UN GRUPPO DI SABOTAGGIO RUSSO È ATTERRATO SULLA SPONDA UCRAINA DEL DNEPR E HA DISTRUTTO 30 MILITARI UCRAINI

Il 13 marzo, le forze russe hanno effettuato con successo un raid sulla sponda occidentale del fiume Dnepr. Come risultato dell’operazione rischiosa, i militari russi hanno inflitto perdite significative alla guarnigione ucraina nella regione di Kherson.

L’attacco è avvenuto la notte del 12 marzo. I militari russi sono riusciti a distruggere il punto di controllo ucraino delle operazioni UAV, una stazione EW e un punto di schieramento temporaneo. Come risultato dell’operazione sono stati eliminati fino a 30 militanti delle forze armate ucraine.

I risultati dell’operazione sono stati riferiti dal governatore russo della regione di Kherson.

“Marines, paracadutisti e volontari sbarcarono dalle barche vicino al ponte Antonovsky. A causa della repentinità, il nemico non ha avuto il tempo di reagire tempestivamente”, ha detto il capo della regione.

Dopo aver completato la missione di combattimento, gli esploratori russi si ritirarono sulla sponda orientale del Dnepr senza perdite irreparabili.

Due elicotteri militari ucraini Mi-8/17 sono stati distrutti e un terzo è stato danneggiato a seguito di un recente attacco russo in direzione di Donetsk.

Gli elicotteri sono stati rilevati dai “sistemi di ricognizione aerea” russi mentre si trovavano in un aeroporto segreto vicino alla linea del fronte, ha detto il Ministero della Difesa russo in una dichiarazione del 13 marzo, sottolineando che le forze di Kiev hanno utilizzato l’aeroporto per rifornire di carburante e riarmare i loro elicotteri. .

Il ministero ha diffuso le riprese video dell’attacco all’elicottero, iniziato con un attacco con munizioni a grappolo, probabilmente proveniente da un sistema di lancio di razzi multipli Tornado-S da 300 mm. Nonostante i danni subiti, uno degli elicotteri sarebbe riuscito a decollare. I restanti due a terra furono successivamente presi di mira con missili a guida di precisione, molto probabilmente Kh-38 lanciati da cacciabombardieri Su-34.

Il 12 marzo, la 12a brigata dell’aviazione dell’esercito delle forze di terra ucraine, che gestisce elicotteri Mi-8/17, ha pianto due dei suoi piloti.

Probabilmente i piloti non sono rimasti uccisi negli attacchi missilistici russi poiché entrambi gli elicotteri distrutti a terra sembravano essere stati abbandonati. È possibile però che i piloti uccisi stessero volando sul terzo elicottero che riuscì a decollare. L’elicottero potrebbe essersi schiantato a causa dei danni causati dalle munizioni a grappolo o essere stato abbattuto subito dopo la fuga.

Le forze di Kiev gestiscono più di 70 Mi-8 di fabbricazione sovietica, due dei quali sono stati donati dalla Lituania dopo l’inizio dell’operazione militare speciale russa più di due anni fa. Nello stesso periodo, circa 28 Mi-17 di fabbricazione russa sono stati forniti all’Ucraina anche da Stati Uniti, Lettonia e Slovacchia.

Oltre agli elicotteri perduti nei giorni scorsi, la scorsa settimana un aereo da caccia MiG-29 dell’aeronautica militare ucraina si è schiantato vicino alla città di Pokrovsk in direzione di Donetsk. All’epoca, alcune fonti di notizie affermavano che il MiG-29 ucraino era stato abbattuto da un aereo da caccia russo, presumibilmente un Su-35, mentre altri riferivano che l’incidente era il risultato di un incidente di fuoco amico. Il pilota è rimasto ucciso nell’incidente.

Nonostante riceva molto sostegno dai suoi alleati, in particolare dagli stati della NATO, le capacità aeree dell’Ucraina rimangono inefficaci di fronte all’esercito russo.

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

3 commenti su “UN GRUPPO DI SABOTAGGIO RUSSO È ATTERRATO SULLA SPONDA UCRAINA DEL DNEPR E HA DISTRUTTO 30 MILITARI UCRAINI

  1. Il video mi suggerisce questa riflessione: Oltre che un cimitero per gli ucro-nazi-nato (come è giusto che sia), l’Ucraina è anche diventata la più grande discarica a cielo aperto di “materiali ferrosi” del mondo, grazie al sostegno occidentale. A questo proposito qualcuno ha sentito qualche parola dagli “ambientalisti” dei paesi UE ? Come mai la quantità enorme di Co2 prodotta in un conflitto non desta nessun allarme nelle stupide opinioni pubbliche occidentali ? Greta dorme sonni profondi, i suoi padroni anglo americani gli hanno detto di non fiatare sui disastri ambientali (oltrechè umani) causati dalle loro guerre !

    1. Ciao benedetto. Purtroppo non possono anche volendo velocizzare le azioni offensive. Sono rallentati dalla Rasputiza. Visto i Challenger inglesi impantanati? Saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM