Un relatore delle Nazioni Unite chiede di imporre sanzioni a “Israele” e di deferirlo alla Corte penale

La Relatrice Speciale delle Nazioni Unite per i Territori Palestinesi Occupati, Francesca Albanese, conferma in un rapporto presentato al Consiglio per i Diritti Umani che un quarto della popolazione di Gaza è a rischio di morte a causa della politica di blocco israeliana.

La Relatrice Speciale delle Nazioni Unite per i Territori Palestinesi Occupati, Francesca Albanese, ha presentato davanti al Consiglio dei Diritti Umani di Ginevra un rapporto esaustivo sui crimini israeliani nella Striscia di Gaza e in Cisgiordania, confermando che Israele ha commesso il crimine di genocidio contro i palestinesi.

Il rapporto rivela i dettagli dei crimini commessi da “Israele” contro i residenti di Gaza e della Cisgiordania, che, secondo le prove schiaccianti in suo possesso, costituiscono un crimine descritto e coordinato di genocidio, avvenuto sotto chiari ordini dei leader israeliani, a vari livelli.

Albanese aggiunge nel suo rapporto che i crimini dell’occupazione non sono iniziati il ​​7 ottobre, ma piuttosto sono stati un prolungamento delle fasi di pulizia etnica di massa della popolazione non ebraica in Palestina, sottolineando che ciò è avvenuto negli anni 1947-1949 e di nuovo nel 1967, quando “Israele” occupò la Cisgiordania e il suo Oriente.

Albanese ha paragonato questo “all’ideologia dei processi di colonialismo dei coloni come l’esperienza dei nativi americani negli Stati Uniti e delle Prime Nazioni in Australia”.

Il relatore dell’ONU ha avvertito che a causa della politica di blocco israeliana “un quarto della popolazione di Gaza è minacciata di morte” e che durante i primi mesi di guerra “Israele” ha sganciato sulla Gaza più di 25mila tonnellate di esplosivo sulla Striscia, l’equivalente di due bombe nucleari.

Le accuse di Israele contro Hamas sono infondate
Il relatore dell’ONU ha rivelato che le accuse israeliane contro Hamas di usare il popolo di Gaza come scudi umani sono infondate, e che “Israele” è quello che usa i civili a Gaza come scudi umani considerando tutto a Gaza come un bersaglio, comprese le chiese, moschee e ospedali.

Nel rapporto si afferma che le autorità israeliane hanno classificato chiese, moschee, scuole, strutture delle Nazioni Unite, ospedali e ambulanze come collegati ad Hamas per rafforzare la percezione dei residenti che sono ampiamente descritti come “complici” e quindi suscettibili di essere uccisi.

Il rapporto affermava che non c’erano prove che indicassero che l’ospedale Al-Shifa fosse stato utilizzato da Hamas, contrariamente alle fotografie militari israeliane, e che questo ospedale non era collegato alla rete di tunnel, e non c’erano prove che si potesse accedere ai tunnel dai reparti ospedalieri.

Ha sottolineato che le armi erano state riorganizzate nel complesso di Shifa prima della visita delle troupe televisive, indicando sospetti di fabbricazione da parte dell’”esercito” israeliano.

La relatrice delle Nazioni Unite ha concluso nel suo rapporto che vi sono fondati motivi per ritenere che siano stati commessi atti di genocidio approvati ed entrati in vigore a seguito di dichiarazioni di intenti genocidari rilasciate da alti funzionari militari e governativi.

Il relatore delle Nazioni Unite ha formulato una serie di raccomandazioni, la più importante delle quali è l’immediata attuazione dell’embargo sulle armi nei confronti di Israele, nonché altre misure economiche e politiche necessarie per garantire un cessate il fuoco immediato e permanente e ripristinare il rispetto del diritto internazionale, comprese le sanzioni. .

Tra le raccomandazioni c’è anche quella di sostenere il Sudafrica nel ricorrere al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ai sensi dell’articolo 94 (2) della Carta delle Nazioni Unite in seguito al mancato rispetto da parte di Israele della Corte Internazionale di Giustizia.

Secondo il rapporto, ciò includeva il lavoro per garantire un’indagine completa, indipendente e trasparente per documentare le violazioni del diritto internazionale e la cooperazione con organismi internazionali indipendenti di accertamento dei fatti, chiedendo anche che la situazione in Palestina fosse immediatamente deferita alla Corte penale internazionale per sostenere le sue indagini in corso.

Il rapporto invita gli Stati ad attuare i propri obblighi in base ai principi e alla giurisdizione universali e a garantire indagini e procedimenti giudiziari autentici nei confronti di individui sospettati di aver commesso, aiutato o favorito la commissione di crimini internazionali, compreso il genocidio, a cominciare dai propri cittadini.

Ha inoltre chiesto il pagamento dell’intero risarcimento, compreso l’intero costo della ricostruzione a Gaza, e di garantire che l’UNRWA riceva finanziamenti adeguati per consentirle di soddisfare le crescenti esigenze dei palestinesi a Gaza.

Ciò avviene in un momento in cui l’occupazione israeliana continua a commettere massacri contro i civili palestinesi nella Striscia di Gaza, e il bilancio dell’aggressione israeliana a Gaza è salito a 32.333 martiri, la maggior parte dei quali sono bambini e donne, e 74.694 feriti dallo scorso 7 ottobre.

Fonte: Al Mayadeen

Traduzione: Fadi Haddad

17 commenti su “Un relatore delle Nazioni Unite chiede di imporre sanzioni a “Israele” e di deferirlo alla Corte penale

  1. bastano le dichiarazioni degli psicopatici al governo sionista. Lo dicono apertamente. Il bibi lo dice apertamente che deve scacciare dal Rafah i palestinesi per portare a termine il suo progetto malefico. Mandateli via dal mondo intero quella razza maledetta che ha seminato solo morte, caos, violenza e sofferenza.

    1. La prima frase è corretta nelle intenzioni ma imprecisa nell’aggettivo. Il governo israeliano è fanatico e fondamentalista, ma la qualifica “sionista” usata derogatoriamente è impropria, perchè il sionismo ha una storia molto articolata, che comprende fanatici e fondamentalisti, ma anche democratici che adesso sarebbero orripilati dalla politica dello stato d’Israele. La seconda frase fornisce un giudizio su Netanyahu che condivido pienamente. La terza frase è becero antisemitismo, e non dovrebbe essere tollerata da un sito come controinformazione.info

      1. L’unica parola che trovo corretta nel tuo commento/enunciato è ORRIPILATI. Lo siamo dinanzi a questo scempio, massacro, genocidio, tritacarne, chiamiamolo come più ci piace, ad opera del governo israeliano e dei suoi sostenitori, praticamente 3/4 della popolazione dello stato di israele – faro DEMOCRATICO, unico in tutto il medioriente…mi si accappona la pelle. Lo scrisse Primo Levi, in “se questo è un uomo”, che chi si salvò dai campi di sterminio, fu solo il peggio, il subdolo e il corrotto di quanti vi ci erano ahimè rinchiusi.

        1. Quinta tu ritieni che “mandateli via dal mondo quella razza maledetta” sia una frase accettabile che corrisponde ad un giudizio sulla situazione attuale? Posso capire che si parli di genocidio, ma si deve saper distinguere tra governi e popoli. Altrimenti noi Italiani dovremmo esser giudicati da quello che fa Giorgia Meloni. Se non vede razzismo e antisemitismo in termini come “razza maledetta” ho gran pena per lei.

          1. Buongiorno Andrea,
            ho riletto più volte il mio commento, ma non trovo la frase “mandateli via dal mondo quella razza maledetta”. E se mi trovo a criticare gli ebrei, è per quanto stanno facendo in Palestina al popolo palestinese, non di certo per la loro razza. Non è iniziato tutto il 7 ottobre 2024 (come da propaganda israeliana). La colonizzazione selvaggia, l’apartheid e infine il genocidio vanno datati almeno dal 1948.

      2. Ciao Andrea Battinelli. M’ associo non si dovrebbe fare razzismo classista. Ma ahimè i democratici a cui tu credi in Israele e nel mondo sono ben pochi. Per altro non residenti in Israele e quindi NON SIONISTI, semplici ebraici quindi. DEI VERI SIONISTI, attivisti quindi residenti in Israele e simpatizzanti residenti ovunque , nessuno si salva ahimè. Più estremisti o meno sono tutti corresponsabili nel GENOCIDIO PALESTINESE decennale! Saluti

  2. secondo la bibbia (in generale) ed il cristianesimo (in speciale), questi sarebbero il popolo eletto… da chi ?!.. e per quale merito ??!
    cio che fanno loro da tempo immemore e gia risaputo, per tutti queli che vogliono informarsi.

  3. Questa volta i complici dei sionisti, gli USA, durante il voto al consiglio di sicurezza Onu, si sono astenuti pilatescamente per cercare di salvare capra e cavoli, sfuggire all’isolamento e alla riprovazione internazionale lasciando che colpisca solo l’entità sionista senza però voltargli le spalle, e recuperare consensi viste le prossime elezioni interne … praticamente se tutto va a catafascio per loro, sia a Gaza che in Ucraina, potranno sempre incolpare Netanyau e Zelensky, scaricandoli e sacrificandoli !

  4. I sionisti hanno superato di gran lunga la regola nazista del ” dieci per uno”, dieci fucilati per un nazista ucciso ; impiegano la fame come arma di genocidio ; usciti dal ghetto stanno provvedendo a rientrarvi, non saranno al sicuro in nessun posto.
    A proposito, avete mai sentito parlare di un attentato I S I S contro Israele ? mai

  5. USA & NATO dichiareranno guerra a qualsiasi nazione al mondo che tentasse di salvare il popolo Palestinese dal Genocidio voluto da Israele !
    USA & NATO impediranno a qualsiasi nazione al mondo che Israele possa essere processato per crimini di guerra e contro l” umanità e che possa subire SANZIONI ECONOMICHE E FINANZIARIE !

  6. Ciò che è capace di fare la spazzatura etica e politica (forse anche genetica?) ebrea, quanto a crimini mostruosi e atrocità è difficile anche soltanto immaginarlo e Gaza ne è prova tangibile.

    Preciso che il mio commento riguarda tutti gli ebrei, senza capziose distinzioni di sorta, persino quei pochi – ma ricchi e ben serviti – che sono incistati qui, in Italia.

    Cari saluti

    1. più che giusto ed è doveroso far capire alla moltitudine che tipo di abominevole razza sussiste (per ora) su questo pianeta

      1. Da ben più di duemila e cinquecento anni questa razza è un pericolo costante, che in alcuni periodi storici si è manifestato e oggi ha raggiunto l’apice della pericolosità), perché gli usa e tutto l’impero unipolare sono di fatto governati dagli ebrei, con le conseguenze devastanti che vediamo, prima fra tutte il rischio di un confronto nucleare …

        Cari saluti

  7. C’è ne fossero anime belle italiane come questa rappresentante. Dice verità sacrosante ed inoppugnabili come l’equiparare le brutalità sioniste alla stregua del colonialismo primitivo, al genocidio dei nativi americani e alle deportazioni politiche e punitive dei derelitti in Australia.Guarda la coincidenza ,anche in queste tre sciagure c’è la mano ✋ sion. ‘ come già prima nello schiavismo dall’Africa in America , sia come apripista,la prima nave la chiamarono Jesu’,ad onta della nostra GIUSTISSIMA RELIGIONE ,armata e finanziata da loro….Fece bene in De Bello judaico a mostrarci i difetti perenni Flavius Giuseppe ,giudeo da generazioni .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM