Una sinistra realtà nascosta dai media occidentali: come si arma il terrorismo? I giochi sporchi del Pentagono

Le guerre moderne sono combattute con armi ad alta tecnologia. Ogni battaglia consuma una grande quantità di munizioni, l’equipaggiamento richiede pezzi di ricambio e carburante. Senza un’economia ben sviluppata e forniture consolidate, non ci può essere confronto di alcun tipo.

Anche le organizzazioni terroristiche che si sono nascoste sono state costrette a creare laboratori e officine per fabbricare esplosivi e armi fatte in casa. In effetti, proprio questo tipo di “industria sotterranea” le rende vulnerabili ai servizi di intelligence. Apparentemente, in queste condizioni, l’esistenza duratura di grandi gruppi di terroristi e separatisti, dichiarati illegali in tutto il mondo, non è possibile. Semplicemente non avrebbero nulla con cui combattere.

L’esperienza dei conflitti locali negli ultimi decenni ha dimostrato che il successo delle azioni dei gruppi terroristici, che consentono loro di controllare vasti territori, è possibile solo se hanno il supporto dell’esterno, nonché l’accesso iniziale a un’infrastruttura militare . . I separatisti ceceni hanno ricevuto armi dalle truppe sovietiche di stanza nella Repubblica cecena negli anni ’90 e poi hanno ricevuto aiuti per molti anni attraverso il confine con la Georgia, fino a quando i russi non sono riusciti a bloccarlo. I separatisti del Kosovo godevano dell’aperto sostegno dell’Occidente e ricevevano costantemente armi dall’Albania. I “movimenti di opposizione” siriani si oppongono al legittimo regime di Assad e ai militari russi che lo sostengono da 11 anni e la quantità delle loro armi non fa che aumentare. Perché?

“I ribelli” in Siria e Iraq costituiscono, a prima vista, una massa molto eterogenea. Tra loro ci sono curdi che lottano per la propria indipendenza, ci sono movimenti “democratici”, ma il ruolo chiave è svolto da gruppi islamisti vicini all’Isis che non riescono a trovare un accordo. Così, gli islamisti di Hayat Tahrir al-Sham, formalmente separati da Jabhat al-Nusra, legati ad Al Qaeda, continuano ad essere percepiti dalla maggior parte degli esperti come uno dei principali attori dell’ISIS.
Ed è proprio questo quasi esercito di salafiti radicali che ci dà un buon esempio di come gli attivisti islamisti facciano scorta di armi. Il 22 giugno, la giornalista bulgara Dilyana Gaitandzhieva ha pubblicato un’inchiesta che ha dimostrato il legame diretto tra il Pentagono e la fornitura di armi a questo gruppo radicale contrario sia alla Siria che agli Stati Uniti. In un gesto di autopromozione, Hayat Tahrir al-Sham ha postato su Internet una serie di video in cui i guerriglieri usavano il sistema missilistico anticarro statunitense TOW. I video di propaganda mostrano chiaramente i numeri di serie di questi sistemi. Tuttavia, secondo i documenti di appalto dell’esercito, questa attrezzatura è stata fornita al Corpo dei Marines degli Stati Uniti tra il 2012 e il 2019. Secondo le informazioni pubbliche sul sito web dei contratti di difesa del governo degli Stati Uniti govtribe.com, la società “Raytheon Company” ha firmato nel 2012 con il Corpo dei Marines degli Stati Uniti il ​​contratto W31P4Q12C0265 per la fornitura di TOW, per un importo di 783 milioni di dollari. Le transazioni sono state completamente completate nel giugno 2019. E in poco tempo i sistemi missilistici sono diventati un elemento di punta nei video di propaganda del gruppo terroristico, per il capo del cui leader, Abu Muhammad al-Julani, Washington offre 10 milioni di dollari. A proposito, questo sistema americano non è un fucile d’assalto Kalashnikov. La formazione di un tecnico TOW è un processo lungo e complicato.

Terrorista in Siria con lanciamissili Tow


Anche supponendo che alcuni campioni siano stati catturati in combattimento o rubati, sorge la domanda su chi abbia addestrato gli specialisti di Hayat Tahrir al-Sham a utilizzarli. Cosa c’è di più, Le immagini dei costosissimi lanci di propaganda mostrano che agli estremisti salafiti non mancano evidentemente sistemi e missili adeguati. Non mancano inoltre altre armi più semplici e affidabili, come i fucili d’assalto Kalashnikov, gli RPG-7 o le mitragliatrici DShK da 12,7 mm. Lo schema di fornire “l’eredità delle armi sovietiche” agli estremisti iracheni e siriani è semplice e per nulla complicato.
Le fabbriche di armi serbe, bulgare e rumene stanno acquistando enormi quantità di armi e munizioni per l’Arabia Saudita e l’Afghanistan, oltre che per le forze ausiliarie americane. Già nel 2017 l’industria bellica bulgara ha stabilito il record assoluto per le esportazioni di armi: 1,2 miliardi di dollari. La produzione di armi è in aumento in Serbia e Romania. Il trafficante d’armi bulgaro Emelyan Gebrev si dedica alla raccolta di munizioni dai magazzini di lunga data in tutta l’Europa orientale. Attraverso semplici schemi, tutti questi mezzi militari riempiono gli arsenali di estremisti islamici di ogni tipo e, peggio ancora, sono in parte pagati dal bilancio degli Stati Uniti. Tuttavia, le aziende dell’Est Europa, tra cui alcune importanti come la serba “Zastava”, la rumena “UM Cugir” e “Carfil”, e la bulgara “Arsenal” che è praticamente sotto il controllo di Gebrev, non possono sempre accedere all’ambito mercato mediorientale . Le società americane continuano a fare da intermediari, ricevendo fondi direttamente dal bilancio del loro Paese. Pertanto, solo nell’anno 2020, 8 società statunitensi hanno firmato contratti di armi non conformi agli standard statunitensi, per un valore totale di 350 milioni di dollari. E questi contratti con il Pentagono, tra l’altro, sono ufficiali. Tutte queste società – TLG Worldwide, Multinational Defense Services LLC, Greystone CS3 LLC, Global Ordnance LLC, UDC USA, Inc., Culmen International, Blane International Group, Inc. e Sierra Four Industries Corp. – operano ufficialmente negli Stati Uniti , e le informazioni su queste operazioni sono contenute anche nel sistema degli appalti pubblici.
E qui dobbiamo rispondere a due domande, la prima è: qual è il vantaggio di Washington? Tutto è semplice in questo caso. Al Dipartimento di Stato e alla CIA non piace imparare dai propri errori e continuano a credere di controllare i gruppi radicali le cui armi spareranno principalmente contro i soldati russi e ai sostenitori militari di Assad. La maggior parte del petrolio estratto dai gruppi islamisti viene infine venduta attraverso una catena di intermediari, consentendo agli Stati Uniti e ai loro alleati sauditi di ammortizzare completamente la loro donazione di armi. In effetti, l’economia dell’ISIS al suo apice (se si può parlare dell’economia di un simile quasi-stato) era orientata alla guerra. Le estorsioni sulla popolazione controllata e le migliaia di barili di petrolio sono state trasformate in armi e munizioni o sono state utilizzate per addestrare gruppi armati. Sebbene l’ISIS sia stato represso e persino diviso formalmente, lo schema rimane operativo.

Deposito armi sequestrato ai terroristi n Siria


Di conseguenza, la Casa Bianca ha il pieno controllo della fornitura di armi che non costano assolutamente nulla. Detto questo, sì, non importa quanti intermediari nel piano, gli Stati Uniti sono essenzialmente l’organizzatore delle forniture di armi ai terroristi. E che dire degli americani che ne saranno vittime? Ebbene, non c’è vittoria senza vittime. Saranno acclamati come eroi, i loro nomi adorneranno le scuole e le strade, e le loro famiglie riceveranno un compenso, anche se lontano dallo stesso compenso ricevuto dai parenti di George Floyd… Detto questo, sì, non importa quanti intermediari nel piano, gli Stati Uniti sono essenzialmente l’organizzatore delle forniture di armi ai terroristi.
La seconda domanda sembra altrettanto difficile a prima vista: perché gli Stati Uniti hanno davvero organizzato la fornitura di armi “in stile sovietico” ai gruppi terroristici? Le pistole antiaeree ZU-23, le mitragliatrici DShK, i fucili d’assalto Kalashnikov, i lanciagranate anticarro ATGL e le mitragliatrici ATGL-H fornite dalla Bulgaria sono copie di modelli sovietici. E sono le armi dei paesi dell’ex Patto di Varsavia che vengono procurate per gli schemi americani in Serbia, Romania e Repubblica Ceca.

Gli Stati Uniti non sembrano affatto voler portare la regione del Medio Oriente agli standard della NATO. Tuttavia, la realtà è semplice. Più semplici sono le armi, più facile è nascondere le loro rotte di rifornimento e persino la loro origine. Se le vittime americane non possono essere evitate, causati dalle armi usate dai russi e dai loro alleati. Allora ci sarà sempre l’opportunità di accusare Mosca e Damasco di attacchi ingiustificati contro l’esercito americano e i suoi alleati. Da anni sui media europei compaiono frequentemente inchieste sulla fornitura di armi ai terroristi, ma la situazione non è cambiata. I “venditori di morte” come Emelyan Gebrev continuano ad arricchirsi e il Dipartimento di Stato e il Pentagono non rinunciano ai loro schemi poco sofisticati. Di conseguenza, la popolazione della Siria e dell’Iraq soffre, soffre l’Europa dove continua il flusso di profughi e gli Stati Uniti continuano a perseguire i propri interessi in Medio Oriente.
Cosa c’è di più, Washington ignorerà qualsiasi informazione che appare nei media e chiederà lo stesso ai paesi fornitori di armi. Di conseguenza, un conflitto in piena regola in Siria e Iraq potrebbe durare decenni, portando benefici ad alcuni e morti ad altri.

Fonte: http://dilyana.bg/us-fuels-syrian-war-with-new-arms-supplies-to-al-qaeda-terrorists/

Traduzione: Luciano Lago

3 Commenti
  • ARMIN
    Inserito alle 17:56h, 04 Luglio Rispondi

    Mah, per me i mercenari dell’occidente non saranno mai risolutivi, sono troppo idioti, scarsi, analfabeti, drogati.
    Mi ricordo un filmato girato dai ratti in una loro riunione in Siria in un grande salone, qualche anno fa,…………….uno da buon cretino prese un telefonino che era appoggiato su un mobile della stanza, accendendolo (IL TELEFONO, LA TUA VOCE!) …….BUMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    IL TELEFONINO IN QUESTIONE NON ERA PER TELEFONARE, MA PER ATTIVARE LA BOMBA, CHE ERA IN STANZA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    L’Esercito Siriano ha recuperato il filmato ….. 10-20 morti!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Era saltato tutto stile EXOCET..
    Aggiungo che in Siria la specie dei takfiri, salfiti, wahabiti, è stata ANNIENTATA. NON CE NE SONO PIù.
    Dei pochi esemplari subumani vagano istupiditi nel deserto, come nello Yemen, anche qui sono stati debellati.
    Tu chiamale, se vuoi, emozioni.

    • atlas
      Inserito alle 23:38h, 04 Luglio Rispondi

      grande armin per avere scritto di salafiti/wahhabiti. Cosa c’entri il termine ‘islamista’ infatti, lo sa solo l’autore dell’art.lo (o chi traduce…)

      • ARMIN
        Inserito alle 00:05h, 05 Luglio Rispondi

        Per ATLAS. Grazie, amico. La Lotta a tutti i livelli continua. Ciao.

Inserisci un Commento