Un giorno gli Stati Uniti pagheranno il prezzo del loro indiscusso sostegno a Israele

Lo scrittore ceco Franz Kafka ha detto: “Tutto ciò che ami molto probabilmente andrà perduto, ma alla fine l’amore tornerà in un modo diverso”. Lo stesso principio, credo, si applica ad altri sentimenti potenti, tra cui risentimento, odio, rabbia e persino rabbia.

I funzionari americani dovrebbero saperlo bene poiché continuano a sostenere Israele con miliardi di dollari in aiuti militari ed economici e con qualsiasi cosa possa consentire allo stato di apartheid di continuare il genocidio dei palestinesi a Gaza. Gli arabi, i musulmani – di fatto, il mondo intero – stanno guardando, ascoltando, leggendo e diventando ogni giorno più arrabbiati per il ruolo diretto degli Stati Uniti nel facilitare il bagno di sangue israeliano a Gaza.

L’offensiva militare dello stato di occupazione a Gaza “ha provocato più distruzione della distruzione di Aleppo in Siria tra il 2012 e il 2016, di Mariupol in Ucraina o, proporzionalmente, del bombardamento alleato della Germania durante la seconda guerra mondiale”, ha riferito l’ Associated Press , sulla base di recenti dati satellitari. analisi. “[Esso] ora è tra i più letali e distruttivi della storia recente.”

Oltre alle decine di migliaia di morti e dispersi tra le macerie, un numero molto più elevato di persone è rimasto ferito e mutilato, tra cui migliaia di bambini. Secondo l’UNICEF, innumerevoli bambini sono lasciati “alle prese con la perdita di un braccio o di una gamba” .

L’agonia di Gaza viene osservata in televisione e in ogni altro mezzo di comunicazione. È come se il mondo stesse soffrendo insieme ai bambini palestinesi di Gaza, ma non fosse in grado di fermare o almeno rallentare il genocidio. Eppure, anche quando tutti i paesi europei, tranne pochi, hanno invertito la loro posizione sulla guerra, unendosi al resto del mondo nel chiedere un cessate il fuoco immediato e globale, Washington ha continuato a respingere queste richieste.

È così che l’ambasciatrice statunitense presso l’ONU, Linda Thomas-Greenfield, ha giustificato l’uso del veto da parte del suo Paese, stroncando il primo serio tentativo del Consiglio di Sicurezza di raggiungere una tregua permanente il 18 ottobre: ​​“Israele ha il diritto intrinseco di auto-autodeterminazione e difesa come previsto dall’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite”.

Ciononostante, Israele continua a bloccare l’accesso a cibo, medicine, carburante e altri beni di prima necessità a Gaza, violando così le stesse leggi di Washington in materia. “Non verrà fornita assistenza a nessun paese quando viene reso noto al Presidente che il governo di tale paese proibisce o limita in altro modo, direttamente o indirettamente, il trasporto o la consegna dell’assistenza umanitaria statunitense”, afferma la legge sull’assistenza estera degli Stati Uniti (sezione 620I) molto chiaramente.

L’amministrazione Biden non ha fatto nulla per esercitare pressioni – per non parlare di forzare – Israele affinché aderisca alle leggi umanitarie più elementari nel genocidio in corso a Gaza. Quel che è peggio è che il presidente Joe Biden sta fornendo a Israele le armi e le munizioni di cui ha bisogno per prolungare questa guerra distruttiva.

Secondo un rapporto del 25 dicembre del canale israeliano Channel 12 , più di 20 navi e 244 aerei americani hanno consegnato a Israele oltre 10.000 tonnellate di armamenti e attrezzature militari dall’inizio della guerra. Queste forniture militari includono , secondo il Wall Street Journal , almeno 100 BLU-109, bombe anti-bunker da 2.000 libbre, che sono state usate ripetutamente durante il bombardamento israeliano, uccidendo e ferendo centinaia di palestinesi in ogni occasione.

L’unica azione tangibile intrapresa dagli Stati Uniti dall’inizio della guerra è stata quella di creare una coalizione – “Operazione Prosperity Guardian” – con l’unico scopo di garantire la sicurezza delle navi che attraversano il Mar Rosso, dirette o in partenza da Israele.

Non è riuscito a trovare un equilibrio tra il suo sostegno a Israele e il suo rispetto, almeno nominale, per palestinesi, arabi e musulmani. Al contrario, troppi funzionari statunitensi sembrano essere del tutto distaccati da questa realtà.

In una conferenza stampa alla Casa Bianca il 7 dicembre, il coordinatore per le comunicazioni strategiche del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, John Kirby, ha proclamato : “Ditemi, nominatemi, un’altra nazione, qualsiasi altra nazione, che sta facendo tanto quanto gli Stati Uniti”. per alleviare il dolore e la sofferenza della popolazione di Gaza. Non puoi. Non puoi proprio.”

Ma in che modo le “bombe stupide”, le “bombe intelligenti”, gli sfonda-bunker e decine di migliaia di tonnellate di esplosivi ad alto potenziale “alleviano il dolore e la sofferenza” di Gaza e della sua gente? Se Kirby non è consapevole del ruolo del suo Paese nel genocidio di Gaza, allora la crisi della politica estera americana è peggiore di quanto avremmo potuto immaginare. Se ne è consapevole, e dovrebbe esserlo, allora la crisi morale del suo paese non ha probabilmente precedenti nella storia moderna.

Il problema per la politica statunitense è che le amministrazioni americane hanno una visione frammentata della realtà, poiché sono concentrate su come qualsiasi azione, o inazione, influenzerà i loro partiti politici nelle future elezioni. Tuttavia, gli americani che hanno a cuore il loro Paese e la sua posizione in un Medio Oriente in grande cambiamento e in una geopolitica globale in rapido cambiamento dovrebbero ricordare che la storia non inizia né finisce in un giorno di novembre una volta ogni quattro anni.

“Alla fine, l’amore tornerà in modo diverso”, ha scritto Kafka. Ha ragione lui. Ma anche l’odio tende a ritornare, manifestandosi in una miriade di modi. Più di ogni altro paese, gli Stati Uniti dovrebbero sapere che un giorno pagheranno il prezzo del loro indiscusso sostegno a Israele.

Ramzy Baroud è un giornalista e redattore del Palestine Chronicle. È autore di cinque libri. Il suo ultimo è ” Queste catene saranno spezzate : storie palestinesi di lotta e sfida nelle prigioni israeliane” (Clarity Press). Baroud è un ricercatore senior non residente presso il Center for Islam and Global Affairs (CIGA) e anche presso l’Afro-Middle East Center (AMEC). Il suo sito web è www.ramzybaroud.net

Fonte: Information Clearing House

Traduzione: Gerard Trousson

6 commenti su “Un giorno gli Stati Uniti pagheranno il prezzo del loro indiscusso sostegno a Israele

  1. Non credo proprio che i “funzionari” statunitoidi abbiano una visione distaccata dalla realtà e non sappiano ciò che sta accandendo, il fatto è che sono assassini come e quanto gli ebrei!

    Cari saluti

  2. Oggi nella Striscia di Gaza sarebbe stato eliminato il generale americano John Bigree, uno dei comandanti della Delta Force, che stava lì per coordinare lo sterminio dei bambini di Gaza e la distruzione delle Moschee.
    Dai documenti che emergono dagli archivi del noto agente del mossad Epstein, incaricato di procurare bambine ai pedofili delle classi dirigenti occidentali, questi venivano poi filmati e ricattati dal mossad, in un’alleanza demoniaca tra comunità ebraiche egemoni in occidente e i loro shabbot goys.
    In Egitto il giornalista egiziano che aveva scoperto l’acquisto da parte della suocera di Zelensky di un villone nel Sinai, dove probabilmente quell’ebreo non andrà mai a svernare, è stato brutalmente assassinato.
    Negli USA sono sempre più numerosi i cittadini che non sopportano più l’egemonia della crassa ed arrogante comunità ebraica nordamericana, per adesso questo odio si traduce perlopiù in manifestazioni pro Palestina, ma presto la situazione potrebbe degenerare…

    1. eusebio, leggo sempre con interesse e condivido al 100% i suoi commenti. Speriamo che i cittadini americani si ribellino contro questa classe dirigente parassitaria nemica dell’umanità

  3. La realtà è che gli appartenenti alla cultura ebraica talmudista sono sempre stati un problema per l’ umanità. Il loro credo messianico particolare provoca un modo di fare di fatto profondamente razzista. Non si può convivere infatti con chi crede di essere superiore a te e di fatto ti relega nel mondo degli animali parlanti arrogandosi il diritto di lasciarti vivere o farti morire. Gli ebrei, a meno che non cambino dottrina, spariranno dal pianeta prima o poi.

  4. Israele è uno staterello messo a guardia degli interessi americani e inglesi in Medio Oriente ; ha tenuto a rimanere avulso da quella realtà, diverso ; e quando si sente prediletto da dio, sconfina nel nazismo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM