Un caccia russo lancia un missile vicino all’aereo spia britannico

Un aereo da guerra russo ha sparato un missile vicino a un aereo spia britannico sul Mar Nero il 29 settembre, secondo il ministro della Difesa britannico.

Giovedì il segretario alla Difesa Ben Wallace ha dichiarato in un rapporto alla Camera dei Comuni che l’aereo spia britannico RC-135 era in pattuglia di routine sul Mar Nero quando è stato “seguito” da due caccia russi, il Su-27 e uno dei i caccia russi hanno lanciato un missile nelle vicinanze dell’aereo britannico.

In tale contesto, ha spiegato che il Regno Unito ha sospeso tutti i suoi pattugliamenti sul Mar Nero dopo l’incidente ed ha espresso la sua massima preoccupazione al ministro della Difesa russo, Sergei Shoigú.

In una risposta offerta il 10 ottobre dopo aver condotto una “indagine”, la Russia ha spiegato che lo sparo era stato un “errore” a causa del “malfunzionamento tecnico del caccia Su-27” , ha detto Wallace, indicando che anche Mosca ha riconosciuto che l’incidente è avvenuto nello spazio aereo internazionale.
Sebbene il ministro britannico abbia descritto l’evento come un “incidente potenzialmente pericoloso”, non ritiene che “si tratti di una deliberata escalation da parte dei russi”.

Wallace ha dichiarato che da quel giorno gli aerei britannici volano accompagnati da caccia di scorta.

Inoltre, ha confermato che Londra ha informato i suoi alleati nell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) dell’incidente.
L’incidente si verifica nel mezzo delle tensioni tra la Russia ei paesi della NATO, guidati dagli Stati Uniti, a seguito dell’operazione militare russa in Ucraina.

Giovedì la Russia ha avvertito di “uno scontro diretto” con la NATO sulle forniture di armi all’Ucraina.

“I paesi della NATO (…) continuano a pompare il regime di Kiev con armi, munizioni, fornirgli informazioni, addestrare soldati di Kiev, fornire indicazioni sulla condotta delle ostilità, avvicinandosi così alla pericolosa linea del confronto militare diretto con la Russia” , ha affermato la portavoce del ministero degli Esteri russo, María Zajárova, durante una conferenza stampa.
La possibilità di uno scontro diretto fra la Nato e le forze russe diventa sempre più alta, visto l’accumulo di armi ed istruttori della Nato in Ucraina.

Fonte: Hispantv

traduzione: Luciano Lago

3 Commenti
  • Gasparino
    Inserito alle 12:17h, 21 Ottobre Rispondi

    Ma tutti questi avvertimenti alla UE ( che vanno a vuoto ) . . hanno un limite oppure si continuerà ad oltranza ad avvertire ?

  • Giuliano
    Inserito alle 17:40h, 21 Ottobre Rispondi

    Non mi è MAI giunta la notizia che i cieli di USA-UK-UE siano stati INVASI da aerei spia Russi-Cubani-Venezuelani-Siriani -Cinesi-Nord-Coreani -ect !
    Cosa ci faceva un aereo spia GB nello spazio aereo Russo ???
    Londra si trova a circa 4000 km di distanza dal Mar Nero !
    Anche se il pilota Inglese giocava con il suo videotelefono e come navigatore GPS usava Google si sa che non è molto preciso ha la stessa precisione di un missile V2 .
    Che possa sbagliare di 2 km nel darti la posizione va bene ma sbagliare di 4000 mila km mi sembrano troppi !
    Alexia sveglia !

  • Francesco
    Inserito alle 19:24h, 21 Ottobre Rispondi

    Mi sembra un commento all’ovvio. Dite pure che c’è una fase di stallo. Non c’è da vergognarsene, è normale

Inserisci un Commento