Uno sguardo al buco nero spalancato della politica statunitense sotto Biden

di Phil Butler (*)

Lentamente, inesorabilmente, quasi sistematicamente, gli Stati Uniti e i loro alleati entrano in una voragine geostrategica da cui non può esserci ritorno. I riflettori per la maggior parte degli osservatori sono puntati sulla situazione ucraina, ma i segni naturali del declino dell’egemonia occidentale sono altrove.

Nelle notizie più recenti, il ministro della Difesa russo, Sergei Shoigu, in un convegno dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai, ha incontrato il suo omologo indiano, Rajnath Singh. Secondo Shoigu, gli Stati Uniti e il resto degli alleati occidentali mirano a sconfiggere strategicamente la Russia e diventare una minaccia per la Cina per mantenere un’egemonia (impero) vecchia di decenni. Questa considerazione era fatta prima che i due ministri della Difesa accettassero di approfondire i legami di difesa di lunga data fra i due grandi paesi.
Da quando è iniziata la guerra per procura dell’Occidente contro la Russia, l’India è diventata un pilastro delle esportazioni russe, non solo di armi.

L’industria bellica russa fornisce quasi la metà delle armi e dei bisogni materiali dell’esercito indiano. Inoltre, l’India è diventata il principale importatore di petrolio russo trasportato via mare da quando è partito l’attacco economico e militare per procura degli Stati Uniti alla Russia. E l’India sta pagando questo petrolio in valute diverse dal dollaro. È qui che l’egemonia americana colpisce le sabbie mobili senza più fondo.
Ora, i BRICS chiedono una nuova valuta internazionale sostenuta dall’oro e da altre materie prime, non semplicemente dalle promesse dell’élite bancaria. Lo yuan cinese ha già sostituito il dollaro come valuta più scambiata nel mercato russo. È importante notare che i paesi BRICS ora superano gli Stati Uniti e l’intero gruppo dei paesi più ricchi del G7 in termini di PIL.

Sul fronte interno, le nazioni occidentali guidate dagli Stati Uniti si sono tuffate in un pantano ultra-liberale, trascinando tradizione, cultura e l’eredità di centinaia di milioni di persone in quello che sarà senza dubbio un incubo distopico. Quindi, quando ho letto che lo stato americano della Florida aveva vietato libri come “Of Mice and Men” dell’autore John Steinbeck, sono rimasto sbalordito. Questo e altri divieti di classici senza tempo mi hanno ricordato l’Unione studentesca tedesca ( Deutsche Studentenschaft , DSt ) che bruciava cerimonialmente libri nella Germania nazista e in Austria negli anni ’30. Altri autori banditi dalle biblioteche scolastiche includono Margaret Atwood, Aldous Huxley e l’autore di libri per bambini Jewell Parker Rhodes.

Scavando più a fondo, ho scoperto che la situazione nel Texas tradizionalmente conservatore a parole è persino peggiore. Nell’ultimo anno sono stati vietati più di 800 libri, inclusi titoli di Theodore Geisel (Dr. Seuss), JK Rowling, Tom Clancy, Harper Lee, William Shakespeare, Mark Twain e molti altri.
Sembra che l’ordine liberale d’élite che gestisce le cose nel cosiddetto “Occidente” sia determinato a rimodellare la storia e le giovani menti che modelleranno l’America di domani, parlando di stravolgimenti.

Attivisti liberal pro LGBT

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato pubblicamente che le leggi che limitano i diritti LGBTQ sono “crudeli” e “quasi peccaminose”. Le sue dichiarazioni sono arrivate quando i legislatori della Florida hanno promulgato leggi che vietano le discussioni in classe sull’orientamento sessuale e l’identità di genere nelle scuole primarie. Gli stessi legislatori che cercano di ridurre il lavaggio del cervello stanno anche prendendo in considerazione fatture per bloccare le cure mediche, inclusi i bloccanti della pubertà, la terapia ormonale e la chirurgia, per i giovani transgender. Anche i conservatori in Florida e in altri stati si stanno muovendo per concedere ai tribunali la giurisdizione di emergenza sui bambini che potrebbero ricevere cure che agevolino il genere. Per quelli di noi cosiddetti “Baby Boomers”, il fatto che tali leggi siano persino necessarie, questo è tratto proprio dalle parti peggiori della Sacra Bibbia. La moralità tradizionale, per l’elite liberal dominante è solo un enorme problema, tuttavia.

Infine, a Babylon (ex New York), i capi delle principali compagnie petrolifere occidentali, società e fondi privati ​​stanno raccogliendo profitti come mai prima d’ora. In questo preciso momento, la classe media statunitense è destinata a crollare a causa di imbrogli fiscali e cattiva geopolitica; ExxonMobile, Shell, Chevron e altre grandi compagnie petrolifere hanno vinto alla grande nella crisi ucraina. Chevron, ExxonMobil, Shell, BP e TotalEnergies hanno guadagnato $ 134 miliardi in eccesso di profitti nel debito degli Stati Uniti; la gente comune da Atlanta a Edimburgo, nel Regno Unito, è destinata a cadere nella povertà entro la fine del 2022. Nel frattempo, la gente comune vede aumentare la spesa per il complesso militare-industriale piuttosto che per le infrastrutture americane e considera come il grande “peccato” l’impedire ai bambini di mutilarsi irreversibilmente. Qui in Grecia, alcune delle aziende di maggior successo del paese vengono bloccate, anche se i politici di spicco vengono sorpresi a spiare la loro opposizione, e peggio.
Biden parla di “peccato” come se capisse persino quello che insegnava l’insegnante della scuola domenicale. È una follia da guardare. Tutto quello che sappiamo è che persone come Tucker Carlson vengono punite per aver denunciato le compagnie farmaceutiche. La verità è considerata un peccato di questi tempi.

Attacco della NATO contro la Russia

Le politiche russofobe dell’Occidente volte a distruggere il paese più grande del mondo sono il catalizzatore di quello che sicuramente diventerà un cataclisma molto più devastante. Pochi analisti, se non nessuno, hanno ipotizzato come sarebbe la Russia divisa in pezzi come la Jugoslavia. Se riesci a immaginare cosa è successo dopo la caduta di Roma, non dovrebbe essere difficile immaginare dozzine di oligarchi locali assetati di potere che sparano ai vicini come un massacro di San Valentino del 21 ° secolo. Qualcuno ha pensato a quali potrebbero essere le ricadute di due dozzine di sub-stati dotati di armi nucleari? Cosa prenderebbe il posto della Russia moderna? Lo lascio alla tua immaginazione. Il problema in primo piano sono gli Stati Uniti d’America e i suoi alleati che volano a velocità di curvatura in un buco nero che nessuno ha esplorato. E siamo tutti d’accordo per il viaggio.

*Phil Butler, è un investigatore politico e analista, politologo ed esperto di Europa orientale, è autore del recente bestseller “ Putin’s Praetorians ” e di altri libri. Scrive in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook” .

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM