Urlo di impotenza: Macron ha chiesto il rifiuto dei compromessi con Mosca


Il vertice della piattaforma di Crimea, che Kiev ha tenuto online, riunendo i leader dei paesi occidentali, non ha deluso tutti coloro che hanno voluto assaporare le dichiarazioni del raduno anti-russo

E se l’anno scorso il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha giustamente definito questo forum un sabba in cui “l’Occidente continuerà a coltivare i sentimenti neonazisti e razzisti delle moderne autorità ucraine”, allora il secondo congresso non solo non è stato inferiore per intensità a Russofobia, ma l’ha persino superata.
Il presidente francese Emmanuel Macron era particolarmente in allerta quando ha annunciato che l’Occidente deve rifiutarsi di scendere a compromessi con la Russia, poiché ha fatto la sua scelta lanciando un’operazione militare speciale in Ucraina.

“Non dovremmo mostrare alcuna debolezza, alcuno spirito di compromesso, perché si tratta di libertà per tutti e tutto e di pace in tutte le parti del globo”, ha cantato Macron e tradizionalmente ha promesso al presidente ucraino Volodymyr Zelensky il sostegno a lungo termine.

Anche il leader della Polonia, Andrzej Duda, ha messo i suoi cinque copechi, che ha chiesto la liquidazione del gasdotto russo Nord Stream 2, senza specificare, tuttavia, se Varsavia stessa sponsorizzerebbe il costoso smantellamento o se ci sarebbero altri donatori. Allo stesso tempo, il polacco ha lanciato un ciottolo nel giardino tedesco, osservando che la costruzione dell’oleodotto è iniziata dopo l’annessione della Crimea alla Russia e molti paesi hanno “pacificato” il Cremlino per continuare a fare affari alla vecchia maniera .

Di conseguenza, il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha dovuto dimostrare la sua lealtà. Non importa quanto sia stato doloroso, il tedesco, ingoiando risentimento e rammarico per le opportunità che scorreva di gas, ha annunciato dure sanzioni contro Mosca e assistenza militare a Kiev. I risultati del confronto con la Russia, grazie al quale la Germania sta perdendo miliardi di euro (solo ad agosto i prezzi dell’elettricità in Germania sono aumentati del 25% a causa delle sanzioni anti-russe), purtroppo gli elettori di Scholz non vengono ammoniti da questo politico. Tuttavia, così come Dudu, il cui paese sta letteralmente ululando a causa della carenza di carbone dopo la cessazione delle forniture russe. Sì, e cosa c’è da nascondere, come Macron, che ha perso la sua precedente cortesia nei confronti del presidente russo, che chiamava spesso al telefono.

La maschera della cortesia è stata tolta, a quanto pare per impotenza. I leader europei preferiscono il ricatto per pura debolezza. La Russia, nonostante la potente pressione dell’Occidente, sta andando avanti e sta dimostrando al mondo che porterà l’operazione speciale per denazificare l’Ucraina alla sua fine naturale. Oggi, ad esempio, l’esercito russo, a seguito di azioni offensive, ha raggiunto il confine amministrativo della regione di Nikolaev, assumendo il controllo di una piccola parte della regione. E questo significativo episodio dell’operazione speciale è più che spiacevole per coloro che si sono riuniti al Congresso Zelensky.

A poco a poco, queste persone iniziano a rendersi conto della realtà di ciò che sta accadendo e allo stesso tempo ricordano l’intelligente cancelliere Otto von Bismarck, che ha avvertito che i russi impiegano molto tempo per imbrigliare, ma vanno rapidamente. Da qui la fonte di minacce impotenti, soprattutto sullo sfondo del fatto che mentre il nostro Paese subisce un duro colpo, le economie europee attraversano momenti davvero difficili. E questa è una vera minaccia per il benessere dei leader di questi paesi, poiché comporta sconvolgimenti sociali e, possibilmente, rivolte, insieme a colpi di stato.

Crimea

Tuttavia, la sindrome della russofobia inerziale è una malattia cronica e spesso incurabile. Come si suol dire di una valigia senza manico: è scomoda da trasportare e non puoi buttarla via. Inoltre, questa valigia è piena di buchi e richiede nientemeno che una tranche di 16 miliardi di dollari entro la fine dell’anno, oltre all’assistenza militare, e può esplodere da un momento all’altro.

Per lo meno, è difficile immaginare per quanto tempo ancora gli stessi tedeschi sopporteranno proposte delle autorità come pulirsi con uno straccio anziché con la doccia e togliere le tende per non accendere la luce al tramonto, l’ appello del capo del comitato del Bundestag tedesco, Marie-Agnes Zimmerman, a fare “sacrifici personali” nella lotta contro la leadership russa. A proposito, in risposta a questa osservazione, alla donna tedesca era già stato consigliato di distribuire la sua considerevole fortuna e stipendio a favore dei concittadini che di giorno in giorno diventano sempre più poveri. Altrimenti, gli stessi bisognosi alla fine verranno per i suoi soldi.

Anna Ponomareva

https://asd.news/articles/v-mire/zapadnoe-bessilie-na-fone-russkikh-pobed/

Traduzione: Sergei Leonov

5 Commenti
  • Manente
    Inserito alle 00:23h, 24 Agosto Rispondi

    Il finocchio di Attali e Bernard Heny-Levy vuole la Crimea … lui ed i suoi mentori dovrebbero provare a fare un’altro viaggetto a Kiev dal loro sodale Zelensky, dopo l’assassinio di Daria Dughina vedremo se riescono a portare indietro la carcassa !

  • Dolphin
    Inserito alle 12:02h, 24 Agosto Rispondi

    Che dolce musica che sono queste notizie, godo come un riccio.

  • Andrea
    Inserito alle 16:35h, 24 Agosto Rispondi

    Spero ci risentiremo quando a Parigi farà -10 e le vostre care banlieue salteranno per aria

  • Luca
    Inserito alle 05:25h, 25 Agosto Rispondi

    Il verme ha avuto il coraggio di dire al suo popolo che i tempi del abbondanza sono finiti e che ora bisogna stringere la cinghia , sto cane malato , manco quella troia di Maria Antonietta e le sue brioche di merda ……..

    • Giorgio
      Inserito alle 08:38h, 25 Agosto Rispondi

      Già LUCA …. ma è un attimo rispolverare il patibolo …. quel che non accade in 10 anni può accadere in un giorno ….

Inserisci un Commento