Ucraina: dopo essersi sparato ad un piede l’Occidente fa harakiri

Sulla soglia di tutti i pericoli, l’Europa si riconnette con i suoi vecchi demoni

di Daniel Vanhove .

Come indicato in più occasioni, il vantaggio dei momenti di crisi è che rivelano la profondità degli individui. Pertanto, quanto più grave è la crisi, tanto più questi ultimi sono costretti a trovare dentro di sé le risorse che consentono loro di affrontare ciò che devono gestire. Questa realtà su base individuale vale anche su base collettiva. L’abbiamo appena sperimentato due volte. E i risultati sono allarmanti!

Per la prima volta, durante la cosiddetta “crisi sanitaria” in cui abbiamo visto e sentito cose impensabili non solo da cittadini trasformati in kapos servili che si sono spinti fino a informare i loro vicini, ma anche da parte di governi della cosiddetta “giusta organizzazione” di Stati della democrazia che tuttavia l’hanno calpestata senza ritegno. La palma va a questi “Giovani leader” che sono J. Trudeau ed E. Macron che impongono decreti e misure che si pensava appartenessero a regimi dittatoriali.

Ne abbiamo una seconda esperienza nella resa dei conti tra Stati Uniti e Russia, in cui l’Europa è tenuta in ostaggio attraverso l’Ucraina, servendo come pretesto per la NATO nella sua strategia di accerchiamento della Russia. L’intervento russo segue otto anni di bombardamenti dell’esercito ucraino sul Donbass che hanno causato circa 15.000 vittime, in un eloquente silenzio internazionale, ma improvvisamente presentato come una “invasione” dell’Ucraina esclusivamente del presidente Putin. Cosa che quest’ultimo ha respinto a priori, precisando che non era questo l’obiettivo. Ma la narrativa occidentale trasmessa in totale schermo dei media, come durante la propaganda Covid 19, non si muove e il cittadino medio cade di nuovo nella trappola. E in pochi giorni di intervento militare, lo sfogo russofobo, sordi da tutte le parti a qualsiasi altra spiegazione, l’Occidente vomita il suo odio senza ritegno, guerra economica totale in Russia, per rovinarla e rimandarla all’era post-sovietica.
Nel frattempo, i prezzi delle materie prime, compresi petrolio e gas, stanno esplodendo, il che consente alla Russia, che ne è piena, di trarne vantaggio e finanziare così la sua operazione militare. Lo stesso con l’oro, di cui la Russia detiene le maggiori riserve del mondo, pazientemente accumulato, per ogni evenienza… E ora sorge il caso, e la risposta a questa “guerra economica e finanziaria” che l’Occidente vuole condurre alla Russia presto si rivolterà contro di esso: si chiede alla Duma di valutare la possibilità di allegare il rublo al gold standard. Se il parlamento russo adotta questo meccanismo, il rublo avrà quindi un valore intrinseco molto più alto del dollaro, che non è altro che un volgare pezzo di carta prodotto in massa da una macchina da stampa moneta che non si basa su alcun serio valore di scambio. Allo stesso tempo, la Cina continua a de-dollarizzare la sua economia, che promette buoni tempi per il dollaro USA imposto nel commercio internazionale. Nel frattempo, nei nostri Paesi il corso dell’euro è in calo, l’inflazione corre, le aziende che commerciano con la Russia licenziano con tutte le loro forze quando non dichiarano fallimento… complimenti agli “esperti” occidentali! Potrebbe essere ridicolo, se non fosse così grave per i cittadini che alla fine pagheranno per le cazzate dei loro leader.
L’unica cosa che manca al tabellone sono gli utili idioti che, dopo “I am Charlie”, indosseranno le magliette “I am Zelensky”… nella nuova spettacolarizzazione da circo mediatico.

L’elenco delle sanzioni assunte in pochi giorni da quelle persone è incomprensibile. Non viene risparmiato un settore, non un segmento, non una personalità russa. Tutto va da un Occidente che è rimasto muto per decenni in altri casi ben più gravi, ma dove contro l’attore principale dei crimini perpetrati, non è mai stata presa nessuna sanzione. Le guerre di USA ed alleati hanno devastato interi paesi, rovinando le loro infrastrutture e le loro economie per generazioni, distruggendo famiglie, provocando milioni di vittime in Asia, Africa, Sud America, Medio Oriente senza che i suoi principali attori occidentali si preoccupassero. Al contrario, si pavoneggiavano e giustificavano spudoratamente le loro “guerre umanitarie”, i loro “attacchi chirurgici”, le loro “bombe pulite” e tutte le chiacchiere degli “specialisti” dei televisori, con l’appoggio di una “Destra” di cui si può solo notare che è sempre quella al servizio dei più forti.
A riprova, all’epoca il presidente Clinton indicò che gli Stati Uniti non avevano intenzione di rispettare il diritto internazionale, e si riservarono il diritto di agire”unilateralmente se necessario “, anche attraverso “l’uso della potenza militare ” al fine di difendere i propri interessi essenziali quali ” garantire libero accesso ai mercati, alle forniture energetiche e alle risorse strategiche”.
Anche i suoi successori, perpetuando l’unica Legge che vale nella realtà e non come alcuni fantasticano: la Legge di chi può violare le leggi internazionali nell’impunità totale perché ha il potere militare di imporla. L’ex presidente Trump ha appena suggerito di dipingere gli aerei F-22 con i colori della Cina e di andare a bombardare la Russia in modo che, in risposta, queste due potenze si confrontino, sotto lo sguardo felice degli USA, che non dovrebbero più fare il lavoro. Fino a che punto lasceremo andare questi psicopatici?!

La Palestina è uno degli esempi più insopportabili. Per più di 70 anni – quasi tre generazioni – la violenza incessante è scesa su questo pezzo di terra e sulla sua popolazione affinché l’Occidente e i suoi crimini contro gli ebrei vi trovino remissione. Le popolazioni arabe di questi luoghi non avevano nulla a che fare con la nostra guerra, che ricominciava nell’Est Europa e che avrebbe causato quasi 60 milioni di vittime dirette e indirette nel mondo.
Ma da sette decenni sono loro a pagare il conto con una decisione “al vertice” della spartizione delle loro terre, senza che abbiano avuto il diritto di parlare. La nostra aggiunta! E che la loro ostinata resistenza è sistematicamente qualificata dai nostri impostori politico-mediatici come “terrorismo”. Nessuno dei nostri datori di lezione difende i palestinesi nella misura in cui subiscono il regime dell’apartheid israeliano. Le poche misure prese per dare una parvenza di giustizia a questi innumerevoli crimini sono solo cosmetici e non attaccano mai la radice del problema: l’ideologia sionista. Perché in realtà la guerra che vi si svolge è ancora e sempre il risultato del nostro atavico spirito coloniale. Che sia qualificato dalle enclavi dell’ONU come di “bassa intensità”. E che i “poveri ebrei” che devono sopportare questi vicini arabi hanno il “diritto di difendersi”. Questo discorso fallace è stato distillato dai media mainstream per 70 anni, ma nelle mani di chi sono? – nell’inconscio collettivo. Per 70 anni ci viene presentato l’aggressore come gli aggrediti. Per 70 anni la Palestina ha servito tutti gli esperimenti del regime coloniale israeliano. Compreso come controllare, punire, intimidire, imprigionare, ferire, ostacolare, uccidere le popolazioni fino a farle morire di fame e privarle di quasi tutto nello spazio dei campi di concentramento della Striscia di Gaza. Tutti lo sanno. Tutti lo lasciano andare.

Nessuno agisce in questo “diritto internazionale e umanitario” a geometria molto variabile, quando si parla di popolazioni “non bianche”. E quando l’Occidente agisce, è per condannare associazioni e cittadini che si impegnano pacificamente nel boicottaggio di questo regime coloniale di truffatori che si ostina a ferire, handicappare, uccidere le popolazioni fino al punto da farle morire di fame e privarle di quasi tutto nello spazio dei campi di concentramento della Striscia di Gaza.
Fin dall’inizio, tutti i successivi governi israeliani hanno mirato a cancellare tutte le tracce arabe dall’area per ebraizzare la regione, comprese aree di territorio al di fuori della Palestina storica. Spinti da questa ideologia criminale di tutto ciò che è il sionismo, mentre tutti coloro che partecipano al progetto da vicino o da lontano, direttamente o indirettamente, non possono sopportare di vedersi interrogati o inquisiti. Fino ad assimilare l’antisionismo all’antisemitismo, burlone per eccellenza di questo Occidente che non sa espiare le sue colpe, le sue ingiustizie, i suoi ripetuti e molteplici delitti che ne costellano la sanguinosa storia. Lungi dal subire una serie di minacce, repressioni e sanzioni da parte nostra, per 70 anni questo regime spregevole tra tutti si è trovato, anzi, incoraggiato, finanziato, e sostenuto nel suo sviluppo, sulle spalle dei palestinesi e con le nostre tasse. Dai nostri governi razzisti che chiudono un occhio davanti a tante iniquità e orrori. E in questo caso accertato, in cui la Corte penale internazionale è riluttante e recalcitrante a determinare finalmente le schiaccianti responsabilità dell’occupante, all’Ucraina sono bastati solo cinque giorni perché il procuratore della CPI aprisse il fascicolo per accusare la Russia. Non bella la nostra “giustizia”?!

Amricani in Ucraina


Oggi sono le stesse persone che vengono a darci la loro ennesima lezione di “moralita”, nell’ondata di odio contro il presidente Putin, trattato con tutti i nomi e caricaturali di ogni tipo. Quindi con tutto ciò che riguarda la Russia, nazione che ci ha protetto respingendo l’esercito tedesco dopo mesi di sacrifici, fermando in modo decisivo l’espansione nazista durante la seconda guerra mondiale. Compreso un costo totale di 27 milioni di anime russe alla fine di questa guerra “barbarica” se mai ce n’è stata una! Sono le stesse persone che, sorde e non avendo fatto nulla, quando la Russia ha indicato le sue linee rosse sui piani bellicosi della NATO, la designano come l’unica responsabile di ciò che sta accadendo. Facendo attenzione a non ammettere le loro mancanze, la loro codardia, le loro inazioni, se non i loro sordidi calcoli da accerchiare con il moltiplicarsi delle basi militari della NATO, questo immenso paese di cui invidiano la ricchezza ancora non sfruttata. Sono gli stessi che permettono ai giovani sconsiderati di andare in Ucraina se vogliono entrare nelle file dei mercenari che passano dai fronti siriano, libico e ora ucraino secondo il miglior offerente.

Anche ciò che resta della “sinistra” che afferma di essere JL. Mélenchon di un “non allineamento”, stravolge la realtà dei fatti e “si allinea” ahimè, al discorso dominante, designando il presidente russo come unico responsabile di quanto sta accadendo. Utilizzando il voto dell’Assemblea generale dell’Onu che da 141 paesi su 193 condanna l’intervento russo per dire che è massiccio, storico e che isola il presidente Putin. Tranne che guardando da vicino, dei 52 paesi rimasti, 5 hanno sostenuto la Russia, 35 si sono astenuti e 13 non hanno preso parte alla votazione. E che il totale di questi paesi che non hanno votato contro la Russia, rappresenta 4,6 miliardi di individui contro 3,3 miliardi dei 7,9 miliardi della popolazione mondiale.
La Russia non è quindi così isolata come alcuni vorrebbero farci credere! E dichiarare che lo siamo “for peace ” non è proprio originale: chi vuole vivere in guerra separato dai trafficanti d’armi? L’unica domanda che avrebbe dovuto essere posta e riproposta fino a quando non fosse stata ottenuta la risposta è: chi non ha lasciato alla Russia altra scelta per proteggere i suoi confini nonostante diversi anni di pazienza, continui richiami a rispettare Minsk (accordi) e trovare il dialogo che avrebbe potuto evitarlo? Quindi chi è veramente responsabile di ciò che vediamo svolgersi davanti ai nostri occhi, usando il clown Zelensky come hanno fatto con Saakashvili per la Georgia? Chi ?

In realtà, se l’Occidente in generale e l’Europa in particolare si agitano in questo modo, è perché queste guerre lontane di cui sono gli istigatori stanno improvvisamente bussando alle loro porte attraverso l’Ucraina. E quando il fuoco si avvicina alle loro natiche, con un avversario più forte di loro e che gli resiste, perdono ogni ragione e vanno nel panico. I loro spregevoli piani che funzionano così bene contro gli stati che non hanno i mezzi per difendersi cadono improvvisamente e vanno in frantumi. Si agitano, gridano, ruttano, vociferano uno dopo l’altro, cercando con queste misere messe in scena di nascondere la loro grossolana incompetenza, la loro leggendaria iniquità, la loro manifesta impotenza in un disonore che li ha sempre contraddistinti.
Mai immaginando nelle loro certezze dei bianchi dominanti, arroganti e sprezzanti, che tutti i loro crimini un giorno sarebbero tornati a riversarsi su di loro. Questo è esattamente ciò che il presidente russo significa per loro: il tuo mondo unipolare costruito su furti e criminalità dal 1492 è finito. Il tuo dominio assoluto su tutte le Nazioni e sulle loro popolazioni genocidate per cinque secoli finisce qui. Che ti piaccia o no.
Ti resta solo una scelta: o lo accetti e ne discutiamo attorno a un tavolo, oppure lo rifiuti e rischi di scomparire per sempre. La “Legge” con geometria variabile non è più valida. E più passa il tempo, più le richieste russe si affermeranno. Ed è questo che sostiene gli occidentali, sapendo che d’ora in poi non potranno più agire secondo i propri criteri. A meno di un suicidio collettivo.
E i cittadini non sempre convinti che hanno assistito quasi distrattamente a questi orrori, abituandosi a loro, poiché avvenuti in paesi “esotici” descritti dai truffatori in carica come “barbari”, si svegliano intontiti. In quanto tale, ecco la lettera del presidente Putin ai cittadini del mondo:

• https://nouvelledafrique.com/2022/03/03/voici-la-lettre-de-poutine-aux-citoyens-du-monde-pour-explication-la-situation

Speriamo che prevalga la ragione, smascherando la sordida influenza degli USA attraverso la NATO che, lungi dall’essere un’organizzazione di difesa, è direttamente responsabile di milioni di morti nelle sue guerre predatorie, e di cui è imperativo sbarazzarsi restituendola ai suoi mittenti . Il generale De Gaulle, di cui molti si riferiscono con parole che non si traducono in fatti, diceva già: “ È dalla guerra tra Napoleone ai russi che risale la nostra decadenza”. La lezione sembra ancora non essere stata appresa. E con l’approssimarsi delle elezioni presidenziali, come non ricordare questa frase di Orwell, sperando che serva agli elettori indecisi:“Un popolo che elegge corrotti, rinnegati, impostori, ladri e traditori non è una vittima. È un complice”.

Daniel Vanhove

Fonte: Reseau International

Traduzioen: Gerard Trousson

5 Commenti
  • Backward
    Inserito alle 18:23h, 07 Marzo Rispondi

    Questi “analisti” capiscono ben poco. Sanno solo rigurgitare le false storie sui “bianchi razzisti” e sull.”occidente stupido” e non si accorgono che i bianchi stanno diventando minoranza ovunque, e che la Cina è stata scelta dai globalisti come loro prossimo bastione. Non ho speranza che si sveglino, da sempre cadono nella narrativa della finta opposizione.

  • Pippo
    Inserito alle 18:49h, 07 Marzo Rispondi

    De Gaulle era un povero imbecille. Ma di quale decadenza blatera? Ma se fu proprio lui, il principale affossatore dell’Europa, andando a fare il gioppino, il servo sciocco presso gli stramaledetti inglesi, negli anni decisivi… Fu anche un emerito criminale di guerra, terrorista e volgarissimo bandito di strada, perché lui, fu il responsabile delle stragi ed efferatezze che l’esercito francese e i suoi coloniali perpetrarono risalendo la penisola durante la guerra. Una scia di stragi immani, dalla Ciociaria, fin su, zona Firenze ed anche sporadicamente in Provenza. Lui e la sua cricca di pestiferi generali, il più famigerato dei quali fu il gen.Alphonse Juin, il terrore, il macellaio della Ciociaria. Per tali meriti…poi addirittura promosso comandante NATO.

    • Ubaldo Croce
      Inserito alle 20:04h, 07 Marzo Rispondi

      Prole sacrosante le tue caro Pippo. Ti condivido al 100%.

  • Mauro
    Inserito alle 21:00h, 07 Marzo Rispondi

    “Un popolo che elegge corrotti, rinnegati, impostori, ladri e traditori non è una vittima. È un complice”
    Perchè?
    C’è qualcuno di non corrotto da poter eleggere?!?
    Possiamo ancora eleggere qualcuno liberamente?!?

  • Giorgio
    Inserito alle 13:17h, 08 Marzo Rispondi

    Il regime democratico liberista globalista è quello che abbiamo davanti, anzi sopra …..
    Quindi inutile sperare di individuare nuovi partiti o nuovi leader che ci tirino fuori per via “democratica” …..
    E’ proprio da questo sistema che siamo oppressi, schiacciati, sottomessi, impoveriti, umiliati …..
    Nuovi partiti e nuovi leader avranno un senso se agiranno sorretti da principi non negoziabili e con la necessaria coerenza e drasticità, non certo per essere assorbiti e neutralizzati dal parlamentarismo, per proporre un modello di società del tutto opposto all’attuale modello anglo americano ….

Inserisci un Commento