"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Tutto non è calmo sul fronte siriano: gli Stati Uniti lanciano un’altra guerra

di Alex Gorka

Questo è un classico esempio di politica flip-flop (del doppio gioco). A novembre, gli Stati Uniti hanno promesso alla Turchia di smettere di armare le milizie curde in Siria dopo la cacciata dello Stato islamico. Brett McGurk, l’inviato presidenziale speciale degli Stati Uniti nella coalizione globale per sconfiggere lo Stato islamico, ha spiegato che, dopo la fine dei combattimenti urbani a Raqqa, sarebbe terminata la campagna USA e “sarebbero state apportate modifiche al livello di supporto militare”.

“Dovevamo fornire alcune attrezzature – e sarebbe stato un supporto  limitato, estremamente limitato – tutto ciò era molto trasparente per il nostro alleato della NATO, la Turchia”, ha detto durante un briefing speciale il 21 dicembre. A giugno, gli Stati Uniti hanno detto alla Turchia di riprendersi armi fornite alla milizia curda delle Unità di Protezione popolare (YPG) nel nord della Siria dopo la sconfitta dello Stato islamico.

Ma armi sofisticate continueranno ad essere inviate in Siria nel 2018, tra cui migliaia di lanciarazzi anticarro, missili a ricerca di fonte di calore e lanciarazzi. L’elenco delle armi e delle attrezzature è stato preparato dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti come parte del bilancio della difesa del 2018 e firmato da Trump del 12 dicembre. Comprende oltre 300 veicoli non tattici, 60 veicoli non standard e 30 veicoli terrestri per assistere alla costruzione di avamposti o aree di staging operativo. La spesa di spesa per la difesa degli Stati Uniti per il 2018 (“Giustificazione per le operazioni d’oltremare 2018 / Contro-Stato islamico dell’Iraq e il Fondo per la preparazione e il trasporto della Siria”) prevede la fornitura di armi per $ 393 milioni a partner statunitensi in Siria. Complessivamente, i $ 500 milioni, circa $ 70 milioni in più rispetto allo scorso anno, devono essere spesi per il trand sulla Siria e per gli equipaggiamenti richiesti.  I partner degli USA sono le forze democratiche della Siria (SDF) dominate dai kurdi. L’YPG – il gruppo che è una delle maggiori preoccupazioni della Turchia – è la spina dorsale di questa forza.

Il bilancio non si riferisce alle forze democratiche siriane (SDF), ma dice invece “Opposizione al potere siriano”. Secondo la lista di bilancio, ci sono 25.000 forze di opposizione sostenute come parte del programma di trend e equipaggiamento in Siria. Si prevede che tale numero venga aumentato a 30.000 nel 2018. L’armamento di militanti curdi con razzi anticarro è un argomento delicato a causa della dipendenza della Turchia dai suoi carri armati Leopard nel nord della Siria.

Talal Sillo, ex comandante di alto rango e portavoce del SDF sostenuto dagli Stati Uniti, che è uscito dal gruppo il mese scorso per andare in Turchia, ha divulgato i dettagli degli Stati Uniti nell’armare il gruppo curdo.

L’elenco non specifica quali gruppi siriani controllati riceveranno determinati pezzi di equipaggiamento. Nel nord della Siria, c’è la SDF, tra cui l’YPG, e la Siria Arab Coalition – un gruppo di combattenti arabi incorporati nella SDF. I gruppi Maghawir al-Thawra e Shohada al-Quartayn operano nella parte sud-orientale della Siria. Vengono addestrati da istruttori statunitensi e britannici al valico di confine al-Tanf tra Siria e Iraq.

Forze YPG in Siria

Oltre alla SDF e ai gruppi addestrati ad al-Tanf, gli Stati Uniti stanno creando il nuovo esercito siriano per combattere le forze governative siriane. La formazione e l’addestramento si sta svolgendo nel campo profughi siriano Hasakah situato a 70 chilometri dal confine con la Turchia ea 50 chilometri dal confine con l’Iraq.

Circa 40 gruppi di opposizione della Siria il 25 dicembre hanno rifiutato di partecipare alla prevista conferenza di Sochi sulla Siria, che si svolgerà a gennaio. Hanno detto che Mosca, che organizza la conferenza, stava cercando di aggirare il processo di pace di Ginevra, nonostante il fatto che l’inviato della Siria di Staffan de Mistura abbia affermato che il piano della Russia per convocare il congresso dovrebbe essere valutato dalla sua capacità di contribuire e sostenere i colloqui di Ginevra a guida ONU sulla fine della guerra in Siria. Se iniziano i combattimenti, è probabile che questi gruppi si uniscano alle formazioni create dagli Stati Uniti.

Quindi, gli Stati Uniti non solo mantengono la loro presenza militare illegale in Siria e creano nuove forze per combattere il governo siriano, ma sembrano  prepararsi a una nuova guerra che da seguito  alla sconfitta dello Stato islamico. Il continuare ad armare e addestrare le milizie curde, difficilmente migliorerà le relazioni di Washington con Ankara, mentre dire una cosa e farne un’altra mina la credibilità degli Stati Uniti come partner

Fonte: Strategic Culture.

Traduzione: Luciano Lago

*

code

  1. Backward 7 mesi fa

    Nel frattempo, nell’Iran nord-orientale vengono sobillate rivolte contro il governo in perfetto stile Maidan. Guarda caso i manifestanti gridano: “Aiutate noi, invece dei siriani!”
    Gli USA inviano nuove truppe in Afghanistan, e a San Pietroburgo il secondo attentato stavolta non viene sventato. Aggiungiamo il carico misterioso partito durante il black-out dell’aeroporto di Atlanta pochi giorni fa e atterrato in Belgio, e gli elementi poco rassicuranti non mancano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. GTX 7 mesi fa

    Quando la smetteranno di rompere i coglioni sti ameri-cani…??? Una nazione che la storia farebbe bene a cancellare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Pesce Ernesto 7 mesi fa

    I PROVERBI POPOLARI SI APPOGGIANO SUI FATTI AVVENUTI E DICONO VERITA’: “fra dire e fare, c’e’ di mezzo il mare”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Eugenio Orso 7 mesi fa

    Finché ci saranno Israele e Arabia saudita e gli Usa non si ritireranno nel loro angolo nordamericano di mondo, la guerra continuerà e anzi, dati i tentativi in corso di destabilizzare l’Iran, l’area del conflitto potrà allargarsi a macchia d’olio …

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace