Un soldato americano muore e altri 3 rimangono feriti nello Yemen

placeholder


Gli Stati Uniti riferiscono che uno dei loro soldati è stato ucciso e altri sono rimasti feriti nello Yemen, costituendo questa una ulteriore prova del ruolo attivo che Washington svolge nell’aggressione saudita.

La Marina degli Stati Uniti ha dichiarato mercoledì che una delle sue forze speciali per le operazioni di attacco dei Navy Seals è stata uccisa e altre tre ferite alla fine della settimana durante un raid nello Yemen.

Tuttavia, la Marina degli Stati Uniti nella sua dichiarazione non ha rivelato il tipo di operazione svolta da queste forze, né ha fornito dettagli relativi all’incidente.
Non è la prima volta che il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (il Pentagono) annuncia le vittime tra i suoi soldati nello Yemen.
Gli Stati Uniti sono il principale partner dell’Arabia Saudita nell’aggressione alla nazione yemenita attraverso il supporto logistico e di intelligence e la vendita di armi. Centinaia di marines statunitensi stanno combattendo al fianco delle truppe saudite ed emiratine in questo paese arabo.
Questa notizia mette in discussione la sincerità del governo degli Stati Uniti riguardo allo Yemen in quanto viene pubblicata nonostante il presidente degli Stati Uniti Joe Biden abbia annunciato,poco tempo prima, la sua decisione di smettere di sostenere l’aggressione militare saudita nello Yemen.

In precedenza, il movimento popolare yemenita Ansarolá ha riferito che i consiglieri statunitensi e britannici stanno guidando le offensive saudite nello Yemen, denunciando il loro ruolo nel provocare la continuazione del conflitto.
Da marzo 2015, l’Arabia Saudita ei suoi alleati, inclusi gli Stati Uniti, hanno commesso crimini di guerra contro la popolazione civile nello Yemen con tutti i tipi di armi.

Forze speciali USA nello Yemen


Nota: Lo Yemen, il più povero paese di tutta la regione, si trova da oltre cinque anni sotto assedio ed embargo da parte delle forze aeronavali di USA, Arabia Saudita e Regno Unito, che impediscono l’arrivo di rifornimenti alimentari, medicinali e generi di necessità per soccorrere la popolazione in gravi difficoltà. La carestia e la diffusione di infezioni e malattie sono aggravate dalla distruzione operata dall’aviazione saudita di ospedali e centri sanitari, in sprezzo di tutte le norme internazionali. I bombardamenti indiscriminati dell’aviazione saudita hanno colpito, oltre alle abitazioni civili, anche depositi di scorte alimentari, cosa che ha aggravato la situazione di carestia. Le Nazioni Unite hanno descritto quella yemenita come la più grave emergenza alimentare in questo momento nel mondo, con oltre 20 milioni persone che sono al limite della sopravvivenza

Famiglie stremate nello Yemen


I governi occidentali, che riforniscono l’Arabia Saudita di armamenti, sono gli stessi che alzano la voce per accusare altri paesi di violazione dei “diritti umani”, mentre sono complici dei crimini commessi contro questa popolazione disgraziata.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione e nota: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus