Una guerra USA-Cina è una possibilità reale?

di Francesco Sisci

Ci sono varie forze al lavoro e abbondano i malintesi che potrebbero spingere le superpotenze verso un conflitto armato
Dal punto di vista della Cina, l’anno del Topo iniziato con uno stato d’assedio dopo l’annuncio della prima massiccia e disastrosa epidemia del mondo moderno, sta per concludersi bene.

Pechino può guardare a una serie di vittorie e allo scompiglio del suo principale avversario e concorrente, gli Stati Uniti.

La Cina è riuscita a tenere sotto controllo l’epidemia di Covid-19 ea riavviare la sua economia, mentre il resto del mondo e gli Stati Uniti hanno fallito la risposta, hanno danneggiato la loro produzione e continuano a vacillare.
Inoltre, dopo che gli Stati Uniti quattro anni fa hanno abbandonato gli accordi di libero scambio con l’Asia e l’Europa, che avrebbero di fatto isolato la Cina, negli ultimi due mesi Pechino si è assicurata accordi commerciali e di investimento politicamente importanti sia con l’Asia che con l’Europa.

Questi fatti ora stanno mettendo Washington in una posizione scomoda. Inoltre, nel 2018 gli Stati Uniti hanno fallito nel garantire un massiccio trattato commerciale bilaterale con la Cina e Washington ha impiegato quasi due anni per tornare all’idea di una strategia multilaterale.

Infine, l’anno del topo si sta concludendo con l’apparente frenesia degli Stati Uniti, che affrontano sfide storicamente senza precedenti con un’insurrezione fomentata da un presidente che sta terminando il suo mandato e che è stato messo sotto accusa per la seconda volta. La nazione è amaramente divisa senza un percorso chiaro da percorrere.

Un paese così goffo è davvero una sfida per la Cina? Forse non così tanto, potrebbero pensare alcuni a Pechino. Non si tratta di errori superficiali, ma derivano da profonde contraddizioni irrisolte e crepe risalenti al tempo della Guerra Civile di 150 anni fa.

Queste crepe sono ora alimentate da un nuovo mix culturale nel paese in cui la vecchia spina dorsale WASP (White Anglo-Saxon Protestant) sta diventando una minoranza, dove ci sono troppe droghe e troppe armi, dove ci sono cattive scuole pubbliche e cattivi sistemi universali di assistenza sanitaria, infrastrutture decrepite e nessun piano per riprendersi da tutto.

Inoltre, la Cina aveva il suo audace programma internazionale, la Belt and Road International Initiative mentre l’idea americana di globalizzazione inciampa, gli USA non avevano alcun piano per aiutare lo sviluppo del continente americano, dell’Africa o dell’Eurasia.

I vecchi ideali americani – democrazia equa, rispetto per gli altri, libertà, possibilità di fare fortuna – sembrano distrutti dall’attacco al Campidoglio e dalla risposta finora arrogante. Cosa fare se si tratta di un tradimento commesso dal presidente Donald Trump e dai suoi seguaci?
Devono esserci delle conseguenze, ma questo dividerebbe ulteriormente il Paese. Se non ci sono conseguenze, cosa succederà? Non ci sono risposte facili da nessuna parte. Molti invocano l’unità e vogliono che la nazione guarisca, ma lo sbalorditivo divario tra le due parti non sembra che migliorerà presto.

I cinesi possono guardare il loro paese e vedere che è esattamente l’opposto: migliorare le scuole e l’assistenza sanitaria, infrastrutture luccicanti, niente armi e poche droghe e un senso più coeso di unità nazionale con un sogno cinese di una buona vita per ogni cinese e ogni straniero che desidera condividere il sogno.
Cosa c’è da temere a Pechino in attesa che il prossimo presidente degli Stati Uniti, Joseph Biden, adotti un nuovo approccio alla Cina? Ma allora forse dovrebbe esserci anche una diversa valutazione della situazione dal punto di vista della Cina.

La Guerra Fredda si è conclusa con due grandi teorie dominanti e sovrapposte sul futuro che dovremmo aspettarci per il mondo. Uno riguardava lo scontro di civiltà e l’altro riguardava la fine della storia, che erano derivati ​​dai libri seminali rispettivamente di Samuel Huntington e Francis Fukuyama.

Una teoria, la fine della storia di Fukuyama, affermava che con la fine della lunga lotta contro il comunismo ei regimi totalitari, la storia si sarebbe svolta senza intoppi seguendo lo sviluppo a pieno titolo del capitalismo, dell’economia di mercato e dei valori liberali.
L’altra teoria, sulle civiltà di Huntington, asseriva che futuri conflitti sarebbero scaturiti da culture e civiltà diverse che si sarebbero opposte l’una all’altra e che avrebbero combattuto principalmente contro la civiltà dominante, quella protestante anglosassone.

L’attuale attrito tra Stati Uniti e Cina potrebbe confermare entrambe le teorie: la Cina è un regime totalitario, erede in una certa misura di quello sovietico, ed è una civiltà molto diversa rispetto a quella bianca anglosassone.
Tuttavia, questo quadro potrebbe rivelarsi inutile come un modo per capire veramente cosa sta succedendo con la Cina e cosa è successo negli ultimi 30 anni.
In effetti, l’esperienza delle guerre degli Stati Uniti in Asia centrale e in Medio Oriente ci dice che anche se i modelli di Huntington e Fukuyama fossero veri, non ci danno alcuna soluzione positiva alle attuali crepe politiche. La realtà è che il modello di democrazia anglosassone è difficile da esportare all’ingrosso.
Negli ultimi due decenni, i casi dell’Afghanistan, dell’Iraq (sotto l’attacco militare dell’amministrazione Bush nella speranza di trapiantarvi la democrazia), o persino dell’Egitto (dove una rivoluzione interna ha alimentato sentimenti antidemocratici ma è stata infine Il colpo di stato militare occidentale) lo hanno dimostrato.

La democrazia non è come l’acqua del rubinetto di un pozzo che puoi scavare e accendere o spegnere. Dipende da asset culturali, sociali e sistemici estremamente complessi che lo rendono possibile.
Inoltre, le differenze nelle culture e nelle civiltà sono estremamente confuse e difficili da individuare. L’Italia meridionale, ormai saldamente concepita nel mondo occidentale, una volta era contraddistinta, con la Grecia e il Vicino Oriente. Questa posizione mentale diede quindi il nome di Medio Oriente al mondo arabo, che si estendeva fino al Marocco, situato fisicamente apparentemente a ovest della Gran Bretagna.
Eppure, anche se avessimo ragione a pensare in questi termini, e l’Italia fosse davvero un paese orientale, cosa aggiungerebbe o sottrarrebbe alla comprensione del mondo e ai tentativi di conciliare le grandi differenze?

Inoltre, il totalitarismo può essere un’etichetta reale e utile, ma alla fine l’Arabia Saudita è un fedele alleato americano e forse è meno liberale e democratico dell’Iran, che periodicamente tiene elezioni abbastanza libere ed è sede di una vivace scena culturale.
Detto questo, ciò non significa che siamo in una notte in cui tutte le mucche sono nere. Esistono differenze importanti e causano enormi problemi che ora ruotano intorno alla Cina.
Il vero problema sembra essere il fatto che gli Stati Uniti per alcuni decenni hanno dimenticato la politica. Come ha detto il maestro stratega Carl von Clausewitz, la guerra è solo la continuazione della politica attraverso altri mezzi.

La famosa dichiarazione sottolinea che la politica è l’elemento importante, per il quale la guerra è una “deviazione”. In effetti, è stato attraverso la politica che gli Stati Uniti hanno vinto la Guerra Fredda. Nel 1990, subito dopo la caduta del muro di Berlino, il presidente George Bush ha combattuto la prima guerra del Golfo con un’alleanza senza precedenti e insuperabile che schierava praticamente tutti contro il piccolo Iraq.
In questa alleanza c’erano l’URSS, la Cina, l’Iran e persino la Siria. Tutti questi paesi non erano importanti per combattere la guerra vera e propria, ma erano fondamentali per iniziare a costruire un nuovo ordine mondiale.
Cioè, Bush si rese conto che proprio mentre l’URSS veniva sconfitta, un nuovo ordine mondiale doveva essere costruito sulle ceneri passate che riuniva tutti, compresi vecchi nemici come i sovietici o gli iraniani. Era la stessa cosa che gli Stati Uniti fecero con Germania, Italia e Giappone dopo la seconda guerra mondiale. Bush stava applicando questa esperienza all’era post-Guerra Fredda.
Questa importante lezione fu presto dimenticata dopo un paio d’anni a favore della facile idea che mercato e democrazie si sarebbero riversate naturalmente una volta sconfitto il male della “tirannia”.

Questa concezione dimenticava che il moderno capitalismo del libero mercato è emerso solo nel XVIII secolo dopo lunghi anni di sviluppo, e rimane una pianta debole che necessita di giardinaggio costante, altrimenti si scatenerà.

Uno sguardo più ampio alla Cina

Tuttavia, potremmo voler adottare una visione più ampia e più scettica delle cose. Con un paio di facili etichette, potremmo dire che le civiltà possono restare separate ma devono imparare a parlarsi, e i regimi autoritari diventano pericolosi a livello globale man mano che crescono in dimensioni economiche e politiche e condizionano altri sistemi liberali.

Con questo, potremmo voler cercare di capire le ragioni profonde per cui ogni paese lavora all’interno di un certo sistema, poiché non siamo nel business di portare il paradiso sulla terra come pensavano di fare i regimi totalitari nel secolo scorso.

Quindi, sebbene i paesi possano continuare a parlare le proprie lingue, queste devono essere pienamente comprensibili l’una con l’altra; altrimenti i problemi di comunicazione e i comportamenti difensivi e aggressivi sostituiranno tutto.

Alcuni ora potrebbero confondere i loro desideri con una solida lettura della realtà quando si tratta di Cina. Il governo cinese si è dimostrato più volte capace di reazioni rapide e di grande ingegnosità, sebbene le sue reazioni e la sua ingegnosità non funzionino allo stesso modo degli Stati Uniti o dell’Europa.

Quasi un anno fa abbiamo scritto che la Cina dovrebbe sfruttare questa opportunità di Covid per iniziare il proprio Rinascimento o potrebbe soccombere alle conseguenze della peste.

Questo evidentemente era ciò che ha fatto la Cina. In pochi mesi, Pechino è riuscita a trasformare questa enorme calamità in una massiccia vittoria geopolitica. Fondamentalmente, la Cina è riuscita a tenere sotto controllo Covid e riavviare la sua economia mentre il resto del mondo – e la maggior parte del mondo occidentale – sono ancora alle prese con esso.

Ciò non significa che il sistema cinese sia migliore di quello occidentale o viceversa, o che il gioco sia finito. Ma certamente, dovrebbe dire agli Stati Uniti e all’Europa che la Cina è molto più complessa di poche semplici etichette.

Questo successo arriva dopo 40 anni di risultati costanti. In quattro decenni, la Cina è passata dall’essere uno dei paesi più poveri del mondo a uno dei più ricchi; da uno dei più arretrati tecnologicamente, a uno dei più avanzati.

Tecnologia cinese

Questo certamente non è accaduto solo perché Pechino ha fatto tutto da sola. Ciò è stato in gran parte dovuto anche al massiccio aiuto degli Stati Uniti, che 40 anni fa hanno concesso alla Cina un privilegio senza precedenti: esportare negli Stati Uniti con tariffe molto basse e la possibilità di trasferimento tecnologico occidentale in Cina. Inoltre, fino a poco tempo fa, gli Stati Uniti hanno dato alla Cina un libero passaggio al controllo dei media, in pratica aspettandosi che la Cina si evolva nella “giusta direzione”.

Ciò non è avvenuto senza conflitti e difficoltà. La luna di miele degli Stati Uniti con la Cina si è conclusa con la repressione del 1989 contro il movimento studentesco a Tiananmen, ma il rapporto è proseguito con l’accordo sull’ammissione della Cina all’Organizzazione mondiale del commercio.

Tuttavia, circa 20 anni fa, con il rapporto Cox, gli Stati Uniti hanno espresso il loro disagio per la Cina. La Cina è stata accusata nei minimi dettagli di furto dei diritti di proprietà intellettuale da parte di società cinesi negli anni ’90, e questo disagio stava diventando un enorme attrito all’inizio della presidenza di George W. Bush.

È culminato nell’incidente dell’EP3, quando un aereo di sorveglianza americano ha colpito un caccia cinese e poi è atterrato sull’isola cinese di Hainan. Successivamente, gli Stati Uniti e la Cina sembravano essere in rotta di collisione.
Tuttavia, all’ultimo minuto, tutto ha preso una piega diversa. Dopo l’11 settembre 2001, l’America si è ampiamente convinta che il nemico principale fossero gli estremisti nel mondo musulmano e non la Cina.
Con ciò, dall’11 settembre, la Cina ha avuto alcuni anni di grazia per riadattarsi e prepararsi per quando gli Stati Uniti sarebbero tornati a bussare alla sua porta chiedendo cambiamenti. La Cina ha ignorato e dimenticato questa chiamata molto vicina. Al Congresso del Partito del 2002, l’allora Segretario del Partito Jiang Zemin avrebbe dovuto dimettersi completamente, e con lui tutta la vecchia generazione.

Avrebbero dovuto dare pieni poteri a Hu Jintao e lui avrebbe dovuto avviare riforme liberali economiche e politiche che avrebbero gradualmente portato la Cina in linea con il mondo occidentale e ridotto il livello di attrito con il potere allora dominante, gli Stati Uniti. Totalmente assorbita dalle proprie dinamiche interne e dalla logica della propria lotta per il potere, la Cina non ha fatto come si aspettavano gli occidentali..

Jiang Zemin mantenne il potere, le riforme liberali furono portate avanti a un ritmo molto più lento del necessario e prese piede un ingombrante sistema decisionale politico in cui persone dell’era Hu Jintao e persone dell’era Jiang Zemin convissero in modo oscuro condividendo potere e perdere sempre più il contatto con il mondo esterno e dimenticare il quadro generale.

Malinteso degli Stati Uniti

Allo stesso tempo, gli Stati Uniti non possono pensare che la Cina sia semplicemente un clone della vecchia Unione Sovietica e che la Cina si sia fermata in una distorsione temporale all’inizio degli anni ’90. In Cina, 1,4 miliardi di persone hanno migliorato la propria vita come mai prima nella storia cinese. Il Partito Comunista ha circa 90 milioni di membri, cioè praticamente uno ogni 15 persone.

Ciò rende il partito totalmente fuso con la popolazione. Durante la dinastia Qing, con una popolazione di 300 milioni di persone, c’erano circa 100.000 funzionari. Se lo moltiplichiamo per 10, contando tutti i loro servitori, arriviamo a un milione di persone. E anche se lo moltiplichiamo per 10, che è un numero incredibile, comprese le famiglie e i clienti, arriveremmo a 10 milioni.

Sarebbe ancora uno su 30, la metà della densità ufficiale al popolo del Partito Comunista. Inoltre, ora il Partito Comunista ha a sua disposizione una tecnologia senza precedenti per raggiungere ogni singolo individuo cinese, qualcosa che non è mai successo nella storia cinese.

Ciò accade sullo sfondo di una massiccia trasformazione sociale. I cinesi sono molto alfabetizzati e per la prima volta condividono tutti una lingua parlata, non solo scritta.

La gente comune affolla le università, con milioni di persone che sostengono l’esame di ammissione nazionale, il gaokao . Le università cinesi stanno migliorando la qualità. Per i cinesi comuni, studiare è un privilegio e se ne sentono benedetti.

Milioni di cinesi studiano musica classica occidentale e imparano lingue straniere. La loro assistenza sanitaria è scarsa ma sta anche migliorando, così come il loro sistema pensionistico. Il Partito Comunista si è impegnato a coprire un miliardo di persone con l’assistenza sanitaria di base e una copertura pensionistica di base in 10-15 anni e, visti i risultati del partito, la gente confida che ciò accadrà.

Niente di simile sta accadendo in America o in Europa, dove la qualità delle scuole di base sta diminuendo così come gli investimenti nell’istruzione. I sistemi sanitari e pensionistici, i due pilastri che hanno convinto il mondo occidentale che il capitalismo poteva prendersi cura dei bisogni sociali meglio del comunismo, si stanno sgretolando. La crisi Covid ha sottolineato queste difficoltà.

Esercitazioni militari cinesi

Ovviamente questo è dovuto anche allo sviluppo. La Cina si sta sviluppando mentre l’America e l’Europa in media si sono stabilizzate e hanno problemi su dove andare da qui. La Cina ha meno di questo problema perché può seguire più facilmente il modello delle passate esperienze occidentali.

I cinesi, inoltre, sono tra i maggiori risparmiatori al mondo, risparmiando circa il 50% del proprio reddito. Mettono i loro soldi nelle banche, che sono di proprietà dello Stato, e le banche tassano indirettamente queste persone ricompensando i risparmi con tassi di interesse inferiori al tasso di inflazione, forse uno o due per cento. Quindi prestano gli stessi soldi sul mercato a tassi molto più alti.

Questi risparmi, la differenza nei tassi di interesse, il surplus commerciale e le barriere amministrative al libero scambio e alla piena convertibilità del renminbi creano un enorme cuscino per l’economia cinese. Ciò ha permesso a Pechino di accumulare un’enorme quantità di debito interno negli ultimi 12 o 13 anni, forse oltre 40 trilioni di dollari USA, senza provocare una crisi finanziaria.

Il sistema finanziario cinese è de facto isolato dal mondo e finanziato da eccedenze di esportazione e risparmi a costi minimi o nulli per lo Stato. Questo sistema al momento non è in pericolo.

La crisi Covid ha rafforzato l’economia cinese, le sue esportazioni sono cresciute e non c’è stata alcuna fuga di capitali di risparmio, se mai è stato possibile con le regole amministrative esistenti.

Tutto ciò crea un sistema in base al quale è possibile applicare decisioni dall’alto verso il basso. È anche una prova del consenso che il Partito Comunista ha ottenuto negli ultimi decenni. Ciò non può essere sottovalutato e infatti la crisi Covid – una svolta improvvisa degli eventi seguita da una reazione improvvisa – ha dimostrato la piena capacità del sistema di raccogliere il sostegno popolare di fronte a una sfida esterna.

Ciò non significa che la struttura cinese sia invincibile o priva di difetti. Il fatto che il partito senta la necessità di imporre uno stretto controllo segnala le sue paure e debolezze. Ma non è tutta autorità arbitraria. C’è una complessità che dimostra che il sistema è molto più resistente di quanto una semplice propaganda straniera possa ammettere.

Quindi quelli che volevano combattere la Cina alla fine degli anni ’90 avevano ragione e gli Stati Uniti hanno perso troppo tempo? Forse non è così. Vent’anni fa i cinesi erano circa dieci volte più poveri di adesso. Avevano poco o niente da perdere se non la loro povertà. Morire in guerra non sarebbe stato troppo difficile.

Ora, con un reddito nominale pari alla metà di quello del mondo sviluppato e la parità di potere d’acquisto degli Stati Uniti, molti temono di perdere il loro benessere conquistato a fatica. Cioè, se il governo non mantiene la sua promessa di miglioramento continuo, perde legittimità e la vita diventa più difficile, che 20 anni fa era una minaccia trascurabile.

Inoltre, le famiglie potrebbero essere estremamente riluttanti a sacrificare i loro unici figli, i loro piccoli imperatori, sull’altare della gloria nazionale per questo benessere. È più probabile che incolperanno il governo che li ha portati in conflitto, qualunque sia la ragione.
Prepararsi al peggio
I cinesi si stanno ora preparando all’eventualità di essere disaccoppiati dal resto del mondo.
Come descritto nell’ultima riunione del Comitato Centrale, l’idea della “doppia circolazione” è che la Cina continuerà ad esportare e commerciare con il mondo finché il mondo lo vorrà.

Ma la Cina si prepara già ad espandere la sua domanda interna per un possibile disaccoppiamento. Come ha scritto più volte David Goldman di Asia Times, la vera sfida per l’America e la società occidentale nei confronti della Cina consiste nell’offrire un nuovo sistema di sviluppo che impari dai punti di forza della Cina.

Il mondo occidentale deve disporre di un’assistenza sanitaria migliore e di persone più istruite in futuro, perché questa è la base per la crescita a lungo termine e il capitale umano. Se i bambini sono malati e vanno in cattive scuole, il futuro del paese è già destinato al destino.

Inoltre, ci sono anche questioni che la Cina deve considerare da sola. Se la Cina fosse una società più aperta, con un sistema più democratico e trasparente, e se la Cina non avesse così tanti problemi di confine con i suoi vicini, i suoi problemi non sarebbero così urgenti come lo sono ora.

Certamente, c’è una preoccupazione intorno alla Cina per la sua ascesa e la differenza della sua “civiltà”. Questi sono rafforzati dal diverso sistema politico e dalla sua assertività ai suoi confini.

In un certo senso, la Cina crea quindi un algoritmo complesso che lo fa sembrare ancora più minaccioso perché ha successo e resiliente ma allo stesso tempo diverso e assertivo. Se la Cina avesse avuto meno successo nel suo sistema, non sarebbe sembrata così minacciosa. A parità di condizioni, la sua politica estera assertiva, il suo sistema politico autoritario e il suo successo nel controllare Covid spaventa ancora di più il mondo.

La Cina sembra ignara dell’effetto che ha sul mondo occidentale, e talvolta ne vanta persino, il che è efficace per scopi interni e propaganda ma è sale sulle ferite occidentali.

Poiché gli Stati Uniti e l’Europa potrebbero non comprendere appieno i meccanismi, le complessità e l’efficacia della Cina, la Cina sembra non comprendere l’effetto che ha sul mondo.

Questo mix è una ricetta per il disastro. I recenti appelli in Occidente affinché i politici si calmino e si allontanino dalla rotta di collisione in corso dicono in realtà l’esatto contrario. Sottolineano il fatto che la maggior parte degli americani e degli europei crede fermamente che una collisione con la Cina sia quasi inevitabile se i freni non vengono applicati.

Infatti, anche se fosse raggiunto un accordo commerciale tra Stati Uniti e Cina, senza toccare il sistema politico cinese e l’assertività cinese ai suoi confini, ciò potrebbe creare una situazione in cui uno scontro con mezzi militari potrebbe essere più, non meno, probabile.

Questo perché le differenze politiche, l’assertività militare e le questioni di civiltà sono di fondamentale importanza nel decidere la pace o la guerra. Fino alla prima guerra mondiale l’Europa era molto più integrata tra stati diversi rispetto alla Cina con il resto del mondo attuale. La maggior parte dei re e degli aristocratici erano strettamente imparentati eppure l’Europa combatté aspramente in guerre senza fine.

Gli accordi commerciali sono utili ma non sono un vaccino contro gli scontri militari, che si muovono da soli. Al contrario, la Cina sembra credere che un accordo commerciale con l’Europa o l’America possa essere un antidoto al veleno di guerra, e con questo antidoto può portare avanti il ​​proprio sistema politico e il suo comportamento assertivo con i suoi vicini. Questa potrebbe essere una valutazione molto sbagliata.

D’altra parte, l’America potrebbe aspettare il crollo della Cina dietro il Partito Comunista “odioso” e perderebbe quindi la forza e la solidità dell’attuale sistema cinese.

Se vogliono evitare la guerra e vincere il confronto globale con la Cina, gli Stati Uniti devono prendere diverse iniziative e riformarsi profondamente per eguagliare e superare i risultati della Cina. Senza queste due iniziative che manderebbero in corto circuito queste complesse dinamiche, il percorso verso uno scontro militare potrebbe avvicinarsi.

In effetti, alcuni in Cina e negli Stati Uniti potrebbero pensare che uno scontro militare tra i due sia meglio ora che dopo.

Da parte cinese, la gente potrebbe pensare che scontrarsi con gli Stati Uniti ora, prima che abbiano effettivamente costruito un’alleanza militare, potrebbe essere migliore perché spaventerebbe alcuni vicini a trasformarsi verso la Cina in un’alleanza o almeno nella neutralità. In America, alcune persone potrebbero pensare che uno scontro sia migliore ora prima che la Cina diventi troppo grande e tecnologicamente avanzata.

In entrambi i paesi, le persone possono anche pensare in modo diverso e favorire il rinvio di uno scontro militare. In Cina, alcuni potrebbero voler crescere ancora più forti economicamente. Negli Stati Uniti, alcuni potrebbero volere del tempo per costruire un’alleanza globale.
Una guerra USA-Cina è una possibilità reale?
In entrambi i casi, questo pensiero dimostra che l’opzione militare è ancora molto presente nella mente dei decisori e che una volta che hanno l’opzione, potrebbero volerla esercitare.

Missili ipersonici cinesi

Occorre quindi compiere passi radicali per rinunciare a questa opzione militare e integrare la Cina nel mondo. Questo può accadere solo se la Cina ripensa i suoi ultimi due decenni e riconosce la necessità di essere più simile al resto del mondo.

La democrazia può crescere in Cina perché, a differenza dell’Iraq e dell’Afghanistan dilaniati dalla guerra o delle masse povere e analfabete in Egitto, i cinesi hanno goduto della pace e della crescente ricchezza e, come dimostrano gli esempi in Corea del Sud, Giappone e Taiwan, la loro “civiltà” è flessibile alla democrazia occidentale.

Come arrivarci è un problema e ci sono enormi rischi ma forse non ci sono alternative. Gli ultimi sviluppi negli Stati Uniti potrebbero spingere i futuri impegni della Cina in direzioni diverse.

L’America sta trovando un nuovo scopo nel tracciare una linea sugli abusi di potere di Trump. Se quel paese combatte la tirannia percepita in casa, la combatterà anche all’estero.

Fonte: Asia Times

24 Commenti

  • Idea3online
    15 Gennaio 2021

    La Cina contro gli USA saranno perdenti, la Russia contro gli USA saranno perdenti, però gli USA contro la Russia&Cina non vinceranno, e nemmeno perderanno. Gli USA dispongono del braccio militare(NATO) e finanziario(FED-FMI). La Russia del solo braccio militare, la Cina del solo braccio finanziario. Insieme Russia e Cina detengono la leva militare(Russia) e finanziario(.Cina). Ecco perchè gli USA sono l’Impero più potente mai esistito, possiedono sia forza militare che finanziaria, ma il mondo multipolare sarà solo per un’ora, solo dopo la settima coppa, solo dopo la caduta della città che controlla il Pianeta, ma sempre per un breve tempo. Il SUPREMO mai dividerà con l’Elite il suo potere, Teocrazia contro Tecnocrazia.

    • nicholas
      15 Gennaio 2021

      Quale è la città che controlla il pianeta????

      • atlas
        16 Gennaio 2021

        lascialo in pace, o ti porta su un altro pianeta. Se inizi a seguirlo poi ci vorranno boccette intere di minias e valium, io ti ho avvertito

    • giorgio
      16 Gennaio 2021

      Beh dopo sinistra contro destra, basso contro alto, popoli contro èlite, credenti contro atei, …. non avevo considerato teocrazia contro tecnocrazia ma forse in fondo la sostanza è sempre la stessa …..

  • Paolo
    15 Gennaio 2021

    Se ho capito bene, il senso di questo lunghissimo articolo è che la Cina deve praticamente arrendersi alle mire occidentali, altrimenti sarebbe colpevole di una guerra inevitabile. La Cina viene colpevolizzata di non essersi autodistrutta al modo dell’Unione Sovietica in questi ultimi 20 anni ed è colpevole di aver mantenuto una propria autonomia politica, un proprio programma di sviluppo economico che ha portato un enorme benessere in una popolazione di un miliardo e quattrocento milioni di persone. Incredibile! Inoltre la Cina viene accusata di una presunta assertività nei confronti dei vicini, che non capisco bene dove stia, a parte qualche problema con le Filippine riguardanti il mare cinese, problema che viene enfatizzare ad hoc dagli Stati Uniti. Probabilmente questa assertività che da tanto fastidio ai governi occidentali è il programma della via della seta, che però rappresenta un’occasione di sviluppo per tutti i paesi che ne sarebbero coinvolti. Il problema fondamentale è che la Cina sta diventando la prima potenza economica al mondo, e questo per l’occidente è completamente inaccettabile a priori. Infatti, il modello cinese potrebbe rappresentare una alternativa effettiva per tantissimi paesi, e soprattutto un incoraggiamento a rendersi autonomi rispetto alle politiche occidentali. Il tono generale dell’articolo è comunque veramente strano, e in parte anche inquietante. Sembra che affermi un generale diritto degli Stati Uniti e dell’Occidente ad una guerra contro la Cina, se essa non si conforma ai desiderata dell’occidente.

    • ugo
      16 Gennaio 2021

      Paolo, un commento davvero ineccepibile. Sono queste le parole che avrei voluto scrivere. Grazie

      • ugo
        16 Gennaio 2021

        Inoltre la Cina è stata determinante nel sostenere (lontano dai riflettori mediatici) la Siria di Assad…..come anche nello Yemen indirettamente, creando a Gibuti un avanzato ospedale per bambini……l’Eritrea infatti con la presenza cinese è diventata inattaccabile da parte dell’ Etiopia…..e chissà quanti altri fatti ancora (non chiacchiere).

  • Idea3online
    16 Gennaio 2021

    La Cina è una ferrari senza benzina, non ha energia, ma potrebbe possedere una ferrari elettrica ed avere autonomia energetica. Ma per adesso gas e petrolio decidono gli imperi. Gli USA non potendo aggredire la Russia, in quanto la temono, cercano di indebolire la Russia attraverso la Cina, per il motivo indicato in altro commento. Ma la Cina e la Russia sono alleate per garantire la loro sopravvivenza. I media indicano la Cina come principale rivale degli USA..FALSO. La Russia è il rivale degli USA. La Russia è una macchina militare perfetta, la Cina è una macchina industriale perfetta. Gli USA temono le armi della Russia, e non la manodopera a basso costo cinese.

  • Alessandro
    16 Gennaio 2021

    L’articolo lo ha scritto Geraci.

  • Pino Rossi
    16 Gennaio 2021

    Sogno di buona vita… Infrastrutture luccicanti…. L’autore non ha evidentemente mai messo piede in Cina.

  • Arditi, a difesa del confine
    16 Gennaio 2021

    la cina vincerà perchè noi siamo alleati degli usa e la storia insegna che chi parte in guerra con noi alla fine perde sempre

    italiani !!! fuori le bandiere rosse con le 5 stelle sul balcone !!!

    w la cina
    lunga vita al compagno Xi
    mao è vivo e lotta insieme a noi !!!

    • Hannibal7
      16 Gennaio 2021

      See vabbè….
      Anche Jim Morrison è vivo….sul mio balcone metterò la bandiera dei DOORS….o quella della Russia…ma MAI e poi MAI quella cinese…mi stanno sul cazzo

      • atlas
        16 Gennaio 2021

        io sul cancello di casa a Gallipoli ho sempre solo la Bandiera delle Due Sicilie. Fa nulla che un Napolitano in vacanza me l’avrà presa, si vede che gli serviva

      • Arditi, a difesa del confine
        16 Gennaio 2021

        anche a me ma noi italiani siamo voltagabbana, quindi anche lei cominci il corso per diventare un perfetto comunista cinese
        ripeta insieme a me : w il compagno Xi, w la cina !!!

        • Kaius
          16 Gennaio 2021

          Arditi tu scherzi ma intanto molti italiani si stanno già abbassando i pantaloni per farsi fare il vaccino mortale.
          Anche molti che si definiscono “fuori dal sistema”.
          Perché?Per i soliti ricatti tra cui quello lavorativo.
          Non hanno capito che il momento di ribellarsi non è ora,era già nel secolo scorso.
          Bisogna cacciare le armi se no sarà sempre peggio.

          • Arditi, a difesa del confine
            17 Gennaio 2021

            tirar fuori le armi ?
            in Italia ?

            non scherziamo, in Italia non succederà nulla finchè non ci toccheranno il portafoglio o la gente non avrà più cibo in frigorifero, e loro sapendolo fanno in modo che ciò non accada e che accada il più lentamente possibile, come con la rana bollita.

        • Hannibal7
          17 Gennaio 2021

          Noneeeeeeee!!!!
          DUX….e W LA FIGA….

  • Hannibal7
    16 Gennaio 2021

    Ancora….
    Non ci sarà nessuna guerra USA vs CINA….nemmeno USA vs RUSSIA…né tantomeno USA/NATO vs RUSSIA/CINA…..a meno che impazziscano tutti di botto e decidano di autodistruggersi l’uno con l’altro

  • natalino
    16 Gennaio 2021

    La visione del mondo é occidental-centrica. Tutti i parametri di riferimento sono sempre visti nel rispetto dei paradigmi imposti dall’occidentei e le valutazioni degli scenari presenti e futuri seguono gli stessi meccanismi.
    Questa visione é un’ereditá dell’epoca coloniale soprattutto dell’impero coloniale britannico e/o inglese.
    Peró la storia, nonostante la martellante propaganda pro domo, ci dice che l’impero britannico dopo 2, a detta lotro, vittoriosissime guerre mondiali si ritrova circoscritto in un’isola piú alcune piccolissime realtá sparse per il mondo. Il frutto di queste 2 guerre é stato il suo drastico ridimensionamento a favore degli USA.
    Sua mestizia britannica pare abbia il terrore di vincere un’altra guerra mondiale e anche se puó sembrare inveridico, gli USA hanno gli stessi timori e perplessitá.
    Perció lasciamo fare ai maestri della penna il loro lavoro che peró ha solo valenza di un lavoro di penna e rincuoriamoci, perché secondo me, la guerra mondiale e ancora lontana dal venire.

  • eusebio
    16 Gennaio 2021

    Difficile che possa scoppiare una guerra tra Cina e USA, la motivazione principale potrebbe essere una specie di blocco navale yankee nello Stretto di Malacca inteso ad impedire le esportazioni cinesi verso ovest e le importazioni soprattutto di petrolio e gas dal Golfo Persico, ma la Cina adesso si rifornisce di materie prime soprattutto energetiche per via continentale da Russia, Kazakhstan e Iran, mentre per le esportazioni verso ovest può usufruire delle linee ferroviarie che passano per la Siberia e l’Asia centrale, oppure per ridurre i costi del trasporto via terra può accorciare per i porti indocinesi di Birmania e Thailandia.
    Un pò tutti i paesi dell’Indocina hanno grosse minoranze cinesi le quali ne controllano l’economia, in Thailandia sarebbero anche il 30-40% i cino-thailandesi inclusa la casa reale, quindi i legami di questi paesi con la Cina sono forti e sempre più stretti.
    Uno dei progetti della Cina per bypassare lo Stretto di Malacca controllato dagli USA sarebbe lo scavo di un canale nell’istmo thailandese di Kra, affine al progettato taglio di un canale in Nicaragua, ma forse per realizzare questi progetti la Cina vuole arrivare ad avere una superiorità aeronavale sugli USA.

  • natalino
    16 Gennaio 2021

    Il canale nell’istimo di Kra é giá in fase avanzata di progettazione e tra la Cina é la Thailandia esite un memorandum d’intesa per la realizzazione in tempi brevissimi.
    Gli eroici boys, sua mestizia britannica e i figli dei canguri che controllano lo stretto di Malaca dove strozzano la navigazione tra oceano Indiano, mar del sud della cina e oceano Pacifico, stanno ostaccolando il progetto soprattutto alimentando il terrorismo islamico che avanza rivendicazioni in quei territori.
    La Cina dal canto suo ha giá realizzato una base navale militare in Cambogia proprio di fronte al sito dove faranno gli scavi che alcuni danno giá per iniziati.

  • Monk
    16 Gennaio 2021

    Una partita a Risiko, tra buoni giocatori, sarebbe più credibile di questo articolo: gli statunitensi fanno affari con i cinesi, quante cazzate deve ancora leggere Monk? Vaffanculo a Cavour e Garibaldi!!!!!!!!!!

    • atlas
      17 Gennaio 2021

      bastardi e figli di puttana. E anche Mazzini. E Cialdini. E Bixio. Tutta gentaglia alla quale sono titolate vie, piazze, corsi, stazioni e strade. VAFFANCULO all’italia, Due Sicilie libere

  • Kaius
    16 Gennaio 2021

    Eh Monk…

Inserisci un Commento