Un giornalista rivela: Potremmo essere a poche ore da un Massiccio attacco al Libano

Al-Alam News dalla Gerusalemme occupata ha riferito che negli ambienti militari e politici israeliani si parla di un’espansione della guerra, che significa più bombardamenti e tentativi di invasione di terra. L’esercito di occupazione ha dichiarato settimane fa che tutti i piani verso il fronte con il Libano erano pronti e l’amministrazione americana ne era stata informata.

Ha aggiunto: Ma ciò che sta accadendo ora riguardo all’espansione della guerra verso il Libano arriva a rassicurare e mettere a tacere le voci dei coloni fuggiti dagli insediamenti adiacenti al confine libanese, che sono più di 30 insediamenti.

Poi ha continuato: Il Ministro della Difesa Galant e Netanyahu parlano quindi di un’ulteriore escalation verso il fronte settentrionale, e non è improbabile che venga annunciato l’espansione dell’operazione, per calmare la rabbia dei militanti e dei icoloni fuggiti da quelle zone.

Pattuglia Hezbollah sul confine libanese

Il giornalista ha sottolineato che c’è un grosso dilemma di fronte al livello politico e di sicurezza, su come ci sarà il ritorno dei coloni alla luce della decisione di rimuovere le forze Hezbollah e la Forza Radwan dietro il fiume Litani .

Fin dall’inizio della crisi c’è stata una chiara posizione israeliana secondo cui non vogliamo un’escalation e vogliamo dare una possibilità agli sforzi diplomatici, che sembrano falliti dopo i viaggi dell’inviato americano, sia in Libano che a Tel Aviv. .

Un raid israeliano fa saltare in aria un intero quartiere in Libano
Il corrispondente di Al-Alam Channel nel sud del Libano ha riferito che un reparto israeliano ha effettuato un’operazione contro un centro nella città di Tayr Harfa, che ha portato alla sua completa distruzione, e che vi sono stati anche una serie di raid lanciati dall’occupazione in molti villaggi libanesi. in particolare Al-Dhahra, Marwahin, Ayta Al-Shaab e Maroun Al-Ras.
E aggiunge: I raid più violenti sono avvenuti nel pomeriggio , durante i quali è stato distrutto un intero quartiere, senza che si registrassero vittime.

Ha continuato: L’artiglieria d’occupazione ha effettuato attacchi su Kafarkila, Hula e Mays al-Jabal, fino ad Aita al-Shaab, Alma al-Shaab e Ramya.

Inoltre, il nostro corrispondente ha riferito che la resistenza ha risposto a questi attacchi con una serie di operazioni, la più importante delle quali è avvenuta nella caserma Rmeim, dove ha preso di mira un gruppo di soldati d’occupazione con missili Burkan.

Ha spiegato: I missili della resistenza hanno colpito anche molti altri siti da Wadi Hunin a Birkat Risha e il resto degli altri siti che erano obiettivi della resistenza e hanno ottenuto colpi diretti.

Il corrispondente del canale Al-Alam ha aggiunto: Ora ci sono bombe lanciarazzi sganciate dall’esercito di occupazione, soprattutto sui villaggi del settore orientale, e gli aerei da ricognizione sorvolano notevolmente, dopo che gli aerei militari hanno effettuato diversi raid nel sud del Libano.

Fonte: Al Alam

Traduzione: Fadi Haddad

7 commenti su “Un giornalista rivela: Potremmo essere a poche ore da un Massiccio attacco al Libano

  1. In Libano gli israeliani sono sempre stati sconfitti e massacrati.
    Già nell’invasione del 1982 …………… vicino al Castello di Beaufort, una intera colonna di militari israeliani tra cui il generale Adam – capo del Mossad – e 30 alti ufficiali furono uccisi nell’imboscata.
    Nell’ottobre dello stesso anno il Q.G. israeliano fu attaccato da camion bomba ….. 200 morti, ecc. ecc. .
    La Tendenza dei tempi moderni è sempre la stessa: la sconfitta dell’occidente. Non c’è santo che tenga.

    1. Nel 1982, operazione ebrei pace in Galilea” di sharon (grottesco! Era una guerra), i nasi adunchi arrivarono fino a Beirut e poi bombardarono i quartieri occidentali dove si trovavano i palestinesi dell’allora Arafat, imponendo a una forza internazionale di portareaccompagnare fuori dal Libano (in Siria) gli armati palestinesi, ma fu nel 2006, contro Hezbollah, che gli armati ebrei dell’entità sionista mostrarono una sopraggiunta debolezza, in pratica perdendo la guerra – e non raggiungendo stabilmente gli obbiettivi prefissi – considerando che la milizia libanese era meno armata e aveva meno organici di oggi.

      Cari saluti

      1. Dal 1982 al 2000 (anno della cacciata dal Libano, e secondo me della Prima Grande Sconfitta israeliana), le fonti ufficiali israeliane parlano di 2000 morti ammazzati ! E’ una cifra ridicola……………….. per due volte il Q.G. è saltato per aria diciamo 500 morti………….. ecc. ecc. . Secondo le mie stime gli israeliani persero con DIVERSI ZERI di morti ammazzati. Il Libano si confermò FUNESTO per l’Israele. Ciao.

  2. Israele non ha ancora compreso che allargare il conflitto potrebbe essergli fatale. Essere potenti in uno scontro diretto, non vuol dire avere la vittoria in tasca. Quando distruggi un quartiere di una città e nessuno vi rimane vittima, significa una cosa sola. Hezbollah li sta’ aspettando ed ha evacuato i civili. Sarà un bagno di sangue. E francamente se lo meritano.

    1. Israele possiede armi di distruzione di massa !
      Israele dispone di ben 450 bombe atomiche è nucleari perciò ricattano e minacciano tutto il mondo arabo di attaccarlo con armi nucleari e anche batteriologiche e chimiche !
      Indirettamente Israele minacciando di usare le SUE armi di distruzione di massa Nucleari e chimiche contro tutto il mondo arabo indirettamente gli Israeliani ricattano pure gli USA e tutti i paesi NATO !
      Con il ricatto della guerra totale nucleare Israele terrorizza e ricatta praticamente tutto il mondo !
      Sia i suoi paesi nemici sia i suoi paesi amici !

  3. Agli ebrei guerrafondai posso soltanto dire: ricordatevi del 2006 e dell’esito della “seconda guerra libanese”, perché se oserete ancora andrà peggio di allora!

    Cari saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM