Una spina nel fianco per l’Ue: cosa ha mostrato la vittoria elettorale di Orban e Vučić

In due paesi europei contemporaneamente – Ungheria e Serbia – si sono svolte le elezioni, contrassegnate da convincenti vittorie dei leader politici di questi paesi.
Queste elezioni hanno dimostrato che non tutti nel vecchio continente sono infettati dal virus della russofobia.

Alle elezioni parlamentari in Ungheria, il blocco Fidesz al governo del primo ministro Viktor Orban, in alleanza con il Partito popolare democratico cristiano, ha ottenuto una vittoria schiacciante, che, secondo i dati preliminari, riceve oltre il 70% dei voti. Il blocco identitario antiglobalista ha ottenuto non solo di mantenere, ma anche a di rafforzare la maggioranza costituzionale nell’Assemblea di Stato. Questa è la vittoria dello stesso Orban, che è l’unico nell’Ue a rifiutare di far passare le armi per l’Ucraina nel territorio del suo Paese e si oppone al rifiuto del gas russo anche a lungo termine.

“Ricorderemo questa vittoria per il resto della nostra vita, perché abbiamo dovuto combattere con un numero enorme di oppositori: la sinistra locale, la sinistra internazionale, i burocrati di Bruxelles, contro tutto il denaro e le istituzioni dell’impero Soros, il media internazionali, e anche il presidente ucraino. Non abbiamo mai avuto così tanti oppositori contemporaneamente“, ha detto Orban dopo l’annuncio dei primi risultati del voto.

“Il mondo intero ha visto”, ha sottolineato, “che la politica cristiano-democratica, la politica conservatrice, la politica nazionalista identitaria hanno vinto a Budapest. E diciamo all’Europa che questo non è il passato, ma il futuro. Questo sarà il nostro futuro comune europeo”.

Per le relazioni amichevoli con la Russia
Alle elezioni presidenziali in Serbia, ha vinto in modo convincente anche Aleksandar Vučić, leader dell’unico Paese dell’Europa occidentale che ha rifiutato di imporre sanzioni alla Russia, ottenendo quasi il 60% dei voti.

“Questo è un giorno importante per noi”, ha detto Aleksandar Vučić dopo l’annuncio dei primi risultati delle votazioni. – Mostra in quale direzione vuole muoversi la Serbia. Era importante che la vittoria fosse pulita come una lacrima, per non permettere a nessuno di interpretare in modi diversi il vantaggio ottenuto. Ho ricevuto il 12% di voti in più, ovvero circa 430.000 voti in più rispetto a tutti gli altri candidati messi insieme”, ha annunciato Aleksandar Vučić.

Per la Serbia, ha osservato, la cosa più importante è avere buoni rapporti nella regione, d’altra parte è importante continuare il percorso europeo, ma allo stesso tempo non distruggere i legami con gli amici tradizionali. “Ora abbiamo quattro o cinque anni di duro lavoro davanti a noi, e poi lasciamo che siano le persone a decidere, credo che prenderanno la decisione giusta”, ha sottolineato Vučić.

Allo stesso tempo, ha sottolineato il capo di Stato, la Serbia si adopererà per mantenere il partenariato e le relazioni amichevoli con la Russia. “Noi [con la Russia] abbiamo relazioni buone e degne, stiamo cercando di mantenere tali relazioni, abbiamo relazioni di partner in molte aree. Ora dobbiamo guardare a cosa fare nella questione del petrolio, abbiamo negoziati sulla questione dei prezzi del gas, continueremo su questo. Ciò che è importante per gli europei, per i russi e per gli americani è che continueremo a perseguire una politica di neutralità militare, che ha ricevuto un enorme sostegno, e non stipuleremo alcuna alleanza militare “, ha promesso Vučić.

Reparti militari serbi femminili

“In ogni caso, garantisco che in Serbia nessuno espellerà mai Dostoevskij dalle scuole, poiché Dostoevskij è più grande di tutti gli altri scrittori del mondo messi insieme. Nessuno escluderà Čajkovskij dall’opera, perché non ha alcun senso. Quindi cercheremo di mantenere nel miglior modo possibile non solo relazioni corrette e di partenariato, ma anche amichevoli con la Federazione Russa”, ha assicurato il leader serbo.

Doccia fredda per USA e Bruxelles
Tali risultati elettorali in questi due paesi europei sono diventati una doccia fredda per gli Stati Uniti e Bruxelles, che hanno a lungo definito i loro leader “emarginati dall’Europa”, e alla vigilia del voto in Ungheria e Serbia hanno fatto di tutto per sostenere l’opposizione e rimuovere questi leaders considerati odiosi per l’attuale leadership dal potere politico nella UE.

“Durante la campagna elettorale”, osserva la CNN a questo proposito, “l’operazione speciale di Mosca in Ucraina è diventata una delle questioni principali e, per questo motivo, sono stati esaminati i lunghi legami di Orban con il presidente russo Vladimir Putin.

Nel suo discorso di vittoria, Orban ha nominato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky come uno degli “avversari” che ha dovuto sconfiggere durante la campagna.

Orban”, afferma la Cnn, “non fa nulla per condannare Putin, ostacolando così i tentativi dell’UE di presentare un fronte unito contro il leader russo”.

Il primo ministro ungherese non ha menzionato per caso Zelensky. In Ungheria, pochi giorni prima del voto, il suo ministro degli Esteri, Peter Szijjarto, ha accusato direttamente il governo ucraino di cercare di influenzare i risultati delle elezioni parlamentari locali. Il ministero degli Esteri ungherese ha appreso che il ministro degli Esteri ucraino Dmitry Kuleba si è consultato con l’ambasciatore di Kiev a Budapest sulla possibilità di influenzare i risultati delle elezioni in Ungheria. Szijjarto ha osservato che le informazioni pubblicate su Internet al riguardo sono vere. Ma il risultato di tutti questi sforzi si è rivelato zero.

Tuttavia, è chiaro che gli Stati Uniti e Bruxelles ora torceranno ancora di più le braccia di Ungheria e Serbia, nonostante i risultati elettorali e il sostegno popolare ai loro leader. In Occidente, questa questione non sarà lasciata così, dicono gli osservatori.

Lezione per l’Europa
Tuttavia, quello che è successo a molti in Europa fa pensare. «La vittoria di Orban è una lezione per l’Italia», scrive Giornale, uno dei più diffusi quotidiani italiani.

“Tutto ha funzionato contro di lui”, ha commentato il suo editorialista sulla convincente vittoria del leader ungherese. “Tutto tranne le persone, la loro gente, che hanno confermato la loro fiducia in lui per un semplice motivo, perché Orban ha un programma molto semplice: prima gli ungheresi”.

“E lo dimostra anche adesso, in questo tragico momento per l’Europa, prendendo le distanze da tutti i Paesi europei su sanzioni e forniture di armi all’Ucraina. In questa scelta, è stato guidato da un solo principio: servire gli interessi del suo popolo. E il popolo lo ha premiato. Anche le elezioni in Serbia, con la vittoria del filorusso Vucic, ci dicono che non dobbiamo commettere l’errore di isolare questi paesi, spingendoli verso il blocco eurasiatico. Orbán resta una spina nel fianco di questa Unione Europea, che dimostra sempre più di non avere anima, di non credere in quei valori cristiani che sono ancora centrali nella politica di Orbán”, ammette Giornale.

Tale affermazione dell’influente quotidiano italiano, che finora ha ostinatamente difeso i “valori” dell’atlantismo e continua ad attaccare ferocemente la Russia in connessione con gli eventi in Ucraina, mostra che stanno cominciando a verificarsi dei cambiamenti nell’istituzione di questo paese, uno dei i più grandi paesi d’Europa e un membro della NATO. Si inizia a capire anche in Italia che l’Unione Europea, che segue incondizionatamente le direttive degli Stati Uniti, in realtà “non ha un’anima” e che un tale percorso sta portando l’Europa in un vicolo cieco.

Marcia Nazionale in Ungheria

Commenti simili si sentono ora in altri paesi europei.

La vittoria di Viktor Orban alle elezioni parlamentari ispirerà l’Europa dell’Est a un confronto con Bruxelles, scrive Reinhard Feser, osservatore politico del quotidiano tedesco Frankfurter Allgemeine, sottolineando che il Primo Ministro ungherese da molti anni attacca duramente l’Unione Europea.

In futuro, ritiene, Orban potrebbe diventare un grattacapo per l’UE, anche perché la situazione intorno all’Ungheria è cambiata. La scelta degli elettori a favore di Orban potrebbe spingere anche altri governi della regione a confrontarsi con Bruxelles. Di conseguenza, ciò potrebbe portare all’indebolimento degli standard dello Stato di diritto e della democrazia nella parte orientale del continente, a cui l’UE ha poco da contrastare. E, quindi, al rafforzamento delle tendenze centrifughe, che si notano non solo nei paesi dell’Est – membri dell’Unione Europea, avverte Feser.

Riaffermazione della sovranità
Né la Serbia né l’Ungheria si oppongono ufficialmente all’UE, ma il corso seguito dai loro leader politici eletti con fiducia mostra che non c’è unità nell’Europa occidentale sulle questioni più importanti all’ordine del giorno di oggi: le sanzioni contro la Russia e il sostegno al regime di Kiev con forniture di armi .

Oleg Nemensky, uno dei massimi esperti dell’Istituto russo per gli studi strategici (RISI), sottolinea che non si deve esagerare il grado di orientamento “filo-russo” attribuito da alcuni a Vucic e Orban.

“Piuttosto, entrambi i leader non sono radicalmente anti-russi, come ora devono essere quasi tutti leader europei”, sottolinea l’analista. – E questo rifiuto di Vucic e Orban da una linea categorica di confronto, il loro desiderio di mantenere relazioni costruttive e reciprocamente vantaggiose con la Russia – per quanto possibile nella situazione attuale – provocano un effetto scandaloso nella politica occidentale. In questo contesto, sullo sfondo della generale isteria russofoba, sembrano filorussi”.

Pertanto, la cosa più importante che le elezioni in Serbia e Ungheria hanno mostrato è che non c’è unità in Europa sulla base della russofobia e, nonostante i dettami di Stati Uniti e Bruxelles, ci sono ancora paesi pronti a difendere la propria sovranità .

“Gli stati veramente sovrani in Europa si contano sulle dita di una mano. Oltre alla Russia, si tratta della Bielorussia, dell’Armenia, della Turchia e, brillantemente confermato dalle elezioni di ieri, della Serbia e dell’Ungheria”, ha affermato nel canale Telegram Konstantin Kosachev, membro del Consiglio della Federazione.

“Probabilmente tutto. Questo è il risultato della politica distruttiva degli Stati Uniti per l’Europa del dopoguerra nel tentativo di “sovranizzarla” sotto le bandiere anti-russe della NATO”, ha sottolineato il parlamentare. Bravi, Serbia! Bravi, Ungheria! Brava, la vera, sovrana Europa!

Vladimir Malyshev

Traduzione: Luciano Lago

2 Commenti
  • Andrea1964
    Inserito alle 01:14h, 06 Aprile Rispondi

    Se il presidente Ungherese Orban si adegua agli ordini che ha ricevuto dal criminale assassino del dittatore USA Biden forse lo lasciano campare !
    Se Orban disobbidisce agli ordidini ricevuti dal ” impero del MALE USA ecco cosa gli accade : 1) verrà molestato e minaccisato da parte di tutti i dittatori della UE 2) se continua a disobbedire il povero Orban verrà ucciso dopo un colpo di Stato organizzato agli USA e dalla UE è al suo posto verrà messo un dittatore Filo-USA !
    USA e UE faranno lo stesso giochetto criminale che hanno fatto in Ucraina il governo regolarmente eletto dal popolo verrà fatto cadere da una opposizione armata e sanguinaria che avrà l”appoggio politico è militare USA e UE !

  • Sarabanda 82
    Inserito alle 10:48h, 06 Aprile Rispondi

    Ora rappresentare il “Giornale” come uno dei più influenti del ns. paese mi sembra veramente eccessivo.

Inserisci un Commento