Tutti i paesi del mondo attaccano gli Stati Uniti per le dichiarazioni sul Golan.



La Siria promette di liberare il territorio occupato da Israele.

La Lega Araba, la Russia, l’Iran e la Turchia hanno fortemente avvertito gli Stati Uniti dopo che il presidente Donald Trump ha dichiarato giovedì che riconoscerà le alture del Golan in Siria come territorio israeliano.

Gli altopiani strategici sono sotto l’occupazione israeliana dal 1967, ma la brusca dichiarazione di Trump all’indomani della visita in Israele del Segretario di Stato Mike Pompeo porta la controversia a un punto di ebollizione.

Il presidente della Turchia Tayyip Erdogan ha dichiarato che la dichiarazione di Trump ha portato la regione ai margini di una nuova crisi.

In un discorso tenuto in occasione di una riunione dell’Organizzazione per la cooperazione islamica (OIC) a Istanbul, Erdogan ha affermato: “Non possiamo consentire la legittimazione dell’occupazione delle alture del Golan”.

Il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ha espresso shock al piano di Trump.

Javad Zarif :

“Siamo tutti rimasti scioccati dalle dichiarazioni di DonaldTrump che continuano nel provare a dare quello che non è suo allo stato razzista israeliano: prima Al-Quds (Gerusalemme) e ora il Golan” Zarif ha twittato da Istanbul dove stava partecipando alla riunione OIC di emergenza.

“Questo riconoscimento illegale e inaccettabile non cambia il fatto che appartenga alla Siria”, ha detto il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Bahram Qassemi a Teheran.

“Il regime sionista, in quanto regime occupante, non ha alcuna sovranità su nessuna terra islamica e araba e la sua occupazione (del Golan) e gli atti di violazione dovrebbero essere portati rapidamente a termine”, ha detto.

Qassemi ha detto che l’unica soluzione alla disputa del Golan è quella di porre fine all’occupazione israeliana. Ha detto che le “decisioni personali e avventate di Trump rivelano un’altra realtà delle politiche statunitensi che sono pericolose per il mondo intero, e in particolare spingeranno questa regione instabile a crisi successive”.

La Repubblica islamica, ha affermato, “seguirà da vicino tutti gli sviluppi futuri nella regione e continuerà la cooperazione e le consultazioni con il governo siriano e altri paesi per prendere le misure appropriate”.

La Siria, che aveva già dichiarato il mese scorso che era pronta ad andare in un’altra guerra con Israele per il Golan, ha condannato l’intenzione di Trump in una dichiarazione rilasciata venerdì dal ministero degli esteri.

“La posizione americana nei confronti delle alture del Golan occupate dalla Siria riflette chiaramente il disprezzo degli Stati Uniti per la legittimità internazionale e la sua flagrante violazione del diritto internazionale”, ha detto.

“Le dichiarazioni irresponsabili di Trump, il presidente degli Stati Uniti, hanno dimostrato ancora una volta il sostegno cieco e implacabile degli Stati Uniti al regime occupante israeliano e alle sue azioni ostili”, ha aggiunto.

L’annuncio di Trump è arrivato prima della visita del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu negli Stati Uniti la prossima settimana.

In un tweet che ha colto molti di sorpresa, Trump ha scritto che era giunto il momento per gli Stati Uniti di fare il passo, che Netanyahu ha accolto calorosamente come un “miracolo” sulla festa ebraica di Purim.

PressTV-Trump: è ora di riconoscere la “sovranità israeliana” su Golan
Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump dice che era tempo di sostenere la “sovranità israeliana” sulle alture del Golan, un territorio siriano sotto occupazione dal 1967.
“Dopo 52 anni è il momento per gli Stati Uniti di riconoscere pienamente la sovranità di Israele sulle alture del Golan, che è di importanza strategica strategica e di sicurezza per lo Stato di Israele e la stabilità regionale!” Trump ha twittato.

Gli Stati Uniti sarebbero il primo paese a riconoscere l’annessione, che il resto della comunità internazionale considera il territorio della Siria occupato da Israele.

La dichiarazione siriana di venerdì ha manifestato che la posizione di Washington è una minaccia per la pace e la sicurezza globali.

“Le dichiarazioni del presidente degli Stati Uniti e della sua amministrazione sul Golan siriano occupato non cambieranno mai il fatto che il Golan fosse e rimarrà arabo e siriano”, ha detto.

“La nazione siriana è più determinata a liberare questo prezioso pezzo di terra nazionale siriana attraverso tutti i mezzi disponibili”, ha aggiunto.

Postazione siriana

Il capo della Lega Araba Ahmed Aboul Gheit ha detto che l’organizzazione di 22 membri “appoggia pienamente il diritto della Siria per il suo territorio occupato”.

Le alture del Golan sono “territori occupati” appartenenti alla Siria secondo il diritto internazionale e le risoluzioni delle Nazioni Unite e del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, ha sottolineato.

Anche il ministro degli esteri turco Mevlut Cavusoglu ha condannato la dichiarazione del presidente degli Stati Uniti, sottolineando che Ankara sostiene l’integrità territoriale della Siria.

“I tentativi degli Stati Uniti di legittimare le azioni di Israele contro il diritto internazionale porteranno solo a più violenza e dolore nella regione”, ha scritto in un tweet a fine giovedì.
PressTV-L’ONU sollecita Israele a ritirarsi dalle Alture del Golan della Siria
L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha invitato Israele a ritirarsi dalla totalità delle Alture del Golan in Siria.

Un membro del Consiglio della Federazione Russa ha anche criticato l’impegno di Trump, dicendo che “la Russia non riconoscerà mai la sovranità israeliana sulle alture del Golan”.

Oleg Morozov ha detto che la mossa di Trump è volta a dividere il mondo arabo e minare la Siria e la sua “partnership con la Russia”.

La scorsa settimana, nel suo rapporto annuale sui diritti umani, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha abbandonato l’espressione “occupato dagli israeliani” nella sezione delle alture del Golan, definendolo “controllo israeliano”.

Per settimane Netanyahu ha intensificato le richieste israeliane per gli Stati Uniti e altri per riconoscere il Golan occupato come territorio israeliano.

L’annuncio di Trump è arrivato mentre Pompeo stava concludendo un viaggio di due giorni a Gerusalemme al-Quds durante il quale ha fatto una visita controversa al Muro del Buraq, chiamato da Israele come il Muro del Pianto, nella Città Vecchia.

La visita ha reso Pompeo il più alto funzionario degli Stati Uniti nel visitare il sito con qualsiasi leader israeliano e sembrava segnalare ulteriormente l’appoggio dell’amministrazione Trump per il controllo di Israele sulla città contestata.

Nel dicembre del 2017 Trump ha riconosciuto ufficialmente Gerusalemme al-Quds come la cosiddetta capitale di Israele e in seguito ha trasferito l’ambasciata americana da Tel Aviv alla città santa che i palestinesi considerano la capitale del loro futuro stato.

La visita di Pompeo è anche sembrata segnalare il sostegno di Trump a Netanyahu, che sta affrontando una dura sfida nelle prossime elezioni e si sta riprendendo da una serie di scandali di corruzione.

Fonte: Press Tv

Traduzione: Luciano Lago

4 Commenti

  • Monk
    22 Marzo 2019

    Salvini sta godendo come un porco che si è appena strafogato cinque chili di nutella, ma non è solo, è in dolce compagnia con gli altri farabutti italioti zerbini dei giudei massoni

  • Anonimo
    22 Marzo 2019

    e sti figli di P. hanno il coraggio di contestare il referendum di annessione della Crimea alla Russia;
    vogliono farla passare come invasione e occupazione da parte dell’esercito russo!

  • eusebio
    22 Marzo 2019

    La questione del Golan è esplosiva in quanto viene considerato da Israele l’antemurale protettivo del lago di Tiberiade, fonte idrica di Israele e di 5-6 milioni di palestinesi, che vengono privati dell’acqua potabile dai sionisti.
    Se siriani e iraniani potessero accedere al lago, necessario per rifornire l’enorme area urbana di Damasco, potrebbero spingere milioni di ebrei a scappare dalla Palestina occupata mettendo fine di fatto all’entità sionista.

  • amadeus
    22 Marzo 2019

    I ratti devono sgomberare e alla svelta, l’impunità é finita, togliete le tende prima che arrivi il peggio…..

Inserisci un Commento

*

code