Ucraina: un gioco di “Go Game”

di Jean-Luc Baslé

In Ucraina, né gli Stati Uniti né la Russia possono perdere la guerra. Per gli Stati Uniti, perderla significherebbe la fine della loro preminenza, per la Russia, una vassalizzazione. Continuare la guerra porta allo scontro diretto, un’eventualità che entrambe le parti rifiutano. Vladimir Putin lancerà una grande offensiva o lascerà che la NATO si esaurisca in una guerra che non può vincere, evitando così di essere ingiustamente accusato di usare bombe sporche piazzate dai suoi avversari su un territorio che non vuole conquistare?
Sul campo, la guerra va male, lo riconosce il generale Mark Milley, capo di stato maggiore dell’esercito americano1 . Impossibilitato di perderla, Washington deve cambiare la natura del conflitto. Da locale e omicida, diventa globale e geopolitica. L’obiettivo non è più sconfiggere l’avversario ma circondarlo per meglio distruggerlo.

Gli Stati Uniti hanno iniziato il gioco portando Finlandia e Svezia nella NATO. In Georgia, i manifestanti si sono opposti all’approvazione di una legge che classifica ” come agenti stranieri le ONG e i media che ricevono più del 20% dei loro finanziamenti dall’estero “2 .
Sergey Lavrov, ministro degli Esteri russo, osserva che si tratta di un evento “ molto simile alla rivoluzione di Maidan a Kiev”. Gli Stati Uniti vorrebbero aprire un secondo fronte in Georgia, ma la Russia si è preparata installando basi militari in Abkhazia e Ossezia meridionale. Scenari simili potrebbero svolgersi in Armenia e Kazakistan. In Moldavia, il primo ministro Natalia Gavrilita, che aveva cercato di tenere il suo Paese fuori dal conflitto ucraino, si è dimesso a metà febbraio per “mancanza di sostegno e fiducia nel Paese “3 . È stata sostituita dall’europeista Dorin Recean. La Moldavia potrebbe svolgere un ruolo chiave a causa della Transnistria, una regione moldava separatista filo-russa dove si trova una base militare russa. Portando il ferro sui gradini della Federazione Russa, gli Stati Uniti vogliono indebolirla e cancellare il loro rovescio in Ucraina.

Anche l’Afghanistan è un obiettivo. Il 20 febbraio si è tenuta a Parigi una conferenza che ha riunito rappresentanti di Afghanistan, Australia, Canada, Francia, Germania, Italia, Norvegia, Svizzera, Regno Unito e Stati Uniti. Il suo scopo era quello di esaminare il deterioramento della situazione umanitaria ed economica in Afghanistan, nonché la violazione dei diritti umani e delle libertà fondamentali. I partecipanti hanno condannato fermamente la decisione dei Talebani di escludere le donne dall’università – una violazione dei loro diritti e libertà. Chiedono l’annullamento di queste decisioni. Un osservatore informato non si stupirebbe di questa situazione… soprattutto perché sono stati gli americani ad affidare il potere ai talebani dopo quindici anni di occupazione illegale e disastrosa.4

Convinti della loro superiorità e del loro manifesto destino alla guida del mondo – oggetto finale della loro ricerca – gli Stati Uniti attaccano anche la Cina. Il 13 marzo, Joe Biden ha ricevuto il primo ministro australiano Anthony Albanese e il suo omologo britannico Rishi Sunak a San Diego, in California. Questo incontro ha formalizzato la fornitura di dodici sottomarini nucleari all’Australia, cinque saranno consegnati dagli Stati Uniti, gli altri sette saranno oggetto di sviluppo industriale anglo-australiano. Questo accordo fa dell’Australia la nona potenza nucleare al mondo, in violazione del trattato di non proliferazione delle armi nucleari del 1965. In parallelo,5 . A sostegno di questa campagna, ilNew York Times ha recentemente pubblicato un articolo molto critico nei confronti della Cina e della sua politica estera.6

Certo, Russia e Cina stanno spingendo le loro pedine. La Russia ha firmato un contratto con l’Iran per la consegna di SU-357 . Sarebbe anche sul punto di riconciliare Turchia e Siria. Se confermata, questa riconciliazione8 testimonierà l’indebolimento degli Stati Uniti in Medio Oriente con le conseguenze che si possono immaginare visto il ruolo di questa regione e le sue risorse. In Africa, più precisamente in Mali, la Russia sta sostituendo la Francia. La Cina, da parte sua, è molto attiva. Ha firmato un accordo con l’Iran per investire lì 400 miliardi di dollari.9 . Sotto la sua egida, Iran e Arabia Saudita hanno ripristinato le loro relazioni diplomatiche interrotte nel 201610 .
Così, la Cina non solo rafforza la sua posizione in Medio Oriente, ma si presenta agli occhi del mondo come pacificatore, in opposizione agli Stati Uniti favorevoli alla guerra in una regione lacerata da tre quarti di secolo di instabilità e di scontri e dove la guerra può tornare in qualsiasi momento11 . Inaspettata ma rivelatrice dell’evoluzione del mondo, l’Arabia Saudita ha deciso lo scorso 29 marzo di entrare nelle fila della Shanghai Cooperation Organization – istituzione creata nel 2001 da Russia e Cina con l’obiettivo di rafforzare i loro legami economici, energetici e politici.

Accordo Brasile Cina

Questo gioco di accerchiamento si estende ora al Sudamerica. Il Brasile è intrappolato in questo vortice. È stata l’unica nazione insieme a Russia e Cina a votare la richiesta della Russia di indagare sul sabotaggio del gasdotto Nord Stream II al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Tuttavia, i legami economici sino-brasiliani sono stretti. La Cina importa il 95% dei semi di soia dal Brasile, metà della produzione brasiliana12 . L’Argentina non fa eccezione a questa ricomposizione del mondo: Buenos Aires ha in programma di acquistare i caccia cinesi JF-17 – una pietra nella pre-piazza americana.13

Estendendo il teatro delle operazioni ucraino oltre l’Europa per diluirlo in un conflitto mondiale, gli Stati Uniti hanno provocato un nuovo avversario, la Cina, in un gioco sottile che Pechino padroneggia meglio di loro: il “go game”.
Mentre gli Stati Uniti concentrano i loro attacchi alla periferia dei loro nemici, Russia e Cina concentrano i loro sui punti caldi del loro avversario: il Medio Oriente e il Sud America. Gli Stati Uniti perderanno questo gioco di go che hanno ingenuamente iniziato. Strategicamente poco interessante, l’Ucraina sarà lasciata al suo destino, come l’Afghanistan oggi.14

fonte: https://cf2r.org/tribune/ukraine-un-jeu-de-go/

inviato da Dominique Delawarde

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM