Un’Europa anti-russa è un’Europa che distrugge se stessa!

di Ugo Dionisio

Questa Unione Europea sta demonizzando il paese che l’ha salvata dal terrore nazifascista riscrivendo il suo passato, dissacrando i suoi morti, travisando il suo pensiero e cospirando con le sue conquiste.

Secondo Syrsky, il nuovo comandante in capo delle truppe di Kiev, la vita dei soldati ucraini è la cosa più importante dell’esercito. Un presupposto che è stato fatto solo quando è diventato evidente a tutti che non c’erano possibilità di vittoria in uno scontro diretto contro la Russia.

Finché era possibile alimentare l’idea che “l’Ucraina batteva la Russia”, quando era la Russia ad avere l’iniziativa – e non l’ha mai persa – la vita dei soldati ucraini valeva poco. Centinaia di migliaia di uomini – e alcune donne – furono gettati in trincee fangose, mal nutriti e con scarse scorte di munizioni, contro un avversario a cui non mancava mai nulla.

Il fatto è che quando le forze di Kiev avevano capacità di combattimento – da non confondere con “la capacità di vincere” – la comunicazione ufficiale era che “l’Ucraina stava vincendo la guerra”; quando divenne chiaro che il costo della lotta contro le forze russe era così alto da non poter essere sostenuto, i media pro-Kiev, finanziati dalle ONG dello Zio Sam e fonti primarie di informazione ufficiale occidentale, cominciarono a dire: “L’Ucraina non può perdere la guerra”. “; quando non si poteva più nascondere che la “controffensiva” era fallita e con essa le speranze – fantasiose – di una vittoria di Kiev, si è passati alla fase “Ucraina e Russia sono in una fase di stallo”.

La realtà ucraina, sotto il regime di Kiev, si caratterizza per essere sempre in diretta contraddizione con la realtà russa e, guarda caso, con la realtà concreta osservabile. Ecco perché il rapporto tra le due realtà costituisce un esempio dialettico preziosissimo dal punto di vista pedagogico.

Mentre conviveva con la Russia, l’Ucraina è diventata una delle più grandi potenze del mondo. Non c’è, e non c’è mai stata, un’Ucraina di successo senza la Russia dalla sua parte. Vladimir Putin non ha mentito sul fatto che la Russia ha sempre aiutato l’Ucraina. Per chi non lo sapesse, non è stato per alcun tipo di avventurismo che il Donbass è stato annesso alla Repubblica Socialista Sovietica Ucraina. Nel 1917 l’Ucraina era una regione eminentemente rurale e deindustrializzata dell’impero russo, quindi, nel 1918, per garantire le condizioni per lo sviluppo del territorio e, in questo modo, uno sviluppo più armonico del nascente Stato sovietico, il Donbass entrò a far parte della Repubblica socialista ucraina, al fine di garantire il progresso della neonata patria.

La verità è che, nel 1991, l’Ucraina contava più di 50 milioni di abitanti, uno degli eserciti più grandi d’Europa (forse il secondo), un complesso militare-industriale invidiabile, una popolazione altamente qualificata, talentuosa e produttiva, capace di rivelarsi in tutti gli aspetti della vita umana, dalle arti alla scienza, dall’agricoltura allo sport.

Guerra in Ucrania

Dopo essere sopravvissuta a molte tensioni imposte dall’esterno e introdotte dai soliti noti, nel 2004-2005, la Rivoluzione Arancione ha accelerato il processo di creazione di un’anti-Russia. L’idea non era nuova e aveva già attraversato la mente di persone legate all’Impero austro-ungarico e non solo. Da quel momento in poi, gli equilibri di potere tra i popoli russofoni e filo-russi e i popoli divenuti “russofobici” iniziarono a invertirsi e, gradualmente, le forze antirusse iniziarono a infettare l’intero territorio, conquistando gradualmente nuove roccaforti, dalla periferia della Galizia al centro di Kiev.

Da quel momento in poi, cominciò a prendere forma quella che sarebbe stata la “soluzione” importata per colmare la mancanza di identità nazionale dell’Ucraina. Essendo un paese che non era mai esistito fino al 1918 e che è diventato completamente indipendente solo nel 1991, l’Ucraina ha dovuto creare un’identità nazionale per garantire la propria esistenza. Non è una cosa facile da fare in un paese costruito da governanti e quadrati in successive ondate di annessioni. La “scelta” indotta è stata quella di trasformare l’Ucraina in una “anti-Russia”. Tutto ciò che sarebbe la Russia, l’Ucraina dovrebbe essere il contrario.

È chiaro che questa “scelta” dovrebbe essere indotta, poiché nel caso di un paese con la stessa lingua, o lingue con la stessa radice (per chi separa “ucraino” da “russo”), con la stessa religione, cultura e passato nazionale, la scelta naturale non sarebbe mai stata l’antagonismo, poiché l’uno e l’altro prosperavano in una relazione simbiotica. E questo rapporto è stato reciprocamente fruttuoso fino al momento in cui la Russia ha fatto tutto il possibile per liberarsi dal dominio statunitense nei terribili anni ’90, e l’Ucraina ha fatto tutto il possibile per integrarsi sotto il controllo statunitense, soprattutto dal 2004 in poi. La successione cronologica non lascia dubbi: la Russia si è liberata dalla tutela americana tra la fine degli anni ’90 e l’inizio degli anni 2000, l’Ucraina l’ha abbracciata dal 2004 in poi.

Una volta introdotto questo antagonismo attraverso l’instaurazione di un regime cliente degli Stati Uniti, prima incostituzionalmente (con la Rivoluzione Arancione) e poi attraverso un colpo di stato (con EuroMaidan), tutto ciò che la Russia è e si sforza di essere, l’Ucraina ha cominciato a non voler essere, nemmeno se dovesse lacerarsi la carne per farlo.
La sua identità nazionale è stata definita dall’antagonismo diretto e frontale nei confronti del vicino russo. Se la Russia è un paese orgoglioso della sua storia e del suo passato, allora l’Ucraina ignorerà, cancellerà, riscriverà e perseguiterà tutti coloro che onorano la sua storia. Ciò è chiaramente visibile nella cosiddetta “decommunizzazione”, che alla fine potrebbe portare solo all’estinzione della nazione ucraina. Essendo stata creata dai bolscevichi, rimuovere l’identità “comunista” dal passato ucraino significherebbe – e ha significato – porre fine all’Ucraina così com’era: multietnica, cosmopolita, perfino multinazionale (ha molti cittadini con doppia cittadinanza e nazionalità russa, ungherese o rumena) ). Se la Russia abbraccia la sua storia per esistere così com’è, l’Ucraina, guidata dal regime di Kiev, cancella la sua storia per negare ciò che è stata veramente.

Se la Federazione Russa è un Paese multietnico e multinazionale, orgoglioso di questa diversità e considerandola un vantaggio; il regime di Kiev trasformerebbe l’Ucraina in un paese “purificato”, con una costituzione suprematista, perseguitando i popoli che insistono nel mantenere le loro lingue, religioni e costumi originali. Il risultato è stata una persecuzione di tutte le forze politiche di sinistra e di centrosinistra, percepite come filo-russe (che convenienza!!), della religione ortodossa russa, della lingua russa e del passato storico, sotto l’impero russo e l’URSS. L’unico che aveva! Tutto ciò che collega l’Ucraina alla Russia dovrebbe semplicemente scomparire. Come non vedere che una simile cancellazione potrebbe portare solo alla perdita di una parte del territorio? Iniziare con questo? Può un paese sopravvivere intatto a un tale antagonismo? Un Paese senza storia, che futuro può avere?

Se la Russia non fosse né la NATO né l’UE – non perché non voglia esserlo – l’Ucraina dovrebbe essere molto NATO e ancor più UE. Se tutto ciò che la Russia voleva era essere in pace con i suoi vicini, in modo che gli affari potessero continuare a fluire verso est e verso ovest; L’Ucraina, quella nata dalle viscere della Galizia, dovrebbe essere in guerra con la Russia. Ed essere in guerra con la Russia significava innanzitutto “guerra contro i popoli russofoni e simpatizzanti per i russi”. In altre parole, tra i russofoni e coloro che simpatizzano o tollerano la presenza storica della Russia, l’Ucraina, in quanto cliente dell’Occidente, è entrata in una guerra intestinale con le proprie viscere, andando in pezzi. Non poteva essere altrimenti.

Di fronte alle forze sproporzionate, siano esse forze fisiche, come la popolazione, la capacità militare, industriale o economica, o forze più spirituali, legate all’identità storica e alla profondità dell’anima patriottica e nazionale (l’Ucraina rinuncia a quel poco che aveva ), era facile capire dove portava questo antagonismo. Se la Russia fosse l’“essere”; L’Ucraina, guidata dal regime di Kiev, è diventata “l’antitesi”; e quale possibile “sintesi” potrebbe esserci? Se il popolo ucraino, coloro che si sono lanciati in questo revisionismo storico della loro nazione, avessero saputo che le “sintesi” risultanti da antagonismi dialettici portano spesso all’eliminazione di una delle forze opposte, avrebbero accettato di buon grado un simile processo? E lo avrebbero accettato? Se l’avessero accettato, dico, né Zelenskyj avrebbe mentito quando ha promesso la pace, né gli Stati Uniti avrebbero avuto bisogno di nascondere il fatto di aver boicottato gli accordi di Minsk e quello di Istanbul, né Zelenskyj ora avrebbero rinviato le elezioni presidenziali. Di conseguenza, anche nella sostanza, questa scelta anti-russa è antagonista e contraddittoria.

Solo qualcuno completamente alienato dalle promesse di Fukuyama e dalla sua “fine della storia” potrebbe prendere in considerazione una “sintesi” che porterebbe all’eliminazione della Russia. Solo chi non conosce la storia russa ed europea, i suoi aspetti identitari e patriottici, può ritenere che il ruolo di antagonismo antirusso rappresentato da Kiev avrebbe la forza di eliminare quello che è uno dei tre paesi meglio armati al mondo.

Ma chi pensa che l’antagonismo antirusso possa portare solo all’eliminazione fisica dell’Ucraina, anche se solo parzialmente, si sbaglia. Anche la relazione Unione Europea-Russia soffre degli stessi mali e del potenziale distruttivo. In questo senso si può addirittura parlare dell’Ucraina come di un alter ego dell’Unione Europea.

È stata in pace con l’URSS – prima – e con la Russia – poi – che l’Unione Europea è nata, è cresciuta e ha prosperato. Senza quella pace, l’Unione Europea non sarebbe mai stata in grado di produrre le risorse economiche per espandersi, soprattutto a scapito del pagamento dei “fondi strutturali” ai paesi candidati e di nuova adesione.

Un’Unione europea in guerra con la Russia, anche una guerra fredda, porterebbe a un’esistenza segnata dal militarismo, dalla tensione, dalla chiusura e da una perdita di elasticità in termini di democrazia e libertà individuale o collettiva. Il risultato sarebbe stato un’Unione Europea in subbuglio, senza uno stato sociale in grado di nutrire una classe “media” in grado di sostenere i potenti mercati interni su cui è stato costruito il suo potenziale industriale.

Questo è ciò che i leader tedeschi (e altri) videro quando crearono l’oleodotto Druzba (amicizia) e quando successivamente costruirono lo Yamal. Il fiorire delle economie europee è avvenuto, in parte sostanziale, a scapito di gas, petrolio, uranio, carburanti, lubrificanti, minerali e cereali, in quantità e qualità, a prezzi convenienti, frutto di accordi a lungo termine. Senza questo “cibo vitale” non ci sarebbe stato l’asse franco-tedesco per produrre le risorse necessarie per la “politica di coesione” e l’”allargamento europeo”. È interessante notare che questa crescita è stata prodotta in una situazione in cui i paesi baltici – anch’essi ricchi e sviluppati – hanno mantenuto una posizione neutrale nei confronti dell’URSS e, successivamente, della Russia. Questa posizione è stata recentemente sostituita da un vero e proprio antagonismo.

Possiamo quindi anche dire che, sebbene il rapporto fosse simbiotico, tutti ne hanno beneficiato, forse anche a scapito della stessa Russia, che è rimasta sempre un po’ indietro, “aggrappandosi” ad un’economia di esportazione di prodotti a basso valore aggiunto, perdendo la Lo spazio sovietico prima e la sua economia poi, dalla quale si riprenderà a partire dall’inizio di questo secolo.

E forse è stato proprio questo desiderio di assumere la propria identità storica a produrre, da parte europea – e soprattutto da parte americana – l’antagonismo che conosciamo oggi. Se la Guerra Fredda è iniziata con l’URSS che ha dimostrato la sua capacità difensiva, industriale e tecnologica di fronte a un Occidente avido del suo territorio e delle sue risorse, l’antagonismo antirusso si è ricreato in Europa occidentale dal momento in cui il Paese ha governato con autorità e indiscutibilità sotto il comando di Vladimir Putin ha cominciato a mostrare la capacità di recuperare tutta la sua dimensione storica.

Ancora una volta, le forze antagoniste sono così opposte che non potrebbero produrre altro che ciò a cui stiamo assistendo oggi. Da un lato, ancora una volta, un Paese orgoglioso della sua storia, un popolo che celebra i suoi eroi, in tutti i loro difetti e virtù; dall’altro, un’Unione Europea che si nutre della sovranità e dell’estinzione dell’anima patriottica dei popoli europei. Da un lato, un Paese che vuole essere sovrano, indipendente, autonomo e autosufficiente, per poter decidere meglio il proprio futuro senza interferenze esterne – che è una lezione storica; dall’altro, un’Unione europea dipendente dagli Stati Uniti, che cerca di copiare la superficiale “cultura” neoliberista del consumismo, che celebra la “fine della storia” e rafforza la propria identità sopprimendo l’identità culturale, etnica e morale dei popoli europei .

Se la Russia è orgogliosa della sua storia e la celebra in ogni occasione; proprio come l’Ucraina, l’Unione Europea sta riscrivendo la propria storia, la propria filosofia, la propria identità. Questa Unione Europea sta demonizzando il paese che l’ha salvata dal terrore nazifascista riscrivendo il suo passato, dissacrando i suoi morti, travisando il suo pensiero e cospirando con le sue conquiste. Di conseguenza, l’UE sostituisce la convinzione che anche l’URSS abbia dato inizio alla Seconda Guerra Mondiale e che il comunismo sia uguale al nazismo. E la cosa più grave è che nelle università insegnano queste sciocchezze… Mi ricorda il tempo in cui all’Università di Salamanca (la più antica della penisola iberica), si insegnava che il mondo era un piatto con gli antipodi e che era quindi impossibile viaggiare sotto l’equatore.

Questa riscrittura della storia contraddice anche una Russia che, pur essendo capitalista, pretende di essere antinazista e antifascista. L’UE, invece, vede fiorire al suo interno partiti neofascisti, alimentati proprio dall’antagonismo antirusso, alimentato dalle difficoltà economiche derivanti dall’estraniazione e dal revanscismo storico che accusa la Russia di essere quello che è e di avere di conseguenza e che ha perso più di venti milioni di bambini. Allo stesso tempo, questa UE convive e motiva il sostegno a un regime suprematista, sostenuto da bande neonaziste, a Kiev e al quale apre i suoi confini, contro la volontà del suo popolo. Oggi gli agricoltori polacchi minacciano di chiudere tutti i valichi di frontiera con l’Ucraina. L’UE anti-russa è anche un’Europa in guerra con se stessa.

Come l’Ucraina, anche l’UE non è riuscita a comprendere i propri punti di forza e di debolezza. Inoltre, l’UE non si è resa conto che esiste solo grazie alla Russia. In primo luogo, contro la “Russia” (cioè l’URSS), come progetto politico-ideologico antisocialista; poi, attraverso un rapporto simbiotico, godendo della stabilità derivante dallo stallo di potere che la Guerra Fredda ha comportato; in seguito, raccogliendo i frutti portati dai venti di riavvicinamento della Russia all’Occidente. In quanto spazio anti-russo, l’Unione Europea non riesce a cogliere gli elementi essenziali. Il fatto è che, come nel caso dell’Ucraina, il modo in cui verrà risolto l’antagonismo, la sintesi che ne risulterà, quasi certamente finirà con la sua stessa fine. Almeno, come lo è oggi. Che sarà comunque epico!

Un’Unione Europea che – in quanto progetto globalista neoliberale – disprezza la sovranità nazionale, sconfitta proprio dal rapporto antagonistico che sviluppa nei confronti di un Paese che, soprattutto, si sforza di difendere la propria sovranità nazionale! E la NATO attenzione… Anch’essa condivide la stessa identità con l’UE, lo stesso peccato originale! Entrambi sono figli dello stesso padre, gli Stati Uniti, che sono ansiosi di violentare la madre Russia!

Esiste qualcosa di più preveggente e dialettico di questo?

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

10 commenti su “Un’Europa anti-russa è un’Europa che distrugge se stessa!

  1. Se l’ucraina vuole rimanere uno stato, il popolo deve ribellarsi è porre fine alla guerra, non far vincere la Russia sul campo. Se l’europa vuole rimanere indrustiale deve importare il gas russo.

  2. Direi che se non ci fosse l’occupazione militare statunitoide (e sionista) in gran parte dell’Europa continentale, l’unione europoide/ eurolager collasserebbe miseramente nel giro di un paio d’anni, essendo anch’essa uno strumento di occupazione e dominazione dei poteri esterni …

    Cari saluti

  3. L’attacco dei paesi imperialisti e colonialisti occidentali contro la Russia-Urss e di nuovo Russia, non si è mai fermato, all’incirca ogni secolo ci riprovano con un attacco diretto o per interposta persona. Nell’800 con Napoleone che pretende di esportare la rivoluzione francese con la Grand armeè, un imponente esercito di mezzo milione di uomini, il più numeroso mai visto nel corso della storia, con il risultato che sappiamo ! Poi nel 900 con Hitler che tentava di esportare il suo modello al resto dell’Europa e, tramite l’alleato imperialista giapponese, dell’Asia, (provando a distruggere il modello sovietico facendo cosi un gran favore agli anglo americani), anche qui un esercito imponente e quasi invincibile invase l’Urss, con lo stesso risultato disastroso ! Distrutto l’imperialismo francese-napoleonico e quello dell’asse, la guida dell’imperialismo passa agli anglo americani, che dopo il 1945 scatenano una infinità di conflitti durante la guerra fredda per distruggere l’Urss, ora nuovamente Russia, e altri paesi resistenti, come Cina, Iran ecc. ! Ma visto il fallimento degli attacchi per interposta persona, gli anglo americani sono davanti ad un bivio mortale ! Desistere e uscirne perdenti e fortemente ridimensionati oppure lanciarsi in un attacco diretto, anche questo catastrofico e perdente, sempre che prima non implodano da soli !
    Il destino di USA-UK-NATO-UE-SIONISTI è segnato !

  4. Gli stati europei stanno capendo una dura lezione. Il benessere non gli arrivava tanto dal capitalismo americano, anche. Ma soprattutto da una stretta collaborazione coi russi, fornitori essenziali di tutto. Si o capitali della ricostruzione europea sono arrivati dall’ FMI. Ma poi ci volevano le risorse per lo sviluppo. E quelle sono arrivate quasi in toto da Mosca. Folli sostenere quel pagliaccio tossico e la nazione ucronazi. Anco più folli le sanzioni al contrario, che hanno in pratica danneggiato solo noi UE. Questo nuovo stato di distacco, tensione e scontro commerciale ci farà solo fare più velocemente la fine della Grecia.

  5. Ottima analisi, da cui dissento o perlomeno, su cui mi premono due puntualizzazioni: la prima: che trascurare nell’identità dei popoli la tradizione e religiosa, che andrebbe, coltivata, continuata e vissuta: che solo se non è vissuta come una forma culturale buona a “religare” la società, che ne diventa l’anima o può diventare un fattore di unità che non è un semplice additivo o strumento da adoperare quando e come fa comodo a chi governa.
    Poi, va rilevato che i tempi eccezionali e contraddittori che viviamo mettono in crisi categorie e ideologie. Le divisioni su temi come l’egemonia statunitense, fondata su uno stato di guerra permanente a livello globale, sullo strapotere di organismi e soggetti sovranazionali, sulla “transizione verde”, sulla deriva vaccinista, sull’affermarsi di un capitalismo di sorveglianza, sulla prospettiva di una mutazione tecnologica transumanista, sull’immigrazione come fattore di sostituzione di popolo, non diciamo come progetto (tu
    chiamalo complotto, se vuoi), ma come effetto pratico di politiche di accoglienza dissennate, sono trasversali agli schieramenti politici cui siamo abituati. Populisti e sovranisti sono, in Occidente, collocati in gran parte, a Destra: tanto che “identitari”, nazionalisti, populisti sono associati, anzi, sono diventati sinonimi dii razzisti, fascisti, nazisti, senza alcun rispetto della logica pura e semplice, neppure di quella politica.

  6. Ottimo articolo, ha messo perfettamente a fuoco il tutto. È anni che la penso nello stesso modo. L’ Ucraina senza i rapporti che aveva con la Russia non è assolutamente in grado di andare avanti. Dell’Occidente e degli USA è meglio non fidarsi. Sarebbe ora che i popoli europei si dessero una mossa nei confronti dei propri governanti prima di fare la stessa fine

  7. L’Ucraina è stata creata dai bolscevichi sulla base di un progetto di spartizione dell’Impero Russo ideato dal ministero degli esteri dello strampalato impero austro-ungarico, un’entità statale che doveva la sua sopravvivenza nel 1849 proprio all’intervento militare russo contro la rivolta ungherese (pure allora) contro il dominio di Vienna.
    Nell’anno successivo la Russia intervenne a favore dell’Austria nella disputa di questa contro la Prussia per quello che riguardava il progetto dell’unificazione tedesca sulla base del programma piccolo-tedesco.
    La Russia allora guardava con benevolenza all’esistenza di questo sgangherato organismo statale plurinazionale, quando magari se allora, nel 1849-50 avesse favorito l’unificazione di Italia e Germania da parte di Piemonte e Prussia avrebbe potuto dare all’Europa un corso storico diverso.
    In un certo senso l’Ucraina è un pò l’Austria-Ungheria di oggi, uno stato multietnico autoritario nemico della Russia, la quale per qualche anno l’ha sopportata come vicina instabile, e ora deve smantellarla per raggiungere una configurazione geopolitica sicura.
    La sconfitta dell’Ucraina porterà probabilmente al crollo della NATO, con i russi che potranno annettersi tutta l’Ucraina nonchè Estonia e Lettonia, mentre la Lituania potrebbe finire annessa alla Bielorussia.

  8. L’UE è la prossima Ucraina. Entro al massimo qualche anno la guerra divamperà anche qui da noi. L’impero americano non morirà senza prima aver sacrificato tutti i suoi satelliti.

  9. L’Europa della grandeur centronazionale, aggressiva e colonialista, quella dei Luigi, di Isabella cattolica, della Compagnia delle Indie, di Napoleone potrà mai capire l’Europa multietnica dei valori e della cultura delle tradizioni medievali del Sacro Impero o della Madre Russia? La Storia condusse la prima ad affermarsi e partorì una banca ed una commissione a Bruxelles, piuttosto debole, eterogenea e scarsamente autonoma. L’Ucraina è frutto e vittima di questa situazione e non è la sola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM