Un esperto ha spiegato la ragione dell ‘”isteria” della NATO sulla Crimea


La dura reazione degli Stati Uniti e della NATO sulla riunificazione della Crimea con la Russia si spiega con il piano fallito degli USA e della NATO per cui l’alleanza, che aveva un suo obiettivo di impiantarsi in Crimea, non ha potuto “mettere le mani” sulla penisola. Questo punto di vista è stato espresso dallo scienziato politico, direttore dell’Istituto del Medio Oriente Yevgeny Satanovsky in onda su “Vesti”.

Satanovsky ha parlato alla radio dei piani per spostare la NATO verso est dopo il crollo dell’URSS. Secondo l’esperto, l’Europa è diventata la prima linea di attacco alla Russia. Washington, affermando verbalmente i principi della “solidarietà euro-atlantica”, iniziò ad espandere la NATO a est, schierando le sue truppe in Lettonia, Lituania, Estonia, Polonia e Romania. Satanovsky è sicuro che la nostra alleata, la ex Jugoslavia, sia stata distrutta per assicurare un’offensiva da ovest contro la Federazione Russa.

Satanovsky ha spiegato la ragione dell ‘”isteria” della NATO sulla Crimea, quella che ha dato luogo alle sanzioni ed alle continue provocazioni degli USA e della NATO contro la Russia.

Per lo stesso scopo, era stata condotta l’operazione di Maidan in Ucraina, la sobillazione culminata con il colpo di Stato a Kiev. La NATO mirava alla Crimea, sognando di poter installare nella penisola una sua base a Sebastopoli. Ma improvvisamente tutto non è andato come loro volevano. In Crimea hanno tenuto un referendum nel 2014 e hanno deciso di riunirsi con la Russia. La penisola aveva “galleggiato” sotto il naso della NATO e degli Stati Uniti, e questo è quello che ha causato l’intera “isteria” dell’Occidente collettivo su questo tema. Si è trattato per loro di un fallimento clamoroso.

Mappa della Crimea

“Tutte le accuse isteriche derivano dal fatto che la Crimea sia diventata russa, con la questione che Sebastopoli non è diventata una base navale della NATO”, questo ha creato una grande frustrazione nei vertici degli anglo USA, come ha detto l’esperto in onda alla radio Vesti.
Il 16 marzo 2014 si è tenuto un referendum sullo status e la nazionalità della penisola in Crimea e a Sebastopoli. Sono state poste al voto popolare due domande: se la Repubblica autonoma doveva fare parte della Federazione Russa come soggetto o il ripristino della Costituzione della Repubblica di Crimea nel 1992, pur conservandola come parte dell’Ucraina. Secondo i dati ufficiali, il 96,77% del popolo di Crimea si è espresso per la riunificazione nella Federazione Russa, con un’affluenza dell’83,1% e del 95,6% dei residenti di Sebastopoli, con un’affluenza dell’89,5%.

Una manifestazione chiara di autodeterminazione della popolazione della penisola che, dopo cinque anni, non è stata ancora accettata da tutti i paesi dell’Occidente.

Nota: Attualmente gli USA stanno procedendo a riconoscere l’annessione di Gerusalemme Est alla Stato di Israele, a legittimare l’annessione delle Alture del Golan siriano allo Stato di Israele, come negli anni scorsi avevano riconosciuto la secessione del Kosovo dallo Stato della Serbia.

Autore: Rita Samoilova

Traduzione e nota: Sergei Leonov

4 Commenti

  • Max Dewa
    1 Aprile 2019

    Digtate” Jews techno dance” ecco cosa fanno I vostri ebrei Trump e Putin assieme ai Loro congeneri scappellati Depravati Rabbini della federal reserve bank Banca ebrea l’unica banca a poter stampare il dollaro ,Draghi ebreo pure lui invece si esibisce a bruxelles con l’ubriacone Juncker fossa di scolo umana e Schultz ebreo pure lui insieme stampano l’euro . sta razza maledetta di usurai degenerati gli Ebrei e i massoni hanno trovato la pietra filosofale per fottervi tutti Quanti Perche’ I vostri Becchi Chiesa Mazzucco ecc ecc non dicono mai niente sugli ebrei piuttosto vi parlano delle emorroidi del Papa o su quanti ne ha presi heather parisi ,e voi ci commentate pure

  • andrea z.
    1 Aprile 2019

    La penisola di Crimea permette il controllo del Mar Nero. Qualsiasi nave o flotta provasse ad entrare verrerapidamente chiusa nell’angolo partendo da Sebastopoli. Questa era l’opinione di un ammiraglio inglese dell’800. Penso che questa regola strategica sia valida ancora oggi.

  • Max Dewa
    1 Aprile 2019

    Digitate:” l’esercito tedesco e’ messo davvero male” Nelle esercitazioni Della NATO i tedeschi usano I manici di scopa ,DITELO ai vari vostri controinformatori o giornalisti di sta minkia che dicono Della Germania peste e corna ,LA povera Germania invasa da milioni di turchi impestati e adesso anche da Negri di tutte le risme

  • Mardunolbo
    2 Aprile 2019

    Caro Max Dewa Tuantuon(o) la Germania è messa male perchè hanno continuato a votare minchioni…Anni fa ,prima del crollo USSR, facevano esercitazioni militari mica da ridere. Ora sono tutti scappellati che seguono il governo,tanto che rinchiudono anche le signore novantenni per osar e dubbi sulla shoa’. Lo sai ? Informati su questo ! Germania ed Austria …Almeno l’Inghilterra con tutti i muslimmi che si ritrova dentro non fa leggi così miserabili !
    un po’ di notizie varie ”
    https://www.andreacarancini.it/2019/01/sion-non-credere-alla-shoah-contributo-ebraico-al-revisionismo-dellolocausto/
    https://www.andreacarancini.it/2019/01/magistrati-austriaci-vogliono-la-morte-wolfgang-frohlich/

Inserisci un Commento

*

code