Ursula von der Leyen sarà costretta a dimettersi e le sue azioni saranno indagate?


L’Europa è stata scossa da proteste su larga scala nelle ultime settimane e molti politici e organizzazioni dei media nell’UE vedono questo come un riflesso dell’insoddisfazione pubblica per le politiche della Commissione europea e in particolare del suo capo, Ursula von der Leyen. La principale preoccupazione è l’aumento del costo della vita, il rapido aumento dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari e le politiche anti-russe della Commissione europea, che hanno portato a una crisi energetica ed economica che sta colpendo non solo l’Europa ma molti altri paesi che si sono impegnati in una stretta relazione con l’Europa.

Sempre desiderosa di mostrare il suo incrollabile sostegno a Washington e Londra, nel suo discorso al vertice inaugurale della Comunità politica europea, la Presidente della Commissione europea ha rivolto un caloroso benvenuto a Liz Truss, nonostante Ursula von der Leyen considera le politiche dell’ex premier britannico un successo(sic!). Come rileva il Daily Express , il discorso è stato accolto da un silenzio imbarazzante.

Gli utenti di Internet nell’UE hanno criticato le più recenti promesse di Ursula von der Leyen di aiutare il regime di Kiev “finché è necessario” e fornire all’Ucraina miliardi e miliardi di euro di credito. Le sue dichiarazioni sono state attaccate sui social media perché ignoravano gli interessi e i desideri dei cittadini dell’UE e gli utenti hanno chiesto le sue dimissioni.

Scrivendo su Twitter , il politico francese Florian Filippo ha criticato la sua richiesta di sussidi regolari per l’Ucraina: “Ursula è completamente pazza! Fatela rinchiudere!”

In un’intervista a Le journal du Dimanche, l’ex presidente francese Nicolas Sarkozy ha accusato la Commissione europea di non avere l’autorità per prendere decisioni sugli acquisti di armi. Come ha spiegato, la Commissione europea è un organo amministrativo, e non è chiaro su quali basi Ursula von der Leyen ritenga di avere l’autorità di intervenire su questioni relative alla politica estera o all’acquisto di armi. A pochi giorni dall’inizio dell’operazione speciale della Russia in Ucraina, ha annunciato il presidente della Commissione europeache l’UE finanzi “l’acquisto e la consegna di armi e altro equipaggiamento militare” all’Ucraina. Gli europei sentono continuamente dichiare la necessità di fornire al regime di Kiev miliardi di euro dalle casse dell’UE per acquistare armi e incolpano Ursula von der Leyen. Nicolas Sarkozy sostiene che la politica dell’UE in relazione all’Ucraina era troppo dipendente da “escalation, irritazione e azioni sconsiderate”.

Anche il canale televisivo israeliano i24news e l’ex candidata socialista alla presidenza francese (alle elezioni del 2007) Ségolène Royal hanno criticato la posizione di Ursula von der Leyen. Ségolène Royal afferma che invece di aiutare la Russia a fermare la guerra, il presidente della Commissione europea sta facendo pressioni a nome della politica statunitense in Ucraina ed è diventato di fatto un addetto stampa della NATO e del Pentagono.

Oltre alle critiche alle sue politiche, negli ultimi mesi Ursula von der Leyen si è trovata al centro di scandali di corruzione. Soprattutto dall’inizio dell’indagine del pubblico ministero europeo sugli acquisti da parte dell’UE di vaccini COVID-19. L’attenzione dell’opinione pubblica in relazione allo scandalo si è concentrata sul ruolo svolto dal presidente della Commissione europea, che, come ha notato anche Dmitry Medvedev, vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo il 20 ottobre, “ha fatto di tutto e ha acquistato 4,6 miliardi (!) Dosi del vaccino COVID-19 dei prodotti farmaceutici Pfizer per un costo di 71 miliardi (!) di euro”. “Sono 10 dosi di vaccino per ogni cittadino dell’UE”, ha aggiunto.

Secondo la rivista Politico, Ursula von der Leyen ha ammesso di aver scambiato messaggi di testo con il CEO di Pfizer Albert Bourla mentre l’UE stava negoziando il contratto di acquisto del vaccino. Già due organi di controllo dell’UE l’hanno accusata di illecito in relazione all’acquisto, criticando la Commissione per essersi rifiutata di fornire i documenti necessari per il proseguimento dell’indagine sulla vicenda.

Tuttavia, l’acquisto della Pfizer non è il primo scandalo in cui si è trovata coinvolta Ursula von der Leyen. C’è stato un altro scandalo tre anni fa, quando, poco dopo un appello dell’élite dell’UE a “rendere più incisivo e democratico il processo di elezione della leadership dell’UE”. ”, i membri dei vari gruppi politici hanno lamentato che all’inizio del 2019 i capi dei principali organi dell’Ue sono stati selezionati in riunioni a porte chiuse “sotto la copertura della notte”.
La presidenza della Commissione Europea non è andata al capogruppo del gruppo più votato alle elezioni del maggio 2019, ma è stata invece “consegnata” a Ursula von der Leyen, in quanto Donald Tusk, evidentemente soddisfatto di aver fatto il suo dovere, informato i giornalisti al termine di un vertice UE di due settimane.

Questo accordo politico dietro le quinte in cui la posizione era chiaramente riservata a Ursula von der Leyen è avvenuto in un momento in cui l’UE stava presumibilmente attraversando una “riforma democratica”. Dal 2014 è in vigore la cosiddetta procedura del candidato leader, finalizzata alla selezione di un nuovo Presidente della Commissione Europea. Tra gli altri requisiti, la procedura prevede che i candidati dei partiti europei che hanno ottenuto il maggior numero di voti alle elezioni del Parlamento europeo abbiano la priorità nella scelta del Presidente della Commissione europea.

La prenotazione del posto per Ursula von der Leyen, l’allora ministro della Difesa tedesco, era all’epoca molto controversa, anche nella sua nativa Germania, sia tra i politici che all’interno della comunità di esperti. Ad esempio, Markus Söder, all’epoca capo dell’Unione Cristiano Democratica, ha descritto le sue opinioni all’agenzia di stampa DPAcome segue: “Manfred Weber sarebbe stato un legittimo Presidente della Commissione Europea, la sua elezione sarebbe stata democratica. È un peccato che la democrazia abbia fallito e il vincitore sia stato scelto in un accordo dietro le quinte”. Anche i capi della coalizione guidata dal Partito socialdemocratico tedesco (SPD), al governo all’epoca, si opposero alla sua nomina al posto più alto nell’UE. “La decisione di assegnare la presidenza della Commissione europea al ministro della Difesa vanifica tutti gli sforzi compiuti per rafforzare la democrazia in Europa, tenere conto degli interessi dei cittadini e sostenere il ruolo del Parlamento europeo”, hanno affermato i leader dell’SPD in una dichiarazione.

È significativo che all’epoca Ursula von der Leyen non partecipò nemmeno alla campagna elettorale, non si candidò alle elezioni europee ed era probabilmente nota soprattutto per la sua posizione anti-russa e per il suo indiscusso sostegno a Washington. È molto probabile che quel sostegno abbia giocato un ruolo chiave nel determinare la sua nomina a Presidente della Commissione Europea.

Quindi, ci si potrebbe chiedere, cosa ha fatto Ursula von der Leyen per ottenere l’onore di ricevere il posto che occupa ora? È la figlia di Ernst Albrecht, politico di alto rango dell’Unione Cristiano Democratica (CDU), e tra il 1988 e il 1992 ha lavorato come assistente medico nel dipartimento di ginecologia della Hanover Medical School. Tuttavia, nel 2016 la Hanover Medical School ha controllato la sua tesi di dottorato per plagio e ha notato le sue “ovvie carenze”.

Avendo cresciuto sette figli, nel suo paese natale viene spesso chiamata informalmente “la madre della Germania”. La sua carriera politica è iniziata nel 1990, quando è entrata a far parte della CDU di Angela Merkel, e nel 2005 è stata nominata al suo primo incarico ministeriale, come Ministro della Famiglia e della Gioventù nell’amministrazione Merkel. Nel 2009 è stata nominata Ministro del Lavoro e degli Affari Sociali e nel 2013 Ministro della Difesa, carica che ha ricoperto per sei anni, durante i quali è stata coinvolta in regolari scandali e responsabile di decisioni controverse. Secondo le dichiarazioni dei tre principali partiti tedeschi (il Partito dei Verdi, il Partito della Sinistra e i Socialdemocratici), molti dei 3, 800 contratti conclusi durante la sua “gestione” delle Forze armate tedesche dal 2014 in poi (relativi alla ristrutturazione delle Forze armate e anche dei suoi sistemi informatici) sembrano essere stati assegnati alle “persone giuste”, inclusi parenti e amici, e alcuni i contratti potrebbero anche aver comportato una qualche forma di corruzione. Nel 2017 il quotidiano tedescoLa Bild , citando un rapporto della Corte dei conti federale, ha accusato Ursula von der Leyen di essere stata straordinariamente incompetente durante il suo periodo come ministro della Difesa, quando è stato rivelato che nessun sottomarino tedesco era operativo e meno della metà delle sue fregate e carri armati e solo un terzo dei suoi elicotteri militari era funzionante.

Con un tale record di “successo”, Ursula von der Leyen era già vista come un peso per le forze armate e la CDU. Poiché, con le elezioni in arrivo, non c’era un posto ministeriale libero adatto, fu “nominata” per la presidenza della Commissione europea, una decisione conveniente per la Germania in quel momento.

Tuttavia, col passare del tempo è diventato chiaro che l’UE non poteva aspettarsi di trarre grandi benefici dalla sua nomina.

Per Washington, invece, che non ha alcun interesse che l’UE sia guidata da politici forti che seguono una propria linea indipendente dagli Stati Uniti, la decisione di affidare a Ursula von der Leyen la presidenza della Commissione europea nel 2019 ha giocato nelle sue mani. E di conseguenza ora sta promuovendo gli interessi, non dei cittadini europei, ma solo di Washington, aiutando le aziende farmaceutiche statunitensi a realizzare enormi profitti dalla vendita del vaccino Pfizer COVID-19 o fornendo milioni e milioni al complesso militare-industriale statunitense di euro in ordini di armi, pagati dai contribuenti europei, per sostenere il regime di Kiev.

Nelle circostanze attuali sarà interessante vedere come finirà la “carriera” di Ursula von der Leyen: sarà abbattuta dai risultati delle indagini sugli scandali di corruzione in cui è stata chiaramente coinvolta, o dalle richieste delle sue dimissioni da parte del Pubblico europeo, che sta diventando sempre più critico nei confronti delle sue azioni…

Vladimir Danilov, osservatore politico, in esclusiva per la rivista online “ New Eastern Outlook. “

Traduzione: Luciano Lago

11 Commenti
  • Claudio
    Inserito alle 19:45h, 30 Ottobre Rispondi

    Speriamo in bei processi e massime condanne

  • Ulprandp
    Inserito alle 20:57h, 30 Ottobre Rispondi

    un raduno di demonratti demoniaci nasoni criminali , soluzione? denazificare con iskander tattici subito !

  • дуx
    Inserito alle 21:51h, 30 Ottobre Rispondi

    a seguire, i compari della foto. !!
    …e conosciamo quelli di eurogendfor , i carabinieri, e sbirraglia associata che li proteggono,
    sappiamo dove abitano, e in quali scuole vanno i loro figli.
    aha.. so gia’ che potreste venirmi a prendere ,…luridi maiali…!!!
    anche se mi ammazzarete come avete fatto con giulietto chiesa…
    non fermerete l’azione in corso….
    vi faremo cagare sangue

  • giuseppe peluso
    Inserito alle 22:30h, 30 Ottobre Rispondi

    La signora tedesca non cura gli interessi della Germania e dell’Europa, ma quelli degli USA – come Draghi-e i suoi personali.
    Con gente simile l’Europa non ha futuro
    Cosa si aspetta per indagare seriamente questa signora ? cosa aspettano i tedeschi ?

    • Gasparino
      Inserito alle 15:44h, 31 Ottobre Rispondi

      E’ stata già indagata dalla Commissione Europea . . ma senbra che le prove schiaccianti (La Commissione Ue ha ‘perso’ gli sms tra von der Leyen e il capo di Pfizer ) Quindi amen . . così l’hanno incatenata al vertice di cui è a capo . . . con tanti saluti a tutti i cittadini che compongono l’Unione Europea.
      P.S. Mi piacerebbe sapere chi è che controlla il ” Controllore ” alias componenti della Commissione Europea. E rimane comunque l’Utopia di conoscere quanti milioni di cittadini hanno chiesto che questa delinquente prezzolata USA venga dimessa.

  • Milan
    Inserito alle 02:44h, 31 Ottobre Rispondi

    Il Criminale Mario Draghi si è beccato ben 15 -20 mila denunce Penali per i gravi crimini che ha compiuto tra il 2021 e il 2022 e quei schifosi giudici criminali italiani ed anche Europei hanno buttato via tutte le denunce penali contro Mario Draghi !
    Se in soli due anni mi beccassi le stesse denunce penali che si è beccato Mario Draghi farei la fine di Bossetti sarei condannato al “ergastolo anche senza prove !
    Mario Draghi va a passeggio beato è candido !
    Sul serio credete che la puttana criminale presidente della UE verrà processata e condannata ?
    ALOA !
    Se volete mi metto pure la gonnellina Polinesiana e i fiori in testa e con un ballo vi ripeto ALOA = CIAO !
    P.S.
    La legge nei paesi democratici e capitalisti Occidentali NON è UGUALE per TUTTI !

  • EnriqueLosRoques
    Inserito alle 11:09h, 31 Ottobre Rispondi

    Pena di morte per questi psicopatici!!

  • Thor
    Inserito alle 11:13h, 31 Ottobre Rispondi

    Questa viscida politicante, ladra, è una fervida sostenitrice della “guerra alla Russia”: che la mandino in prima linea, lei e la sua famiglia, a combattere i Russi.

  • Nicholas
    Inserito alle 11:42h, 31 Ottobre Rispondi

    Spero che in un modo e nell’altro la presidentessa , paghi per ciò che ha fatto e sta facendo a noi Europei .
    Auspico che il Karma agisca il più presto possibile

  • antonio
    Inserito alle 18:12h, 31 Ottobre Rispondi

    la Strega von der Pfyzer

    • Giorgio
      Inserito alle 09:36h, 01 Novembre Rispondi

      Grande definizione la tua …. ANTONIO ….

Inserisci un Commento