Un’imboscata dell’ISIS uccide 23 soldati siriani nella regione occupata dagli Stati Uniti

Le cellule dell’ISIS hanno intensificato le loro imboscate e gli attacchi mordi e fuggi proprio mentre gli Stati Uniti hanno rafforzato la loro occupazione nel nord-est della Siria.
Almeno 23 soldati siriani sono stati uccisi durante un attacco dell’ISIS contro un autobus militare vicino alla città orientale di Deir Ezzor l’11 agosto, secondo quanto riferito dai media siriani.

“Un certo numero di soldati sono stati uccisi, e altri sono rimasti feriti, a seguito dell’attacco terroristico contro il loro autobus a sud-est di Deir Ezzor”, ha riferito il notiziario statale SANA.

Secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani ( SOHR ), collegato all’opposizione, più di 10 soldati sono rimasti feriti durante l’attacco. È probabile che il bilancio delle vittime aumenti, ha affermato SOHR, aggiungendo che il destino di molti è sconosciuto dopo l’attacco.

Le truppe siriane sono state schierate pesantemente attraverso Deir Ezzor dopo l’attacco.

Nonostante la sconfitta dell’ISIS in Siria da parte dell’esercito siriano in alleanza con Iran e Russia, il gruppo estremista continua a operare in piccole sacche nella regione desertica di Badia e in altre aree.

L’attacco di giovedì è l’ultimo a seguito di un recente aumento dell’attività dei militanti.

Il 9 agosto, il giornalista televisivo siriano Firas al-Ahmad e tre membri dell’esercito siriano sono rimasti uccisi quando un ordigno esplosivo piazzato da militanti è esploso mentre il convoglio del gruppo viaggiava ad Al-Shayyah, nella campagna di Deraa, a sud del paese.

Deraa è stata testimone del caos in corso dalla smobilitazione dei gruppi di opposizione e dalla firma degli accordi di riconciliazione sponsorizzati dalla Russia due anni fa, con numerosi attentati, scontri armati, imboscate e omicidi mirati in tutta la regione.

Le rinnovate attività del gruppo arrivano nonostante l’esercito statunitense abbia rafforzato la sua presenza illegale nel nord-est della Siria, pur mantenendo il sostegno alle milizie estremiste, molte delle quali sono addestrate all’interno della base militare occupata di Al-Tanf, a sud-est del paese.

Secondo funzionari siriani e russi, i militanti dell’ISIS che operano nel deserto siriano ricevono supporto logistico dalle forze statunitensi dentro e intorno ad Al-Tanf.

Delegati curdi sostenuti dagli Stati Uniti e tribù arabe alleate sono stati recentemente mobilitati in massa verso la vicinanza delle basi militari di Washington all’interno dei giacimenti petroliferi occupati nei governatorati nord-orientali di Hasakah e Deir Ezzor.

Il Pentagono afferma che le sue truppe sono presenti in Siria per affrontare l’ISIS.

I resti del gruppo con sede nel deserto hanno recentemente condotto una brutale campagna di uccisioni e rapimenti contro i raccoglitori di tartufi di Homs. Secondo SOHR, 139 cittadini siriani e raccoglitori di tartufi sono stati finora uccisi dall’ISIS nel deserto siriano dall’inizio del 2023.

Durante un’intervista del 9 agosto, il presidente Bashar al-Assad ha affermato che la più grande minaccia per la Siria “è la distruzione delle infrastrutture da parte dei terroristi”.

Fonte: The Cradle

Traduzione: Gerard Trousson

Un commento su “Un’imboscata dell’ISIS uccide 23 soldati siriani nella regione occupata dagli Stati Uniti

  1. Buttatevi un botto su quella base e chiudiamo la partita una volta per tutte è troppo tempo che dura quella storia di pazzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM