Una crescente preoccupazione israeliana per le nuove intese in Medio Oriente


I media israeliani fanno riferimento a cambiamenti tattici e nuove alleanze emerse in Medio Oriente, con l’obiettivo di produrre una nuova fase nel tessuto di potere nella regione.

I media israeliani hanno indicato che in Medio Oriente sono emersi cambiamenti tattici e nuove alleanze, con l’obiettivo di produrre una nuova fase nel tessuto del potere nella regione.

Ha sottolineato il crescente sviluppo delle relazioni tra Cina e Iran, per affrontare l’egemonia degli Stati Uniti d’America, che indirizza sforzi e risorse verso la guerra in Ucraina.

Il 10 marzo, Iran e Arabia Saudita hanno firmato un accordo dopo aver interrotto le relazioni dal 2016, con la mediazione della Cina, che ha “interessi economici nella regione”, secondo i media israeliani.

La scorsa settimana Riyadh ha ricevuto il ministro degli Esteri siriano, Faisal al-Miqdad, dopo un lungo boicottaggio di Damasco, in un passo dopo passo volto a riportare la Siria in seno ai Paesi arabi. Allo stesso tempo, Tunisia e Siria hanno restituito i rispettivi ambasciatori.

In un’altra ala del Golfo, l’Iran ha nominato un ambasciatore negli Emirati Arabi Uniti, dopo anni di tensioni. Parallelamente, Qatar e Bahrein hanno annunciato la ripresa delle relazioni diplomatiche tra di loro.

Inoltre, una delegazione di “Hamas” guidata da Ismail Haniyeh e Khaled Meshaal ha visitato l’Arabia Saudita dopo un allontanamento di oltre 15 anni.

E ieri, il canale israeliano “Kan” ha affermato che esiste un’indicazione saudita di un cambiamento nella politica nei confronti di “Hamas”, dicendo: “Quando collegheremo tutti i punti riguardanti la riconciliazione con l’Iran e il riavvicinamento con il presidente siriano Bashar al-Assad e Sana’a, questo costituisce, per Israele, decisamente motivo di preoccupazione”.

This handout picture provided by the Saudi Royal Palace shows Saudi Crown Prince Mohammed bin Salman (R) welcoming Chinese President Xi Jinping during a ceremony in the capital Riyadh, on December 8, 2022. Chinese President Xi Jinping met Saudi Arabia’s powerful crown prince on an Arab outreach visit that will yield billions of dollars in deals and has earned a rebuke from Washington. – RESTRICTED TO EDITORIAL USE – MANDATORY CREDIT “AFP PHOTO / SAUDI ROYAL PALACE / BANDAR AL-JALOUD” – NO MARKETING – NO ADVERTISING CAMPAIGNS – DISTRIBUTED AS A SERVICE TO CLIENTS (Photo by BANDAR AL-JALOUD / various sources / AFP) / RESTRICTED TO EDITORIAL USE – MANDATORY CREDIT “AFP PHOTO / SAUDI ROYAL PALACE / BANDAR AL-JALOUD” – NO MARKETING – NO ADVERTISING CAMPAIGNS – DISTRIBUTED AS A SERVICE TO CLIENTS

La Cina sta aprendo la strada a una nuova fase
Allo stesso modo, i media israeliani hanno confermato che la regione del Medio Oriente è all’apice di una nuova fase dal periodo della “primavera araba”.

Assaf Orion, ricercatore presso l’Israeli National Security Research Institute, ha affermato che dal 2010 l’Iran è stato posizionato “in molti vuoti che sono sorti nella regione, il più importante dei quali era la Siria”, aggiungendo che “oggi assistiamo a una sorta di di riorganizzazione formata dagli Stati Uniti d’America, che si sono concentrati su altre parti del paese.” del mondo, che sta facendo meno sforzi in Medio Oriente.

Secondo Orion, la visione di “Tel Aviv” in Medio Oriente emerge attraverso due metodi: il primo è quello di ridurre il pericolo dell’Iran stesso organizzando le relazioni, e ne è un esempio la ripresa delle relazioni iraniano-saudite, e il il secondo è diversificare i pilastri delle grandi potenze, come stanno facendo diversi paesi della regione, in particolare la Cina che utilizza lo strumento economico.

Poi ha proseguito dicendo: “Agli Esteri seguono gli sviluppi nella regione, e dicono: tutti parlano con tutti, negli ultimi anni c’è stata una tendenza al dialogo polivalente”.

L’Iran sta prendendo piede
I media israeliani hanno sottolineato che il fronte più importante diagnosticato da “Israele” è l’Iran, che sta indebolendo sempre più i tentativi di isolarlo.

Ha sottolineato che “l’accordo nucleare non esiste, ma non ci sono nemmeno sanzioni significative al riguardo, e l’Iran ha iniziato a diventare una parte nella regione a cui diversi paesi cercano di avvicinarsi per ridurre i rischi”, secondo la sua pretesa.

I media israeliani hanno anche considerato che “l’Iran ha molta fiducia in se stesso, sente che il suo isolamento è finito, è molto attivo in Iraq, Siria e Turchia. Potrebbe persino riuscire a calmare la guerra nello Yemen”.

Intesa Iran Arabia mediazione Cina

Quanto al livello di sicurezza, i media israeliani hanno chiarito che “Israele” ha ricevuto una piccola offerta dall’asse della resistenza, che comprende Iran, Iraq, Yemen, Siria e Libano, ed è legato all’arena palestinese – a partire dalla pianificazione e dirigere l’attacco a “Meghiddo”, che ha portato al lancio di decine di missili, verso le terre della Palestina dal Libano.

Secondo Assaf Orion, ricercatore presso l’Israeli National Security Research Institute, Sayyed, “Nasrallah rivela l’entità della spaccatura nel potere di Israele, e questo influisce sulla dimensione della sicurezza e sul desiderio dei paesi della regione di espandere le relazioni con noi”.

In precedenza, i media israeliani hanno confermato che c’è la sensazione tra i paesi del Golfo che la posizione di Israele a Washington si sia indebolita dopo la firma dell’accordo iraniano-saudita.

L’ex primo ministro Naftali Bennett ha attaccato Netanyahu in merito all’accordo saudita-iraniano e ha affermato: “Il rinnovo delle relazioni tra Arabia Saudita e Iran è uno sviluppo pericoloso per Israele, una vittoria politica per l’Iran e un clamoroso fallimento, negligenza e debolezza su parte del governo Netanyahu”.

Fonte: media israeliani

Traduzione: Fadi Haddad

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM