Un nuovo passo verso la guerra aperta fra la NATO e la Russia


Gli Stati Uniti stanno impiegando in Ucraina per la prima volta i missili antiradar.

La NATO sta incendiando il pianeta da ogni parte. L’ultima notizia pervenuta è quella secondo cui ha impiegato in Ucraina i missili antiradar AGM 88 con una gittata fino a 150 Km. Questi missili solo si possono lanciare da un caccia F15 o F22, questi ultimi che sono in servizio esclusivamente in Israele e negli USA. Ultimamente una squadra di F22 è stata inviata in Polonia.

F-22 Raptor

I missili antiradar, i cui frammenti sono stati individuati vicino a Kherson, non sono nella disponibilità delle forze ucraine ma i media hanno informato che esiste un complesso per lanciare questi missili anche da terra. Tuttavia nella sostituzione dei vecchi missili con questi AGM88, il sistema è stato attualizzato con un lanciatore che può essere sia marittimo che convenzionale. Di conseguenza risulta che questi missili possono essere stati lanciati sia dalla spazio aereo che da una installazione terrestre.

Al momento non ci sono commenti in proposito ma, si può supporre che l’attacco con questi missili può essere avvenuto sia dallo spazio aereo dell’Ucraina (o della Polonia) sia da territorio ucraino.
L’evidenza che la NATO ha dichiarato la guerra alla Russia è incontestabile e le prove affiorano dappertutto. Ad esempio il Canada ha annunciato che avrebbe inviato 225 istruttori per addestrare le forze ucraine.
Una rivista francese di estrema destra in questi giorni afferma che l’esercito USA è stato presente in Ucraina fin dai primi giorni del conflitto e che è entrato nella fase attiva dall’inizio di questo, cosa già affermata dallo stesso Stoltenberg, segretario NATO.
Nello stesso tempo la fonte indica che l’assistenza all’esercito ucraino la fornisce un gruppo di volontari specialisti che hanno firmato un contratto con il Pentagono e questi sono coinvolti in ogni aspetto del conflitto. Per la prima volta il Pentagono ha utilizzato questa tattica dell’impiego di personale che compare come esterno.
L’analista afferma che il risultato del coflitto non è ancora chiaro ma è sicuro che la guerra non finirà presto. L’esercito russo non si limiterà alla conquista del Donbass ma andrà molto in là e i russi cercheranno di ottenere un corridoio dalla Russia alla Crimea e alla Transnistria e si prevede che andranno ancora più in là.
La notizia di oggi è che Il governo svedese ha deciso anche quello di inviare istruttori militari per impartire addestramento basilare ai soldati ucraini con l’obiettivo di fortificare il livello di addestramento dell’esercito ucraino.
L’iniziativa di fornire l’addestramento alle forze ucraine proviene dal Regno Unito che ha invitato gli altri paesi a contribuire all’addestramento degli ucraini.
Tutto questo indica che, se non ci saranno opposizioni dai cittadini dei paesi europei, la guerra totale e aperta fra la NATO e la Russia esploderà in tutta la sua forza solo quando lo decideranno i vertici dell’Alleanza. Loro diranno quale sia il momento per dare il passo definitivo, in particolare quando saranno in grado di farlo con gli eserciti in condizioni ottimali.
Ad esempio nel Regno Unito la capacità di addestrare i piloti al combattimeto è diminuita di un 65%, dicono, per aver inviato la loro forza aerea ai confini della Russia. Oltre a questo la GB ha inviato nell’Oceano Pacifico un’altra parte della forza aerea per contenere la Cina.
Ci vorrà ancora molto tempo per l’addestramento dei piloti ma, proprio in questo periodo, molti problemi stanno emergendo all’interno della Gran Bretagna per la risalita dei prezzi e per la crisi economica dovuta alle sanzioni.

Nel frattempo la cancelleria Cinese ha avvisato che non permetterà che gli USA facciano tornare il mondo alla legge della giungla e il blocco di Taiwan prosegue nel mezzo delle esercitazioi militari continue, come ha comunicato il comanndo delle FPL.
La zona interdetta intorno a Taiwan è stata ampliata e Taiwan ha dovuto cancellare i voli e i rifornimenti industriali all’isola con un blocco di fatto a cui è sottoposta a seguito della visita della Pelosi.

Le dichiarazioni della giunta di Pechino non lasciano dubbi in proposito e la Cina ha ottenuto l’appoggio di altri 30 paesi dell’area asiatica e non, contro le provocazioni degli USA e le manifestazioni di neocolonialismo.
Sempre più paesi fanno blocco contro le pretese imperiali degli USA e della NATO e questo renderà lo scontro aperto, prima o poi, inevitabile.
Fonti varie
Traduzione e sintesi: Luciano Lago

11 Commenti
  • Pippo
    Inserito alle 23:33h, 08 Agosto Rispondi

    Ottimo, stringere il cappio attorno all’isola, i capi di Taiwan devono passare notti insonni.L’affronto subito da Pechino che si è vista invadere il suo territorio da parte degli americani, reclama vendetta e giustizia.Devono sudare freddo i ribelli dell’isola.Non avete scampo, arrendetevi oppure sarete sommersi da un diluvio di fuoco.

  • antonio
    Inserito alle 02:29h, 09 Agosto Rispondi

    ZZZZZZZZZZZZZZZz

  • Farouq
    Inserito alle 08:16h, 09 Agosto Rispondi

    Addestrare soldati ucraini? Non ce ne sono più, è ora di gettare la maschera e dichiarare apertamente guerra alla Russia

  • Giorgio
    Inserito alle 08:37h, 09 Agosto Rispondi

    La resa dei conti si avvicina e non sarà indolore, soprattutto per l’Europa, ma anche per usa e gb ….
    Forza RUSSIA !

  • Claudio
    Inserito alle 08:54h, 09 Agosto Rispondi

    Forza Russia!

  • Dolphin
    Inserito alle 09:06h, 09 Agosto Rispondi

    Penso che sia giunto il momento di prendere il toro per le corna, basta, non prima di conoscere tramite Intelligence le carte che ha in mano il nemico e poi non bisogna dare il tempo di addestrare e preparare, deve essere una tempesta di fuoco principalmente sui centri decisionali i Ukraina e fuori di essa, decapitare i comandi decisionali.Tutto questo deve avvenire con l’aiuto di tutta l’alleanza, dopo di che tornerà il sereno.Altrimenti avremo una guerra eterna dagli esiti incerti.

  • Ilucio
    Inserito alle 10:17h, 09 Agosto Rispondi

    La Russia è destinata a perdere questa guerra ci vorranno altri 5/6 mesi , ma con L invio di armi a lunga gettata , che inizieranno a breve , le linee russe saranno smwmbrate , L esercito russo si è dimostrato impreparato e mal organizzato , sieg heil q

  • Gasparino
    Inserito alle 12:26h, 09 Agosto Rispondi

    Secondo me se la Russia non ci da un taglio alla veloce al conflitto con l’Ucraina , bloccndogli tutte le vie d’accesso e di confini, finirà veramente che la Nato e gli USA sviliscano l’esercito Russo ed entreranno quanto prima a Mosca.
    Più tempo passa e più Kiev si rafforzerà con militari che entreranno a far perte della pseudo-milizia ucraina da tutte le parti d’Europa e d’oltre oceano. Non so fino a che punto possa valere la strategia soft adottata da Putin.

  • Monk
    Inserito alle 00:10h, 10 Agosto Rispondi

    I russi sanno cosa devono fare, praticamente stanno massacrando gli ucraini, mercenari compresi, in scioltezza, con poche truppe speciali e mezzi vecchi, ma efficienti per l’operazione in corso. Non fatevi influenzare dalla propaganda che dipinge la nato come una super potenza pericolosa; gli svedesi chi dovrebbero addestrare?
    In Stockholm, the Swedish army, going to NATO(which Erdogan will not allow), held a gay pride parade
    https://twitter.com/AZmilitary1/status/1557101547733098496
    I russi se la stanno facendo sotto dalla paura dei fru fru

    • Giorgio
      Inserito alle 10:21h, 10 Agosto Rispondi

      Pienamente d’accordo MONK ….

  • Luca
    Inserito alle 01:25h, 10 Agosto Rispondi

    È solo una questione di tempo , se la nato continua a fornire ARMAMENTe addestramento al esercito ucraino , e la russia non interrompe questo afflusso , presto i russi si troveranno in difficoltà , stanno perdendo migliaia di soldati e armamenti e non sono in grado di difendere i pochi risultati ottenuti. I missili a media gettata di sole 12 unita’ stanno mettendo in difficoltà le retrovie russe , se gli Ucraini otterranno altri armamenti e milizie addestrate al uso dei suddetti la situazione potrebbe diventare complicata per i Russi . Bisogna sperare che i nuovi governi in Europa , si opporranno al invio di armi al esercito Ucraino , e ciò probabilmente avvera in Italia con la vittoria del. Centro destra . Vedremo cos accadrà , ma L autunno sarà difficile .

Inserisci un Commento