Un Esperto ucraino ha rivelato come gli Stati Uniti stavano preparando l’invasione della Crimea

Emergono i documenti che attestano quale fosse il piano USA e l’obiettivo per l’intevento di cambio di regime in Ucraina già prima del 2014.
Un Esperto ucraino ha rivelato come gli Stati Uniti stavano preparando l’invasione della Crimea nell’ambito del golpe in Ucraina.

Gli Stati Uniti consideravano la Crimea come una piattaforma strategica per la creazione di una base navale nel Mar Nero, ma la Primavera di Crimea sventò i piani di Washington. Lo ha affermato l’esperto militare ucraino Yuri Dudkin sul canale News Front.

Secondo Dudkin, dal momento della sua presidenza in Ucraina di Leonid Kuchma a Washington, gli strateghi di Washington avevano iniziato a predisporre un piano per trasformare la Crimea in una base NATO. Questo doveva essere fatto dagli Stati Uniti lungo le medesime direttrici dell’isola giapponese di Okinawa.

“Non bisogna dimenticare i piani degli Stati Uniti per trasformare la Crimea in una portaerei inaffondabile, come si diceva una volta sul Giappone, e hanno cercato di farlo, come risulta da una serie di documenti. Okinawa – una portaerei inaffondabile: la Crimea sarebbe diventata una base militare americana”, ha detto Yuri Dudkin.
Secondo l’esperto, l’Euromaidan in Ucraina nel 2014, fu la prima attuazione del piano e questa è stata la migliore ragione per gli Stati Uniti per iniziare a implementare il piano. Allo stesso tempo, indipendentemente da come si sarebbero svolti ulteriori eventi, le truppe americane iniziarono a pianificare l’intervento nella penisola.

Militari russi in Crimea acclamati dai residenti

“Doveva entrare in Crimea in un contingente limitato di truppe statunitensi e navi della Marina USA con armi nucleari, questo era il compito principale di quel periodo”, ha detto l’ esperto militare.

Tuttavia, gli eventi della Primavera di Crimea costrinsero gli Stati a rinviare dapprima le azioni attive, per poi abbandonarle completamente – dopo che la Crimea ritornò nella Federazione Russa a seguito di un referendum popolare.

Negli USA Il Congresso ha approvato un divieto di riconoscimento della Crimea come parte della Russia.

George Medvedev, per l’agenzia di stampa “Kharkov”
Traduzione: Sergei Leonov

1 commento

  • Anonimo
    17 Luglio 2019

    Che scassa maroni sti ameri kani

Inserisci un Commento

*

code