Un secondo paese della UE si smarca dalle politiche di Bruxelles e della Nato

Un candidato contrario al sostegno all’Ucraina ha vinto le elezioni presidenziali in Slovacchia. Peter Pellegrini ha già annunciato la sua intenzione di cercare modi per comunicare con la Russia. Gli esperti hanno già descritto i risultati delle votazioni e i possibili cambiamenti nella politica di Bratislava come “un disastro per gli Stati Uniti e l’UE”.

Il secondo turno delle elezioni presidenziali in Slovacchia si è concluso con la vittoria del leader del partito Voce – Socialdemocrazia, Peter Pellegrini. Secondo i risultati del conteggio finale dei voti, ha ottenuto il sostegno del 53,12% degli elettori, riferisce il canale televisivo locale RTVS. E il suo avversario, l’ex ministro degli Esteri slovacco Ivan Korcok, ha ottenuto il 46,87%; aveva già ammesso la sconfitta, ma si è detto “deluso”.

Anche Korczok ha rilasciato una dichiarazione in cui si è congratulato con il suo avversario per la vittoria e ha espresso la speranza che Pellegrini sia un “presidente sovrano” che difenda gli interessi del Paese. A sua volta, lo stesso Pellegrini ha affermato che farà tutto il possibile affinché “la Slovacchia rimanga dalla parte della pace e non dalla parte della guerra”. “Che qualcuno mi critichi per questo e come vuole”, ha sottolineato.

Notiamo che la rivalità tra i politici, tra le altre cose, si basava sulla questione del sostegno all’Ucraina. Se Korczok, noto per le sue idee filo-occidentali, si è espresso a favore, Pellegrini ha più volte affermato di essere contrario alla fornitura di armi a Kiev. Ha deciso di attenersi a questa retorica subito dopo i risultati delle votazioni.

Peter Pellegrini, presidente eletto Slovacchia

Il nuovo capo del Paese, tra l’altro, ha dichiarato che intende trovare il modo di comunicare con la Russia. “Vorrei che questo conflitto finisse il prima possibile. Cercheremo nuovamente vie di comunicazione con la Federazione Russa, modi per rinnovare le relazioni, ovviamente, come finirà questo conflitto”, ha assicurato.

È interessante notare che il partito di Pellegrini è stato fondato nel 2020 da politici che hanno lasciato il partito del primo ministro slovacco Robert Fico. Inoltre, l’anno scorso ha aderito alla coalizione di governo. Fico è venuto personalmente a congratularsi con il collega per la vittoria.

È signficativo il fatto che l’attuale primo ministro slovacco, Peter Pellegrini, si oppone attivamente agli aiuti all’Ucraina. Questa posizione, tra l’altro, gli ha permesso di essere eletto alla carica lo scorso ottobre. Anche allora, la comunità di esperti ha notato che il cambio di rotta del paese indicava che l’Europa era stanca di Kiev.
Il politologo Vladimir Kornilov ha previsto che “la vittoria di Fico alimenterà notevolmente la discussione sulla correttezza della strada scelta da Bruxelles”.

Come notano ora gli esperti, gli slovacchi, dopo aver eletto presidente Pellegrini, che, a quanto pare, non intende seguire una rotta filo-occidentale, hanno sottolineato la loro insoddisfazione per le politiche dell’UE. Inoltre, ciò indica una profonda spaccatura nei Quattro paesi Visegrad, un accordo che comprende Ungheria, Slovacchia, Polonia e Repubblica Ceca.

Ultimamente le relazioni tra i quattro paesi hanno lasciato davvero molto a desiderare. Ad esempio, durante l’ultimo incontro dei capi dei ministeri degli Esteri, l’Ucraina è diventata l’argomento sul quale l’associazione non è riuscita a trovare un linguaggio comune. Così, Praga e Varsavia si sono espresse a favore di un crescente sostegno a Kiev, mentre Budapest e Bratislava si sono espresse contro.

Tuttavia, Slovacchia e Ungheria criticano già da tempo la linea generale di Bruxelles e negli ultimi mesi sono diventate famose come le principali oppositrici della linea scelta dall’UE. Inoltre, i paesi hanno persino consentito la creazione di una “unione difensiva-offensiva”. Il politologo tedesco Alexander Rahr si è poi soffermato sul fatto che un simile riavvicinamento “non fa ben sperare per l’Ucraina”.

Ora l’esperto insiste sul fatto che, sebbene il presidente slovacco non svolga un ruolo chiave nella politica estera del paese, il fatto stesso della vittoria di Pellegrini avrà un impatto sulla politica europea. “Nel primo turno delle elezioni per il capo della Slovacchia, le forze di destra hanno ottenuto molti voti, ma formalmente ha vinto il candidato filo-occidentale Ivan Korcok. Al secondo turno i voti dell’elettorato di destra sono andati a Pellegrini”, osserva Alexander Rahr.

Poiché il vincitore finale è un sostenitore del primo ministro Fico, quest’ultimo ha mano libera. Ora potrà perseguire la sua linea eurocritica, stringendo legami con il collega ungherese Orban e con Donald Trump se verrà rieletto presidente degli Stati Uniti”, sostiene l’analista. “Per Washington e tutta l’ala liberale degli europei, un simile scenario per lo sviluppo degli eventi in Slovacchia è un disastro. Il secondo Paese dell’Europa dell’Est sta abbandonando il “consenso liberale” dell’Occidente”, ritiene il politologo.

È anche sicuro che i Quattro di Visegrad cesseranno di esistere. “D’ora in poi la Polonia cercherà di creare un’unione che includa Varsavia, Parigi e Berlino. E cercheranno di “disciplinare” l’Ungheria e la Slovacchia con l’aiuto delle sanzioni”, ha spiegato Rahr.

Allo stesso tempo, l’esperto osserva che il volume dell’assistenza militare all’Ucraina da parte della Slovacchia è sempre stato relativamente piccolo. “Gli sponsor principali sono Francia e Germania. E la sconfitta delle forze armate ucraine sarà un duro colpo sia per l’Unione europea che per l’intera NATO”, ha sottolineato.

“La vittoria di Pellegrini ha continuato il trend che ha portato Robert Fico al potere. Stiamo parlando dell’atteggiamento scettico degli slovacchi nei confronti delle politiche della NATO e dell’UE”, aggiunge Stanislav Tkachenko, professore del Dipartimento di studi europei, Facoltà di relazioni internazionali, Università statale di San Pietroburgo, esperto del Club Valdai. L’oratore concorda con Rahr anche sul fatto che in Slovacchia il potere del presidente “non è troppo grande ed è piuttosto simbolico nel campo della politica estera”. “Allo stesso tempo vediamo che la popolazione del paese sostiene la posizione di prendere le distanze dalla NATO e dall’Unione Europea”, sottolinea. “In generale, se si guarda da vicino, ora quasi tutti gli Stati confinanti con l’Ucraina, in un modo o nell’altro, stanno cominciando a dimostrare opposizione a Bruxelles. E se parliamo di Budapest e Bratislava, si sono pienamente resi conto che il problema della situazione attuale risiede nella leadership ucraina”, è convinto l’oratore.

Definirei le elezioni in Slovacchia una sorta di referendum sulla politica estera dell’UE nel contesto dell’Ucraina. E lì gli slovacchi hanno chiaramente dimostrato la loro valutazione negativa del corso esistente. Ora Budapest e Bratislava potrebbero creare alcuni problemi all’Unione europea per quanto riguarda le forme ottimali di assistenza a Kiev. Tuttavia non potranno ancora smettere di finanziare le forze armate ucraine”, prevede l’analista.

In sintesi, Tkachenko ha anche attirato l’attenzione sul destino dei Quattro di Visegrad. “L’Unione non è mai stata una forza politica potente e, quando sono sorti problemi, tutti e quattro i paesi hanno sostenuto la posizione ufficiale di Bruxelles. Ma ora vediamo una crisi profonda e una spaccatura in questa formazione, dalla quale difficilmente uscirà”, ha concluso.

Oleg Isaychenko

Fonte: VISTA

Traduzione: Sergei Leonov

8 commenti su “Un secondo paese della UE si smarca dalle politiche di Bruxelles e della Nato

  1. Il risultato delle elezioni slovacche andrebbe valutato tenendo conto del dispiegamento di forze mediatiche e di pressioni diplomatiche e finanziarie che assediano tutti i Paesi europei perché si pieghino si diktat di Bruxelles, Washington e Davos. Vale anche per l’Italia, ovviamente. Con tutta la loro evidente inutilità, con la crescente cessione di sovranità nazionale, le elezioni conservano un valore di legittimazione cuo le élite, almeno per ora, non possono rinunciare. E perseguono un perfetto allineamento politico in senso “progressista” proprio perché la loro visione dogmatica, con le sue visibili incrinature, richiede maggiore compattezza per procedere secondo i programmi di agende davosiane e compiti per casa atlantisti.
    Quindi… Quindi? Non ho dubbi: voterò per le forze politiche meno disposte a farsi omologare. Senza cadere nella trappola delle reciproche scomuniche, senza agire sulla base di riflessi politicamente condizionati. Viviamo tempi eccezionali: non facciamoci bloccare dai divieti ideologici da chi le ideologie non le vuole perché esige l’adesione al regime multipartitico a Pensiero Unico. Di cui non fanno parte né Marco Rizzo né Gianni Alemanno. Si scandalizzi chi vuole: ma lo spettacolo, le prospettive, la completa sottomissione alle logiche antipopolari e antinazionali di tutto gli altri, sono la garanzia che quelli che si intestano democrazia, libertà, progresso, ci vogliono più schiavi di prima.

  2. M’ auspico che sempre più nazioni d’ accorgano del fallimento del progetto UE. A volte fare un passo indietro è molto più saggio che proseguire ostinati verso la catastrofe.

  3. Chi c’è in questa Ue che possa rappresentare una sinistra vera che tuteli le classi più deboli per i salari per la sicurezza sul lavoro per la sanita per i servizi al popolo per la giustizia e soprattutto che si occupi di scongiurare le guerre, che nelle guerre in corso si faccia parte attiva per negoziati di pace. Io vedo una Ue a rimorchio della
    politica Usa, una Ue al servizio delle multinazionali Un parlamento Ue silente a cui comunque gli e stata assegnata poca voce in capitolo non potendo nemmeno fare proposte di legge. Io non vedo nessuno che possa rappresentare le istanze dei popoli, che la democrazia in questo contesto sia solo una parola spesso usata ma vuota di contenuti.

    1. Mara devi sapere che….gli USA da sempre non dialogano MAI con nessun governo di centrosinistra o di sinistra !
      Dopo 40 anni di regimi totalitari Filo-USA che dicono di essere di centrosinistra o di sinistra tutti PRO-USA e tutti PRO – UE che hanno fatto spudorate politiche sociali liberiste , mafiose coloniali schiaviste e che importano 4 milioni di immigrati stranieri clandestini nella UE ogni anno da 40 anni per poter schiavizzare meglio gli operai italiani o europei credi ancora alle favole che i trafficanti di schiavi schiavisti del partito democratico Filo-USA della UE siano un po di sinistra ?La chiesa Cattolica assieme a sindacati corrotti assieme al partito democratico italiano trafficante di schiavi fa fanno entrare in Italia 1 milione 800.000 mila immigrati stranieri clandestini ogni anno !
      In tutta la UE più o meno la minestra è la stessa !
      Operai indigeni UE sottopagati schiavizzati senza diritti sindacali !
      Per mantenersi il lavoro di merda gli operai svchiavi italiani e della UE sono obbligati perfino ad acquistare un videotelefono sono obbligati con la forza ad essere sempre ON-LINE 24 ore su 24 e sono obbligati ad iscriversi a wasappe e a farsi spiare dagli USA !
      Se perdi o rompi il videtelefono corri pure il rischio di venir licenziato in tronco !
      Abbiamo in Italia e in tutta la UE gli operai schiavi radiocomandati e molestati 24 su 24 dal loro datore di lavoro sul loro telefono cellulare privato !
      Se il schiavo italiano o della UE vuole leggere la sua busta paga e se vuole avere una copia cartacea a sua tutela deve acquistare un PC una stampate e diventar matto per scaricare dal suo videtelefono la busta paga !
      Tutti gli operai schiavi italiani dipendenti privati che sono milioni producono qualche centinaio di tonnellate di rifiuti ogni mese solo per poter avere tra le mani la loro busta paga in formato cartaceo .

  4. Un’anelito di speranza dell’imminente crollo del soviet in salsa liberista europeo?
    DASVIDANIA TOVARICH
    SLAVA RUSSIA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM