Una presunta “minaccia russa” agli stati della NATO serve a giustificare le spese militari dell’alleanza e lo spiegamento delle forze statunitensi in Europa.

Mentre il ministero degli Esteri russo ha pubblicato martedì in una dichiarazione, i media occidentali con le loro pubblicazioni anti-russe cercano di creare l’immagine e stabilire il concetto dell’ “aggressore russo”.
“Richiamiamo l’attenzione su alcune pubblicazioni sui media occidentali i cui autori impongono al pubblico timori” seri “su una minaccia alla sicurezza per gli stati membri dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) che presumibilmente emana dall’enclave russo di Kaliningrad ‘ attrezzato con le ultime armi ” , afferma la dichiarazione.

Il testo indica che gli Stati Uniti e gli altri paesi dell’Alleanza atlantica usano entrambi una retorica offensiva per incolpare Mosca per le sue presunte “azioni irresponsabili”.

Alcune pubblicazioni, aggiunge la dichiarazione, citano il comandante della US Air Force. in Europa, il generale Jeff Harrigian, affermando che il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (il Pentagono) ha un piano per rompere il sistema di difesa aerea integrato di Kaliningrad.

Dalla Russia si risponde alla NATO: facciamo ciò che vogliamo a Kaliningrad |
La Russia si riserva il diritto di fare quello che vuole nel “suo territorio”, l’enclave russa di Kaliningrad, ha assicurato un alto funzionario russo che respinge le richieste della NATO di mostrare “trasparenza” nello spiegamento dei sistemi tattici di Iskander in quella regione.

Nonostante la politica distruttiva degli Stati Uniti che ha rimosso l’accordo dal trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio (INF) e lo smantellamento deliberato di Washington di questo accordo internazionale, le azioni della Russia per lo sviluppo, la produzione e lo spiegamento di missili terrestri a corto e medio raggio sono solo una forma di risposta, insiste il portavoce russo.

La “propaganda anti-russa” mira a manipolare l’opinione pubblica per portare avanti gli interessi espansionistici del complesso militare-industriale degli Stati Uniti. in Europa, afferma il ministero degli Esteri russo.

Carri armati USA inviati nel Baltico

Durante la loro ultima riunione il 4 dicembre a Londra, la capitale britannica, i 29 stati membri della NATO hanno annunciato la loro decisione di aggiungere 130 milioni di dollari in investimenti nella difesa, una cifra che avrebbe aumentato il budget della NATO a 400 milioni di dollari. dollari entro il 2024.

La stessa ministra della Difesa Francese, Florence Paerly, nel corso di una intervista al settimanale “LeJournal du Dimanche” ha criticato aspramente le pressioni esercitate dall’Amministrazione USA sui membri della NATO perchè questi acquistino gli armamenti di ultima generazione prodotti negli USA, come i caccia furtivi F-35.
La ministra francese ha messo in questione il diritto di Washington di esercitare tali pressioni che non può essere contestuale al trattato dell’Alleanza Atlantica dove non esiste un articolo che obblighi i membri della NATO ad acquistare tali armamenti dagli USA.

La mappa delle basi USA nell’Eurasia


Questo spiega l’intensa propaganda dei media atlantisti che agitano in continuazione la “minaccia russa” per convincere tutti i paesi membri dell’Allenza ad acquistare i nuovi armamenti prodotti dalle industrie statunitensi.
In realtà è sufficiente aprire un a carta geografica e verificare la quantità di basi miltari costituite dagli USA e dalla NATO attorno alla Russia, dal Baltico al Mar Nero, per capire chi minaccia chi. Fonte: Hispan Tv

https://www.hispantv.com/noticias/francia/443568/otan-eeuu-armas-macron

Traduzione: Luciano Lago

3 Commenti

  • amadeus
    11 Dicembre 2019

    Quella cartina non dovrebbe essere vista solo da chi visita Controinformazione, ma dovrebbe avere una più ampia diffusione per far capire ai disinformati e a coloro che credono ancora alla befana, che la Russia non é quello che gli u.s. vogliono far credere allo scopo di giustificare le loro aggressioni all’opinione pubblica ma esattamente il contrario. Una cosa é certa, finché non avranno una buona lisciata che li costringerà a stare buoni buoni in un cantuccio per almeno un secolo, te li ritroverai sempre a rompere i c…..ni al mondo intero

  • eusebio
    11 Dicembre 2019

    La NATO tra non molto si dovrà preoccupare della Cina, le cui forze armate sono già le maggiori per dimensioni, e che anche se non verranno mandate in giro per il mondo potranno esercitare una enorme pressione sul teatro del Pacifico, mettendo in crisi le antiquate forze armate USA.

  • atlas
    12 Dicembre 2019

    è democrazia internazionale contro Sovranismo Nazionale. Non c’è nessun arbitro, chi ha Dio con se (Il più Forte e Potente) vincerà

Rispondi a atlas cancella risposta

*

code