APPELLO RACCOLTA FONDI! MANTIENI IN VITA UNA VOCE LIBERA!

Urgente: Gran Bretagna, Stati Uniti, Francia hanno In Programma di colpire la Base Russa In Siria

di Inessa Sinchougova

La Gran Bretagna ha preparato le sue truppe sull’isola di Cipro per un bombardamento coordinato dei paesi occidentali contro la Siria.

Il quotidiano turco Yeni Safak afferma che il colpo sarà inflitto dalle truppe degli Stati Uniti, della Gran Bretagna e della Francia entro le prossime 24 ore.

Secondo le fonti, in Siria sono stati identificati 22 obiettivi, che saranno distrutti dall’aviazione occidentale: si tratta di strutture a Damasco, Homs, Tartus, Hama, Deir ez Zor e Rakka. In particolare, si prevede di colpire l’area della base militare russa a Tartus.

Fonti Militari L’aereo Spia Statunitense Raccoglie Dati In Siria, Attacco Atteso In Pochi Giorni

Il Poseidon della US Navy P-8A, che è un aereo da ricognizione in grado di penetrare in profondità nel territorio nemico sta effettuando un volo di più ore vicino alla costa della Siria, dove si trovano la base aerea russa Khmeimim e la base logistica navale del porto di Tartus.

L’aereo spia con il numero di bordo 168439 è volato dalla base aerea di Sigonella, ubicata sull’isola italiana della Sicilia, ed è ora ad un’altitudine di 8.000 metri, volando in circolo su una distanza di 40 chilometri dalla base aerea di Khmeimim e dalla base della Marina russa di Tartus.

Gruppo navale USA nel Mediterraneo

La sua traiettoria di volo passa sulle acque internazionali del Mar Mediterraneo. Secondo la stampa turca, a 100 chilometri dalla base russa di Tartus è posizionato anche il cacciatorpediniere americano Donald Cook, equipaggiato con 56 missili da crociera Tomahawk.
Secondo il Wall Street Journal, la Casa Bianca si appresta a colpire la Siria in risposta a notizie che il 7 aprile, nelle vicinanze della città di Douma, avrebbero usato armi chimiche. Washington ha accusato ufficialmente Damasco – ma la Russia aveva avvertito che un attacco dei ribelli con il gas sarebbe stato pianificato già alcuni giorni prima.

Fonte Vesti

La US Navy sta creando un gruppo d’attacco con centinaia di missili da crociera Tomahawk per un possibile attacco alla Siria.

Traduzione: Sergei Leonov

 

*

code

  1. marco 5 mesi fa

    La Russia deve valutare se colpire inaspettatamente e per prima.. alle 2.00 di notte altrimenti in risposta .. sarà difficile..
    sotto una pioggia di missili.
    Speriamo che nulla accada..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marco 5 mesi fa

      Giusto per la cronaca…il cacciatorpediniere Donald Cook è nella base navale di Rota in Portogallo e non a 100km dalle coste siriane e tantomebk dalla base navale russa di Tartus..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Fabio franceschini 5 mesi fa

    Beh non è certo quel cacciatorpediniere che mi preoccupa così come non sono affatto convinto dell’uso della base di Cipro e sopratutto non all’uso di aerei .io penso ad un massiccio attacco missilistico da sottomarini.ma prima di attaccare dovranno dispiegare tutto le navi di supporto.oltretutto un attacco di prima intenzione contro i russi vedrebbe una immediata ritorsione contro le basi americane in Siria e contro le navi americane non necessariamente solo davanti alla Siria .c’è anche il gruppo navale nel golfo persico e la grande base i Qatar. Io credo che all’,inizio gli USA cercheranno di non coinvolgere i russi sopratutto nella speranza di divederli dai siriani oltre che per evitare rappresaglie.vedremo . certo quanto legho in questo articolo mi convince molto poco.un attacco diretto e massiccio contro i russi sarebbe il miglior inizio se si vuol rischiare una guerra atomica .più volte quando i russi utilizzavano i kalibt dal.Caspio Putin disse che di fronte a possibili invasioni di terr( invasioni che il suo piccolo contingente non poteva fronteggiarea)da parte di Turchia ,della alleanza araba che poi non nacque mai e ,perché no ,da Israele ,quei missili potevano.trasportare testate atomiche. Gli americani poi dovrebbero ricordare che ci sono anche gli iraniani e che anche le nasi in Iraq potrebbero essere bersagli..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mardunolbo 5 mesi fa

      xMarco . Colpire per primi da parte russa e’ impossibile poiche’ si offrirebbe ogni ragione all’occidente per dire che la Russia e’ cattiva !
      X Fabio Franceschini. Purtroppo e’ proprio il solo cacciatorpedinere USS Cook che invece preoccupa me poiche’ sembra proprio la tipica “esca da guerra” che i Serpenti Uniti preparano per far cadere ogni resistenza del popolo ameri-cojons contro la guerra.
      Pearl Harbour gia’ fu uno splendido esempio della perfidia Usa. Ora la nave davanti alle coste siriane, nave che fara’ di certo partire missili, sara’ oggetto-bersaglio per la risposta russa, inevitabilmente.
      Come inevitabilmente i Serpenti Uniti avranno il pretesto per ordinare altro massiccio attacco ancor piu’ vasto, per demolire forze siriane, russe ed iraniane
      . Che il Signore modifichi la strategia Usa ed annienti la loro superbia ! Un bel terremoto a Los Angeles , no ?
      Dovrebbero curarsi immediatamente le ferite in casa e si allontanerebbe di mille leghe il rischio di guerra globale. Non si sa mai ! Una veggente tedesca disse che Usa e Russia non si sarebbero mai scontrate per disastri terribili che avrebbero annichilito gl Usa…
      E’ il momento ? A Dio l’ultima parola, non certo a noi poveri vermi di terra…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Walter 5 mesi fa

      Condivido la tua analisi. Non credo che correranno un rischio così grande come quello di attaccare la base russa di Tartus. Comunque, stanno scherzando troppo con il fuoco. L’unico vincitore, finora, è il prezzo del barile di petrolio che ieri ha recuperato un discreto 1.3%.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. leopardo 5 mesi fa

    Tra 24 ore non accadrà proprio un bel niente.
    Piantatela di dire idiozie. Siete ridicoli.
    Il sensazionalismo nel quale sembra vi siate
    specializzati è inversamente proporzionale
    alla vostra credibilità.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. The roman 5 mesi fa

    Purtroppo , credo che stavolta la Russia sarà costretta a rispondere . Putin ha temporeggiato e la sua linea moderata e ossequiosa della legalità , se pure ha generato consenso interno ed internazionale, ha invero indebolito la Russia economicamente e militarmnte. Ho l’ impressione che gli Usa siano riusciti a neutralizzare i sistemi elettronici che avevano bloccato la Donald Cook in passato , altrimenti non si spiega la sua presenza in acque siriane. Errore dei russi sprecare un vantaggio del genere per delle inutili spacconate. Altro errore non aver approntato un economia di guerra già dal 2014 ed aver stupidamente allestito dei mondiali di calcio che probsbilmente non si fsranno mai. Sergey Glazyev , consigliere di Putin e fondstore del partito patriottico Rodyna , disse in una riunione successiva ai fatti ucraini : “Abbiamo scelto il disonore per evitare una guerra.Ora abbiamo il disonore e poi avremo la guerra “..
    . É quindi giunto il momento cruciale , o la Russia sferra la zampata , o perde

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. The roman 5 mesi fa

      O perde definitivamente la faccia e accetts di cedere le chiavi di casa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. atlas 5 mesi fa

    la Russia risponderà a dovere a chiunque aggredisca,

    non aspetto altro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Silvia 5 mesi fa

      Bisogna vedere se ne avra’ il coraggio. Purtroppo gli USA sono potentissimi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. v4l3 5 mesi fa

    E secondo voi dei vigliacchi simili avrebbero il coraggio di colpire una base Russa?
    Ma non diciamo stronzate.
    Da sempre che gli Usa,UK e Francia colpiscono solo chi non e’ in grado di difendersi questo e’ STORIA.
    Voglio davvero vedere questi vigliacchi bombardare una base Russa,
    ma attenzione, se non succede la vostra Credibilita’ va a farsi Benedire.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Mardunolbo 5 mesi fa

    Leggo che,grazie alla sicurezza della bestia dal pel maculato, noi siamo afflitti dal sensazionalismo mentre dovremmo dormir sonni tranquilli perche’ ipse dixit !
    Ai miei tempi la sicurezza basata sul nulla si chiamava “sicumera” . Oggi forse si chiama in altro nome,,,piu’ pesante.
    Ma puo’ darsi che sia solo una visione piu’ ottimistica della situazione ingarbugliata e pericolosa senza alcun dubbio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. claudio 5 mesi fa

    Qui non è questione di credibilità o di idiozie, qui stiamo parlando di fatti concreti che SONO GIÀ ACCADUTI.. ci sono 2 schieramenti contrapposti armati di tutto punto pronti a scatenare l’inferno alla minima cazzata che succede.. Sono lì, a 100 km uno di fronte all’ altro con aerei che sorvolano a 40 km di distanza.. se non succederà niente sarà meglio così ma ho dei dubbi in proposito. Speravo che i siriani chiudessero la pratica ghouta est con maggior celerità, invece hanno perso tempo prezioso.. speravo che Putin fornisse gli s-400 al libano con grande celerità… perso tempo pure lì… ora è un guaio…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Geometrio 5 mesi fa
    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. leopardo 5 mesi fa

    In caso di provocazione, é ovvio che Putin non si tirerá indietro. Sarebbe l´inizio della fine.
    Una catastrofe per tutti, perché non ci saranno né vinti né vincitori. E Israele sarebbe il
    primo ad essere annientato. Ora non mi sembra ragionevole e sensato che chi, di fatto,
    ha giá in mano le redini del pianeta, metta in gioco l´attuale status quo per una esibizione
    muscolare con l´avversario. Qui non si tratta di sparare su dimostranti indifesi che si
    difendono con i sassi. Di fronte ci sono migliaia di missili intercontinentali con testate
    nucleari multiple. Il rischio é l´estinzione della specie, compresa la razza degli autoeletti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mardunolbo 5 mesi fa

      Anche la prima guerra mondiale non era ne’ ragionevole, ne’ sensata ! di fronte al massacro incipiente persino il papa lancio’ un appello e chiese persino alla Madonna di manifestarsi. Apparve a Fatima e preannuncio’ quel che segui’ tra cui la seconda guerra mondiale ancor piu’ terribile della prima.
      E disse pure che se l’umanita’ non si convertiva, allora sarebbe venuto il tempo della fine ! Eppure ! Chi ci crede ora e chi ha ascoltato ? “Tutte fesserie” dissero pure i papi del post-concilio che dubitarono a tal punto da addossare a se’ stessi, con egregia umilta’, qualche profezia…
      Quindi quel che dovrebbe essere sensato e ragionevole per chiunque abbia comprendonio, non lo e’ per chi e’ criminale per senso del potere.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. leopardo 5 mesi fa

        Erano pur sempre guerre condotte con armi convenzionali. Oggi una sola testata nucleare ad idrogeno
        che si abbatte su New York , ti annichilisce 10 milioni di persone in un colpo solo.
        Ben oltre le pur micidiali V2 che si abbatterono su Londra.
        Gli atlantisti potrebbero sopravvivere perché hanno creato intere cittá sotterranee nelle quali
        poter campare per i famosi 7 anni post-conflitto. Ma che senso avrebbe anche per quelli,
        vivere su un pianeta diventato un ammasso di macerie ed avvelenato dalle radiazioni, forse
        in modo irreversibile? Certo che se essi sono effettivamente dei pazzi furiosi, l´umanitá é spacciata.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Max 5 mesi fa

    Penso che il territorio italiano sia potenzialmente,un a zona a forte rischio di attacco missilistico poiché sono presenti basi americane dal nord al sud.
    Per cui in caso di guerra a mio modesto parere potremmo essere tra i primi ad essere colpiti!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Guido C. 5 mesi fa

      Abito ad un paio di km dalla base NATO a nord di Napoli… Non mi sento molto tranquillo, in effetti.
      Pensare che solo l’anno scorso ho speso un sacco di soldi per costruire una piscina… Dannati yankees!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Alberto 5 mesi fa

    Il pretesto dell’attacco chimico non sta in piedi, lo capiscono anche gli americani e persino qualche loro MSM comincia a dubitare.
    Le vere ragioni dietro a questa esibizione di forza (si parla di 400 tomahawk) sono le vendite dei sistemi anti-missile S-400 e Pantsir S1 a Turchia, India e in ultimo Arabia Saudita.
    In ballo ci sono commesse per miliardi di dollari. Gli Stati Uniti non vogliono che la Russia venda questi sistemi ai loro alleati e cercherà
    di dimostrare che si tratta di armi inefficaci. Per questo motivo farà stanotte un attacco di saturazione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. televisione falsa 5 mesi fa

    non scherziamo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Valter 5 mesi fa

    Questa operazione era già preparata da tempo, metodi di condizionamento della popolazione per fargli accettare questa guerra contro la Russia erano già in atto da tempo, come l’avvelenamento della ex spia russa e sua figlia e forse anche i gass in Siria. Un modo per eliminare la Russia dalla Siria così che gli Stati uniti sipossano espandere in tutto il Medio Oriente per fermare l’espansione economica della Cina.
    Mi auguro di aver detto solo delle stupidaggini, staremo a vedere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. claudio 5 mesi fa

    Ho letto tanti commenti sull’argomento del giorno, la guerra probabile imminente..
    al di la dell’ipotizzare scenari di guerra missilistica nucleare e compagnia cantante, vorrei far riflettere lor signori sulle conseguenze di una guerra mondiale all’interno di una nazione, l’italia ma anche tutta europa, PIENA DI CLANDESTINI IMMIGRATI NEGRI E MUSSULMANI.. Quali scenari vi devo descrivere che voi già da soli non avete compreso?? Paghette, sussidi, mense gratis, hotel da nababbi e telefonini alla moda spariranno… dove andranno a mangiare sti stronzi?? Come si procureranno il cibo?? Capite si??

    Rispondi Mi piace Non mi piace