Una storia di due sovrani, un lacchè e una tata

di Pepe Escobar

I lacchè del NATOstan rimarranno storditi e confusi. E allora; i lacchè mancano di profondità strategica, sguazzano semplicemente nelle acque basse dell’irrilevanza.

Sorprendenti immagini speculari ruotano attorno a due importanti sviluppi di questa settimana, direttamente incorporati nella Grande Narrazione che dà forma al mio ultimo libro, Eurasia v. NATOstan, recentemente pubblicato negli Stati Uniti: la visita di Xi Jinping a Parigi e l’inaugurazione del nuovo mandato di Vladimir Putin a Mosca.

Inevitabilmente, questa è una storia contrastante tra sovrani – il partenariato strategico globale Russia-Cina – e lacchè: i vassalli NATOstan/UE.

Xi, l’ospite ermetico per eccellenza, è piuttosto acuto nel leggere la tavola – e non stiamo parlando della finezza gastronomica gallica. Nel momento in cui si è seduto al tavolo di Parigi ha capito il quadro generale. Non si è trattato di un faccia a faccia con Le Petit Roi, Emmanuel Macron. Si trattava di una cosa a tre perché la Medusa Tossica Ursula von der Leyen, più propriamente definita Pustula von der Lugen, si era inserita nella trama.

Niente è andato perso nella traduzione per Xi: questa era un’illustrazione grafica del fatto che Le Petit Roi, il leader di un’ex potenza coloniale occidentale di terzo livello, gode di zero “autonomia strategica”. Le decisioni che contano provengono dall’eurocrazia kafkiana della Commissione Europea (CE), guidata dalla sua tata, la Medusa, e trasmessa direttamente dall’egemone.

Le Petit Roi ha trascorso tutto il tempo gallico di Xi balbettando come un bambino sulle “destabilizzazioni” di Putin e cercando di “coinvolgere la Cina, che oggettivamente gode di leve sufficienti per cambiare i calcoli di Mosca nella sua guerra in Ucraina”.

Ovviamente nessun consigliere dell’Eliseo – e ne è presente una bella folla – ha osato dare la notizia a Le Petit Roi sulla forza, la profondità e la portata del partenariato strategico Russia-Cina.

Quindi è toccato alla sua tata fornire volontariamente ad alta voce le scritte in piccolo sull’avventura “Monsieur Xi viene in Francia”.

Facendo fedelmente il pappagallo del Segretario del Tesoro Janet Yellen nella sua recente, disastrosa incursione a Pechino, la Tata ha minacciato direttamente l’ospite ermetico e superpotente: stai eccedendo in “sovracapacità”, stai producendo troppo; e se non lo fermi ti sanzioneremo a morte.

Questo per quanto riguarda l’“autonomia strategica” europea. Inoltre, è inutile soffermarsi su ciò che può essere descritto solo come stupidità suicida.

Difendere con fermezza una debacle

Passiamo ora a ciò che conta davvero: la catena di eventi che hanno portato al sontuoso quinto insediamento di Putin al Cremlino.

Iniziamo con il capo del GRU (dipartimento principale dell’intelligence) dello Stato maggiore delle forze armate russe, l’ammiraglio Igor Kostyukov (nella foto in basso).

Kostyukov, a verbale, ha infatti riconfermato che proprio alla vigilia dell’Operazione Militare Speciale (SMO), nel febbraio 2022, l’Occidente era pronto a infliggere una “sconfitta strategica” alla Russia nel Donbass, proprio come prima della Grande Guerra Patriottica. Guerra (il Giorno della Vittoria, per inciso, viene celebrato questo giovedì non solo in Russia ma anche in tutto lo spazio post-sovietico).

Quindi gli ambasciatori di Gran Bretagna e Francia furono chiamati al Ministero degli Esteri russo. Hanno trascorso circa mezz’ora ciascuno, separatamente, e se ne sono andati senza rivolgersi ai media. Non ci sono fughe di notizie sui motivi di entrambe le visite.

Eppure questo era più che ovvio. Il Ministero degli Esteri Russo ha consegnato una nota seria agli inglesi in risposta alle chiacchiere di David “d’Arabia” Cameron sull’uso di missili britannici a lungo raggio per attaccare il territorio della Federazione Russa. E per i francesi, un’altra nota seria sulle chiacchiere di Le Petit Roi sull’invio di truppe francesi in Ucraina.

Immediatamente dopo queste chiacchiere della NATO, la Federazione Russa ha avviato esercitazioni sull’uso di armi nucleari tattiche.

Quindi, quella che era iniziata come un’escalation verbale della NATO è stata contrastata non solo con messaggi severi, ma anche con un ulteriore, chiaro e severo avvertimento: Mosca considererà qualsiasi F-16 che entrerà in Ucraina come un potenziale portatore di armi nucleari, indipendentemente dal suo design specifico. Gli F-16 in Ucraina saranno trattati come un pericolo chiaro e presente.

E c’è di più: Mosca risponderà con misure simmetriche se Washington dispiegherà missili nucleari a raggio intermedio (INF) con base a terra in Ucraina – o altrove. Ci sarà un contrattacco.

Tutto ciò è accaduto nel quadro delle sorprendenti perdite ucraine sul campo di battaglia negli ultimi due mesi circa. Gli unici parallelismi sono con la guerra Iran-Iraq degli anni ’80 e con la prima guerra del Golfo. Kiev, tra morti, feriti e dispersi, potrebbe perdere fino a 10mila soldati a settimana: l’equivalente di tre divisioni, 9 brigate o 30 battaglioni.

Nessuna mobilitazione obbligatoria, qualunque sia la sua portata, può contrastare tale debacle. E la tanto pubblicizzata offensiva russa non è nemmeno iniziata.

Non è possibile che l’attuale amministrazione americana, guidata da un cadavere alla Casa Bianca, in un anno elettorale, invii truppe in una guerra che fin dall’inizio era stata scritta per essere combattuta fino all’ultimo ucraino. E non è possibile che la NATO invii ufficialmente truppe in questa guerra per procura, perché nel giro di poche ore verranno ridotte in una bistecca alla tartara.

Soldati ucraini in ritirata

Qualunque analista militare serio sa che la NATO ha meno di zero capacità di trasferire forze e risorse significative all’Ucraina – indipendentemente dagli attuali, magniloquenti “esercizi” di Steadfast Defender abbinati alla retorica mini-napoleonica di Macron.

Quindi è ancora una volta Ouroboros, il serpente che si morde la coda: non c’è mai stato un piano B per la guerra per procura. E con l’attuale configurazione del campo di battaglia, oltre ai possibili esiti, siamo tornati a quello che tutti, da Putin a Nebenzya alle Nazioni Unite, hanno detto: è finita solo quando lo diciamo noi. L’unica cosa da negoziare è la modalità di resa.

E ovviamente a Kiev non ci sarà alcuna cabala di felpa sudata: Zelenskyj è già un’entità “ricercata” in Russia, e tra pochi giorni, dal punto di vista legale, il suo governo sarà totalmente illegittimo.

La Russia si allinea con la maggioranza mondiale

Mosca deve essere pienamente consapevole che permangono gravi minacce: quello che la NATOstan vuole è testare la capacità strategica di colpire installazioni militari, produttive o energetiche russe all’interno della Federazione Russa. Questo potrebbe essere facilmente interpretato come un ultimo bicchierino di bourbon al bancone prima che il saloon 404 vada in fiamme.

Del resto, la risposta di Mosca dovrà essere devastante, come già comunicato da Medvedev Unplugged: “Nessuno di loro potrà nascondersi né a Capitol Hill, né all’Eliseo, né al numero 10 di Downing Street. Accadrà una catastrofe mondiale.

Putin, all’inaugurazione, era freddo, calmo e raccolto, impassibile di fronte a tutta l’isterica incandescenza che attraversava la sfera NATOstan.

Questi sono i suoi principali insegnamenti:

La Russia e solo la Russia determinerà il proprio destino.

La Russia attraverserà con dignità questo periodo difficile e fondamentale e diventerà ancora più forte, deve essere autosufficiente e competitiva.

La priorità fondamentale per la Russia è salvaguardare il popolo, preservando i suoi valori e le sue tradizioni secolari.

Putin parla come presidente della Russia di nuova investitura

La Russia è pronta a rafforzare le buone relazioni con tutti i paesi e con la maggioranza del mondo .

La Russia continuerà a lavorare con i suoi partner per la formazione di un ordine mondiale multipolare .

La Russia non rifiuta il dialogo con l’Occidente, è pronta al dialogo sulla sicurezza e sulla stabilità strategica, ma solo su un piano di parità.

Tutto ciò è estremamente razionale. Il problema è che l’altra parte è estremamente irrazionale.

Tuttavia, nel giro di pochi giorni si insedierà un nuovo governo russo. Il nuovo Primo Ministro sarà nominato dal Presidente dopo che la Duma avrà approvato la candidatura.

Il nuovo capo del gabinetto dovrà proporre al presidente e alla Duma i candidati alla carica di viceprimo ministro e ministro, ad eccezione dei capi del blocco di sicurezza e del Ministero degli affari esteri.

I capi del Ministero della Difesa, dell’FSB, del Ministero degli Affari Interni, del Ministero della Giustizia, del Ministero delle Situazioni di Emergenza e del Ministero degli Affari Esteri saranno nominati dal Presidente dopo aver consultato il Consiglio della Federazione.

Tutte le candidature ministeriali saranno presentate e prese in considerazione entro il 15 maggio.

E tutto ciò avverrà prima dell’incontro chiave: Putin e Xi faccia a faccia a Pechino il 17 maggio. Tutto sarà in gioco – e sul tavolo. Quindi inizia una nuova era, che delinea il percorso verso il vertice BRICS+ del prossimo ottobre a Kazan e le successive mosse multipolari.

I lacchè della NATOstan rimarranno storditi, confusi – e isterici. E allora; i lacchè mancano di profondità strategica, sguazzano semplicemente nelle acque basse dell’irrilevanza.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

12 commenti su “Una storia di due sovrani, un lacchè e una tata

  1. La Francia una volta aveva non diciamo un De Gaulle ma uno Chirac, ora ci sono ovunque nell’occidente ristretto dei dipendenti dei Rothschild come Macron, i quali obbediscono solerti agli ordini di Sion.
    Oggi Xi Jin-ping era ancora a Belgrado, a ricordare i 2500 morti del bombardamento NATO di 25 anni fa, tra cui anche 3 cinesi, allora forse dall’ambasciata i cinesi comunicavano ai serbi dati di intelligence satellitare con cui i serbi riuscirono ad abbattere almeno un caccia NATO, e di conseguenza questa decise di punire una Cina oggi infinitamente più potente, la pazienza confuciana permetterà a Pechino di prenderei sulla NATO una vittoria che, come diceva Machiavelli, non tema la vendetta.

  2. Meno di zero possibilità d’ intervenire o cambiare alcun che. L’ autore concorda col mio pensiero. L’ occidente e’ schiavo, e sarà vittima, della sua politica demenziale dello scorso ventennio. Sicuro falsamente che la Russia di Putin non sarebbe mai stata alla loro altezza si sono allargati troppo. Hanno investito gran parte delle loro risorse militari e finanziarie in Ucraina. Quando lo Zar ha detto nel 2014 no, questa è roba mia e me la riprendo si è aperto il delirio Nato. Eppure avevano già avuto segnali che Putin non è uno che si fa’ sfidare senza reagire, Cecenia e Siria docet. Ma sono troppo schiavi del lucro ed ottenebrati mentalmente per ammetterlo e cercare un altra soluzione. In tre parole, malati cronici di sionismo!!!!

  3. Dietro quelli che sguazzano nell’irrilevanza e mancano di profondità strategica (solo quella?) c’è l’impero del male assoluto che dispone di armamento nucleare, non accetta sconfitte, a costo di arrivare al “muoia sansone con tutti i filistei” in perfetta coerenza con i suoi sanguinari padroni ebrei.

    Cari saluti

  4. “Semiti è un termine che si riferisce a tutti quei popoli che parlano, o hanno parlato, lingue del ceppo semitico, cioè gli Arabi, gli Ebrei, gli Aramei, gli Assiri, i Cananeo-Fenici e dal punto di vista prettamente linguistico gli Abissini.” (Semiti, Wikipedia)

  5. Al governo di Europa c’è una signora Pfizer, la signora dei messaggini ; che razza di Europa può essere ?

  6. La “élite” statunitense aveva pianificato, programmato, la propria agenda per la conquista del Mondo ! Il problema è che la “élite” non ha le capacità per dominare il Mondo, ed infatti, fin dall’inizio, questa agenda ha accumulato un RITARDO, un ritardo che si è ampliato sempre di più ! Gigantesco !!! Storicamente ha perso il significato questo piano di conquista, essendo troppo lungo nella realizzazione ………….. Per es. :
    1) per raggiungere dal New England (la costa orientale degli Stati Uniti) il Pacifico, la California, i genioni americani (esattamente i nordisti schifosi)
    hanno impiegato 130 anni.
    2) nel 1943 il presidente Roosevelt credeva di essere diventato il primo imperatore americano del Mondo !!!!!!! Pensava che Stalin era un suo sottoposto ………… Lo ripeto: Stalin lo ha fatto fesso.
    Dunque i padroni americani sono così avidi che non percepiscono la Realtà, ma una deformazione della stessa ……….. è come se fossero drogati, allucinati. Il loro ERRORE FONDAMENTALE è la loro SOPRAVVALUTAZIONE di sé stessi e la SOTTOVALUTAZIONE DEL MONDO.
    Quando dico che sono idioti !

  7. Alla caduta di impero sovietico no era difficile prevedere… come questo enorme patrimonio territoriale umano e di risorse… appena liberato da giogo necroburocratico comunista… in mano a dirigenza competente ed affidabile… avrebbe sviluppato una Russia molto più competitiva di quella sovietica… per nulla disposta a subire dictat ricatti e spogliazioni di vecchi incalliti colonialisti angloamericani… e tantomeno di loro pavidi ed incapaci camerieri europei! Game over!…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  8. Questa è una guerra per forgiare i nuovi credo dei popoli….in primis occidentali …. La fotografia dell’ articolo è eloquente….il nuovo capo dell’ UE..e i sottoposti ..in Italia il cavallo di troia penta stellato ha servito bene la bandiera pentastellata….cinese.

  9. NEL MONDO OCCIDENTALE ED IN PARTICOLARE NEGLI STATITI UNITI é LA POTENTISSIMA LOBBY EBRAICA A COMANDARE. GLI EBREI, ORMAI, DETENGONO GRAN PARTE DEI MEZZI DI INFORMAZIONE, DELLE BANCHE E DELLA FINANZA INTERNAZIONALE. LA PROVERBIALE AVIDITA EBRAICA
    CONDURRA L’OCCIDENTE ALLA CATASTROFE. LA STORIA CI DICE CHE QUESTO POPOLO E IL PIU FANATICO E FEROCE DEL PIANETA TERRA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM