"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Un alto comandante USA avverte i “marines” di un forte rischio di prossima guerra con la Russia

Un alto comandante miltare USA avverte i “marines” schierati in Norvegia che, la regione dove sono a presidio, potrebbe trovarsi coinvolta in un grande conflitto con la Russia.

Il comandante del Corpo di Fanteria di Marina degli USA, il generale Robert Neller, ha avvisato i militari statunitensi schierati in Norvegia che presto si potrebbe avere “una grande battaglia” con la Russia, come ha pubblicato sabato il portale russo Sputnik.
“Spero di sbagliarmi, ma si avvicina una guerra. Attraverso la vostra presenza qui, voi state pertecipando ad una lotta,  una lotta adi informazioni, una lotta politica”, ha affermato il generale statunitense durante la sua visita annuale di Natale alle truppe USA.

Neller ha precisato inoltre che, in un vicino futuro, la Russia e la regione del Pacifico saranno nel fulcro dell’attenzione degli Stati Uniti. “Semplicemente  ricordatevi perchè siete qui. Loro (i russi) vi stanno monitorando. Nello stesso modo in cui voi li monitorate, anche loro fanno lo stesso”, ha affermato l’alto comandante statunitense.

In altra parte del suo discorso, Neller non ha escluso che l’unità militare possa essere trasferita, ma la presenza statunitense nella regione sarà ampliata. “Disponiamo qui di 300 marines; tuttavia potremo aumentare gli effettivi fino a 3.000 in una sola notte”, ha assicurato.
In questo modo, Neller ha dimostrato di adempiere ai postulati della nuova versione della Strategia di Sicurezza Nazionale degli USA, che individua la Russia come una delle minacce più importanti per il paese nordamericano.

Neller parla alle truppe

La Norvegia, secondo alcuni analisti, deve essere considerata il nuovo “cortile di casa della NATO”, posizionandosi per fortificare il fianco nord dell’Alleanza.
La Russia e la norvegia condividono 195 Kilometri di frontiera nell’estremo nord dell’Europa. Inoltre esiste una frontiera marittima di 23,3 Km.. Questa è la sezione più antica della frontiera tra la Russia e la NATO, da quando la Norvegia è entrata nel blocco militare nel 1949.

La nuova strategia di Sicurezza Nazionale degli USA, approvata dal presidente donald Trump, indica la Russia come “potenza revisionista”. Allo stesso modo nel caso della Cina. Questo significa che Mosca e Pechino “cercano di cambiare lo status quo stabilito nel mondo, come hanno specificato dalla Casa Bianca.

Marines in Norvegia

 

Questa strategia consta di quattro pilastri: preservare la pace mediante l’utilizzo della forza, incrementare l’influenza di Washington, proteggere la patria e lo stile di vita statunitense e promuoverne la prosperità.
La Russia stima che questo piano in realtà minaccia la stabità mondiale, visto che gli USA perseguono nel mantenere la propria egemonia in un mondo unipolare e cercano di inclinare di nuovo la bilancia a loro favore, nonostante gli equilibri nel mondo siano cambiati.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione: Luciano Lago

*

code

  1. atlas 4 settimane fa

    Iddio maledica l’america

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Eugenio Orso 4 settimane fa

    “Iddio maledica l’america” in questa circostanza storica può andare.
    Il problema è che lo “stato profondo”, in solido con la lobby ebraica, i neocon e altre componenti letali della classe globale dominante, ha in pugno l’amministrazione Trump (rivelatasi più debole e inconsistente del previsto) e gestisce la “proiezione di potenza” verso l’esterno in accordo con una “Junta militar” guerrafondaia, che si occupa a modo suo della politica estera, sempre più aggressiva e destabilizzante, dell’amministrazione Usa.
    Che ci siano contrasti intestini, esempio fra Cia e Pentagono (come sosteneva il Cremlino, che non sapeva a chi telefonare in America …), può essere benissimo, ma, alla fine dei giochi, abbiamo notato che l’interesse del grande capitale finanziario (e della lobby ebraica, al suo interno) prevale sempre.
    Così, la funesta relazione con lo stato-canaglia israeliano si consolida e Jared Kushner, genero di Trump e maritino fotogenico dell’altrettanto fotogenica Ivanka Trump, fa il bello e il brutto tempo (da qui la “Javanka”): il matrimonio del 2009 fra i due è “caduto a fogiolo”, si può affermare con il solito senno di poi di cui sono piene le tombe …
    Non solo, ma questo brillante e ricco giudeo tesse la tela con MSB, cioè Mohammed bin Salman, rampollo prediletto dell’ottantunenne re saudita con difficoltà cognitive, diventando un elemento di punta (assieme alla cara mogliettina Ivanka) della ferale triangolazione Usa-Israele-Arabia saudita che tanti lutti addurrà, non agli Achei, ma al mondo intero …
    Se il Medio Oriente è ancora nel caos, con rischi di nuove guerre destabilizzanti provocate dalla scheggia impazzita Israele e dai suoi compari decapitatori sauditi (date le periodiche esecuzioni in piazza a Ryad), anche l’Europa non potrà starsene tranquilla, perché l’accerchiamento militare della Russia continua e gli Usa forniranno alla soldataglia ucraina “armi letali”.
    Dove ci può portare tutto ciò se non alla guerra aperta e dichiarata?

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. GRAF 4 settimane fa

    LA russia e LA China senza I DOLLARI gli armamenti LA teconologia l’aiuto permanents Americano SAREBBERO a quest’ora 2 Colonie LA Russia tedesca e la china giapponese ,son cose che non si dimenticano tanto facilmente ,il Kissinger ebreo Talmudista famoso criminale di guerra di 90 anni e’ sempre in giro PER IL MONDO a ricordarlo ,riverito come un Papa da putin e da tutti I governi ,servilita’canine ,I cani ( noi ) DEVONO solo obbedire ,il copione e LA Regia sono sempre EBREE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Vincent 4 settimane fa

      Può scrivere in italiano?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Stefano radi 4 settimane fa

    Vorremmo tanto la pace, ma siamo consapevoli che l’arroganza, l’egoismo e la sete di potere hanno stretto una forte alleanza con la superficialita’, la cdrefuloneria e la stupidta’ di molti in occidente. Quindi una guerra sara’ inevitabile e dovra’ essere l’ occasione per rimettere al loro posto i creatori d’ingiustizie e con loro gli sciocchi opportunisti che li sostengono. Buon natale.’

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. max tuanton 4 settimane fa

    Tutte questedichiarazioni vere o false vengono riportate in genere dalla REUTERS E POI date in pasto ai giornali e tv.LA REUTERS E’STATA FONDATA DA ISRAEL BEER ,CAPITE CHI VI INFORMA QUOTIDIANAMENTE? Se digitate” Giovanni preziosi PDF” le saprete anche VOI queste informazioni taciute dai vostri media lacche’asserviti ai circoncisi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Vincent 4 settimane fa

    Io rimango senza parole di fronte a quello che succede nel mondo. Siamo sull’orlo di una ultima guerra mondiale nucleare che ci annienterà a tutti e l’ orchestrina del Titanic continua a suonare. È possibile che tutti abbiano perso il lume della ragione? Anche i civili popoli nordici, miei idoli del passato, sono muti e inermi di fronte a schieramenti di missili nucleari ed eserciti americani che sfilano sul loro territorio; schiereremo altri 3000 soldati americani dicono, come se una bomba nucleare non ne annienti in un solo colpo a milioni. Questo è il nostro destino dunque, non ci resta che aspettare la carbonella nucleare che ci arrostirà a tutti ascoltando l’orchestrina del Titanic suonando un blues

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. GRAF 4 settimane fa

    Mi limitero a darvi dei titoli da digitare,e’ difficile scrivere con un cellulare Khmer LA tastiera va da sola sforzatevi a capire non ci vuole un gran Acume

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Brancaleone 4 settimane fa

    Da 300 in una notte potrebbero diventarne 3000, va bene che ieri notte e’ passato Babbo Natale ma come si fa a dire e pubblicare scemenze del genere? E’ sempre il solito discorso della strategia della tensione piu’ o meno credibile e reale che tanta parte ha avuto anche nei nostri trascorsi nazionali. Ma quanto sono imbecilli ( fonti comprese)

    Rispondi Mi piace Non mi piace