Un atto di guerra dell’Ue contro la Russia

Il 14 dicembre 2023 il Consiglio dei Capi di Stato e di Governo dell’Unione Europea ha deciso di avviare i negoziati di adesione sia con l’Ucraina che con la Moldavia.

  • L’Ucraina è un paese in guerra. L’operazione militare speciale russa è stata lanciata in conformità con la risoluzione 2202 del Consiglio di Sicurezza1 per applicare gli Accordi di Minsk che convalida e le dichiarazioni dei Presidenti Petro Porochenko, François Hollande e Vladimir Putin, nonché della Cancelliera Angela Merkel che ne sono garanti. Tuttavia, l’UE equipara questa operazione di polizia ad una “aggressione” in “chiara violazione della Carta delle Nazioni Unite”.

Nel 2021 la Corte dei conti europea aveva pubblicato una relazione speciale sulla corruzione in Ucraina 2. Si legge: “La “cattura dello Stato” da parte di gruppi di potenti élite politiche ed economiche con una struttura piramidale e radicata in tutte le istituzioni pubbliche e nell’economia è considerata una delle caratteristiche specifiche della corruzione in Ucraina”. La Corte ha quindi formulato sette raccomandazioni. Era ovviamente impossibile attuarle durante la guerra, in particolare le raccomandazioni due (sostegno alla società civile e al giornalismo investigativo) e tre (rimozione degli ostacoli alla concorrenza libera ed equa). Quindi la situazione, invece di migliorare, è peggiorata. La Commissione ha concluso che l’avvio del processo di adesione era impossibile.
Oggi, nonostante un peggioramento molto significativo della corruzione (ad esempio l’arrivo di armi dirottate in Ucraina nelle mani di Hamas), ha cambiato idea.

  • La Moldova è un paese pacifico. Tuttavia, dal 2 settembre 1990, cioè 11 mesi prima dell’indipendenza della Moldavia, la regione autonoma della Transnistria ha proclamato la propria indipendenza. Questa piccola regione venne utilizzata dall’Unione Sovietica per ospitare istituti di ricerca militare segreti. È abitata da una popolazione russa, con un altissimo livello di istruzione scientifica, distinta dalla popolazione moldava e non parlante la stessa lingua.

Nel 1992, la NATO, contando sulla Romania, tentò di rovesciare il governo della Transnistria e di impossessarsi degli istituti di ricerca sovietici ivi situati. Ma, nonostante l’operazione militare su larga scala, l’Alleanza non ebbe successo.3.

Per 23 anni, la Transnistria ha sviluppato un modello di governo senza precedenti, ispirandosi al comunismo per le sue conquiste sociali, ma garantendo scrupolosamente le libertà individuali e pubbliche. In due rapporti presentati il ​​5 settembre 2019 alla Camera dei Rappresentanti a Washington 4, la Rand Corporation ha presentato un piano per indebolire la Russia. È stato questo piano ad essere attuato violando gli accordi di Minsk e provocando la guerra in Ucraina 5. Vi si legge che gli Stati Uniti possono spingere la NATO e l’UE ad integrare la Moldova, poi quest’ultima a denunciare il cessate il fuoco del 21 luglio 1996 e aprire così un nuovo fronte contro la Russia.

Moldovia, manifestazioni

L’annuncio dell’apertura dei negoziati con la Moldavia non menziona l’esistenza della Transnistria (Repubblica Moldava del Dniester) che l’Unione considera territorio moldavo pur non essendo mai dipesa da Chișinău.

Non vi è quindi dubbio che l’apertura simultanea dei negoziati di adesione all’UE per Ucraina e Moldavia sia un atto di guerra contro la Russia.

Fonte: Rete Voltaire

Traduzione: Gerard Trousson

Note:

  1. Risoluzione 2202 del Consiglio di Sicurezza”, 17 febbraio 2015.
    2) Riduzione della grande corruzione in Ucraina, Corte dei conti europea, 2021.
    3) Nel 1992, gli Stati Uniti tentarono di schiacciare militarmente la Transnistria”, di Thierry Meyssan, Rete Voltaire, 17 luglio 2007.
    4) La Russia si estende eccessivamente e sbilancia, James Dobbins, Raphael S. Cohen, Nathan Chandler, Bryan Frederick, Edward Geist, Paul DeLuca, Forrest E. Morgan, Howard J. Shatz, Brent Williams, Rand Corporation, aprile 2019. Vedere anche i dettagli del piano in Extending Russia: Competing from Advantageous Ground, Raphael S Cohen, Nathan Chandler, Bryan Frederick, Edward Geist, Paul DeLuca, Forrest E. Morgan, Howard J. Shatz & Brent Williams, Rand Corporation, 25 maggio 2019. Questi due rapporti sono stati presentati alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti il ​​5 settembre 2019.
    5) Ucraina: tutto era scritto nel piano della Rand Corp.”, di Manlio Dinucci, M.-A. Traduzione, , 8 marzo 2022.Rete Voltaire
    6) Nota verbale del 31 luglio 1992, indirizzata al segretariato generale dalla missione permanente della Moldova presso le Nazioni Unite, riferimento ONU S/24369.a>

3 commenti su “Un atto di guerra dell’Ue contro la Russia

  1. Considerando che il mondo sta cambiando molto velocemente, bisogna vedere se ci sarà il tempo per poter
    integrare questi due(o tre) stati nella gabbia della UE.
    Il 2024 sarà un anno di profondi cambiamenti a livello mondiale, vedremo cosa accadrà.

  2. La Russia deve sbrigarsi ad annettersi Ucraina e Moldavia, dichiarandoli territorio Russo, in modo da mettersi al riparo da ogni tentativo di cambiare l’ordine delle cose, questi non demordono mai, per cui la Russia dovrà creare intorno ai propri interessi una cintura invalicabile dove chiunque ci provi, dovrà spezzarsi i denti.

  3. all’amico Franco chiedo se ha valutato quanto scrive e la conseguenza che quanto scrive potrebbe comportare. Si possono proporre/ipotizzare tante strade, ma credo che cercare di evitare l’apertura di nuovi motivi di scontro, sia interesse di tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM