Una guerra nucleare limitata in Europa secondo i desideri dell’élite occidentale

di Markku Siira

L’uso delle armi nucleari resta un tabù assoluto per la leadership russa, ma non sembra esserlo per l’Occidente, pronto a usare ogni mezzo per cambiare la direzione della secolare guerra ibrida e la configurazione del grande conflitto geopolitico in gioco. Questo è ciò che pensa l’economista e analista russo Mikhail Delyagin.

L’annuncio da parte della Russia di esercitazioni nucleari tattiche e lo stato di massima allerta delle forze nucleari militari non hanno causato un cambiamento nella strategia occidentale, e non ci sono state proteste contro le armi nucleari nelle strade delle grandi città, come è avvenuto negli anni ’80, gli ultimi tempo in cui vivevamo sotto la minaccia di un fungo atomico.

In ogni caso, la folle dottrina della “guerra nucleare limitata in Europa” del defunto Henry Kissinger rimane un’opzione per gli Stati Uniti e la Gran Bretagna, non estranei a una pianificazione strategica freddamente calcolata.

Per Déliaguine, i cittadini dell’Europa continentale, nonostante il successo elettorale dei nazionalisti, sono “ semplici oggetti di manipolazione anglosassone ”. L’euro-élite di Bruxelles non solo “ sacrifica i propri interessi per servire i suoi padroni anglosassoni, ma non è nemmeno capace di riconoscere i propri bisogni come un valore intrinseco ”.

In queste condizioni, il completamento della distruzione socioeconomica dell’Europa attraverso l’installazione delle armi nucleari nell’Est sarebbe favorevole al futuro della Gran Bretagna. Sulle rovine dell’Europa, i “califfati” controllati dai servizi segreti britannici potrebbero allora consolidare il loro potere – “ dopo tutto, l’Islam politico radicale è un progetto strategico britannico allo stesso modo del Grand Turan ”, sottolinea Déliaguine con sarcasmo.

“ Sarebbe un passo verso la creazione di un nuovo impero britannico che dominerebbe politicamente non solo il Medio Oriente, ma anche l’Europa ”, aggiunge il pensatore russo per accreditare il progetto anglo-sionista, al quale sembrano ancora aggrapparsi in di fronte agli sconvolgimenti del mondo.

L’Europa, che il conflitto in Ucraina priverà per sempre della possibilità di competere con gli anglo-americani, “ sarà messa nella posizione di non poter consumare una quantità significativa di prodotti cinesi – e quindi non diventerà un mercato per una Cina che risorge ”, ritiene Déliaguine, realizzando così i piani dell’Occidente.

“ Allo stesso tempo, l’élite anglosassone, piuttosto indifferente al destino del proprio popolo, sembra credere di potersi proteggere dalle ricadute radioattive in un angolo del mondo che considera sicuro ”.

La Cina diffida di questa prospettiva, ma può influenzare il corso degli eventi? Gli appelli alla pace di Pechino sono inutili quanto quelli della Russia, dato l’interesse delle élite statunitensi e britanniche ad intensificare il conflitto, ad esempio facendo esplodere una “bomba sporca” in Europa.

Deliagin ritiene che in questa situazione “ solo la Russia può impedire che il mondo cada nel baratro nucleare ”. Per fare ciò è necessario fermare l’escalation di aggressioni che colpiscono i portafogli delle élite occidentali.

Poiché nel mondo occidentale dei valori anche la vita non è importante quanto il denaro, è necessario parlare alle élite capitaliste in un linguaggio che comprendano.

Lo stato profondo dell’oligarchia occidentale deve essere “ visibilmente danneggiato economicamente ”, suggerisce l’economista russo. Il tempo degli avvertimenti dimostrativi è finito, perché in Occidente non ci sono più politici capaci di ascoltare la ragione. Nel suo attuale stato di degrado, l’Occidente non può che comprendere le “ azioni dirette e dannose ” che gli vengono rivolte.

Dove iniziare ? ” L’annullamento della proprietà intellettuale dei paesi occidentali ostili alla Russia è una risposta ecologica, umana ed economica alla guerra nucleare che può mettere in ginocchio il nemico “, afferma Deliaguine.

Il denaro sta perdendo la sua importanza e cede il passo alla rivoluzione tecnologica. In questo processo di cambiamento, che non è ancora completo, il potere passa dagli speculatori del mondo finanziario ai “digitalizzatori” che si fondono con il capitale del settore reale. Ma finirà qui il regno degli “anglosassoni”?

Déliaguine ricorda che i mercati sono già suddivisi in nuove macroregioni. Se la Russia, che sta sconvolgendo l’ordine mondiale in Ucraina, riuscisse a realizzare le sue ambizioni, potrebbe diventare un “ centro di creatività scientifica ” e persino una sorta di leader mondiale con l’avanzare della Quarta Rivoluzione Industriale.

fonte: Markku Siira tramite Euro-Synergies

Traduzione: Gerard Trousson

12 commenti su “Una guerra nucleare limitata in Europa secondo i desideri dell’élite occidentale

  1. L’articolo mi sembra molto credibile, tranne che gli usa – e quindi gli statunitoidi e gli angli bastardi – sono governati dagli ebrei, il vero cervello malato dell’impero del male assoluto e sapendo bene che tutti i non ebrei, cioè gli appartenenti alla specie umana, sono per gli adunchi goyim/ gentili, cioè esseri (umani) inferiori, non c’è da stupirsi che vogliano sacrificare qualche milione di goyim, in Europa, per realizzare i loro perversi e criminali piani di dominio.

    Cari saluti

  2. Le teorie di Kissinger. Balle spaziali il più delle volte specie in passato. Recentemente schiantato, avrebbe dovuto esserlo da tempo, ha scritto certe mazzate all’ apogeo della potenza Usa e della Nato AngloSion. Sentendosi forse in colpa nelle fasi finali della sua deprecabile esistenza ha invece dichiarato ai media internazionali, pochi mesi prima di crepare, che la guerra interposta tramite Kiev alla Russia, con annesse sanzioni al contrario, siano state delle colossali e gravi sciocchezze. Che gl’ Usa non avrebbero dovuto compiere, come sottovalutare Mosca. Che almeno una volta nella vita abbia ragione lo spero.

  3. I padroni americani e tutti i vassalli e massoni e saputoni vari…………………….. a sentirli sono leoni ……………………. ma non ho visto mai un solo massone andare a morire per la società degli usurai nelle giungle del Vietnam. E’ facile predicare e poi avere una paura folle dei nemici feroci. Dunque, ripeto, le classi dominanti l’occidente sono vigliacche e pavide ……………………………… sono brave guerrafondaie, ma quando si tratta di rischiare la vita, la loro fottuta vita, sono recalcitranti. Come negli anni 1945-1949, in cui l’America aveva l’esclusiva delle bombe atomiche …… non se la sentirono i padroni merdoni di attaccare una grandissima potenza tellurica (terrestre), la Russia. Si ripete, secondo me, la Guerra del Peloponneso ……. in cui Atene, potenza talassocratica (marinara) inventrice della democrazia fasulla, arrogante, e vanesia credeva di fare polpette di Sparta (potenza terrestre, molto disciplinata e ordinata). Sparta sconfisse Atene, che fece la classica figura della democrazia scadente. Un Popolo più semplice, disciplinato e con valori forti sconfisse una potenza ramollita dominata dal denaro e dalla democrazia fasulla.

  4. Purtroppo la guerra nucleare ci sarà, e avverrà dopo l’uccisione di un capo-politico come da copione già visto ma stavolta a rimetterci di più saranno gli USA, colpiti da varie testate nucleari dopo essere stati quasi resi inoffensivi da una bomba ECM…anche Israele se la passerà molto brutta

  5. Gli inglesi e la loro usuraia falange ebraico bancaria élitistica credono di farla franca e pensano di poter ritornare a dominare il mondo. La Russia affonderà quell’sola maledetta nell’oceano e… “bye bye illusions of grandeur”. Stiano molto molto attenti gli albionici fetenti. Poseidon.

  6. La cosa più incredibile è chè, i più, continuano a vivere nella più totale incoscienza, immersi nell’effimero, totalmente incuranti di ciò ché accade e di quello che accadrà a brevissimo.
    Purtroppo per le strade vedo involucri di carne svuotati di coscienza, non avrebbero la forza di spirito per resistere 20 minuti senza un cellulare figuriamoci resistere agli effetti di un conflitto della portata di quello che a breve avverrà.
    Sarà un brutto risveglio ma, ahimè, sarà l’unico modo per riportare qualcuno di loro in vita.
    Avrebbero dovuto meditare su un passo di Dante che recitava: ” Uomini siate non pecore matte, si che l’ giudeo con voi di voi non rida”.

    1. Salve DENEB, hai proprio ragione a sottolineare che siamo circondati da individui che non resistono più di 20 minuti senza telefonino, figurarsi come se la passeranno davanti a quello che sta per piombarci addosso !

    2. Stupenda citazione. Ciao Deneb. Ti saluto concordando con te per parola. I vuoti guscio di carne avranno un amaro risveglio. Se non un alba atomica, roba abbastanza fumettistica e fantascientifica, sicuramente un tracollo finanziario con conseguente drastico cambiamento da vita, in sussistenza!

  7. Sembra la conclusione del processo di sgretolamento dell’Europa nata dal Sacro Romano Impero cui tanto contribuì il presidente USA nella sciagurata Pace di Versailles

  8. Le prospettive future non possono che essere tragiche e sempre più ravvicinate, purtroppo, state la volontà degli Occidentali, anzi, degli anglo-americani di giocarsi il tutto per tutto – che è niente, se pensiamo agli altri, comuni essere umani e non la casta/setta/tribù auto eletta a dominatrice del mondo. Una guerra circoscritta, certo, certo, in cui muoiano gli altri r come sempre, gli U.S.A. e l’Uk non siano investiti direttamente dal conflitto: o magari, una bella guerra mondiale, cui i potenti si sono attrezzati per tempo, in vista di una conflagrazione di dimensioni planetarie. Perché, merde, merde sono: ma pensano di stare fuori dal vaso. Gli scoppierà sotto il deretano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM