Una Azione militare Blitz di Israele contro lo Yemen sembra inevitabile per il 2021

di Ahmed Abdulkareem.

Uno scontro militare a tutto campo tra le forze dello Yemen e Israele sembra quasi inevitabile nel 2021.

L’Arabia Saudita dà il via al nuovo anno in modo familiare, con un raid aereo contro un grande raduno di civili durante una cerimonia di matrimonio nello Yemen. Alla vigilia di Capodanno, almeno cinque civili sono stati uccisi quando militanti sostenuti dai sauditi hanno scatenato il fuoco di artiglieria durante una cerimonia di matrimonio nella zona popolata di al-Hawk, nella strategica città portuale di Hodeidah.

Gli sviluppi in Medio Oriente stanno rendendo lo Yemen consapevole del fatto che è improbabile che il 2021 metta fine alla guerra quasi sei anni dell’Arabia Saudita contro il suo paese. Segnali di escalation stanno gradualmente iniziando ad apparire all’interno dello Yemen e lungo il Mar Rosso, sulla scia dell’ondata di normalizzazione tra gli Stati del Golfo e Tel Aviv.

Dopo quasi sei anni di guerra, lo Yemen rimane il centro della più grande crisi umanitaria del mondo. Milioni di persone sono affamate e indigenti e almeno l’80% della popolazione ha bisogno di assistenza o protezione umanitaria. Secondo le agenzie di soccorso internazionali, circa 13,5 milioni di persone devono far fronte a gravi carenze alimentari e quel numero potrebbe raggiungere i 16,2 milioni nel 2021. L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) ha lanciato l’allarme secondo cui milioni di yemeniti rischiano di peggiorare i livelli di fame entro la metà del 2021. Anche il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite (WFP) ha definito la crisi nello Yemen “la peggiore del mondo”.

Il blocco saudita su quello che era già uno dei paesi più poveri del mondo ha portato a un controllo rigoroso di tutti gli aspetti della vita in Yemen dal 2015. Tuttavia, non vi è alcuna indicazione che il blocco saudita dell’aeroporto internazionale di Sanaa e il porto di Hodeida, i più importanti porti aerei e terrestri del Paese, saranno revocati, e che questi porti sono la causa di più morti nello Yemen rispetto agli attacchi aerei sauditi, soprattutto alla luce del Covid-19.

Guerra lampo israeliana
Sul campo, si prevede che i segnali di escalation si intensificheranno nel 2021, poiché uno scontro militare aperto tra Yemen e Israele appare più vicino che mai sulla scia delle recenti dichiarazioni israeliane, tra cui quella del portavoce israeliano. Il generale di brigata dell’esercito israeliano Hidai Zilberman, che sabato ha rivelato a un sito web saudita l’intenzione delle sue forze di lanciare una blitzkrieg in Yemen, confermando che Israele sta monitorando la situazione in Yemen e Iraq. Il popolo yemenita teme di pagare il prezzo delle tensioni tra Iran e Stati Uniti, secondo molti yemeniti che hanno contattato MintPress .

Zilberman ha dichiarato in un’intervista al sito di notizie saudita Elaph che il regime di Tel Aviv si aspetta un attacco iraniano dallo Yemen e dall’Iraq. Ha definito lo Yemen “il secondo cerchio dell’Iran dopo Libano e Siria”. Queste recenti osservazioni fanno seguito a una dichiarazione simile fatta in ottobre da Benjamin Netanyahu. Il primo ministro israeliano ha detto che l’Iran sta cercando di colpire Israele dallo Yemen usando attacchi missilistici chirurgici.

Secondo le informazioni ottenute da MintPress e confermate dai funzionari del governo yemenita a Sana’a, sono in corso accordi e coordinamento tra Israele e gli stati del Golfo per aggravare la situazione in Yemen e legittimarla come reazione alla prevista ritorsione iraniana per l’ assassinio dello scienziato iraniano Mohsen Fakhrizadeh e del comandante della forza iraniana di al-Quds Qassem Soleimani, venerato come eroico guerriero in tutto lo Yemen. Soleimani è stato assassinato nel gennaio 2020 in un raid aereo americano sull’aeroporto internazionale di Baghdad.

Questa informazione è stata confermata da Jalal Al-Ruwaishan, vice primo ministro per la sicurezza e la difesa nel governo di Sana’a, quando ha detto ai media locali che Israele aveva iniziato a portare equipaggiamento militare nella regione dopo la recente normalizzazione con gli Stati del Golfo, compresi i Paesi partecipanti alla coalizione ”, riferendosi a Emirati Arabi Uniti e Bahrein. Ha aggiunto che “ciò che non sono riusciti a realizzare in sei anni, non saranno in grado di realizzarlo in un mese, nemmeno nell’era Biden”.

Il maggiore generale Abdullah Al-Hakim , capo dell’intelligence militare a Sana’a, ha detto che l’esercito yemenita con sede a Sana’a “controlla le azioni e le provocazioni [di Israele] e le sue azioni ostili pianificate”. I nostri occhi non sono ignari delle azioni del nemico sionista nella regione “, ha detto,” e devono comprendere la serietà del nostro avvertimento che qualsiasi incoscienza o azione sconsiderata avrà conseguenze disastrose su Tel Aviv “. .

Civili nello Yemen

La minaccia di una guerra totale
Un alto funzionario del ministero degli Esteri yemenita con sede a Sana’a ha detto a MintPress che qualsiasi attacco israeliano o guerra allo Yemen innescherebbe una guerra totale in Medio Oriente e che Israele sarebbe il primo a soffrirne, aggiungendo che gli interessi Israele e quelli dei suoi alleati nella regione del Mar Rosso diventerebbero un obiettivo legittimo in virtù del diritto all’autodifesa garantito da tutte le convenzioni e accordi internazionali.

Qualsiasi azione militare israeliana nello Yemen porterebbe senza dubbio a un’escalation nella regione. In seguito all’annuncio delle intenzioni israeliane, le dichiarazioni dei leader yemeniti hanno avvertito di attacchi di ritorsione contro Israele, nel Mar Rosso e altrove nella regione. Dato il tono dei funzionari a Sana’a quando hanno parlato con MintPress e il fatto che gli Houthi non hanno esitato a lanciare missili e droni di rappresaglia contro obiettivi in ​​Arabia Saudita e negli Emirati Arabi Uniti, inoltre Nel volume dei preparativi sul terreno per un confronto aperto e doloroso con Israele, la prospettiva che i missili Houthi piovano su Israele è molto reale.

Effetti dei bombardamenti sauditi sullo Yemen

Anche per coloro che vivono in aree sotto il pieno controllo della coalizione guidata dai sauditi, è improbabile che il 2021 sia un anno di transizione per porre fine alle loro sofferenze, poiché le ricche monarchie del Golfo sono all’altezza della loro reputazione, causando caos e instabilità, secondo i residenti di quelle aree che si sono avvicinati a MintPress in seguito alle recenti violente esplosioni che hanno colpito l’aeroporto internazionale di Aden e il palazzo presidenziale di Al-Maasheeq.

Parte dell’aeroporto è stata danneggiata nella città meridionale di Aden dopo un’esplosione il 30 dicembre 2020, Majid Saleh | AP
Mercoledì scorso , una forte esplosione ha colpito l’aeroporto nella città di Aden, nello Yemen meridionale, gestito da forze affiliate al gruppo militante sostenuto dagli Emirati Arabi Uniti, il Southern Transition Council (STC), poco dopo vi è atterrato un aereo che trasportava “il governo yemenita”, appena formato a Riyadh. Almeno 25 persone, tra cui funzionari, sono rimaste uccise e 110 ferite nell’esplosione. Pochi istanti dopo l’attacco all’aeroporto internazionale di Aden, esplosioni hanno colpito il distretto di Al-Ma’asheeq di Aden, dove pochi istanti prima era stato trasferito il governo appena formato.

Sebbene gli alleati dell’Arabia Saudita abbiano incolpato gli Houthi per questi attacchi, gli Houthi hanno respinto categoricamente l’accusa. Gli attacchi sono avvenuti dopo che le fazioni affiliate al Movimento del Sud, fedeli agli Emirati Arabi Uniti, si erano impegnate a contrastare l’autoproclamato governo dopo il loro ritorno ad Aden da Riyadh, dove lavoravano principalmente in detenzione forzata.

Bambini sotto le bombe in Yemen

Sotto Biden, le bombe continueranno a piovere
La maggior parte degli yemeniti è destinata a un futuro tetro, non solo a causa degli sviluppi sul terreno, ma anche a causa dell’ondata di approvazioni date dagli Stati Uniti alle coalizioni a guida saudita e Israele. Le approvazioni per la vendita di armi sono state concesse all’Arabia Saudita e agli Emirati Arabi Uniti. Questi paesi, che hanno un record spaventoso di violazioni dei diritti umani, continuano a fare la guerra contro il paese più povero del Medio Oriente.

Queste approvazioni, che probabilmente saranno ignorate dal Congresso nonostante la crescente rivolta dell’opinione pubblica americana contro le vendite, includono bombe per un valore di 290 milioni di dollari, un ultimo regalo dell’amministrazione del presidente Donald Trump. Martedì l’Agenzia per la difesa e la sicurezza del Dipartimento di Stato ha approvato la vendita di bombe GBU-39 di piccolo diametro all’Arabia Saudita. Le approvazioni includono anche la proposta di vendita di droni avanzati e caccia F-35 agli Emirati Arabi Uniti per $ 65,6 milioni, una ricompensa per la normalizzazione dei legami di quel paese con Israele.

Il nuovo presidente Joe Biden ha espresso una certa opposizione alle azioni dannose dell’Arabia Saudita nello Yemen, ma la maggior parte degli yemeniti vede poche possibilità che il 2021 porti cambiamenti positivi da Biden data l’attuale realtà geopolitica nel Medio -Est. Questa realtà include la santità delle relazioni degli Stati Uniti con Israele, i fondi sauditi e la febbre della normalizzazione tra i paesi arabi e Israele che sta investendo il Medio Oriente e, forse la cosa più importante, la continua ossessione delle amministrazioni di Riyadh e Abu Dhabi a competere con gli americani, per cercare di contenere la cosiddetta “influenza iraniana” in Medio Oriente e per collegare la guerra in Yemen a questo sforzo.

Indipendentemente da chi fosse responsabile delle recenti esplosioni ad Aden, ci sono chiari segni di escalation, il che significa che è probabile che la guerra in Yemen continuerà a intensificarsi nel 2021 e più yemeniti perderanno la vita, più le persone saranno sfollate internamente, la diffusione delle epidemie continuerà senza sosta, più città, ospedali e scuole saranno distrutte e milioni di famiglie indifese saranno lasciate senza mezzi di sussistenza.

Sebbene ci siano appelli internazionali per porre fine alla guerra allo Yemen e colloqui indiretti tra gli Houthi e l’Arabia Saudita, pochi rimangono fiduciosi che possano porre fine all’amara guerra yemenita nel 2021. In effetti, gli aerei da guerra sauditi ancora lanciano regolarmente attacchi aerei nelle regioni settentrionali dello Yemen. Almeno 15 attacchi aerei giovedì hanno colpito aree popolate di Sana’a, tra cui l’aeroporto internazionale di Sana’a, Rima Hamid nel distretto di Sanhan e Wadi Rajam nel distretto di Bani Hushaish, a est di Sana’a. In rappresaglia per la guerra e il blocco in corso, l’esercito yemenita si è alleato degli Houthi, che ha avanzato mezzi militari nel suo arsenale.

fonte: https://www.mintpressnews.com

Nota: I grandi media internazionali in Occidente nascondono i crimini commessi nello Yemen contro la popolazione civile, crimini di cui sono responsabili non solo la monarchia saudita e gli Emirati ma anche Stati Uniti e Gran Bretagna che supportano logisticamente l’aviazine saudita, che hanno inviato truppe speciali nel paese e che contribuiscono al blocco aeronavale che sta affamando la popolazione yemenita. Sono gli stessi governi che di frequente pontificano sul rispetto dei “diritti umani”.

Traduzione e nota: Luciano Lago

Inserisci un Commento