Ultimo tango a Washington?

di Michael Brenner

La realtà tende a raggiungerci. A volte arriva con uno shock improvviso: come con lo Sputnik o il Tết (Vietnam). A volte prende piede gradualmente, come in Ucraina con ogni sbarramento di artiglieria russa e il costante aumento del rublo, che ora è del 25% in più rispetto all’inizio della crisi.

Abbassa le luci, la festa è quasi finita. Ma non è la fine della questione. Quali che siano i risultati esatti, non si può tornare allo status quo prima: il mondo, e in particolare per l’Europa, è cambiato in modo fondamentale. Inoltre, è cambiato in modo diametralmente opposto a quanto desiderato e anticipato.

L’Occidente viveva in un mondo fantastico che poteva esistere solo nella nostra immaginazione. Molti sono coloro che rimangono bloccati in questo miraggio illusorio. Più abbiamo investito in questo mondo immaginario, più è difficile per noi uscirne e adattarci – intellettualmente, emotivamente e comportamentalmente.

Valutare dove siamo ora, dove potremmo andare e le implicazioni a lungo termine delle reazioni di altre parti è un’impresa singolarmente complessa. Perché richiede non solo la specifica delle scadenze, ma anche diverse definizioni di interesse nazionale e obiettivo strategico che i leader di governo possono utilizzare come parametri di riferimento.

Il numero di permutazioni create da tutti gli attori coinvolti e i bassi margini di confidenza associati alle previsioni su come ciascuno agirà nei punti decisionali chiave in futuro, esacerbano la sfida già scoraggiante. Prima ancora di considerare di intraprendere un simile compito, è necessario tenere a mente alcune considerazioni cruciali.

I responsabili
Primo, le persone che contano alla testa dei governi non sono pure macchine pensanti. Lontano da lì. Troppo spesso si tratta di persone con un’intelligenza limitata, un’esperienza limitata nei giochi ad alto rischio della politica di potere, che navigano in mappe cognitive semplicistiche, obsolete e parrocchiali del mondo. Le loro prospettive sono approssimative e montature composte da frammenti di ideologia, frammenti di emozioni viscerali, frammenti di precedenti ricordi ma inappropriati, frammenti di dati accumulati sull’opinione pubblica e imponderabili tratti da articoli di opinione del New York Times.

Inoltre, non dimentichiamo che il processo cognitivo e il processo decisionale sono processi di gruppo – soprattutto a Washington ea Bruxelles – gravati dalle loro stesse dinamiche collettive. Infine, nelle capitali occidentali, i governi operano con due valutazioni: l’efficacia delle politiche e la politica elettorale.

Pertanto, vi sono due tendenze potenti e intrinseche che influenzano le scelte effettuate: 1) l’estensione inerziale di atteggiamenti e approcci esistenti; e 2) evitare, ove possibile, di mettere a repentaglio un consenso conquistato a fatica, spesso tenue, sulla base del minimo comune denominatore.

Sappiamo per certo una cosa: nessun cambiamento fondamentale nel pensiero o nell’azione può avvenire senza determinazione e risolutezza al vertice.

La necessità è la madre dell’invenzione, o almeno così si dice. Tuttavia, a volte è molto difficile cogliere ciò che è “necessario”. Una vera revisione del modo in cui si guarda a una situazione problematica è normalmente l’ultima risorsa. L’esperienza e la storia ce lo dicono, così come gli esperimenti comportamentali.

La psicologia della necessità percepita è complessa. Le avversità o la minaccia di per sé non innescano l’improvvisazione. Anche l’istinto di sopravvivenza non sempre guida l’innovazione. La negazione, poi l’aggiramento del problema, sono normalmente le prime reazioni sequenziali alle avversità quando si cerca di raggiungere un obiettivo o soddisfare un interesse riconosciuto. Un forte pregiudizio favorisce la reiterazione di un repertorio standard di risposte.

La vera innovazione tende ad avvenire solo in extremis; e anche allora, è più probabile che il cambiamento di comportamento cominci con piccoli aggiustamenti nel pensiero e nel comportamento stabiliti ai margini che con la modifica delle convinzioni fondamentali e dei modelli di azione.

Il dilemma americano
Queste verità sottolineano il dilemma americano quando l’avventura ucraina si inasprisce sul campo di battaglia e il tuo nemico se la cava molto meglio del previsto, mentre i tuoi amici e alleati se la passano molto peggio.

La Russia ha respinto ogni ostacolo lanciato contro di essa, con grande sorpresa dei pianificatori occidentali. Tutte le ipotesi alla base del loro attacco di terra, con l’affondare l’economia russa, si sono rivelate errate. Un triste record di errori analitici, anche per gli standard della CIA e dei think tank.

Previsioni fuori misura per l’economia del paese e l’impatto globale delle sanzioni hanno paralizzato il piano di Washington fin dall’inizio. Le iniziative tattiche di natura militare si sono rivelate ugualmente futili; Altri 1000 missili Javelot vintage non salveranno l’esercito ucraino nel Donbass.
Quindi sei bloccato con l’albatros di un’Ucraina troncata e in bancarotta appesa al collo.

Non c’è niente che tu possa fare per annullare queste condizioni, tranne una prova di forza diretta, possibilmente suicida, con la Russia. O, forse, una sfida di ritorsione altrove. Quest’ultima soluzione non è facilmente accessibile, per ragioni geografiche e perché l’Occidente ha già esaurito il suo arsenale di armi economiche e politiche.

Bilateral meeting between NATO Secretary General Jens Stoltenberg and the President of the United States, Joe Biden

Nell’ultimo anno, gli Stati Uniti hanno tentato di fomentare un cambio di regime in stile Maidan in Bielorussia e Kazakistan. Entrambi sono stati sventati. L’ultima è stata realizzata con la connivenza della Turchia, che ha schierato un contingente di bashi-bouzouk dalle scorte di jihadisti siriani che tiene in riserva a Idlib (da schierare come ha fatto il presidente Recep Erdogan con più successo in Libia e Azerbaigian).

Rimane un obiettivo sensibile concepibile: la Siria. Lì, gli israeliani sono diventati sempre più audaci nel provocare i russi con attacchi aerei contro le infrastrutture e le installazioni militari siriane.

Oggi vediamo segnali che la tolleranza di Mosca sta scemando, suggerendo che ulteriori provocazioni potrebbero innescare ritorsioni che Washington potrebbe poi sfruttare per intensificare le tensioni. A cosa servirà? Non facile, a meno che gli ultras dell’amministrazione Biden non stiano cercando il tipo di confronto diretto che hanno evitato in Ucraina, finora.

L’implicazione è che l’opzione di rifiuto e l’opzione di adeguamento graduale sono escluse. È necessario un interrogatorio serio – logicamente parlando.

Lo scenario più inquietante vede la frustrazione, la rabbia e l’ansia accumularsi a Washington al punto da incoraggiare un impulso avventato a dimostrare l’abilità americana. Questo potrebbe assumere la forma di un attacco all’Iran insieme a Israele e Arabia Saudita, la nuova strana coppia della regione.

Un’altra prospettiva, ancora più cupa, sarebbe una prova artificiale di volontà con la Cina. Stiamo già vedendo una crescente evidenza di ciò nella retorica bellicosa dei leader americani, sin dal presidente Joe Biden.

Si può essere inclini a considerare questi discorsi come una dimostrazione di forza. “Shadow boxing” davanti a una foto a grandezza naturale di un avversario in arrivo, quindi invio di una videocassetta del tuo allenamento. Tuttavia, ci sono persone influenti nell’amministrazione che sono disposte a combattere con Pechino e lasciare che le cose facciano il loro corso. La probabile reazione americana alla sconfitta in Ucraina è meno drammatica.

Una politica “abbastanza buona”.

Una politica “sufficiente” mirerebbe a riassumere l’intero affare. Come meglio possiamo, dimenticalo e seppelliscilo diplomaticamente. Gli Stati Uniti sono diventati molto bravi in ​​questo: pensate a Vietnam, Iraq, Afghanistan, Libia, Siria, ecc.

Che gli europei paghino per il mantenimento e la parziale ricostruzione del Paese. Scrivere assegni è praticamente l’unica cosa in cui Bruxelles è brava. Proprio pochi giorni fa, infatti, la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha annunciato a Kyiv che Bruxelles è pronta ad accogliere la richiesta dell’Ucraina di essere riconosciuta come “candidata” all’adesione all’Unione stessa.

Zelensky con segretario difesa USA Austin

In una prospettiva più ampia, Washington potrebbe accumulare i suoi modesti guadagni. Gli europei sono ora uniti nella loro servitù e obbedienza a Washington. Risparmia loro la scoraggiante prospettiva di sollevarsi – e stare insieme – per assumersi le proprie responsabilità nel mondo.

Inoltre, ogni disponibilità ad accogliere la Russia in uno spazio europeo comune è morta. Ciò vale sia per le relazioni economiche, compreso il commercio di risorse naturali essenziali, sia per le relazioni politiche. La Russia è stata permanentemente tagliata fuori dall’Europa per decenni, persino generazioni. Se questo porta a un’Europa industriale meno solida dal punto di vista economico, così sia, questo è il loro problema.

Anche l’economia statunitense potrebbe subire dei danni collaterali. Tuttavia, sarà stimolato dall’accesso privilegiato ai mercati energetici europei e dall’indebolimento di un concorrente nel settore dei beni e dei servizi.

La minaccia seria e sistemica per l’economia statunitense si profila all’orizzonte. Il radicale armamento da parte di Washington dei meccanismi di gestione della finanza internazionale ha accelerato l’abbandono del primato del dollaro. Un forte calo del ruolo del dollaro come principale transazione mondiale e valuta di riserva eroderà il “privilegio esorbitante” degli Stati Uniti di gestire un’economia di deficit/debito senza vincoli.

Di certo, dall’altra parte della scala, una Russia sicura e intatta vedrà il suo futuro economico e politico orientato verso est. La già radicata partnership sino-russa è lo sviluppo geostrategico chiave del 21° secolo.

Questa non avrebbe dovuto essere una sorpresa; dopotutto, quasi ogni azione americana nei confronti delle due potenze negli ultimi 15 anni ha portato inesorabilmente a questo risultato. Ciò include, ovviamente, l’errore di cercare di usare una crisi ucraina come leva per far cadere Putin e la Russia con lui.

Qualunque sia la traiettoria che prende il conflitto tra l’Occidente e il blocco sino-russo, ora ci vorrà ancora più immaginazione e abilità per gestirlo – senza tentare la sorte – piuttosto che se gli Stati-Stati fossero stati inclini a seguire un percorso più costruttivo.

Si può sostenere che la scelta storica fatta dagli Stati Uniti nel decidere di seguire la Dottrina Wolfowitz come guida all’uso della strategia nel 21° secolo è stata fatta per ragioni profondamente radicate nella psiche del Paese più che per quelle che sono il prodotto di una deliberazione ragionata .

L’autostima collettiva americana, la convinzione di essere il figlio del destino, il numero 1 ordinato al mondo, è stata la pietra angolare della nostra società. Non siamo maturati oltre questa magica dipendenza dal mito e dalla leggenda, dalla nostra disgrazia e da quella del mondo intero.

fonte: consortiumnews.com/

Traduzione di Luciano Lago

3 Commenti
  • Natascia Viola
    Inserito alle 09:24h, 19 Giugno Rispondi

    Analisi condivisibile. L’Europa allo ha pochi progetti validi per una sua vera ripresa. Tuttavia io penso che il caso, che si può ‘ manifestare in eventi esterni o nell’a nascita di nuovi leader, e’ l’intervento di Dio nella storia.

  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 10:08h, 19 Giugno Rispondi

    Ultimo giro di valzer è sempre il più malinconico… struggente… e sfarzoso occidente intero è da oltre decennio che ha intrapreso… note stanno scemando… resteranno solo lustrini…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • eusebio
    Inserito alle 21:23h, 20 Giugno Rispondi

    Sembrano l’orchestra che suonava sul ponte del Titanic mentre affondava, il commercio tra Russia e Cina si denomina sempre più in yuan e rubli, sempre più aziende occidentali fanno affari in Cina, quelle europee vi vedono crescere i ricavi di anno in anno, la Cina espande la sua collaborazione economica con l’Asia centrale, i paesi ASEAN e del Pacifico, anche in America Latina ormai il maggior partner commerciale dell’area è la Cina, e con la vittoria di Gustavo Petro in Colombia forse anche questo paese entrerà nei Brics+.

Inserisci un Commento