Una guerra come nessun’altra: la dottrina Biden è uno sforzo cinico per incassare il sangue di un’altra nazione

placeholder


di Pierre Van Buren

Biden ha creato una guerra per gli Stati Uniti come nessun’altra, una guerra in cui altri muoiono e gli Stati Uniti si limitano a sedersi e pagare i conti su scala gigantesca.

Nessun tentativo di diplomazia viene fatto dagli americani e gli sforzi diplomatici di altri come i cinesi vengono liquidati come cattivi tentativi di ottenere influenza nella regione.

Biden è sulla buona strada per raggiungere lo stato finale di guerra perpetua del 1984, mettendo a rischio solo una manciata di vite americane.

Ha imparato le lezioni della guerra fredda e le ha già messe in pratica.
Possiamo chiamarla la Dottrina Biden?

La strategia di Biden è abbastanza chiara ora dopo oltre un anno di conflitto; ciò che ha inviato in Ucraina è passato da caschi e uniformi a F-16 in soli quindici mesi e non accenna a fermarsi.

Il problema è che le armi americane non sono mai sufficienti per la vittoria e sono sempre “appena sufficienti” per continuare la battaglia fino al round successivo.

Se gli ucraini pensano di giocare con gli Stati Uniti per le armi, è meglio che controllino chi sta davvero pagando tutto con denaro insanguinato.

Putin stesso gioca a questo gioco in un certo senso, sta attento a non introdurre nulla di troppo potente, come bombardieri strategici, e sconvolgere l’equilibrio; se lo facesse offrirebbe a Biden la possibilità di intervenire direttamente nella guerra.

Il vecchio Joe Biden può essere ascoltato in TV spiegare che gli attacchi aerei statunitensi sono necessari per prevenire il genocidio, l’inevitabile scusa che ha imparato sulle ginocchia di Obama.

L’Ucraina imparerà che anche con la promessa dell’F-16 non può acquisire aerei e addestrare i piloti abbastanza velocemente (il tempo minimo di addestramento è di 18-24 mesi), e quindi pregherà gli Stati Uniti di servire come sua forza aerea.

Questo è ciò che suggerisce l’attuale escalation: l’azione della forza aerea.

Allo stato attuale, gli aerei saranno probabilmente basati in Polonia e Romania, suggerendo che la NATO si assumerà i compiti altamente qualificati (e i costi) di mantenerli e ripararli.

Il ruolo della NATO nel rifornimento in volo necessario per mantenere gli aerei in standby sul campo di battaglia non è chiaro.

F-16 a parte, un bonus derivato da tutti questi omaggi di armi è che la stragrande maggioranza dei trasferimenti fino ad oggi sono stati “prelievi presidenziali”. Ciò significa che gli Stati Uniti inviano armi usate o più vecchie in Ucraina, dopodiché il Pentagono può utilizzare i fondi autorizzati dal Congresso per ricostituire le proprie scorte acquistando nuove armi.

L’ironia è che le vecchie macchine da guerra una volta in Iraq sotto il presidente Obama vengono ora riciclate sul terreno in Ucraina sotto il suo ex vicepresidente!

La strategia degli Stati Uniti sembra essere basata sulla creazione di una sorta di terribile legame, due parti allineate su un campo che si sparano l’una contro l’altra fino a quando una parte decide di riposare per la giornata.

La stessa strategia era in gioco nel 1865 e nel 1914, ma il fattore nuovo oggi è che questi eserciti si scontrano su questi terreni con artiglieria HIMARS del 21° secolo, mitragliatrici e altri strumenti di uccisione molto più efficaci di un moschetto o persino di una mitragliatrice Gatling.

È insopportabile, sta letteralmente schiacciando gli uomini, ma ovviamente non gli americani.
Alla domanda su quanti altri ucraini debbano ancora morire Biden risponde in privato come “potenzialmente tutti”. Tutto il resto è per costringerti cinicamente a credere che Biden pensi di poter semplicemente comprare la vittoria.
Finora questo è stato tutto il playbook della Guerra Fredda.
Combattere fino all’ultimo afghano era una strategia affinata nell’Afghanistan controllato dai sovietici negli anni 80. Ciò che è diverso ora è la portata: da quando la Russia ha invaso l’Ucraina, gli Stati Uniti hanno inviato più di 40 miliardi di dollari in aiuti militari per sostenere lo sforzo bellico di Kiev, il il più grande trasferimento di armi nella storia degli Stati Uniti e che non accenna a fermarsi.

Un singolo F-16 costa fino a 350 milioni di dollari per unità se acquistato con armi, attrezzature per la manutenzione e kit di pezzi di ricambio.
Eppure, nonostante le somiglianze con la Strategia 101 della Guerra Fredda, negli anni successivi sono state apprese alcune lezioni.

Uno dei fallimenti dell’America durante la Guerra Fredda e la Guerra al Terrore è stato l’uso di governi fantoccio in gran parte imposti o mantenuti in vita dal denaro e dai muscoli americani. Poiché questi governi non avevano il sostegno del popolo (vedi Vietnam, Iraq e Afghanistan), non erano destinati a sopravvivere ai moscerini della frutta.

L’Ucraina è diversa; il governo fantoccio è il governo che è grato agli Stati Uniti per la sua stessa sopravvivenza, ma per ora è più o meno sostenuto direttamente dal popolo.

L’altra lezione appresa ha a che fare con la costruzione della nazione, o la ricostruzione, o la ricostruzione – come volete chiamare le vaste spese del dopoguerra in questo conflitto.

Sforzi governativi più diretti come in Vietnam, Iraq e Afghanistan. No, questa volta sarà un’azienda privata. ” È chiaro che le società americane possono diventare il motore che spingerà nuovamente in avanti la crescita economica globale “, ha affermato il presidente Zelensky, sollecitando BlackRock, JP Morgan e Goldman Sachs. Altri, ha detto, ” fanno già parte del nostro modo ucraino di fare le cose “.
La Camera di commercio ucraina ha definito il paese ” il più grande cantiere del mondo “.

Il New York Times ha fatto eco a una previsione secondo cui gli sforzi di ricostruzione sarebbero costati 750 miliardi di dollari.
Ricostruire l’Ucraina sarà, secondo il Times , una “corsa all’oro”…

La Russia intensifica la sua offensiva con l’avvicinarsi del secondo anno di guerra, ma l’arduo compito della ricostruzione è già evidente. Centinaia di migliaia di case, scuole, ospedali e fabbriche furono spazzate via, insieme a impianti energetici essenziali e chilometri di strade, ferrovie e porti marittimi.

La profonda tragedia umana è inevitabilmente anche un’enorme opportunità economica. All’inizio di quest’anno, JP Morgan e Zelensky hanno firmato un memorandum d’intesa secondo cui Morgan avrebbe aiutato a ricostruire l’Ucraina.

E forse queste grandi compagnie americane hanno imparato la lezione dall’Iraq e dall’Afghanistan. Dei miliardi spesi, gran parte del denaro è stato sprecato in vicoli ciechi e molto è stato dirottato attraverso la corruzione. Ma successo o fallimento, gli appaltatori sono sempre stati pagati nelle nostre guerre di terrore. Con questo spirito, più di 300 aziende provenienti da 22 paesi si sono iscritte alla mostra e alla conferenza Rebuild Ukraine a Varsavia. Al World Economic Forum in Svizzera, una folla in piedi si è riunita per una conferenza chiamata Ukraine House Davos per discutere le opportunità di investimento.

L’eventuale corsa all’oro nella ricostruzione è un’interessante aggiunta alla strategia di Biden di combattere fino all’ultimo ucraino. Più distruzione c’è, più c’è da ricostruire, il che offre più soldi alle aziende americane abbastanza intelligenti da aspettare in fondo all’onda che le uccisioni si plachino.

Ma perché aspettare?

I droni gestiti da società danesi hanno già mappato ogni struttura bombardata nella regione di Mykolaiv, con l’obiettivo di utilizzare i dati per aiutare a decidere quali contratti di ricostruzione dovrebbero essere emessi.

Quindi metti un po’ di rossetto su questa sgualdrina strategica e chiamala Dottrina Biden.

La prima parte consiste nel limitare il coinvolgimento diretto degli Stati Uniti nei combattimenti mentre si alimenta il fuoco per gli altri.

La parte II consiste nel fornire enormi quantità di armi per consentire una lotta fino all’ultima persona locale.

Forze nato in Ucraina

La parte III riguarda la trasformazione del governo nazionale in un burattino

La parte IV riguarda la trasformazione del processo di ricostruzione in un centro di profitto per l’America delle grandi corporations.

La durata della guerra e il numero dei morti non sono tra le determinanti della strategia.

La rampa di uscita dall’Ucraina, un risultato diplomatico che riporta la mappa ai livelli di invasione precedenti al 2022, è abbastanza chiara per Washington.

L’amministrazione Biden sembra essere sfacciatamente contenta di non chiedere sforzi diplomatici, ma piuttosto di dissanguare i russi come se fosse l’Afghanistan del 1980, anche se questa volta nel cuore dell’Europa.

Fonte: The American Conservative

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM