Un racconto di tre città


L’ipocrisia di Washington sul suo “ordine internazionale basato su regole”
di FHILIP GIRALDI
Si potrebbe effettivamente essere disposti a considerare che potrebbe esserci un certo valore nell ‘”ordine internazionale basato su regole” promosso dall’amministrazione Joe Biden se una cosa del genere esistesse effettivamente e fosse applicata allo stesso modo a tutti i trasgressori. Naturalmente, in realtà, le “regole” a cui si fa riferimento non sono né concordate né guidate da un ampio consenso internazionale e sono semplicemente un trucco che viene sfruttato per promuovere gli interessi degli Stati Uniti e dei suoi più stretti alleati. In effetti, le “regole”, così come sono, sono spesso ignorate per dare una giustificazione al cattivo comportamento esibito dagli Stati Uniti e dai suoi amici.

Se le “regole” fossero effettivamente intese a porre limiti alle interazioni violente tra le nazioni, si consideri per un momento l’effettivo record degli Stati Uniti al riguardo. Recenti sondaggi di opinione dimostrano che gli Stati Uniti con un ampio margine sono considerati da altre nazioni il paese più pericoloso del mondo. Tale giudizio si basa non solo sui ricordi storici di Hiroshima e Nagasaki, ma anche sulla guerra del Vietnam e sul rovesciamento di presunti regimi “di sinistra” in luoghi come l’Iran, il Cile e il Guatemala. Interventi armati su scala maggiore o minore sono stati una caratteristica regolare delle iniziative statunitensi nei Caraibi e in America Latina sin dalla guerra ispano-americana.

Più di recente c’è stata la guerra globale al terrore, scatenata nel mondo intero sulla base della condanna da parte degli Stati Uniti di paesi che non erano percepiti come in linea con la linea rossa di Washington su ciò che costituisce terrorismo.
Questo ha portato a interventi inutili e alla fine falliti in Afghanistan, Iraq, Libia e Somalia in cui, secondo alcune stime, milioni di civili sono morti direttamente o indirettamente, e gli stessi Stati Uniti hanno sostenuto la guerra stampando migliaia di miliardi di dollari in essenzialmente valuta fiat e accumulando enormi debiti, un record che tornerà a casa tra non molto. In Afghanistan, e anche nello Yemen e in Iraq, gli Stati Uniti si sono impegnati in omicidi mirati e uccisioni profilate di civili utilizzando droni.

L’aspetto più problematico di tutta la violenza che gli Stati Uniti hanno avviato è che non ci sono regole effettive in vista, a parte i pagliacci Blinken-Biden-Austin a Washington che citano minacce infondate provenienti da paesi incapaci di fare effettivamente del male come l’Iran o paesi come Russia e Cina che prima non avevano alcuna intenzione di affrontare il colosso militare americano.

Quindi Washington è il cuore pulsante delle politiche che hanno creato disordini in tutto il mondo, spostando anche l’orologio del giorno del giudizio più vicino alla finalità che potrebbe benissimo arrivare con una guerra nucleare. E tutti gli atteggiamenti sono letteralmente inutili, per una cattiva causa a sostegno di un regime corrotto e autocratico in un paese che non è democrazia senza rampe visibili. L’ipocrisia di coloro che alla Casa Bianca e al Congresso, così come nei media, sono così sconsiderati con le vite e le fortune dei loro concittadini sfida letteralmente ogni credenza.

Se Washington è la prima delle tre città che sto prendendo in considerazione, Mosca deve essere certamente la numero due perché subisce l’ipocrisia statunitense, accusata di aver deviato dall’ordine internazionale “rules based” invadendo l’Ucraina un anno fa. La Russia, invece, vede le cose diversamente. Il Cremlino ha affermato di aver ripetutamente cercato di negoziare un accordo con l’Ucraina sulla base di due questioni fondamentali che plausibilmente minacciano la propria sicurezza e identità nazionale. Il primo è il mancato rispetto da parte dell’Ucraina degli Accordi di Minsk del 2014-5 che dovevano concedere un’ampia autonomia alla regione del Donbass, un’area indiscutibilmente abitata da russi etnici, così come la Crimea.

Di recente l’ex cancelliere tedesco Angela Merkel si è lasciata sfuggire che non c’è mai stata alcuna intenzione di rispettare l’accordo di Minsk, sottintendendo che era tutta una farsa per consentire all’Ucraina di rafforzare l’adesione alla NATO e, se necessario, combattere la Russia. In effetti, gli Accordi sono stati ignorati fin dall’inizio, con le milizie ucraine e altri elementi armati che hanno usato l’artiglieria per bombardare il Donbass, uccidendo circa 15.000 residenti per lo più di etnia russa, un numero che sembra essere confermato da fonti indipendenti.

NATO Ucraina

La seconda questione di sicurezza nazionale vitale per Mosca riguardava i piani per offrire l’adesione alla NATO all’Ucraina, il che avrebbe posto alle sue porte un’alleanza militare ostile forse superiore. Il presidente russo Vladimir Putin ha più volte osservato che le questioni erano entrambe negoziabili e che Zelensky doveva solo accettare di mantenere il suo Paese “neutrale”, cioè non legato ad alcuna alleanza militare, e di onorare una ragionevole autonomia per il Donbass. Secondo quanto riferito, sono stati gli Stati Uniti e la Gran Bretagna a spingere l’Ucraina a respingere tutte le richieste russe nel tentativo di iniziare una guerra di logoramento usando vite ucraine per destabilizzare il governo di Putin e ridurre la sua capacità di opporsi al dominio statunitense e occidentale.

E c’è naturalmente il retroscena, che gli Stati Uniti si erano a lungo intromessi nell’Europa orientale nonostante l’impegno a non approfittare della disgregazione dell’Unione Sovietica per espandere la NATO verso est. Gli Stati Uniti avevano introdotto un “cambio di regime” in Ucraina nel 2014 per rimuovere un governo amico di Mosca. Ma in questo caso, il crescente coinvolgimento degli Stati Uniti e della NATO nei combattimenti è stato uno sviluppo estremamente pericoloso perché ha intensificato il conflitto e lo ha trasformato in quello che potrebbe diventare un devastante scambio nucleare.
Si vorrebbe vedere un’immediata tregua avviata per fermare i combattimenti seguita da seri negoziati per giungere a una soluzione della disputa territoriale. Ma, naturalmente, gli Stati Uniti, che hanno fornito a Zelensky più di 100 miliardi di dollari in aiuti, ha chiarito che non è interessata a un accordo negoziato a meno che Putin non sia disposto, come primo passo per rafforzare la fiducia, a ritirarsi da tutto il territorio ucraino occupato, compresa la Crimea. In altre parole, deve arrendersi.

Quindi se Mosca ha rotto con “l’ordine internazionale basato sulle regole” dipende molto da come si definiscono le minacce. Certamente, come minimo, Washington si è comportata molto peggio della Russia negli ultimi vent’anni, il che conferma piuttosto che le “regole” sono essenzialmente una finzione di comodo. E infine, la mia terza città da considerare è Gerusalemme, la dichiarata capitale dello stato di Israele. Poiché lo stato ebraico è probabilmente il più stretto alleato di Washington o, come molti credono, la coda che in realtà agita il cane della Casa Bianca, è istruttivo esaminare il suo comportamento per esaminare se gli Stati Uniti applicano uno standard uniforme sia agli amici che ai nemici quando distribuisce punizioni agli accusati che trasgrediscono le regole.

Se gli Stati Uniti sono considerati dalla comunità mondiale il paese “superpotenza” più pericoloso, Israele deve essere considerato il principale paria tra le nazioni più piccole e più focalizzate a livello regionale. E il suo controllo sulla Casa Bianca, sul Congresso e sui media nazionali negli Stati Uniti è tale che non deve mai rendere conto di nulla. Più di recente, c’è stato un attacco da parte di soldati israeliani contro un campo profughi palestinese a Jenin, in Cisgiordania, in cui sono stati uccisi dieci palestinesi. Per rappresaglia, un uomo armato palestinese ha successivamente ucciso sette israeliani a Gerusalemme prima di essere ucciso lui stesso. Parlando dallo Studio Ovale, il presidente Biden ha ritenuto opportuno solo menzionare il contrattacco palestinese, dicendo semplicemente che “Questo è stato un attacco contro il mondo civilizzato”. L’attacco israeliano iniziale che ha ucciso dieci persone non è stato nemmeno citato,

Soldati Israeliani

In un’altra dimostrazione della Casa Bianca su quali siano le sue priorità, l’uccisione dell’anno scorso da parte di un soldato israeliano del giornalista palestinese americano Shireen Abu Akleh ha portato alla fine a un brindisi al latte per un’inchiesta da parte della Casa Bianca, anche se Biden e compagnia hanno apertamente accettato il governo israeliano ha mentito dicendo che si è trattato di un incidente, probabilmente innescato da molte sparatorie terroristiche palestinesi nell’area, il che non era vero. E non aspettatevi alcun vero respingimento contro la politica israeliana di sparare per primo da parte del Congresso, che solo la scorsa settimana ha rimosso la deputata Ilhan Omar dalla commissione per gli affari esteri perché “antisemita” a causa delle sue critiche al comportamento di Israele.

Il ministero della Difesa israeliano ha dichiarato che non avrebbe collaborato con alcuna inchiesta sul suo comportamento e da allora la storia di Abu Akleh è scomparsa. Israele ha anche ucciso altri cittadini americani senza alcuna conseguenza, tra cui Rachel Corrie e 34 marinai a bordo della nave da guerra USS Liberty nel 1967. Mai prima d’ora un governo aveva ucciso americani solo per essere ricompensato ogni anno con un regalo di 3,8 miliardi di dollari dai contribuenti statunitensi. Il governo dello stato ebraico ha anche recentemente indicato che la sua politica di fuoco libero contro i civili palestinesi e i loro sostenitori stranieri non sarà modificata. I soldati e i poliziotti israeliani che uccidono i palestinesi, che vengono abitualmente descritti come “terroristi”, non sono quasi mai indagati o perseguiti e sono stati, in alcuni casi, elogiati dai media e promossi.

E il controllo israeliano su gran parte del governo federale degli Stati Uniti sembra rafforzarsi. In una conferenza stampa della scorsa settimana, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha rifiutato di confermare che Israele sta occupando illegalmente vaste parti della Palestina, né riconoscerà che Israele ha un arsenale nucleare.
Il track record di Israele nei confronti dei suoi vicini è in qualche modo simile al modello americano di applicazione delle regole, sebbene raramente si preoccupi di scusare il suo comportamento. Ha persino iniziato una grande guerra, dopo aver attaccato tutti i suoi vicini, dopo essersi falsamente lamentato di essere “minacciato”, nel 1967, dopodiché ha sequestrato e occupato illegalmente il loro territorio. Attualmente sta bombardando regolarmente la Siria e ha anche attaccato l’Iran, il Libano ei palestinesi a Gaza. Ha assassinato scienziati e tecnici iraniani.
Israele ha invaso e occupato il sud del Libano e ha facilitato un massacro di palestinesi che vi si stabilirono nei campi. Né la Siria né l’Iran hanno mai attaccato Israele o addirittura minacciato di farlo, ma Israele insiste nel sostenere di essere minacciato e sta cercando di convincere Biden a unirsi a lui nell’attaccare gli iraniani. Il nuovo governo di estrema destra razzista del primo ministro Benajmin Netanyahu sta in particolare intensificando la pressione sui palestinesi attraverso azioni illegali secondo il diritto internazionale, senza che dalla Casa Bianca esca un cigolio. Anche le demolizioni di case, i sequestri di proprietà, i posti di blocco e altre molestie 24 ore su 24 nei confronti dei palestinesi stanno aumentando di frequenza man mano che gli israeliani espandono la loro occupazione della Cisgiordania.

E alcuni israeliani pensano anche a qualcosa di più grandioso, sotto forma di genocidio, quando si tratta dei loro vicini palestinesi. Un eminente membro del parlamento israeliano di destra ha forse suggerito ciò che lui e molti dei suoi colleghi vorrebbero vedere fatto ai restanti palestinesi. Zvika Fogel, membro della coalizione di governo, ha chiesto una “guerra finale” contro i palestinesi per “sottometterli una volta per tutte”, in seguito alla condanna internazionale dell’incursione del ministro della sicurezza Itamar Ben-Gvir nella moschea di Al-Aqsa nella Gerusalemme est occupata , un’ulteriore mossa illegale volta ad affermare il controllo totale sull’accesso ai luoghi sacri musulmani. Fogel ha risposto alle critiche, dicendo in un’intervistache la politica israeliana di andare in guerra con i palestinesi “ogni due o tre anni” non era più sufficiente e che doveva esserci un’ultima guerra per “sottometterli una volta per tutte. Ne varrebbe la pena perché questa sarà la guerra finale…”

Quindi, è una storia di tre città. Mosca è impegnata in una guerra che almeno ha una logica, anche se si dovrebbe e si deve opporsi a interventi armati tra due Paesi vicini. L’operazione russa è stata contrastata dagli Stati Uniti, che hanno sconsideratamente intensificato la guerra e prodotto una situazione che può essere devastante per tutta la vita sul pianeta. Washington è anche il grande ipocrita del gioco in quanto si è comportata molto peggio di Mosca negli ultimi vent’anni. E poi c’è Gerusalemme, o se si preferisce Tel Aviv. Un mostruoso Israele è preminente nel modo in cui vince il premio per essere il peggiore in assoluto nella sua disumanità e crimini di guerra, senza mai un rimprovero da parte di Washington o Joe Biden sulle violazioni dell ‘”ordine internazionale basato sulle regole”.

Fonte: https://www.unz.com/pgiraldi/a-tale-of-three-cities/

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM