasi paese dove gli ebrei si sono stabiliti in gran numero, vi hanno abbassato il livello morale… hanno fatto sètta a parte… hanno ridicolizzato la religione cristiana… hanno costruito uno Stato dentro lo Stato e, quando si è opposto loro resistenza, hanno tentato di strangolare il paese che li ospitava… Se, in questa Costituzione, voi non li escludete dagli Stati Uniti, in meno di duecento anni, essi brulicheranno in una quantità tale che domineranno la nostra Patria, e cambieranno la forma di governo. Io viavverto signori: se non escludiamo gli ebrei dalla nostra comunità, i nostri figli ci malediranno nelle nostre tombe…».Le previsioni di Franklin si sono avverate matematicamente; in meno di duecento anni, l’America del Nord si è trasformata in una vera colonia dell’ebraismo. Gli ebrei dominano nel Governo e in tutta la vita del paese, in modo che la massa del popolo americano non si rende conto dell’operato dell’ebraismo, il quale ha sempre sostenuto efficacemente la massoneria.Ora, questo grande popolo sta cominciando ad accorgersi di quanto è avvenuto. Le richieste di Franklin, a suo tempo, furono eluse da quanti servivano la giudeo-massoneria. Oggi, che gli ebrei dominano gli Stati Uniti, sono essi che paralizzano l’azione contro il comunismo, mediante l’azione dei Governi giudeo-massonici di Washington che si sono succeduti.L’Inghilterra, tradita dalla sètta, procedeva però nel suo corso, così la sètta si dovette espandere in altri sensi, poiché in tal modo, comunque, con essi avanzavano rispettivamente il giudaismo e la massoneria. Questa situazione continuò fino a quando l’ebraismo ebbe una nuova base di azione: la Russia, catturata con la rivoluzione comunista.Da allora, e ogni volta con maggior forza, soprattutto dopo la Seconda Guerra mondiale, l’attività della giudeo-massoneria è tesa a distruggere l’Inghilterra come potenza mondiale, distruggendo in primo luogo il suo impero coloniale; scopo già quasi raggiunto con l’aggravante che le direttive di azione partono proprio da Londra, sede centrale del giudaismo e della massoneria.
    Fonte : http://www.chiesaviva.org/i-giganti-del-male/96-la-tradizione-tradimento-della-giudeo-massoneria.html

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Anonimo 2 settimane fa

      ottima citazione da tenere sempre presente !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Tania 2 settimane fa

    Se si cambia il soggetto, ebreo, con mafia e dittatura, il discorso fila lo stesso che è una meraviglia.
    In ultima analisi il nazismo, l’ebraismo, l’islamismo, il comunismo, il fascismo, sono state democrazie volute dalla maggioranza, e di riscontro i paesi cosiddetti democratici sono in realtà vere e proprie dittature, si pensi a certi “obblighi” statali imposti appunto con pene comminate ai disobbedienti più adatte a delinquenti…
    Che presa in giro colossale la democrazia…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Tania 2 settimane fa

    Frase di Charles Bukowski

    La differenza tra dittatura e democrazia è che in democrazia prima si vota e poi si prendono ordini, in dittatura non dobbiamo sprecare il nostro tempo andando a votare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tania 2 settimane fa

      14 milioni di ebrei che dettano le regole al mondo attraverso le loro banche, questi luridissimi usurai mafiosi, potranno mai essere democratici quando democrazia è la volontà della maggioranza? Cioè 3,5+1 miliardi di persone vogliono essere dominati da 14 milioni di ebrei? Se si, siamo in democrazia. Punto.
      E quindi andiamo a votare, per prendere poi gli ordini dai padroni.

      Rispondi Mi piace Non mi piace