Una nave della coalizione saudita è stata catturata dalle forze yemenite nelle acque di Hudaidah (Yemen occidentale).

Un nuovo successo per le forze della resistenza Yemenita. Il movimento di resistenza dello Yemen, Ansarulá, ha annunciato che tre navi, inclusa una nave saudita, sono state catturate sulla costa occidentale mentre si infiltravano nelle acque yemenite.

La guardia costiera yemenita ha annunciato, in una dichiarazione lunedì 18 novembre, nella notte, che tre navi, tra cui la “Rabigh 3”, una nave da guerra saudita che si trovava nelle acque yemenite, sono state bloccate a circa 4,83 km dall’isola da Aqban, nel Mar Rosso.

Alle navi era stato ordinato di non entrare nelle acque territoriali dello Yemen, ma avevano ignorato l’avvertimento. Ed è stato allora che la forza costiera yemenita è entrata in azione.

“Le navi, compresa la nave saudita Rabigh 3, sono state trasferite nel porto di Salif per svolgere le azioni legali”, ha dichiarato il canale televisivo yemenita Al Masirah, citando la dichiarazione della Guardia costiera di Ansarulá.

La coalizione saudita ha confermato lunedì 18 novembre la cattura di un rimorchiatore da parte di due navi con a bordo persone armate.

“Domenica, mentre il rimorchiatore Rabigh 3 navigava nel sud del Mar Rosso, è stato sequestrato da elementi affiliati alla milizia degli Houthi”, ha detto il portavoce della coalizione sudita, Turki al Maliki. in una dichiarazione rilasciata dall’agenzia saudita SPA.

Secondo il sito Web Marine Traffic, la città saudita di Yeddah è il porto di origine di Rabigh 3, che innalza la bandiera saudita.

A questo proposito, Reuters ha citato un alto funzionario di Ansarulá, che ha affermato che i combattenti di Ansarulá nello Yemen avevano catturato una “nave sospetta” nel Mar Rosso, ma la avrebbero rilasciata se fosse stato scoperto che apparteneva alla Corea del Sud dopo il completamento del procedimento giudiziario.

Il funzionario ha parlato dopo che la coalizione di aggressione saudita ha accusato Ansarulá di “dirottare” una nave che rimorchiava una piattaforma sudcoreana.

Truppe Yemenite degli Houthi

“Le guardie costiere yemenite stanno facendo il loro lavoro per determinare se le navi appartengono davvero agli aggressori o alla Corea del Sud. Se si tratta della Corea del Sud, verrà rilasciata dopo un procedimento giudiziario. Assicuriamo a tutti che non è necessario preoccuparsi del personale a bordo delle navi “, ha scritto su Twitter Mohammed Ali Al Huzí, capo del Comitato rivoluzionario yemenita, sottolineando che l’equipaggio viene trattato bene.

Guerra asimmetrica

Gerry Northwood, della compagnia internazionale di sicurezza marittima MAST, ha affermato che la cattura di navi da parte di Ansarulá ha mostrato la sua forza in una “guerra asimmetrica”, in particolare la sua capacità di operare nel settore marittimo.

Negli ultimi anni di guerra, Ansarulá ha dimostrato di avere la capacità di fare cose, che si tratti di attacchi missilistici, piazzamento di mine o, in questo caso, il sequestro di una nave. Il fatto che i sauditi non possano proteggere costantemente le loro navi in ​​quest’area è un problema molto serio per loro “, ha detto Northwood ad Al Jazeera.

Fonte: Al Manar

Traduzione: Lisandro Alvarado

Inserisci un Commento

*

code