Una svolta inaspettata: come la Russia ha risposto alle tre principali minacce mondiali

L’Occidente è in grado di ringraziare la Russia?

RUSLAN HUBIEV – REGNUM

Cinque anni fa, i media mondiali hanno seriamente discusso la questione di quali fossero i principali pericoli che minacciano la comunità mondiale nel XXI secolo? E in tale questione la loro versione era chiara, con le personalità intervistate dai leader leader occidentali.

La protagonista principale era una delle figure più influenti in quel tempo sulla scena politica: il cancelliere tedesco Angela Merkel. La cancelliera ha detto che i principali pericoli per il mondo e le principali minacce per la comunità mondiale in quel momento erano i tre problemi chiave: le conseguenze dell’annessione della Crimea, il virus dell’Ebola e la situazione della Siria, dove gli estremisti stavano cercando di creare un’enclave.

L’ironia di questa lista in questi giorni è che negli ultimi cinque anni la Russia ha risolto tutte e tre le minacce. Sia la questione della Siria, sia il pericolo di Ebola, e le conseguenze militari del ritorno della penisola alla madre patria russa.

In particolare, dopo il declino della campagna di informazione sulla Crimea russa in Occidente, si è scoperto che i Crimeani, a quanto pare, hanno votato in modo autonomo, e gli osservatori occidentali hanno confermato questo durante il referendum. La retorica applicata sulla Crimea e sulla Russia non è cambiata da allora, ma non ha dimostrato un contenuto reale.

Nel corso del tempo, anche in Occidente, diventa evidente che nel marzo 2014, la Crimea si è separata consapevolmente dall’Ucraina e è divenuta parte della Federazione Russa. La domanda rimane solo in quale formato per caratterizzare questo dipartimento.

Gli Stati Uniti e la NATO la chiamano costantemente “annessione”, giustificando tutte le sanzioni, l’accumulo di armi e lo schieramento di unità militari sui confini russi in questo senso. Ma sebbene l’Occidente sostenga che l’intero conflitto in Ucraina è opera di Mosca, la cronologia “legale” non lo conferma.

Il fatto è che la regola fondamentale del diritto internazionale è il divieto dell’uso della forza. Di conseguenza, la forma più grave di azioni illegali nei rapporti interstatali è quella di un attacco militare a un paese sovrano. Pertanto, l’annessione forzata di determinati territori è considerata una violazione nel diritto internazionale.

Per un’annessione è necessaria un’invasione, per un’invasione sono necessari atti violenti, e se non ce ne sono, l’intero sistema accusatorio crolla. Questo esattamente il caso della Crimea.

Pertanto, non sorprende il fatto che dopo 5 anni, persino gli specailisti sull’Europa di Washington abbiano iniziato a chiedersi se la secessione della Crimea potrebbe essere definita un’annessione se è avvenuta senza un sparare in solo colpo . E quest’ultimo è anche un fatto confermato dagli osservatori occidentali. Oggi, l’Europa non vuole entrare nella questione dell’inimicizia con la Russia che ha acquisito forza, e quindi sempre più spesso solleva questo problema.

Mentre si sono svolte le elezioni al Parlamento europeo i conservatori in Europa hanno guadagnato peso. E se diamo per scontato il fatto che la Russia non ha commesso un’aggressione militare, dovremo riconsiderare la legge per cui hanno agito sull’Ucraina, l’UE e gli Stati Uniti. Di conseguenza, questa domanda sarà sicuramente giocata come una carta importante.

Se non vi fosse stata una annessione, il riferimento all’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite non è valido. Ma è quella che dà il diritto allo stato invaso di usare la forza militare di rappresaglia, oltre a chiedere l’aiuto dei paesi terzi per autodifesa. Inoltre, nel caso dell’applicazione di questo articolo, qualsiasi stato ha il diritto di iniziare una guerra senza alcuna autorizzazione da parte del Consiglio di sicurezza.

Ma se non veniva usata la forza dalla Russia e l’annessione, di conseguenza, non si è verificata, allora questo argomento era usato in modo improprio. In ogni caso, sotto l’aspetto dell’assistenza di paesi terzi. Di conseguenza, l’Europa non ha bisogno di aiutare Kiev e oltre, e tanto più di danneggiare Mosca.

La pressione di Washington, come le sue capacità, si stanno lentamente ma notevolmente sciogliendo, il che significa che le relazioni con la Russia dovranno essere rinnovate prima o poi. Quanto sopra è una base eccellente e le forze nazionali nell’UE lo comprendono perfettamente.

Inoltre, se la questione della Crimea riguardasse davvero una annessione, l’Ucraina avrebbe esercitato il diritto di difendersi contro Mosca con metodi militari. I paesi terzi, come gli Stati Uniti, potrebbero legittimamente venire in suo aiuto senza alcun mandato. Ma né il primo né il secondo hanno scelto questa strada, e Kiev non ha nemmeno dichiarato un ultimatum militare alla Russia. La conclusione per l’Europa attuale suggerisce una cosa: non c’è mai stata alcuna annessione e nel tempo questa argomentazione diventa la più ovvia per tutti.

Di conseguenza, grazie alla ferma posizione di Mosca, al rifiuto di auto-isolamento, apertura e un collegamento per il dialogo, la Russia è riuscita a cambiare il suo atteggiamento nei confronti degli eventi del periodo Crimea. La questione ha cessato di essere una “minaccia” militare, continuando a diminuire con il passare degli anni.
Virus Ebola
Il virus Ebola è stato il secondo problema che è stato posto alla comunità mondiale nella recente prospettiva. E anche questo è stato in gran parte risolto da Mosca.

Il virus Ebola è noto dal 1976, ma è stato ampiamente diffuso al pubblico nel 2014. In quel momento, la minaccia di infezione da virus si diffondeva in tutto il mondo, ma non si contrastava. Inizialmente, in Guinea sono stati registrati 3.358 casi di infezione, poi la Liberia e la Sierra Leone sono stati travolti dalla malattia, dove già decine di migliaia di persone sono morte, ma i media mondiali hanno lanciato allarme e il panico molto prima.

“Le sfide degli ultimi decenni sono Ebola”, hanno scritto. “Il tasso di migrazione in vari paesi è in aumento, il che significa che presto il numero delle consegne di questa malattia aumenterà come una valanga”, la stampa anglo-sassone ha spaventato l’umanità. E come si è scoperto, un tale zelo insolito e il falso inizio dei media americani e britannici è stato spiegato in modo molto semplice.

Le cause alla base degli eventi sono state rivelate dai loro stessi beneficiari – quelli che sono stati i primi a correre “a combattere” con “la minaccia numero uno”. Si sono rivelati due attori nell’industria farmaceutica globale: la multinazionale americana Merck e il britannico TNC GlaxoSmithKline.

Sorprendentemente, i vaccini di entrambe le società erano pronti per l’uso in anticipo, e non solo pronti, ma anche moltiplicati in grandi quantità. Ironicamente o maliziosamente, l’efficacia di questi vaccini era insignificante, il virus non poteva essere fermato, ma le vendite del vaccino sono solo aumentate.

E improvvisamente, al culmine dell’epidemia nel 2014, arrivarono specialisti russi in Guinea. Mosca schierava ospedali da campo, svolgeva un enorme lavoro con distaccamenti sanitari epidemiologici mobili, impiegava centinaia di dipendenti degli istituti Rospotrebnadzor e, in generale, questa operazione era la prima e la più grande dai tempi dell’URSS.

Sviluppo del vaccino
Di conseguenza, un efficace vaccino russo contro la febbre fu creato piuttosto rapidamente – il farmaco Gam-evac kombi, che si rivelò molte volte più efficace delle controparti britannica e americana. Ben presto il virus fu sconfitto, ma né Angela Merkel né gli altri leader mondiali, che chiamarono il virus “la principale potenziale minaccia per l’umanità”, in seguito dissero chi lo aveva sconfitto.

Se non si sottovaluta la probabilità che la diffusione “zero” di Ebola non sia stata casuale, l’obiettivo era in un elenco molto specifico di stati, la creazione di un vaccino russo è stato un grande successo strategico. Nella realtà moderna, poche ore sono sufficienti perché il portatore della malattia attraversi più di un continente. Pertanto, la lontananza della portata dell’epidemia non ha realmente garantito la sicurezza della Russia.

Il passo compiuto non solo ha difeso il paese, ma ha anche permesso di non sperare nell’uso di medicinali straniere. Forse è per questo che, dopo la dimostrazione della protezione avuta da Mosca, non sono più apparsi nuovi casi di focolai di Ebola.

Riunione dei leader nel 2014


Guerra in Siria

Parlare della Siria in materia di successo non è affatto necessario. La Russia non solo ha aiutato Damasco a vincere, ma ha anche raggiunto la sua grande vittoria a livello mondiale. Diversi anni di guerra – con poco sangue e in territorio straniero – sono stati implementati con incredibile efficienza secondo gli standard storici.

Secondo le statistiche ufficiali del Ministero della Difesa, oltre 63.000 soldati del nostro paese hanno preso parte all’operazione siriana, inclusi più di 25.000 ufficiali. Questa correlazione tra ranghi e file, ufficiali e generali, che contava più di 400, mostra quanto sia importante l’esperienza maturata dalla Russia in conflitti contemporanei estremamente specifici.

Come percentuale dell’intero esercito del nostro stato, l’87% degli equipaggi dell’aviazione tattico-operativa, il 91% dell’aviazione dell’esercito, il 97% degli equipaggi dell’aviazione dei trasporti militari e il 60% degli equipaggi di aviazione strategica ea lungo raggio hanno ricevuto esperienza di combattimento.

In generale, le forze aerospaziali russe hanno effettuato 39.000 missioni di combattimento e l’intensità dell’uso delle forze dell’aviazione d’attacco (oltre 100 sortite di combattimento al giorno) ha completamente distrutto tutti i record occidentali. Il mito dell ‘”esercito arrugginito” scomparve da solo, e i nuovi miti del formato del “fumo” di Kuznetsov non reggono al vaglio.

Da soli, i piloti del militari che pilotavano gli aerei, contro i quali gli anglosassoni avevano lanciato una campagna di disinformazione senza precedenti, hanno eseguito oltre 400 missioni di combattimento, seguiti dalla distruzione di 1252 obiettivi militanti.

Centinaia di “voli” di bombardieri strategici, attacchi di missili e aerei nel loro insieme hanno portato alla distruzione di 121.466 bersagli nemici in Siria. E questo è avvenuto su un campo di ribelli jihadisti che hanno funzionato, di regola, sostenuti con denaro americano quali “amici” e “partner”, con 20.513 roccaforti, 9.941 depositi di munizioni e carburanti e lubrificanti, 8.927 veicoli con sistemi missilistici di difesa aerea, 649 carri armati, 731 veicoli da combattimento di fanteria, 830 leader dei briganti e più di 86 mila militanti.

Come potete vedere, ci sono stati molti segnali in questa operazione – sono anche 25 mila sortite di UAV russi, che hanno rivelato 47 522 obiettivi nemici. E 189 missioni di combattimento 86 navi, 14 sottomarini e 83 navi ausiliarie. O più di 100 colpi sparati da parte dei missili offshore KR “Calibre”.

C’era molto di più, per esempio, l’eroismo che non è solo un tipo di combattimento. Un totale di 1.220 medici militari hanno assistito immediatamente circa 88.318 siriani. Sul campo c’erano 10 squadroni medici per scopi speciali e 6.077 tonnellate di generi alimentari sono stati consegnati dai paracaduti ai civili.

E questo per non parlare degli exploit dell’SSO, dei soldati e specialisti civili uccisi sul campo di guerra, di volontari e di tutti coloro che hanno aiutato a liberare dozzine di città, ostaggi, prigionieri, donne e bambini che erano in schiavitù sessuale, di droga e di altra natura. E anche il fatto che la Russia abbia completato la parte principale di questa operazione anti-terrorismo non con l’aiuto, ma nonostante le azioni di sabotaggio dell’Occidente collettivamente e degli Stati Uniti.

In questo contesto, i tentativi di attribuire a se stessi tutti gli allori da parte di Washington appaiono ancora, seppure scontati, ma estremamente assurdamente falsi. Il destino della Siria è stato deciso senza gli americani, e quindi tali dichiarazioni sono vuote affermazioni fraudolente.

Per cinque anni, considerata “incivile” e sotto le sanzioni di “tutto il mondo”, la Russia ha risolto le tre principali minacce “numero uno” del pianeta. Ma l’Occidente ha detto che la Russia va ringraziata per questo? Certo che no. Fortunatamente, il nostro paese esporta la stabilità non per il avere della gratitudine, ma almeno per fornire a se stessa e alle persone un futuro sicuro, la cui base dovrebbe essere un mondo multipolare.

Fonte: Regnum, author Ruslan Hubiev

Подробности: https://regnum.ru/news/polit/2637188.html
Любое использование материалов допускается только при наличии гиперссылки на ИА REGNUM.

2 Commenti

  • Vladimiro
    29 Maggio 2019

    Mi sembra impossibile trovare documenti. Ho l’impressione che per l’Occidente sia tutto censurato. Spero di sbagliare perchè mi sembra assurdo riuscire a censurare questo.

    • namelda
      30 Maggio 2019

      benvenuto nel mondo zombizzato dalla “libbera stampa democratica no fack”
      ispirata da “veline “color verde $ made in siaiei
      veline che riportano in neolingua la nonverità

Inserisci un Commento

*

code