Un rapporto rivela il pauroso bilancio dell’intervento militare turco in Siria

Tre anni di occupazione turca della città siriana di Afrin, hanno provocato la morte di 604 civili e il rapimento di 7343, lo ivela una ong locale.

“ Dal 2018, almeno 604 civili hanno perso la vita nella città di Afrin. Di questo numero, 498 sono morti nelle operazioni dirette dei soldati turchi e dei loro alleati terroristi ”, ha riferito venerdì il Centro Afrin per i diritti umani in un rapporto sugli abusi e le violazioni commessi nelle aree controllate dall’occupazione turca.

Durante questo periodo, 7343 civili sono stati rapiti in questa città, ha aggiunto la fonte. Finora non si sa dove si trovi la metà dei rapiti, ha spiegato l’Afrin Center for Human Rights.

Da parte sua, lo stesso giorno venerdì l’Osservatorio siriano per i diritti umani (OSDH) dell’opposizione ha riferito che le fazioni terroristiche sostenute dalla Turchia continuano a commettere flagranti violazioni ad Afrin, dove violentano e costringono donne e minori a sposare i loro membri.
HRW denuncia anche il saccheggio da parte delle truppe alleate turche delle proprietà dei residenti ad Afrin

Questa domenica, l’ONG Human Rights Watch (HRW) per i diritti umani ha denunciato la precaria situazione umanitaria nell’area di Afrin (Siria nord-occidentale), dove gruppi armati e terroristici, legati alla Turchia, saccheggiano le proprietà della popolazione e impediscono il uscita e entrata delle merci.

Storia spaventosa di donne siriane sotto l’occupazione turca
Fonti consultate dall’OSDH hanno riferito che un membro della cosiddetta “Divisione Al-Hamzah”, una banda estremista sostenuta dalla Turchia, ha minacciato una famiglia siriana di Afrin di rapire la figlia dopo che la famiglia aveva respinto le ripetute proposte di matrimonio del membro. .
Il padre della donna è stato convocato nel quartier generale della fazione, dove ha dovuto affrontare diverse false accuse. Anche i membri della “Divisione Al-Hamzah” hanno abbattuto circa 200 ulivi appartenenti alla famiglia della ragazza.
Di fronte alle continue minacce dei terroristi, la famiglia siriana è stata costretta a trasferire la figlia fuori da Afrin.
Gli alleati della Turchia ad Afrin continuano a saccheggiare, rapinare e torturare.
Cambiamento demografico ad Afrin

I media locali siriani denunciano che la Turchia sta attuando un cambiamento demografico nella città di Afrin, dove ha modificato i nomi di luoghi e città e sta trasformando la struttura della popolazione per soddisfare gli interessi turchi attraverso lo sfollamento e il reinsediamento.
La Turchia ei suoi alleati hanno ribattezzato “Afrin Freedom Square” in “Atatürk Square”, Newroz Crossing in Saladin Crossing e Blacksmith Kawa Crossing in Olive Branch Crossing.
Hanno anche costretto i cittadini siriani a portare con sé carte d’identità turche.

Forze turche nel nord della Siria


Nota: Le operazioni di annessione di pulizia etnica ed i crimini commessi dalla Turchia ad Afrin, oltre ad altre zone del nord della Siria, sono totalmemte trascurate dai media e dai governi occidentali mentre il governo della Germania ha stanziato altri 6 miliardi (della UE) a favore del governo di Ankara nel quadro degli accordi per fermare l’immigrazione in Europa dei profughi siriani. D’altra parte la Turchia è un membro della NATO, gode ancora della protezione degli Stati Uniti d’America ed è un partner privilegiato della UE. Questo mette la Turchia al sicuro dalle accuse di crimini di guerra e di crimini contro i idiritti umani. Una accusa che viene rivolta invece contro il governo di Damasco, nonostante questo si opponga all’occupazione di forze straniere di porzioni del territorio siriano.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione e nota: Luciano Lago

3 Commenti
  • Michele
    Inserito alle 12:29h, 09 Gennaio Rispondi

    Ma i dati propinati da queste ong….sono veritieri? Ricordo che le ONG sono state direttamente impiegate nel creare e dirigere le rivoluzioni colorate…..e complici nei media nel giustificare invasioni e attacchi militari perpetrati dal sistema compradore….

  • eusebio
    Inserito alle 19:06h, 09 Gennaio Rispondi

    Viene da chiedersi perchè la Russia continui ad avere rapporti con questo regime sanguinario e gli fornisca petrolio e gas, e per quale ragione la Cina gli fornisca aiuti economici, dato che in passato ha armato e addestrato i terroristi uiguri che hanno commesso molti attentati in territorio cinese.
    Mi sembra che Russia e Cina si comportino con la sanguinaria Turchia di Erdogan come fece l’URSS con la Germania di Hitler.
    Perlomeno noi europei abbiamo l’attenuante che dobbiamo eseguire gli ordini degli anglosionisti.
    A questo punto a me l’uscita del Regno Unito dalla UE mi sembra sempre più un adeguamento della sua posizione al livello di USA e Israele, ovvero di potenza coloniale che usa la UE come una colonia, una potenza coloniale, esentata dal versare tributi all’impero anglosionista come fanno invece i paesi rimasti dentro la UE.

  • Teoclimeno
    Inserito alle 19:36h, 09 Gennaio Rispondi

    Nel leggere certe notizie c’è da farsi venire il mal di stomaco. La mente corre veloce alle numerose donne italiane marocchinate dalle truppe francesi e americane: i famosi “liberatori”.

Inserisci un Commento