Uno tsunami di crisi sta per invadere l’Europa

di Filippo Rosenthal

Una crisi economica “inimmaginabile” attende l’Europa a causa del rifiuto di acquistare il gas russo, scrive l’analista finanziario giapponese Kazuhiko Fujii.

Pericoloso shock economico
Sottolinea che l’Unione Europea dovrà spendere un trilione e mezzo di dollari per aiutare le compagnie elettriche, ma non sarà ancora possibile salvare l’area Ue da un pericoloso shock economico. Il motivo è il cosiddetto “spread negativo” cui devono far fronte le società di produzione in Europa quando il costo dell’indebitamento supera il reddito da operazioni che utilizzano fondi di credito. L’azienda Uniper ne è un esempio. Il 21 settembre 2022 il governo tedesco ha annunciato di aver accettato la nazionalizzazione del colosso tedesco del gas Uniper, che stava lottando finanziariamente a causa della riduzione delle forniture di gas russe.

La competitività economica dell’UE è persa per sempre
L’economista giapponese avverte degli effetti sull’economia dell’UE. Fujii indica che, se l’industria energetica europea non genera e non può generare profitti, questo significa l’inevitabile collasso dell’intera economia europea.
L’Europa ha perso per sempre la sua competitività economica e non avrà mai più risorse energetiche a basso costo, pietra angolare dell’economia moderna, aggiunge all’analista giapponese la rivista Foreign Policy. “I prezzi europei dell’elettricità e del gas sono ora quasi dieci volte superiori alla media degli ultimi dieci anni.

Fino al 2021, l’Europa, Regno Unito compreso, copriva il 40% del proprio fabbisogno di gas naturale attraverso le importazioni dalla Russia e da essa acquistava anche una notevole quantità di petrolio e carbone. In tempi normali, il costo delle risorse energetiche in Europa è di circa il 2% del PIL. Tuttavia, a causa di un forte aumento dei prezzi, i costi medi sono aumentati in modo significativo e hanno raggiunto il 12%”, scrivono i media in lingua inglese.

Lo scoppio della crisi è solo questione di tempo. Solo la componente inerziale della pesante struttura economica dell’UE non le permette di crollare da un giorno all’altro. Un indicatore dell’imminente crollo è stato il calo della fiducia dei consumatori, in risposta allo shock energetico. Il Consumer Confidence Index (CCI) è un indicatore progettato per misurare la fiducia dei consumatori come il grado di ottimismo sullo stato dell’economia, la popolazione esprime questa fiducia attraverso i consumi e il risparmio.

Oggi la fiducia dei consumatori in Europa è completamente distrutta. L’indice ICC per la zona UE è crollato al livello più basso della storia quando ha raggiunto -30, che è molto peggio della crisi del 2009 (meno 21), della crisi legata alla pandemia (meno 24,7) e della crisi di i primi anni ’90 (meno 18,9). Questo indice è sceso per risalire al termine dei confinamenti legati al Covid-19.
Questa volta, a più di sei mesi dall’applicazione delle sanzioni dell’UE contro la Russia, non ci sono prospettive di miglioramento. Le ragioni sono note. La crisi energetica sta incidendo sui prezzi di cibo, servizi pubblici e combustibili per la popolazione. Ciò è ulteriormente aggravato dalla caduta dell’euro.

L’inarrestabile aumento dei prezzi dei generi alimentari è senza precedenti
Ciò non accadeva in Germania dal 1920. Ad agosto è stata registrata la più alta crescita complessiva dei prezzi nella storia della zona euro con il 9,1% in termini annuali. Il motivo principale dell’accelerazione dell’inflazione è il rifiuto del gas russo imposto dagli Stati Uniti. L’inflazione ha nuovamente raggiunto il picco , attestandosi al 10,7% ad ottobre nell’arco di un anno nella zona euro.

Proteste in Germania

I prezzi elevati dell’energia interessano tutti i settori dell’economia dell’UE. La metà degli impianti di fusione dell’alluminio e dello zinco in Europa sono già chiusi. Circa il 70% della produzione di fertilizzanti in Europa è stata interrotta a causa degli alti prezzi del gas, che è una materia prima per la produzione di fertilizzanti azotati. Questo, a sua volta, ha causato un aumento del prezzo del cibo e delle spese quotidiane. Un’ulteriore pressione sui prezzi dei generi alimentari deriva dai raccolti scarsi dovuti alla peggiore siccità degli ultimi decenni. Inoltre, il basso livello dell’acqua del Reno creerà difficoltà logistiche in Germania e in Francia la mancanza di acqua di raffreddamento pregiudica il funzionamento delle centrali nucleari.

Secondo l’Aie, nel 2022 i paesi europei potrebbero sostituire solo circa la metà delle importazioni russe di gas da fonti alternative (GNL statunitense, gasdotti alternativi, carbone, biocarburanti, nucleare e fonti rinnovabili). Nell’ottobre 2022 il livello medio di riempimento degli impianti di stoccaggio del gas negli Stati membri era superiore al 92%, ma queste riserve non dureranno a lungo.

Quindi, secondo la stima della Bundesnetzagentur, l’autorità di regolamentazione tedesca dell’energia, entro novembre gli impianti di stoccaggio del gas nel Paese saranno pieni al 95%, ma, secondo il capo dell’agenzia, Klaus Müller, questo basterà solo per due mesi e mezzo per la stagione di riscaldamento.

I governi dell’UE stanno riducendo in modo proattivo il consumo di energia. Ad esempio, in Spagna, dopo le 22:00, è obbligatorio spegnere l’illuminazione delle finestre; in Germania, hanno iniziato a tagliare l’acqua calda negli esercizi pubblici e hanno in programma di fissare un limite di temperatura nelle stanze a 19°C. Secondo il capo della più grande compagnia petrolifera e del gas d’Europa, la Royal Dutch Shell, Ben van Beurden, il razionamento e il risparmio energetico potrebbero durare diversi anni.

La zona dell’UE sta affrontando un impoverimento della popolazione e questo incide sul declino dell’attività imprenditoriale.

L’eurozona sta affrontando una crisi del costo della vita, avverte Isabelle Schnabel, membro dell’Executive Board della BCE. L’impatto sul potere d’acquisto delle famiglie è enorme. I salari reali sono diminuiti di oltre il 5% in un anno. Poiché la fiducia dei consumatori oscilla a livelli molto bassi, è improbabile che le famiglie risparmino. Inoltre, poiché anche le imprese stanno soffrendo lo shock energetico e le condizioni finanziarie si stanno restringendo, c’è un calo degli investimenti delle imprese. Il mercato dell’energia resterà molto teso e quindi con prezzi elevati. Il governo francese prevede una crescita del PIL dell’1% nel 2023.

La diffusione negativa in cui sono cadute le società energetiche dell’UE rende insignificante anche un ipotetico (ma non allocato) supporto di $ 1 trilione da parte dei leader dell’UE. Questo è ciò che la popolazione ha capito, esprimendo il proprio pessimismo nei sondaggi. Anche gli industriali europei lo hanno capito e stanno rapidamente trasferendo la loro attività negli Stati Uniti.

L’Europa precipita così in una crisi inimmaginabile a tutti i livelli. La popolazione è impoverita e soffre il freddo dell’inverno. Le attività chiudono o si trasferiscono negli Stati Uniti. I governi si stanno affrettando a ridurre il consumo di elettricità e Berlino sta prendendo il comando sugli altri paesi dell’UE.

Fonte: Continental Observer

Traduzione: Gerard Trousson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM