Un miliardario di origine ebrea che finanzia un regime nazista in Ucraina per eseguire i suoi ordini non va oltre il cinico calcolo. È il capitalismo

di Finian Cunningham

Il regime di Kiev, sostenuto dalla NATO, sta promulgando nuove leggi draconiane che bandiranno tutta la libertà di parola dissenziente. Eventuali opinioni non allineate al regime sono da ritenersi traditrici e fuorilegge, anche soggette a persecuzioni e repressioni violente.

I nuovi poteri legali sanciscono una feroce campagna contro i media indipendenti in Ucraina che ha imperversato negli ultimi quattro anni sotto il presidente Vladimir Zelensky. I partiti politici di opposizione e le testate giornalistiche sono stati chiusi e giornalisti dissenzienti presi di mira con la violenza o costretti all’esilio. La tendenza tossica contro la libertà di parola può essere fatta risalire al colpo di stato di Maidan sponsorizzato dalla CIA che ha rovesciato il governo eletto in Ucraina nel febbraio 2014.

Quel colpo di stato ha portato al potere un regime di estrema destra a Kiev che si vanta della passata collaborazione con la Germania nazista. Oltre un milione di ebrei furono sterminati dai nazisti ucraini per conto del Terzo Reich.

Le contraddizioni del regime di Kiev sono vertiginose. Secondo quanto riferito, il presidente in carica, Zelensky, è di origine ebraica. Eppure il suo regime è sostenuto da paramilitari armati neonazisti come i battaglioni Azov e Aidar che costituiscono la spina dorsale delle forze armate ucraine. Il mecenate finanziario di Zelensky è l’oligarca ucraino Igor Kolomoisky, anch’egli ebreo, eppure Kolomoisky finanzia i paramilitari neonazisti.

I governi occidentali che affermano di essere i custodi della “democrazia” e della “libertà” hanno pompato miliardi di dollari di armi al regime fascista di Kiev guidato da un presidente ebreo. I governi e i media occidentali cercano di far quadrare questa contraddizione affermando che il regime di Zelensky è una “democrazia” e nascondendo i fatti della sua condotta nazista. L’armamento dell’Ucraina dal 2014 da parte degli Stati Uniti e di altri membri della NATO sta spingendo incautamente a una guerra mondiale con la Russia. Le cosiddette democrazie occidentali sono allineate con il fascismo in una guerra incipiente contro la Russia che potrebbe sfociare in una catastrofe nucleare. Per coloro che prestano attenzione storica alle vere cause e alla geopolitica della Seconda Guerra Mondiale – l’interazione tra le potenze occidentali e la Germania nazista – e la successiva Guerra Fredda, il presente confronto potrebbe non sorprendere.

Le relazioni di un personaggio pubblico occidentale con l’Ucraina sono particolarmente sbalorditive nella loro incongruenza. George Soros, il miliardario filantropo americano, è stato uno dei primi sostenitori del cambiamento politico in Ucraina dopo la sua indipendenza dall’Unione Sovietica nel 1991.

Zelensky & Soros

Attraverso la sua Open Society Foundation, Soros ha incanalato milioni di dollari per promuovere l’acquisizione della “rivoluzione” Maidan a Kiev. Soros ha lavorato mano nella mano con il governo degli Stati Uniti e le sue agenzie di cambio di regime della CIA, come National Endowment for Democracy e USAID, per creare “gruppi della società civile” e una litania di organizzazioni dei media che hanno spinto le opinioni anti-Russia.

La Open Society Foundation di Soros fino ad oggi proclama di “stare con l’Ucraina” e accusa la Russia di aver intrapreso un “assalto alla democrazia”. L’OSF ha un obiettivo di raccolta fondi di 45 milioni di dollari che, a suo avviso, saranno utilizzati per “proteggere la società civile ucraina”.

La realtà dietro la retorica dei segnali di virtù di Soros è che il regime di Kiev è dominato dalle forze naziste che sono intente a distruggere qualsiasi dissenso e libertà di parola, come dimostrano le leggi repressive sui nuovi media.

Anche le organizzazioni non governative occidentali finanziate da Soros come Reporter senza frontiere e il Comitato per la protezione dei giornalisti con sede negli Stati Uniti hanno condannato lo scioccante attacco alla libertà di parola da parte del regime di Zelensky.

Questa non è solo una sfortunata questione di tenere cattive compagnie. Soros e il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, insieme all’allora vicepresidente Joe Biden, sono stati determinanti nel portare il regime di Kiev al potere nel 2014. Sono stati determinanti nel costruirlo come una rabbiosa punta di diamante anti-Russia che ha ripudiato gli accordi di pace di Minsk del 2014-2015 e fomentò l’attuale guerra con la Russia.

Soros, che per molti anni ha espresso pubblicamente una profonda antipatia personale nei confronti del presidente russo Vladimir Putin, sembra aver usato abilmente l’Ucraina come terreno di gioco geopolitico per promuovere i suoi interessi personali e commerciali. Il capitalista miliardario ha gli occhi puntati sulla privatizzazione delle industrie ucraine nei settori dell’energia e dell’agricoltura. Naturalmente, gli interessi imperialisti di Washington e della NATO combaciavano perfettamente con l’apparente filantropia.

Soros è stato a lungo accusato di promuovere “rivoluzioni colorate” per conto di Washington per destabilizzare gli avversari geopolitici, Russia e Cina in particolare.

Il caso dell’Ucraina è particolarmente convincente. Il primo coinvolgimento di Soros nella promozione del violento colpo di stato di Kiev portò direttamente alla creazione di un regime reazionario estremo che serviva diligentemente gli interessi imperialisti di Washington contro la Russia causando miseria alla maggior parte degli ucraini. La cabala al potere di Kiev è piena di corruzione, illegalità fascista e limitazione di una logora società civile sotto un presidente ebreo autocratico amato da Hollywood e dalle agenzie di intelligence statali occidentali.

Le grandiose affermazioni di Soros di sostenere il “giornalismo indipendente” e la “società civica” si sono rivelate false menzogne ​​contro l’attuale repressione in Ucraina contro la libertà di parola.

Questo ci porta all’ultima, forse più inquietante contraddizione: George Soros (92), nato nel 1930 in una famiglia ebrea, è cresciuto in Ungheria durante l’occupazione nazista da adolescente cercando di evitare di essere mandato in una camera a gas. Ha ammesso di aver nascosto la sua identità ebraica come cristiano. C’è un’implicazione della sua collaborazione da adolescente con il regime nazista a Budapest denunciando proprietà ebraiche per la confisca. Nega di aver partecipato a qualsiasi illecito e dice di essere stato semplicemente un giovane sfortunato che accompagnava un agente immobiliare filo-nazista.

Certamente, alcuni membri della destra antisemita americana hanno cercato di far sembrare Soros un “globalista nazista” in un modo ridicolo.

Anni dopo la guerra, Soros emigrò in Occidente e in seguito fece la sua vasta ricchezza come capitalista avvoltoio scommettendo contro i perdenti. È noto come “l’uomo che ha rotto la sterlina britannica” e ha realizzato un profitto di $ 1 miliardo in un solo giorno durante un crollo del mercato nel 1992.

Diciamo solo che George Soros ha un senso soprannaturalmente acuto di opportunismo predatorio. Un miliardario di origine ebrea che finanzia un regime nazista in Ucraina per eseguire i suoi ordini non va oltre il cinico calcolo. È il capitalismo.

Fonte: Strategic culture

Traduzione: Luciano Lago

13 Commenti
  • Cla
    Inserito alle 22:04h, 18 Ottobre Rispondi

    Anche nel ’40/’45 gli ebrei hanno usato i nazisti per sterminare altri ebrei. I ladri hanno paura di altri ladri non degli onesti

  • birratarelli
    Inserito alle 22:12h, 18 Ottobre Rispondi

    Lo schifoso sionista Georg Schwarz che vendeva i suoi correligiosi ai gruppi paramilitari ungheresi durante la seconda guerra mondiale che usa le popolazioni europee per baloccarsi introducendo popolazioni endogene assolutamente incompatibili tra di loro.
    Lo schifoso sionista Georg Schwarz che si Bea del fatto d’essere stato allievo di Karl Popper che sosteneva la mescolanza delle razze per vedere l’effetto che faceva.
    Adesso ci si rende conto a che cosa i politicanti euroidioti quinte colonne di questo schifoso ci hanno condannato con la scusa del VOLEMOSE BENE A TUTTI I COSTI adesso bisogna fare come nella rivoluzione francese TAGLIARE TESTE……FISICAMENTE
    ANCHE LO SCHIFOSO ANGLOSIONISTA CHE UN PAESE CORAGGIOSO COME L’UNGHERIA
    HA MESSO AL BANDO.

    DASVIDANIA TOVARICH
    SLAVA RUSSIA

    • vincenzo
      Inserito alle 08:22h, 19 Ottobre Rispondi

      c’è un piccolo particolare….anche la rivoluzione francese , se non vado errato , la fecero i correligionari di soros…e non certo per gli interessi del popolo francese! del famoso motto di tre parole “liberté, egalitè, fraternitè l’unica parola che funzionava era la quarta, che era ….DECOLTÈ!

      • Riki
        Inserito alle 15:53h, 19 Ottobre Rispondi

        I Rothschild fecero eliminare le monarchie e gli imperi per arrivare a quello che vediamo adesso. L’ultimo baluardo da distruggere é la Russia. L’unica.

  • birratarelli
    Inserito alle 22:15h, 18 Ottobre Rispondi

    Lo schifoso sionista Georg Schwarz che vendeva i suoi correligiosi ai gruppi paramilitari ungheresi durante la seconda guerra mondiale che usa le popolazioni europee per baloccarsi introducendo popolazioni endogene assolutamente incompatibili tra di loro.
    Lo schifoso sionista Georg Schwarz che si Bea del fatto d’essere stato allievo di Karl Popper che sosteneva la mescolanza delle razze per vedere l’effetto che faceva avete presente la scena di una poltrona per due la scommessa dei 10 dollari tra i due fratelli ………
    Adesso ci si rende conto a che cosa i politicanti euroidioti quinte colonne di questo schifoso ci hanno condannato con la scusa del VOLEMOSE BENE A TUTTI I COSTI adesso bisogna fare come nella rivoluzione francese TAGLIARE TESTE……FISICAMENTE
    ANCHE LO SCHIFOSO ANGLOSIONISTA CHE UN PAESE CORAGGIOSO COME L’UNGHERIA
    HA MESSO AL BANDO.

    DASVIDANIA TOVARICH
    SLAVA RUSSIA

  • Giorgio
    Inserito alle 08:23h, 19 Ottobre Rispondi

    Pienamente d’accordo con i precedenti commenti e con l’articolo ….
    Efficace la definizione del criminale Soros come “OPPORTUNISMO PREDATORIO” ….
    che è poi l’essenza del capitalismo, della democrazia liberale e del globalismo ….

  • Gasparino
    Inserito alle 11:08h, 19 Ottobre Rispondi

    Il pericolo e l’uomo che ha costretto l’Italia in uno stato di depressione da guerra, si chiama Draghi, ed è ancora molto pericoloso coperto dal mantello porporato e pronto a salire al Quirinale o in un’altro avamposto dove può esprimersi in nome e per conto della libertà di volere la pace a costo di uccidere chi gli si oppone.
    Stia attenta il prossimo Premier Italiano a mantenere le giuste distanze da questo pericoloso uomo come pure dal Segretario PD complice di aver avallato l’alleanza con un guerrafondaio e mandato l’Italia nel 3° Mondo.

  • antonio
    Inserito alle 12:48h, 19 Ottobre Rispondi

    Chi finanziò Hitler cointro i socialisiti in Germania ? Loro i Ro Ro
    Chi finanziò Mussolini per rompere il fronte socialista ? Loro i Ro Ro
    oggi uguale

  • andrearossidevrgnano
    Inserito alle 16:02h, 19 Ottobre Rispondi

    sbirciando su wikipedia “Order of Nine Angles” c sarebbe collegamento tra ucraini e satanismo neonazista di O9A(=child sexual abuse, child prostitution, rapewaffen, …), e quindi è logico che pensando a collegamento che sarebbe esistente tra ucraini e O9A aumenterebbe fortemente la voglia di tifare Putin. x quanto riguarda la terribile piaga “child sexual abuse”, potrebbe essere utile interrogare interrogarsi se e quànto la cosiddetta educazione sessuale a bambini piuttosto che ad adolescenti (una volta nn era tabu’ argomenti di sesso con bambini ?) magari possa indirettamente essere porta aperta a “child sexual abuse” (un testo di rif. potrebbe essere “Educazione sessuale: tappa massonica verso l’annientamento dell’uomo” di CARLO ALBERTO AGNOLI)

  • TOR
    Inserito alle 16:28h, 19 Ottobre Rispondi

    e vedrete a breve quante altre belle cose vi succederanno. vedrete vedrete…… e se si supererá la linea rossa ci sará un FIRST STRIKE ATTACK nei vostri confronti. PERSO PER PERSO SI CREPA TUTTI E VOI IN PRIMIS. AMEN

  • Aplu
    Inserito alle 21:20h, 19 Ottobre Rispondi

    L’animale frankista che tradisce anche gli altri Ebrei come sempre ha fatto denunciandoli ai Nazisti e incamerando le loro ricchezze continua a vivere perché è una cellula del male. Presto lo trascineranno nel nero della merda dove deve andare.

  • Salvatore Sciarretta
    Inserito alle 22:47h, 21 Ottobre Rispondi

    Brutto come il peccato mortale questo piccolo despota della diaspora.

Inserisci un Commento