UE: educare gli europei su come devono pensare

Scritto da Judith Bergman

Gli europei devono essere guidati con iniziative delle Istituzioni europee affinche non si lascino desviare dal “Politicamente Corretto”.
Le iniziative di cui sopra, naturalmente, esistono in aggiunta a tutte le altre misure che l’UE ha messo in atto per “guidare” gli europei sul sentiero del pensiero appropriato … che i colossi della tecnologia online non trasparenti e non responsabili – Facebook, Google, Twitter e Mozilla – hanno firmato nell’ottobre 2018 e il loro “Codice di condotta 2019 per contrastare l’incitamento all’odio online online illegale”.

Allo stesso modo, come nei “campi di rieducazione” cinesi o dei “centri di riabilitazione” dell’ex Unione Sovietica, che hanno abusato della psichiatria a fini politici, a Marine Le Pen a settembre è stato ordinato di sottoporsi a test psichiatrici per twittare le immagini, apparentemente per stabilire se “è capace di comprendere le osservazioni e rispondere alle domande “.

Probabilmente è sicuro dire che le prime vittime delle politiche di alfabetizzazione mediatica dell’UE saranno la diversità di opinione e la libertà di parola.

Marine Le Pen , leader del partito francese Rassemblement National (National Rally), ha pubblicato tweet che condannavano il gruppo terrorista dello Stato islamico, incluse le foto delle vittime uccise. Per questo, è stata accusata del crimine di “disseminare immagini violente” e ordinata da un tribunale di sottoporsi a una valutazione psichiatrica per determinare se “è in grado di comprendere le osservazioni e di rispondere alle domande”. (Foto di Sylvain Lefevre / Getty Images)

La prima settimana europea di alfabetizzazione mediatica , un’iniziativa dell’Unione europea, si svolgerà dal 18 al 22 marzo in varie città europee. La settimana è una nuova iniziativa della Commissione europea, in particolare “per sottolineare l’importanza sociale dell’alfabetizzazione mediatica e promuovere iniziative e progetti di alfabetizzazione mediatica in tutta l’UE”. La Commissione europea spiega la sua politica di rafforzamento della “alfabetizzazione mediatica” all’interno dell’UE – che avrebbe potuto essere un’iniziativa nobile e utile – nel modo seguente:

“Con la rapida crescita della tecnologia digitale e il suo crescente utilizzo nel mondo degli affari, dell’istruzione e della cultura, è importante garantire che tutti possano comprendere e interagire con i media digitali.

“L’alfabetizzazione mediatica è vitale per la crescita economica e la creazione di posti di lavoro Le tecnologie digitali sono un fattore chiave per la competitività e l’innovazione nei settori dei media, delle informazioni e delle tecnologie di comunicazione”.

Come parte della sua strategia del “mercato unico digitale”, la Commissione europea aggiunge in modo leggero:

“L’alfabetizzazione mediatica riguarda diversi media (trasmissione, radio, stampa), diversi canali di distribuzione (tradizionali, internet, social media) e risponde alle esigenze di tutte le età … Un alto livello di alfabetizzazione mediatica è un fattore chiave per consentire ai cittadini di prendere decisioni informate nell’era digitale L’alfabetizzazione mediatica è un pre-requisito per una democrazia moderna e vibrante “, hanno detto a Bruxelles.

Tuttavia, non è necessario grattare la superficie molto prima che appaia che almeno alcuni aspetti della politica di alfabetizzazione mediatica della Commissione europea sono meno rivolti all’illuminazione dei cittadini, piuttosto che guidarli in modo pesante su cosa pensare. Secondo la Commissione europea, “una pietra chiave in tutte le possibili definizioni di alfabetizzazione mediatica è lo sviluppo del pensiero critico da parte dell’utente”. Sembrerebbe che la Commissione si sia arrogata il formidabile compito di “sviluppare” quella facoltà cruciale nei cittadini dell’UE.

Inoltre, secondo la Commissione :

“L’alfabetizzazione mediatica è anche uno strumento che consente ai cittadini di aumentare la loro consapevolezza e aiuta a contrastare gli effetti delle campagne di disinformazione e delle notizie false che si diffondono attraverso i media digitali”.

L’ iniziativa dell’UE contro la disinformazione , secondo cui “L’esposizione dei cittadini alla disinformazione su larga scala, comprese informazioni ingannevoli o completamente false, è una grande sfida per l’Europa”, contiene “un piano d’azione per intensificare gli sforzi per contrastare la disinformazione in Europa e oltre … “Il piano d’azione è analizzato più in dettaglio qui .

Le iniziative di cui sopra, ovviamente, esistono in aggiunta a tutte le altre misure che l’UE ha messo in atto per “guidare” gli europei sul percorso del pensiero adeguato. Queste misure includono il Codice di condotta sulla disinformazione , che i giganti della tecnologia online non trasparenti e non responsabili – Facebook, Google, Twitter e Mozilla – hanno firmato nell’ottobre 2018 e il loro ” Codice di condotta 2019 sul contrasto dell’odio online online illegale “.

Evidentemente, gli europei hanno ora bisogno dell’ulteriore guida indispensabile della Commissione europea per apprendere come navigare, leggere e interpretare correttamente le notizie, indipendentemente dal fatto che la fonte sia tradizionale o digitale. Come e perché è diventato il business della burocrazia europea insegnare agli europei cosa leggere e pensare rimane un po ‘oscuro.

Anche così, per alcuni leader europei, questa batteria di artiglieria di misure burocratiche per guidare il pensiero degli europei non è ancora sufficiente. Il presidente francese Emmanuel Macron ha recentemente tenuto un discorso in cui ha proposto di istituire il suono orwelliano “Agenzia europea per la protezione delle democrazie”:

“Dovremmo avere regole europee che bandiscano tutti gli incitamenti all’odio e alla violenza da Internet , poiché il rispetto per l’individuo è il fondamento della nostra civiltà della dignità”. [Enfasi nell’originale]

Come sempre, chi definisce quello che viene percepito come “odio” è stato lasciato al vento. Presumibilmente, qualunque leader dell’UE percepisca di contraddire le proprie politiche preferite, come ha dimostrato l’esperienza precedente – in varie circostanze.

Macron in crisi

Nella Francia di Macron, ad esempio, Marine Le Pen, il leader del partito Rassemblement National (National Rally), precedentemente noto come Front National , è stato accusato di aver messo in in circolazione “messaggi violenti che incitano al terrorismo o alla pornografia o danneggiano seriamente la dignità umana”, per twittare immagini di atrocità commesse dall’ISIS in Siria e in Iraq nel 2015 e che possono essere viste da un minore.
Una delle immagini mostrava il corpo di James Foley, il giornalista americano decapitato dai terroristi dell’ISIS, mentre gli altri mostravano un uomo con una tuta arancione che veniva trascinato da un carro armato e un altro da un uomo che veniva bruciato vivo in una gabbia. “Daesh è questo!” Le Pen ha scritto nella didascalia, che ha twittato poche settimane dopo l’attacco dell’ISIS a Parigi nel novembre 2015, in cui 130 persone sono state uccise.

“Sono accusato di aver condannato gli orrori di Daesh”, ha detto Le Pen . Allo stesso modo dei ” campi di rieducazione ” della Cina o dei ” centri di riabilitazione ” dell’ex Unione Sovietica che hanno abusato della psichiatria a fini politici, a Le Pen a settembre è stato ordinato di sottoporsi a test psichiatrici per twittare le immagini, apparentemente per stabilire se “è” capace di comprendere osservazioni e rispondere a domande “.

L’avvertimento contro il terrorismo islamico, secondo il sistema giudiziario francese, non è solo criminale, ma rappresenta apparentemente un’aberrazione psicologica. Le Pen potrebbe affrontare fino a tre anni di carcere e una multa di € 75.000 ($ 85.000). Sempre a settembre, il parlamento ha revocato l’immunità di un altro deputato nazionale di Rassemblement, Gilbert Collard, su tweet simili che contenevano immagini dell’ISIS. Il perseguimento penale è, ovviamente, un modo per i governi di trattare con gli oppositori politici, ma era limitato alle dittature, non alle democrazie parlamentari, come la Francia.

Ci si chiede se questa forma di censura europea sia quella che Macron, con il suo piano orwelliano, vorrebbe vedere esportato nel resto dell’Europa.

Nel frattempo, la prossima settimana di alfabetizzazione mediatica inizierà con una conferenza di apertura ospitata dalla Commissione europea il 19 marzo. Finora, ci sono circa 180 eventi di alfabetizzazione mediatica annunciati in tutta Europa per il mese di marzo. In Slovenia vengono offerti workshop come ” Media Literacy Workshop for Students: Fighting Fake News ” e ” Real Media Literacy for a Fake News World ” e, a Londra, gli europei sono invitati a un seminario su ” Fake News vs Media Literacy: Pensiero critico, resilienza, impegno civico , “dove:

“I principali ricercatori di alfabetizzazione mediatica degli Stati Uniti e del Regno Unito si uniranno … con insegnanti, bibliotecari, giornalisti, produttori di media digitali e giovani per affrontare la disinformazione con l’alfabetizzazione mediatica … lavorando a un obiettivo collettivo: una strategia pratica per sfruttare i media alfabetizzazione per sviluppare la resilienza dei giovani alle “false notizie”, con particolare attenzione ai casi studio del Regno Unito e degli Stati Uniti. “

Probabilmente è sicuro dire che le prime vittime delle politiche di alfabetizzazione mediatica dell’UE saranno la diversità di opinione e la libertà di parola.

Fonte: The Gatestone Institute

Traduzione: Luciano Lago

5 Commenti

  • atlas
    16 Marzo 2019

    ” Costretta a mentire all’ombdusman, poi non ce la fa’ e dice la verità, consegnando anche mail e docuemnti sulla irregolarità della strana promozione del badante. Selmayr le telefona di notte per darle istruzioni.
    “Il 12 dicembre, secondo le confidenzhe Laura fa ai suoi, afferma: “Ho sbagliato carriera”. E poi: “Sono finita. Non puoi immaginare cosa sono stata obbligata fare queste ultime settimane.” Secondo questa fonte, scrive Quatremer, “aveva l’aria terrorizzata dall’ostilità di Selmayr”. Quattro giorni dopo, salta nel vuoto. ”

    https://www.maurizioblondet.it/27057-2/?fbclid=IwAR2x3RI16LChflur4rWtX1ZBOvdZoQLbl66yxy-7t5x7f0dVTL4muDAsrrw

  • amadeus
    16 Marzo 2019

    Che orrore !

  • Eugenio Orso
    17 Marzo 2019

    Agli untori europoidi e globalisti del PolCor andrebbero cavati gli occhi e strappata la lingua, in stile antico, medioevale e sicuramente non politicamente corretto!
    Pensate al danno enorme che producono sub-politici liberaloidi e sinistroidi e giornalisti servi foraggiati dal mercato globale assassino …
    Anche la pena di cui sopra sarebbe troppo poco per loro.

    Cari saluti

  • Kaius
    17 Marzo 2019

    Io sono dell idea che la societá occidentale anticristiana di oggi schiavizzata dalle più folli e macabre ideologie e piegata dal materialismo e dal relativismo più assoluto,meriti questo ed altro.
    Fa bene chi abbandona questa landa di lacrime e se ne va a vivere in Romania,Turchia,Russia ecc. dove la gente è ancora sana di mente.

    • atlas
      18 Marzo 2019

      io me ne andrò, ma il più tardi possibile (infatti ciò è collegato alla vita dei miei genitori, dopo non ci sarà nulla più a trattenermi)

      spero solo di non incontrare, lì dove andrò, un mardunolbo qualsiasi (difficile, lui in questa valle di lacrime ci sguazza)

Inserisci un Commento

*

code