Un lungo periodo di pace in Europa sta volgendo al termine

di Lukáš Visingr.

Inizia un decennio molto movimentato che porterà crisi e probabilmente conflitti armati, ha affermato Lukáš Visingr, analista militare ed esperto di sicurezza ceco in un’intervista rilasciata ai media “Kupředu do minulosti”. Facendo riferimento, in particolare, alla situazione in Francia, dichiara: “ Il periodo di pace volge al termine e si avvicina il tempo delle guerre e delle rivoluzioni. È impossibile evitarlo ”.

Preparati alla guerra
L’analista osserva che il lungo periodo di pace in Europa sta volgendo al termine e un decennio molto movimentato, che porterà crisi e anche, probabilmente, conflitti armati, di ritorno. Per l’analista ceco è certamente necessario garantire che la Repubblica Ceca rimanga un paese sovrano e rispettato nel mezzo di un’Europa travagliata e che non torni ad essere un giocattolo nelle mani dell’una o dell’altra potenza, ma osserva che ogni 80 anni una grande ondata di guerre e rivoluzioni travolge l’ordine internazionale esistente e ne stabilisce uno nuovo e che risale ai secoli XVII, XVI e XV. Secondo lui questa lui è una regola, che segnala che il pericolo è tanto più presente quanto più stanno scomparendo i testimoni della seconda guerra mondiale e che è tempo di diffidare di chi non ha fatto questa esperienza. È del parere che “negli 80 anni citati, sono state sostituite circa tre generazioni ”, e che “ quindi ora ci aspetta qualcosa di poco piacevole ”.
Fatalista nella sua analisi, Visingr dichiara addirittura che « forse anche questo non si può impedire » perché « si ripete con la stessa regolarità con cui le stagioni si sostituiscono ». Quindi, ” non ha senso piangere e lamentarsi per questo ” o ” avere paura, farsi prendere dal panico o incitare all’odio verso chiunque “, ” bisogna solo darlo per scontato, come una legge di natura e prepararsi come meglio che puoi ”.

Scontri a Parigi

La Francia sul terreno della guerra civile

L’esperto, anche se possiamo, secondo lui, ” dire qualcosa di simile su altri Paesi e regioni “, non vede bene la situazione in Francia, dichiarando che ” quello a cui stiamo assistendo in Francia è, forse, una sorta di iniziale fase preparatoria alla guerra civile ”. Non esita ad affermare che ” possiamo naturalmente aspettarci che questo conflitto raggiunga la fase di una vera guerra su larga scala, un conflitto armato in cui si scontreranno gli eserciti degli Stati “.
L’analista si dice ” convinto che un’ondata di guerre, rivoluzioni, conflitti, arriverà perché ora siamo in una situazione dalla quale non c’è, per così dire, uscita sistemica ” e “Gli interessi delle potenze (Stati Uniti, Russia, Cina, ma anche un certo numero di altri Stati) sono sempre più ingarbugliati in una rete e questa situazione è molto simile alla situazione alla vigilia della prima guerra mondiale ”.
Lukáš Visingr ricorda che questa prima guerra mondiale fu anche “ sostanzialmente inevitabile ” perché “ dopo il 1910, 1911, 1912 era già impossibile fermare il conflitto ” e che non erano ancora specificate le coalizioni di Stati, ma “ il conflitto armato su un su larga scala non si poteva più fermare ”. Lukáš Visingr ” pensa che siamo già entrati in questa fase “ e che ” tra qualche anno saremo coperti da un’altra ondata altrettanto potente “.

Intervento dell’esercito in Francia

Vede una serie di possibili scenari e tipi di conflitto, incluso un conflitto su larga scala nel sud della Francia con una massiccia rivolta. Specifica che “la maggior parte di questo Paese sarà fuori dal controllo del governo, quindi alla fine dovranno usare l’esercito “. Al di là dello scenario catastrofico per la Francia, pensa che ” ci sarà un conflitto tra Russia e Turchia, perché in certe regioni gli interessi di questi due Paesi si scontrano sempre di più, e quindi alla fine un conflitto diretto nei Balcani o nel Mar Nero finirà per scatenarsi”. essere inevitabile ”. Inoltre, prevede “ un conflitto armato tra Stati Uniti e Cina da qualche parte nella regione del Pacifico “, specificando che “si può parlare di plausibili scenari, tendenze, interessi e forze che si scontrano “ma che, quindi, la loro collisione non sarà evitata, perché ad un certo punto “ la soluzione pacifica già scomparirà dalla scena ”.

Scontri ad Amburgo

Nessuno vuole ascoltare gli avvertimenti

L’analista militare ceco spiega che tutto va come nello scenario della prima guerra mondiale perché ” c’erano persone che mettevano in guardia contro una simile possibilità, ma la maggior parte di loro semplicemente non ci credeva “. Anche se afferma che ” analizzando a posteriori tutti gli aspetti politici, economici e militari alla vigilia della prima guerra mondiale, si comprende che questo conflitto era generalmente inevitabile “, l’esperto militare dichiara che ” siamo in una situazione in cui la minoranza, in cui mi includo, mette in guardia contro qualcosa del genere, ma la stragrande maggioranza si rifiuta semplicemente di credere “all’arrivo di una guerra.

fonte: http://www.observateurcontinental.fr

Traduzione: Gerard Trousson



13 Commenti
  • Farouq
    Inserito alle 17:38h, 17 Agosto Rispondi

    Effettivamente guardando questo elenco delle guerre nella storia, questo periodo di pace in Europa (a parte il massacro di altri popoli) è anomalo

    https://doc.studenti.it/appunti/storia/principali-guerre-storia.html

    • Arditi, a difesa del confine
      Inserito alle 19:37h, 17 Agosto Rispondi

      io parlerei di una parte dell’Europa, perchè negli anni 90 abbiamo avuto la guerra civile in Yugoslavia prima e poi i bombardamenti sulla Serbia (aerei partiti dall’Italia, quella che sulla carta ripudia la guerra mi pare), abbiamo tutt’ora un conflitto in Ucraina, una nazione è stata politicamente ed economicamente distrutta (Grecia)
      poi certo, se si guarda alle 3 “grandi”, Francia, Germania e quell’isola di insignificanti che arrivano sempre secondi, sicuramente un periodo di pace così duraturo penso si faccia fatica a ricordare

  • cinaski
    Inserito alle 18:31h, 17 Agosto Rispondi

    Ma letto un””””analisi””””‘ più superficiale ( o serie di caxxate,inesattezze e pressappochismo simili se preferite ) e completamente non a fuoco nel tempo ( e per carità di patria,lasciamo perdere la storia che sto tizio cieco e la redazione che riprende ste….cose , EVIDENTEMENTE NON CONOSCE). ….dai su Dio Santo!!!!!!!!

    • atlas
      Inserito alle 11:02h, 18 Agosto Rispondi

      è un buon articolo invece: direttamente proporzionale alle tue trollate. E magari sei pure democratico eh

  • Farouq
    Inserito alle 18:53h, 17 Agosto Rispondi

    -Forse è tempo di leggere qualche libro sulle guerre nella Storia, per capire chi è figlio di chi e chi ha il “gene” della guerra
    -Il nostro amico ceco è discendente degli Hussiti, protagonisti di una bella guerra
    -Ca.. un tempo leggevo topolino sulla spiaggia!

  • Farouq
    Inserito alle 19:00h, 17 Agosto Rispondi

    Al primo posto a livello di massacri c’è la guerra dei trent’anni! in Europa (Primo libro da leggere)

    https://it.wikipedia.org/wiki/Guerra_dei_trent'anni

    • Monk
      Inserito alle 13:59h, 18 Agosto Rispondi

      Farouq, non ho nulla contro di te ma non fare il saputello adesso, vuoi parlare di storia, seriamente? Quali testi leggi? Occhio, che il 90% dei testi ti frullano il cervello come i democrazzari.

  • antonio
    Inserito alle 20:55h, 17 Agosto Rispondi

    i crimini della NATO perdurano dal 48 ad oggii ognii anno peggiorii, di quale pace andate parlando ? bombe sui treni, nelle piiazze, missili contro aerei civili, roghi di traghetti, funifivie speronate da aerei militari, assassiniii di premier politici, giornalisti, giudici, ufficiali di polizia, traffici di droga, corruzioni maffie, rapimenti truffe e scandali bancari e attacchi alla libera concorrenza economica con distruzione delle economie nazionali

  • antonio
    Inserito alle 21:30h, 17 Agosto Rispondi

    dimenticavo, anche invasione continuata di migranti ed esuli da conflitti e devastazioni create dalle missioni militari NATO

  • atlas
    Inserito alle 11:04h, 18 Agosto Rispondi

    la causa di tutto, nel male e nel peggio è sempre una, i giudei

  • Cirillo
    Inserito alle 11:46h, 18 Agosto Rispondi

    Io penso che il problema è molto semplice:estremo egoismo sia del singolo che delle nazioniLe risorse ci sono per tutti,ma a chi niente e ad una piccola minoranza troppo.Chi potrà risolvere l egoismo innat nella razza umana?Io ho una risposta personale.

  • Monk
    Inserito alle 14:08h, 18 Agosto Rispondi

    Non ci saranno guerre nella frocia Europa, ma voi veramente credete che i debosciati frocetti possano impugnare delle armi? Siete seri o adorate le cazzate? I tempi antichi e moderni fino alla II GM non fanno testo nel momento in cui esistevano gli UOMINI. L’ex Jugoslavia è un caso ma sempre con UOMINI che hanno combattuto e so’ passati trenta anni da quei fatidici anni novanta.
    Questa è la guerra!
    https://twitter.com/Esterin62237737/status/1427954635189456899

    Se mi trovate un solo frocetto capace di fare quello che si vede nel video, vincete il mongolino d’oro.

    p.s.
    anche gli eserciti sono frocetti, compresi i reparti speciali buoni a combattere come nei video games e protetti da droni ed altre diavolerie per evitare il corpo a corpo.

Inserisci un Commento