Un “European Magnitsky Act” o extraterritorialità europea al servizio degli interessi americani

di Karine Bechet-Golovko.

L’UE sta finalizzando la sua Legge Magnitsky, sul modello americano, che dovrebbe consentirle di sanzionare tutte le violazioni dei diritti umani nel mondo. La follia della grandezza mitomane si impadronisce di una struttura, in cui gli stessi Stati membri sono incapaci di garantire ai propri cittadini il pieno e completo esercizio dei loro diritti e delle loro libertà. Di una struttura, la cui politica estera è dettata dalla difesa di interessi, che non gli sono quelli specifici dei cittadini.
Guardando la furia delle sanzioni contro chi non è, o non è sufficientemente allineato, possiamo aspettarci un deterioramento dei rapporti, per quanto possibile, tra l’Europa (prigioniera dell’Ue) e la Russia. Il che va perfettamente nella direzione degli interessi americani.

Sul modello americano, avendo gli Stati Uniti adottato un Magnitsky Act a seguito della morte in carcere di questo avvocato accusato dalla Russia di appropriazione indebita per conto di una grande azienda, la Hermitage Capital, l’ UE si prepara ad adottare la sua Legge Magnitsky. Questo tipo di “legislazione” consente soprattutto, senza correre il rischio di un vero e proprio procedimento giudiziario, su semplice base politica, di adottare sanzioni contro le persone e gli Stati che disturbano. Si tratta quindi di una forma di legalizzazione dei processi politici del nostro tempo. Se la discussione è iniziata sul serio alla fine del 2019, la procedura è in fase di completamento e dovrebbe concludersi formalmente al prossimo Consiglio europeo, poiché è stato trovato un accordo di principio.

Va detto che Browder, a capo di Hermitage Capital, è ben noto – e protetto – in Europa. Un regista russo liberale, Nekrasov, aveva avviato un rapporto sulla morte di Magnitsky, perché da buon avversario era convinto che la Russia fosse colpevole e che Browder fosse la povera vittima del pericoloso “regime russo”. Aveva poi avuto tutto il supporto, inizialmente, dell’azienda e del suo leader. Tuttavia, le sue ricerche lo hanno portato a mettere in discussione la versione ufficiale americana e il risultato del film è stato inaspettato: scagiona la Russia. Di conseguenza, il film che doveva essere presentato al Parlamento europeo, dopo una visita a sorpresa di Browder poco prima della programmazione, sarà vietato e verrà deprogrammato da Arte . ( Vedi il nostro articolo qui sull’argomento)

Quindi l’UE si prepara ad adottare la sua legge Magnitsky. Stranamente, alle istituzioni europee non è venuta in mente l’adozione di una legge Milosevic, morto per mancanza di cure mediche tra le mura del carcere dell’ICTY.
E si capisce quindi il significato di questa “Legge europea”, che deve riconoscere il principio di extraterritorialità, senza che il titolare abbia il minimo peso politico che gli consenta di maneggiare liberamente uno strumento che lo supera. Questo European Magnitsky Act sottometterà ancora di più i paesi europei, consentendo agli Stati Uniti di estendere la forza della loro volontà politica territorialmente.

Karine Bechet-Golovko

fonte: http://russiepolitics.blogspot.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM