Un’altra aggressione missilistica israeliana contro la Siria

Un bambino, molti altri civili uccisi nell’ennesimo attacco missilistico israeliano in Siria

L’attacco dell’aviazione israeliana, avvenuto nella notte, sulla provincia di Homs della Siria e sul sobborgo di Damasco ha ucciso un numero di civili, tra cui un bambino, riferisce l’agenzia di stampa ufficiale SANA.

I media statali hanno messo il numero delle vittime alle quattro. Molti altri sono stati feriti nell’aggressione israeliana, secondo il rapporto di SANA.

La difesa aerea siriana ha riferito in precedenza che le sue forze avevano abbattuto tre missili lanciati da aerei israeliani domenica sera dallo spazio aereo libanese verso alcuni siti siriani.

SANA ha citato una fonte militare dicendo che l’aggressione ha colpito i siti militari a Homs e nei sobborghi di Damasco.

L’Osservatorio siriano con sede a Londra per i diritti umani ha anche affermato che gli attacchi avevano preso di mira un centro di ricerca e un aeroporto militare a ovest della città di Homs.

A seguito delle esplosioni nei pressi di Damasco, gli aerei da guerra israeliani presumibilmente sono volati a bassa quota nello spazio aereo libanese.

La Siria si è lamentata nuovamente con l’ONU per i nuovi raid aerei israeliani, sottolineando che gli attacchi “codardi” non riusciranno a ostacolare la sua decisione di affrontare i terroristi.
Il regime israeliano lancia di tanto in tanto attacchi aerei sul territorio siriano. Tali mosse aggressive sono solitamente viste come tentativi di sostenere gruppi terroristici che subiscono sconfitte per mano delle forze governative siriane.

Israele era molto attento con le sue operazioni sulla Siria dopo che la Russia aveva equipaggiato Damasco con i missili terra-aria avanzati S-300 nell’ottobre 2018.

Tuttavia, la recente decisione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump di riconoscere la “sovranità israeliana” sui territori siriani delle alture del Golan ha apparentemente incoraggiato Tel Aviv a lanciare una nuova aggressione nel paese arabo.

Fonte: Press Tv

Traduzione: Luciano Lago

7 Commenti

  • Alfvanred
    1 Luglio 2019

    Mi chiedo sempre in questi casi, come mai non entrano in funzione i sistemi antiaerei russi S300? Se cominciassero a abbattere qualche decina di aerei , forse i sionisti la smetterebbero di bombardare così impunemente.

    • Fatima
      1 Luglio 2019

      Non entrano in funzione perché i piloti israeliani lanciano i missili dallo spazio aereo libanese e subito dopo fuggono coprendosi dietro voli di linea così che per non rischiare di colpire aerei civili la contraerea siriana si astiene dal contrattaccare. I siriani e russi sono popoli civili. Non si può dire la stessa cosa di altri.

  • Niko
    1 Luglio 2019

    fa parte della geostrategia ??????? che ne sappiamo noi poveri mortali ???

  • Gaetano
    1 Luglio 2019

    Fossi Assad mi consegnerei agli USA e poi sbatterei fuori dal territorio siriano russi e loro carabattole varie a calci in culo.

    • atlas
      2 Luglio 2019

      scrivi per diletto o per concesso ?

  • CONTADINO
    1 Luglio 2019

    La lobby sionista non influenza in politica esera solo il Congresso degli USA,ma sembre essere molto potente anche dentro la Duma russa

    • Gaetano
      2 Luglio 2019

      Emanuele, sai cos’è la “maieutica”?

Inserisci un Commento

*

code