“Una minaccia chiara”: gli Stati Uniti hanno annunciato una possibile manovra russa in Ucraina

RS: Il crescente potere della Russia le consentirà di dettare le condizioni all’Ucraina e all’Occidente

L’Ucraina è davvero in una situazione di stallo? Si domandano gli esperti ma avvertono che è peggio di così.

La controffensiva estiva dell’Ucraina, annunciata da Kiev e da alcuni osservatori occidentali come un punto di svolta nella guerra, non è riuscita a infliggere un colpo decisivo alle forze russe in Ucraina e si trova in una situazione di stallo.

Le truppe russe hanno innegabili vantaggi sul campo di battaglia, il che consente a Mosca di dettare le sue condizioni sia a Kiev che ai paesi occidentali. L’analista Mark Episkopos scrive a riguardo in un articolo per Responsible Statecraft .
Tuttavia, l’opinione diffusa che la guerra sia entrata in una fase di stallo, e molte delle prescrizioni politiche che derivano da questa nozione, hanno richiesto un crescente grado di controllo da parte di esperti. “Non vedo uno stallo duraturo o stabile in questa fase”, ha affermato Michael Kofman, membro senior del Programma Russia ed Eurasia presso il Carnegie Endowment for International Peace.
Secondo l’analista c’è una “minaccia chiara” dovuta alla mancanza di manovre diplomatiche. Secondo lui, “i crescenti vantaggi della Russia potrebbero alla fine raggiungere una massa critica e trasformarsi nella capacità di mettere Kiev e i suoi partner occidentali di fronte ad un triste fatto compiuto”.
“L’anno prossimo, e probabilmente durante questo inverno, non penso sia irragionevole aspettarsi che l’esercito ucraino, ad un certo punto lungo il fronte, ceda davvero”, ha avvertito Davis.

Forze russe

Episkopos ha inoltre affermato che i paesi occidentali non hanno ancora pienamente compreso la complessità della situazione che si è creata per loro e per l’Ucraina.

Ricordiamo che il giorno prima, il coordinatore per le comunicazioni strategiche presso il Consiglio di Sicurezza Nazionale della Casa Bianca, John Kirby , ha ammesso che il sostegno di Washington a Kiev è in un momento critico, sottolineando la mancanza di flessibilità nella questione del volume di pacchetti di assistenza.
Tuttavia gli ambienti occidentali non hanno compreso ancora pienamente le conseguenze di un possibile crollo delle forze ucraine, dato come probabile nei primi mesi del 2024.

Fonte: responsiblestatecraft.org/

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

7 commenti su ““Una minaccia chiara”: gli Stati Uniti hanno annunciato una possibile manovra russa in Ucraina

  1. Gli stati uniti hanno attivato il sistema haarp installato in alaska attivando tale sistema sono in grado di provocare terremoti, disastri ambientali incendi, mal tempo questa volta lo hanno usato contro la crimea.

  2. Gli USA si devono mettere in testa che sono ” una” potenza e non ”la” potenza ; purtroppo chi è abituato a rapinare fa fatica a perdere il vizio, è duro perderlo.

  3. Per capire quando i russi vinceranno, a meno di sorprese impreviste (polacchi e baltici che entrano nel nord-est ukro-galiziano per “difenderlo”, improvvisa escalation e allargamento del conflitto alla nato, eccetera), si deve tener conto del fatto che i rifornimenti di sitemi d’arma e munizionamento dall'”occidente collettivo” si sono molto ridotti, in particolare a partire dal 7 ottobre c.a., quando molto munizionamento (proiettili d’atiglieria in particolare e bombe d’aereo) usa è stato “dirottato” verso l’entità sionista in Palestine, per consentire agli eberei di “spianare” Gaza … I nazi-ukro-nato non hanno più un’industria che possa supportare gli sforzi bellici e dipendono quasi internamente dagli statunitoidi-nato per le armi e il munizionamento, il tutto aggravato dal drammatico fallimento della “controffensiva” iniziata il 4 giugno c.a. e dalle enromi perdite subite senza ottenere alcun risultato strategico.
    Già quest’estate, nel vertice nato di vilnius nel mese di luglio, quindi prima del 7 di ottobre, è stata presa la decisione (credo in via riservata e comunicata a zelensky, prese4nte abusivamente al vertice) che se la carane da cannone ukraina sui fronti non avesse ottenuto almeno un risultato eclatante, sbandierabile mediaticamente e definibile strategico, per il 2024 il “sotegno” all’ukraina sarebbe diminuito, questo anche perché, propaganda a parte, i depositi di armi delle colonie nato sono già a rischio di svuotarsi completamente e la capacità produttiva di armi e munizioni, usa + colonie europee, non aumenterà in tempi brevi, mentre quella russa, da sola, è già oggi molto superiore a quella degli usa + colonie …
    Il conflitto, senza eveneti imprevisti di mezzo, sarà dunque deciso dalla tenuta dei troll nazi-ukro-nato su tutta la linea del fronte (mille chilometri circa?), ma con rifornimenti e sostegno esterno in calo, perdite draconiane, scarsità di truppe bene addestrate e la perdita dell’iniziativa, problemi gravi che già oggi si fanno sentire, possiamo ipotizzare soltanto qualche mese di “sopravvivenza”, se andrà bene fra la fine di questo inverno e l’inizio della prossima primavera, se andrà peggio anche un paio di mesi …

    Cari saluti

  4. A me dispiace per gli ukra e gli occidentali ma quello che vedo io in Ucraina è una gigantesca Verdun. Non potendo schivare la guerra i russi hanno scelto per la battaglia un luogo vicino facile da rifornire in un ambiente tutto sommato amico. L’ Occidente si è messo in trappola. Se non rinsavisce si combatterà fino all’ ultimo uomo, poi fino all’ ultima donna …per poi passare all’ ultimo polacco, all’ ultimo rumeno…e finanche, grazie a Mattarella, all’ ultimo italiano. L’ Ucraina sarà la tomba per chiunque vi si presenterà. Complimenti ai generali russi.

  5. È andata così , peccato …ci rifaremo più avanti , magari quando troveranno un arma biogenetica in grado di eliminare una popolazione intera in base alla loro etnia … a quel punto , via i cinesi , via gli arabi e via i terroni ….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM