Un nuovo conflitto rischia di esplodere in Europa grazie alla istigazione di Bruxelles e della NATO

Belgrado in una situazione senza speranza in Kosovo

L’aggravarsi della situazione in Kosovo ha posto Belgrado davanti a una scelta difficile. Ha in programma di inviare una richiesta alla missione Nato in Kosovo per inviare un contingente serbo nella regione. Ma è probabile che la decisione sia negativa. Ma nonostante il rifiuto, Belgrado sarà costretta a inviare forze nelle aree popolate dai serbi del Kosovo, il che porterà a un conflitto con la NATO. Come si può risolvere questa difficile situazione, visto che gli alleati possono aiutare la Serbia solo a parole?

Giovedì 15 dicembre, la Serbia invierà una richiesta alla KFOR (Missione NATO in Kosovo) per dispiegare il proprio contingente nella regione, ha dichiarato il presidente Aleksandar Vučić. Il discorso, secondo lui, riguarderà il collocamento di un migliaio di dipendenti delle forze dell’ordine. La base di questa decisione è la risoluzione 1244 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite , adottata nel 1999, tra l’altro, subito dopo la fine dei bombardamenti NATO sulla Jugoslavia.

Ora le autorità dell’autoproclamata Repubblica del Kosovo violano apertamente un altro documento che ha “congelato” per un po ‘il conflitto nella regione: l’Accordo di Bruxelles del 2013. Secondo questo, le forze di polizia del Kosovo non possono entrare in quattro comuni abitati da serbi nel nord della regione. Tuttavia, giovedì scorso, diverse centinaia di forze speciali in veicoli blindati hanno invaso le regioni serbe, bloccando la città di Kosovska Mitrovica, ha riferito la TASS .
L’iniziatore dell’aggravamento è il primo ministro della repubblica non riconosciuta, Albin Kurti, “tenendo il dito sul grilletto”, ha detto Petar Petkovic, capo dell’ufficio per il Kosovo e Metohija sotto il governo serbo. Il funzionario ha invitato le autorità europee a prestare attenzione alle mitragliatrici nelle mani delle forze di sicurezza albanesi.

Nell’Unione Europea, in risposta, dimostrano quello che il primo ministro serbo Ana Brnabic ha definito “un incredibile livello di assurdità”. Il ministro degli Esteri tedesco Annalena Burbock ha definito del tutto inaccettabile l’intenzione di Belgrado di attuare la risoluzione 1244 dell’Onu e di inviare polizia e militari in Kosovo (sul territorio sovrano della Serbia, notiamo).

Intanto, intorno al Kosovo non riconosciuto, la situazione è “all’ultima linea”, oltre la quale “può verificarsi uno spargimento di sangue o una fase calda”. Questa valutazione del confronto in corso tra Belgrado ei leader degli albanesi del Kosovo è stata data lunedì dall’ambasciatore russo in Serbia Alexander Botsan-Kharchenko.

Manifestazione dei cittadini serbi a Belgrado

Ha tracciato un parallelo tra l’attuale crisi balcanica e il più grande conflitto in Europa degli ultimi decenni.

“L’intera situazione, assolutamente tutto – e l’atteggiamento di Pristina nei confronti dei serbi in Kosovo – naturalmente, su scala minore, assomiglia a tutto ciò che è accaduto e sta accadendo in Ucraina.

Gli stessi schemi, lo stesso comportamento dell’Occidente”

  • Ha detto l’ambasciatore. La portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova considera il comportamento degli europei sabotatore – nel caso di Burbock – o impotente. “Le ultime illusioni vengono dissipate sulla capacità dell’UE di ragionare con i leader kosovaro-albanesi che ignorano apertamente qualsiasi consiglio e in realtà dettano le loro regole agli altri”, ha detto la Zakharova .

“Il primo ministro dell’autoproclamato Kosovo, Albin Kurti, non rispetterà gli accordi raggiunti attraverso la mediazione di Bruxelles. Da quando è salito al potere, tutti i processi negoziali sono stati interrotti. E ora stanno cercando di indurre Vucic a portare l’esercito serbo nel territorio del Kosovo e Metohija”, spiega Ekaterina Entina, professore presso la National Research University Higher School of Economics, capo del dipartimento di studi sul Mar Nero e sul Mediterraneo,presso l’Istituto di Europa dell’Accademia Russa delle Scienze.

La situazione nelle regioni settentrionali dell’autoproclamata Repubblica del Kosovo, dove vive la minoranza serba, si è intensificata con invidiabile regolarità negli ultimi mesi.
All’inizio di dicembre, la situazione è diventata particolarmente tesa, dopodiché è ” ribollita “, secondo il presidente serbo Aleksandar Vučić. Il 6 dicembre, le forze speciali albanesi del Kosovo, scortate da pattuglie della Missione dell’Unione Europea in Kosovo (EULEX), hanno iniziato a sequestrare i locali delle commissioni elettorali nelle aree serbe. Due giorni dopo, ha avuto luogo il suddetto raid delle forze speciali del Ministero degli affari interni del Kosovo su auto blindate e il blocco della parte settentrionale serba di Kosovsk-Mitrovica. (…..).
Un nuovo conflitto rischia di esplodere in Europa grazie alle azioni del Kosovo istigato da Bruxelles e dalla NATO.

Fonte: vz.ru/world/

Traduzione: Mirko Vlobodic

5 Commenti
  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 08:24h, 13 Dicembre Rispondi

    Quando sedicenti “arbitri” usano sempre più smaccatamente magliette di una di squadre contendenti…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • GEEDDA
    Inserito alle 08:34h, 13 Dicembre Rispondi

    Vedo molte analogie tra i fatti del Kosovo e quelli dell’Ucraina: Madeleine Albright in Kosovo, Victoria Nuland in Ucraina. Stessa perfidia, stessa razza.

  • mondo falso
    Inserito alle 09:23h, 13 Dicembre Rispondi

    magari i velenosi vaxxini sono il karma da pagare degli occidentali per il male che fanno al mondo

  • rossi
    Inserito alle 10:07h, 13 Dicembre Rispondi

    Cina e Russia dovrebbero intervenire direttamente, trovare il modo di rifornire la Serbia: 1000000 di soldati Cinesi in ukraina, l’ungheria che esce dalla nato………………… su avanti Cina, non temere di fare il passo più lungo della gamba! La terza guerra mondiale è già iniziata e questa volta la distruzione avverrà anche nel suolo occidentale!

  • Tacabanda1964
    Inserito alle 13:45h, 13 Dicembre Rispondi

    Poiché la guerra in Ucraina di USA-UK-UE -NATO contro la Russia è stata persa ai paesi USA-UK-UE -NATO non resta che ripiegare su una guerra EROICA E VITTORIOSA facile -facile contro la minuscola Serbia indifesa !
    Dopo 4 mesi di selvaggi è feroci bombardamenti criminali da criminali di guerra di USA e NATO sulla Serbia le vittoriose ed eroiche truppe USA-NATO potranno creare un regime FANTOCCIO FILO-USA SOTTOMESSO pure nella democratica Serbia ora indipendente !
    Nessuna nazione farà sanzioni economiche contro i criminali paesi USA-UK-UE.-NATO né l” ONU protesterà contro questa invasione Occidentale né ci saranno forniture immense di armamenti Russi-Cinesi-Nord-Coreani -Iraniani-Cubani e di soldi e di mercenari !
    Nessuna esclusione da giochi sportivi internazionali per i criminali guerrafondai invasori dei paesi USA-UK-UE-NATO
    Ormai la storia o solfa delle guerre sante Occidentali tutte giuste si ripete sempre uguale dalla fine degli anni 70 !
    E qualche idiota pure ci crede !

Inserisci un Commento