Trump sulla via della ignominia storica

di Wayne MADSEN (*)

La storia ha sempre trattato duramente quei tiranni e uomini forti che sono stati gratuitamente violenti verso i loro sudditi e cittadini e hanno creduto nel creare intenzionalmente miseria per la loro politica. Donald John Trump, il terzo presidente degli Stati Uniti sotto accusa, ha deciso di liberare i manifestanti pacifici riuniti a un isolato dalla Casa Bianca, così da poter farsi fotografare davanti a una chiesa. Non era una chiesa qualsiasi, ma la Chiesa episcopale di San Giovanni, soprannominata la “Chiesa dei presidenti”, a causa dei numerosi dirigenti che vi hanno partecipato a funzioni nel corso dei decenni.

Per prepararsi alla foto di Trump, le forze paramilitari non solo hanno liberato la strada dei manifestanti con gas lacrimogeni, granate esplosive, palline di pepe e proiettili di gomma, ma hanno espulso il rettore della chiesa, così come un seminarista e diversi parrocchiani, dai terreni della chiesa . Trump e il suo procuratore generale simile a Heinrich Himmler, William Barr, un membro dell’ordine cattolico integralista dell’ Opus Dei, hanno dichiarato la chiesa e il quartier generale del sindacato AFL-CIO accanto ad essa, parte di una zona di sicurezza della Casa Bianca.
La zona di occupazione di Trump è durata per 48 ore. Le truppe degli invasori si sono ritirate di un isolato, ponendo fine alla loro occupazione della chiesa e alla costruzione del sindacato.

All’inizio dell’assedio, forze paramilitari non identificate, che non mostravano alcun grado o appartenenza, hanno preso posizione sugli incroci attorno alla Casa Bianca. È stato riferito che lo spettacolo della forza militare ha avuto il contributo del genero di Trump, Jared Kushner e dell’assistente presidenziale Stephen Miller. Tuttavia, non vi sono state condanne all’azione da parte delle principali organizzazioni ebraiche negli Stati Uniti né di Kushner né di Miller, che sono entrambi suprematisti ebrei bianchi ed entrambi hanno letteralmente rubato una chiesa storica appartenente alla diocesi episcopale di Washington.
Se Barack Obama avesse preso il controllo di una sinagoga di Washington, DC – a dire il vero, non sarebbe mai accaduta una cosa simile – la reazione dei soliti sospetti, vale a dire la Lega anti-diffamazione e il Congresso ebraico americano, sarebbe stata certa, rapida, e molto rumorosa.

Il 16 dicembre 1989, le forze di sicurezza del governo rumeno, che era una dittatura guidata dal presidente Nicolae Ceausescu e sua moglie, il vice primo ministro Elena Ceausescu, ordinarono al pastore riformato ungherese László Tőkés di essere sfrattato dalla sua casa fornita dal governo nella città di Timişoara. Una folla di parrocchiani si radunò allora intorno alla casa di Tőkés per impedire che il loro pastore venisse sfrattato. Presto la folla di manifestanti crebbe fino a includere coloro che non erano membri della chiesa di Tőkés ma si opposero all’editto del governo.
La polizia di sicurezza rumena, la Securitate, usò gas lacrimogeni e cannoni ad acqua per rompere le fila dei manifestanti e, nel processo, ha mise molti in arresto. Presto i manifestanti si radunarono attorno alla Cattedrale ortodossa rumena, dove si incontrarono, di nuovo, con le forze di Securitate. La legge marziale fu dichiarata a Timişoara.

Il 18 dicembre, etnici rumeni e ungheresi, cantando canzoni patriottiche rumene, si sono riuniti nella cattedrale ortodossa rumena. Le truppe di protezione spararono contro i manifestanti, uccidendone alcuni e ferendone gravemente altri. Il 20 dicembre, circa 100.000 lavoratori in sciopero sono entrarono in città e si unirono alle proteste. Il governo inviò una delegazione per negoziare con i manifestanti. Il governo accettò di rilasciare manifestanti precedentemente arrestati, ma respinse la richiesta principale dei manifestanti, le dimissioni di Nicolae Ceausescu. Presto la protesta di Timişoara fu raggiunta da scioperanti provenienti da altre città.

Il 21 dicembre Ceausescu, che aveva visitato l’Iran durante lo scoppio della ribellione a Timişoara, tornò a Bucarest. Il 21 dicembre, Ceausescu diede un discorso pubblico a una folla di 100.000 persone che gli organi di propaganda dello stato definirono un “movimento spontaneo di sostegno a Ceaușescu”. Era un’affermazione tanto speciosa e ridicola nel 1989 sul “sostegno popolare” di Ceausescu come lo sono le dichiarazioni della Casa Bianca di oggi sul diffuso “sostegno” di Trump tra gli elettori americani.

Ceausescu incolpò la rivolta all’azione di “agitatori”, la stessa frase che Trump, Barr e altri membri dell’amministrazione stanno usando per descrivere le proteste negli Stati Uniti, definendole opera di “terroristi” antifa “(antifascisti)”. Il Dr. Martin Luther King, un pastore battista, è stato spesso accusato di essere un agitatore esterno durante la sua carriera per i diritti civili. È stata a lungo l’esperienza con tiranni e dittatori di incolpare i problemi delle loro nazioni su influenze esterne e non sulla loro stessa malvagità, corruzione e carenze.

Durante il discorso di Ceausescu, i canti e i fischi antigovernativi iniziarono a emanare dalla folla. È stato riferito che il Securitate stava organizzando petardi o sparando alla folla con colpi dal vivo al fine di disperdere ciò che era stato trasformato da una manifestazione di supporto in una massiccia protesta. La televisione di stato rumena cercò di interrompere la trasmissione in diretta. Presto la protesta si trasformò in una rivolta antigovernativa e gli ufficiali della Securitate furono costretti a spingere Ceausescu, sua moglie e altri funzionari del governo nell’edificio del Comitato Centrale del Partito Comunista. La massiccia rivolta fu affrontata con forza dai Securitate, dai militari e da varie forze paramilitari. I Ceausescus decisero di barricarsi nel Comitato Centrale piuttosto che scappare e fuggire da Bucarest. Presto,

Il 22 dicembre, Ceausescu fece un debole tentativo di rivolgersi alla folla di manifestanti dal balcone dell’edificio del Comitato Centrale. Fu accolto con grida arrabbiate. Il ministro della Difesa, Vasile Milea, rifiutò l’ordine di Ceausescu di sparare ai manifestanti riuniti fuori dall’edificio. Milea è morta in circostanze sospette e molti rumeni credono che Milea sia stata colpita dal Securitate per ordine di Ceausescu. Durante le proteste vicino alla Casa Bianca, il segretario alla Difesa Mark Esper e il Presidente del Capo di Stato Maggiore, Mark Milley, hanno resistito agli sforzi di Trump per ordinare alle truppe statunitensi in servizio attivo di affrontare i manifestanti nella capitale americana e in altre città del paese attraverso l’invocazione dell’arcano 1807 Insurrection Act.

Dopo la morte di Milea, Ceausescu nominò Victor Stănculescu Ministro della Difesa. Stănculescu convinse i Ceausescu a lasciare l’edificio del Comitato Centrale con un elicottero in attesa sul tetto. Stănculescu ordinò quindi a tutte le truppe dispiegate a Bucarest con l’ordine di reprimere la rivolta per tornare nelle loro caserme. Il ministro della Difesa e i suoi ufficiali rimasero accanto mentre manifestanti arrabbiati saccheggiavano l’edificio del Comitato centrale. Da quando i manifestanti avevano invaso il palazzo presidenziale, l’elicottero che trasportava il Ceausesco volò a Snagov, una piccola città fuori Bucarest, dove il presidente mantenne un ritiro in campagna. Dopo che il Ceausesco fuggì da Snagov su un altro elicottero, il pilota lo fece atterrare, dichiarando erroneamente che aveva problemi al motore. Ciò costrinse i Ceausescus a chiedere un passaggio in macchina a un riparatore di biciclette per la città di Târgoviște, dove sono stati nascosti in un istituto agricolo situato alla periferia della città. Il riparatore di biciclette ha informato la polizia locale della coppia che aveva raccolto sulla strada. Nel pomeriggio del 22 dicembre, i Ceausescus furono arrestati e portati nella guarnigione militare di Târgoviște.

Ceausescu e signora

Il 24 dicembre, il Consiglio del Fronte di salvezza nazionale ha ordinato a un Tribunale militare straordinario di processare Nicolae ed Elena Ceausescu per genocidio e una miriade di altri crimini, compresa la corruzione. Al suo processo del 25 dicembre, Nicolae Ceausescu definì il tribunale “illegittimo” e rimproverò diversi testimoni, tra cui Stănculescu, come “traditori”. Velocemente fino ai giorni nostri in cui Donald Trump accusa spesso i suoi critici e informatori del governo di essere “traditori” e afferma che i poteri del Congresso sono “illegittimi”.

I Ceausescus furono giudicati colpevoli delle accuse mosse contro di loro e furono condotti fuori dall’aula di tribunale improvvisata e giustiziati da una squadra di fuoco composta da tre paracadutisti. Nessuno si aspettava che lo sfratto di un pastore riformato a Timişoara nove giorni prima avrebbe portato al rovesciamento e all’esecuzione del tiranno Ceausescu.

Qui sta un’importante lezione per Trump. Persino un potente dittatore come Ceausescu non è riuscito a fermare un’ondata di rabbia popolare. Alcune rivoluzioni popolari sono spesso eventi spontanei, innescate dal più improbabile degli eventi e terminanti con conseguenze drammatiche. A Timişoara, era un pastore locale.
Negli Stati Uniti, fu un uomo afroamericano di nome George Floyd ad essere asfissiato sotto il piede di un poliziotto razzista e una protesta del prete episcopale di Washington DC e il rettore di nome Reverendo Gini Gerbasi che la portarono allo sfratto da una chiesa. Lo sfratto di Tőkés è ciò che alla fine ha portato alla caduta e all’esecuzione del Ceausesco. Sfruttando Gerbasi da St. John’s per aver protestato contro l’omicidio della polizia di George Floyd a Minneapolis, Trump potrebbe aver scritto il suo epitaffio politico.


*Wayne MADSEN
Giornalista investigativo, autore e editorialista sindacato. Un membro della Society of Professional Journalists (SPJ) e del National Press Club

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Gerard Trousson

P.S. Le opinioni espresse nell’articolo non necessariamente coincidono con quelle delle redazione.

30 Commenti

  • Monk
    9 Giugno 2020

    Ma che articolo è? Ce l’avete con Trump eh? Preferite gli amici dei negri, quelli delle primavere arabe, i globalisti infami. Ok, Trump andasse affanculo, godiamoci i clintoniani democratici e sarà la fine del mondo.

      • atlas
        10 Giugno 2020

        caro Luciano, si potrebbe magari evitare di interessarsi profondamente degli usa, il male assoluto

        nulla poi credo nasce spontaneo, almeno in fatti politicamente e gravemente riformisti (naturalmente in peggio); ciò che accadde a suo tempo in Romania io l’ho vissuto personalmente in Tunisia con la differenza che marito e moglie presidenziali non furono eliminati fisicamente, ma è come se lo fosse stato

        ” Esclusivo: lo scambio telefonico che ha segnato il destino della Tunisia

        la trascrizione delle comunicazioni telefoniche avvenute, nella notte tra il 14 e il 15 gennaio 2011, tra Ben Ali (BA), il suo primo ministro Mohamed Ghannouchi (MG), il suo ministro della Difesa Ridha Grira (GR ), Mahmoud Cheikhrouhou (MC), il capitano dell’aereo che trasportava la coppia presidenziale in Arabia Saudita, e Hédi Baccouche (HB), ex primo ministro di Ben Ali.

        Alle 03:02, Ben Ali ha chiamato l’ex primo ministro tunisino Mohamed Ghannouchi (M.G): B.A: “Mohamed! Ti ho chiesto di tornare in TV! Di ‘al popolo tunisino che prevedi di fornire alcuni dettagli sul tuo discorso! Di ‘alla gente che domani tornerò a casa e tutto tornerà alla normalità! Fagli sapere che ora so chi ha intenzione di arrivarci! M.G: “Signor Presidente! Sei ancora presidente della Tunisia! Tuttavia, non credo che il tuo ritorno sarà apprezzato dal popolo tunisino! Devi passare un po ‘di tempo in Arabia Saudita mentre si calma! B.A: “Non c’è dubbio! Ti ho detto che torno a casa domani alla prima ora! Fai quello che ti dico! Sono il presidente! Sono il presidente! Dove sei ora Mohamed? M.G: “Ci incontriamo tutti al Ministero degli Interni, signor Presidente” B.A: Ridha è al tuo fianco? »M.G:« Sì, signor Presidente »B.A:« Dammelo! “R.G:” Signor Presidente! “B.A:” Ridha! Dimmi cosa sta succedendo. Mohamed mi ha detto che la situazione è molto seria! “R.G:” Affermativo Signor Presidente! Il paese è con il fuoco e il sangue. Le milizie sparano a persone innocenti. Non sappiamo da dove vengano! Signor Presidente, ho la sensazione che sul nostro territorio sia in atto un complotto pericoloso “B.A:” Hai contattato Ali Sériati (direttore della guardia presidenziale)? “R.G:” Signor Presidente! Ho ordinato l’arresto di Ali Sériati! »B.A:« Perché l’hai fatto? Cosa ha fatto? R.G: “Non lo so ancora signor Presidente, ma il R.M (Intelligence militare) è in possesso di informazioni molto delicate” B.A: “Che tipo di informazioni Ridha? R.G: “Non posso dirtelo al telefono, signor Presidente!” B.A: “Dimmi Ridha! Dimmi subito cosa hai trovato su Ali “RG:” Non posso, signor Presidente! Non mi fido più di nessuno. Siamo tutti controllati qui! Lo sai! “B.A:” Cosa intendi? “R.G:” Mi hai capito, signor Presidente! “BA:” Okay Ridha dice a Mohamed che domani tornerò a casa e che metterò le cose in chiaro. “R.G:” Signor Presidente! Non puoi più tornare. Il paese è in pericolo di incendio. La gente pensa che tu sia fuggito dal Paese. Non è più possibile invertire. Aspetta altri due o tre giorni e ti diremo quale cosa sarà signor Presidente! B.A: “Assolutamente no! Torno indietro! Torno indietro! Torno indietro! “R.G:” Signor Presidente! Se ritorni, sarò obbligato a garantire la tua sicurezza! I militari saranno probabilmente costretti a sparare alla gente e non voglio arrivarci! Non voglio uccidere persone innocenti! B.A: “Non ci arriveremo! Ti prometto Ridha ”

        In quel momento, Ben Ali riattacca il telefono. Oppure la comunicazione viene interrotta. Alle 5:18, il maggiore Mahmoud Cheikhrouhou (M.C) chiamò il Primo Ministro tunisino: M.C: “Primo Ministro Monsieur! Cosa faccio ! Sono ancora all’aeroporto! Il presidente mi ha ordinato di non muovermi. E qui nessuno è a conoscenza di nulla. Ero al telefono con Nabil (Nabil Chéttaoui è l’ex CEO della compagnia aerea Tunisair) al telefono ed è stato lui a consigliarmi di contattarti. »M.G:« Non lo so! Non posso ancora dirti niente! Aspettare! Ti passerò Ridha, il ministro della difesa. Sono l’esercito che controllano il paese adesso. Ti consegnerò a lui! “R.G:” che sta succedendo? Che cosa c’é ? C: “Ministro! Dimmi cosa dovrei fare! Ho aspettato circa 5 ore e ancora non mi hanno dato istruzioni e qui, nessuno vuole rifornire di carburante l’aereo! ”

        In quel momento, il Ministro della Difesa si rivolse ai partecipanti e ai loro commenti, mantenendo ancora il comandante al telefono: R.G:” Signori! Ordinerò al comandante di tornare senza il Presidente e me ne assumo la piena responsabilità ”

        (continua) …

      • Monk
        10 Giugno 2020

        Grazie per la gentile risposta esimio Luciano.

        Premetto che non sono un simpatizzante delle varie amministrazioni americane per il ruolo che hanno avuto nella geopolitica mondiale, ma è il loro ruolo da sempre e almeno hanno difeso un certo sovranismo che noi, idioti italioti, ripudiamo. Non mi piace il fatto che siano il braccio armato dei sionisti e che ci trattino come una loro colonia da settantacinque anni, ma non bisogna dimenticare i vari deep state che da sempre hanno influenzato la politica interna ed estera americana. In questo preciso momento storico, alla vigilia delle presidenziali, siamo continuamente martellati dalla propaganda anti Trump e ammesso e concesso sia uno spietato gangster, sta diventando simpatico per diversi motivi, primo fra tutti: è il nemico dei democratici negrieri e automaticamente diventa mio amico. Sulla vicenda Floyd devo essere io, umile tapino, ad evidenziare una colossale presa per i fondelli utile ad abbindolare la psiche dei deficienti che credono alla lotta razziale americana? La strumentalizzazione di questo fatto di cronaca – non sta a me asserire se è un complotto, ma non mi stupirei – è arrivata a livelli pericolosissimi che potrebbero innescare una violenza globale incontrollabile e non capisco il motivo per cui, in questo pregevole sito, mi devo assorbire la stessa propaganda.; capisco il tuo messaggio che si riferisce alla democratica-equilibrata discussione, ma non funziona con alcuni dissidenti frustrati e pieni di rabbia che cercano una piccola oasi ove leggere articoli che non li facciano sentire alieni in un mondo pieno di lobotomizzati.

        Con immutata stima, ossequiosi saluti

  • Mardunolbo
    9 Giugno 2020

    Concordo in pieno con il commento di Monk ! Mi sembra che il cervello stia partendo a tutti ! Sono senza parole …..

  • Arditi, a difesa del confine
    9 Giugno 2020

    mi associo alla protesta, sono giorni che sto sito non fa altro che pubblicare articoli anti america e anti trump
    vi è arrivato l’assegno da Soros per caso ??

  • Luca
    9 Giugno 2020

    Articolo vergognoso, solo una malafede e un’idiozia senza limiti possono aver dettato un tale scempio logico e storico.
    La chicca e’ : “Alcune rivoluzioni popolari sono spesso eventi spontanei…,”
    Quest’uomo e’ un minus habens e come si possa pubblicarlo in un sito che si vanta di ricercare la verita’ e’ un mistero.

    • Daniel
      9 Giugno 2020

      Sottoscrivo ogni singola parola di monk

  • Mirko
    9 Giugno 2020

    Be’… considerando la storia seguente alla caduta di Ceausescu e, per estensione, del blocco sovietico, parrebbe di ravvisare, nell’accorato appello riportato, una sorta di avvertimento a non consentire che cattive gestioni del potere e della sua immagine consentano poi l’affermazione di forze veramente reazionarie e diaboliche, votate all’esercizio della tirannia planetaria tramite inganno, furto, tradimento e guerra.
    Ovviamente, a seconda di come si declini il termine “democratico”…. questione di opinioni.
    Non credo fosse nelle intenzioni dell’autore.
    In compenso, si evidenzia una evidente, solida e foriera di buoni auspici autonomia di pensiero da parte di una considerevole (si spera) percentuale di “osservatori”, fra cui i frequentatori di questo sito.
    Forse stanno davvero tramontando i tempi in cui un “buon pastore” poteva ritenere di avere un “gregge” su cui esercitare la propria potestà.
    Vedremo a settembre…

    • Mosin
      9 Giugno 2020

      FATEMI CAPIRE: Secondo voi Trump sarebbe “l’uomo della provvidenza” ? Oppure “L’ uomo in piedi tra le rovine”?
      Ma per piacere….

  • MDA
    9 Giugno 2020

    Articolo squallido.
    W Mons Viganò e il suo discorso su tenebre e luce censurato da tutti
    W Mons Bo, cinese, e il suo discorso sul PCC pericolo per umanità intera.
    Questo sito è ormai una informazione di regime e un covo di zecche stalinista bolsceviche

  • andrea'65
    9 Giugno 2020

    Simaptcio John Wayne Madsen, forse Trump è confuso dal fatto che prima Obama ha invitato Assad alal casa Bianca ( 2010 ) elogiandolo come leader moderno e progressista del M.O., poi lo ha bombardato , ricevendo il Nobel per la Pace

  • domenico
    9 Giugno 2020

    Tra le altre cose consiglierei all’autore dell’articolo di approfondire un po’ come sono andate effettivamente le cose durante la rivoluzione Rumena, rivoluzione “spintanea” come tante altre a cui abbiamo assistito e stiamo assistendo

  • Blackcrow
    9 Giugno 2020

    Cade definitivamente la maschera su questo sito di globotomizzati sardinizzati (mio copyright) pro immigrazionismo selvaggio volto ad arricchire i loro padroni sempre di più e continuare lo squilibrio sociale in atto da mezzo secolo.

    Inutile dire che vi seguo solo per portarvi a esempio di disinformazione ad altre persone e se c’è davvero qualcuno che ha il coraggio di sovvenzionare le vostre fregnacce de pseudo sinistra satanista è degno di voi.

    VER-GO-GNA-TE-VI.

  • MDA
    9 Giugno 2020

    Peggio di globalist .che squallore
    Ora capisco perché fu cacciato dalla lega

  • MDA
    9 Giugno 2020

    L’ Italia ha avuto 4 guerre civili dal 1860 a oggi, nessuno al mondo come noi: 1861-70 l olocausto di 600mila soldati del sud mai tornati da prigionia, biennio rosso, RSI e primo dopoguerra, strategia tensione anni 70.
    Sta arrivando la 5
    Siamo soli e anche internet è uno schifo al servizio del regime
    Auguri a tutti

  • Teoclimeno
    9 Giugno 2020

    Conviene essere prudenti quando si parla della politica americana. Quella anglo-sionista è sempre una politica ubiquitaria. A me non interessa molto la politica interna degli USA, come del resto quella di qualsiasi atro stato, e quindi in definitiva se Trump sia buono o cattivo con i suoi cittadini. Mi interessa invece e molto la politica estera di un qualsiasi stato, e le ripercussioni che di riflesso queste politiche possono avere sul nostro Paese. Ad esempio, Trump ha riconosciuto Gerusalemme come capitale d’Israele, nostro acerrimo nemico, ed ora si appresta anche a riconoscere la Cisgiordania quale parte integrante dello stato occupante. Come si vede le sue politiche contrastano apertamente con i nostri interessi, ed è questo quello che conta. Per quanto riguarda invece le vicende Rumene, evidentemente il nostro giornalista non dev’essersi accorto che in Romania c’era stata un Primavera fuori stagione.

  • Marco
    9 Giugno 2020

    Ma non vi vergognate di pubblicare simili falsificazioni della realtà? Meno male che eravate un sito di controinformazione! Ah, sicuramente lo siete ancora, solo che adesso avete invertito la rotta. Quanto vi ha pagato il ministero della verità? Deve essere proprio una malattia considerato che anche un sito storico di difesa dei consumatori è passato dall’altra parte della barricata con uno spudorato articolo in difesa del 5G.

    “Considero il giornale un serviziopubblico come i trasporti pubblici e l’acquedotto. Non manderò nelle vostre case acqua inquinata.”
    Enzo Biagi

    Azz…anche il captcha 666211 prima di farmi inserire il commento.

      • Arditi, a difesa del confine
        9 Giugno 2020

        e allora non pubblicatele…

      • Mirko
        9 Giugno 2020

        Non coincidono, e vogliamo sperarlo, ma vi si da spazio senza critica.
        In condizioni normali sarebbe semplicemente “cronaca”: si da voce a qualsiasi tesi per offrire un quadro più ampio della situazione.
        Ma adesso le condizioni non sono “normali” (ammesso che mai lo siano state) e l’equivoco è assolutamente prevedibile.
        Quando postate articoli provenienti da fonti controverse (e va bene che si faccia!) allegate due righe di spiegazione/informazione su autore e contesto.
        Questo sarà un buon servizio alla comunità.

        • atlas
          10 Giugno 2020

          Mirko, io l’ho spesso rilevato. Così come la critica ad occuparsi di usa e getta più del minimo sindacale (semplicemente su tutto ciò che riguarda l’america evito di leggere e commentare, quasi sempre). Ma le accuse a Luciano Lago sono fuori luogo, non le merita, lo conosco di persona, è umanamente e politicamente un Grande personaggio (non ho mai fatto il ruffiano in vita mia, non mi hanno mai lasciato tranquillo in vita mia)

  • anonimo
    9 Giugno 2020

    non mi sembra un caso spontaneo la ‘presunta’ morte di Floyd quando il post su twitter è apparso una settimana prima dela stessa data.

  • Man
    9 Giugno 2020

    Strano queste”candide”anime sollevare polveroni e squarciare tuniche, manco fossimo nel Sinedrio. Suvvia anche Contro tiene famiglia: una botta alla botte ed uno tumpagno che sarà mai? Forse che il compianto Tonino molisano avesse detto eresia con il suo “cerchiobottismo”? È il Corona come Araba Fenice, che esiste ciascuno lo dice (vero Burioni?) ma dove sia nessuno lo sa (vero Oms?).
    In alto i fegati: it’s Power Stupid! Divide et Impera, l’agnus tramutato già alchemicamente in lupus. Una risata, meglio 666, li seppellirà. Una prece per Contro fuffa. Amen Ra.

    Ps. L’abilità truffaldina dei debunker è fare finta di presentare diverse voci: sic res stantibus

  • Luigi
    9 Giugno 2020

    Gentile signor Luciano Lago, sono allibito per la pubblicazione dell’articolo.
    Buona serata,

    Luigi Roberti

  • Godlike
    9 Giugno 2020

    Articolo complottista, visibilmente schierato, e fuorviante per non aver sottolineato il ruolo importante e decisivo della russia nella caduta del dittatore romeno per non parlare del paragone veramente fuori luogo con trump che non stimo, ma del resto oggi la scelta è xin o trump e io non voglio vedere il mondo da un mascherina per il resto della mia esistenza fritto da onde millimetriche 24hsu24
    Qui c’è un evidente infiltrazione democratica, Ultra-liberista in un sito di informazione che credevo essere imparziale come li giornalismo VERO dovrebbe essere…Punto perso.

  • mos Bazil
    9 Giugno 2020

    Domnul Wayne MADSEN prezinta versiunea globalistilor vs lovitura de stat din Romania. :))

  • andrea'65
    10 Giugno 2020

    TRump è la nemesi della cricca NeoCon che dal 9/11 attua il progetto finale .
    ” il petrolio in Siria è sotto il ns. controllo, inviero’ la Exxon.l.. ” levando il velo di maya alle guerre democratiche ed umanitarie, ovvero per oli&gas, neocon e zionisti brindavano mentre la maggior parte degli occidentali si indignava.
    ” Iran Russia Venezuela fuori dallo SWIFT ” costringendo ( ironico )le altre potenze e stati sovrani, a creare un sistema bancario alternativo al dollaro; chi ci aveva provato ( Saddam, Gheddafi ) aveva avuto vita breve, mentre attualmente non usare il dollaro è usual
    ” io ho un pulsante piu’ grosso di Kim ” disse ridicolizzando le paranoie NATO verso la Korea del Nord e paralizzandone l’aggressivita’.
    Mettere vekki Kriminali NeoCon ( Abrams – Bolton ) al comando dell’operazione ” destabilizzare il Venezuela ” ha dato come risultato il rifiuto di Brasile ,Colombia ed altri Paesi di appoggiare ennesima export di democrazia in salsa neocon , adesso voglio vedere chi usera’ tali menzogne per replicare Iraq,Libia,Ucraina, anche tra i pennivendoli NY Times CNN.
    Ma il capolavoro è stata la doppia pugnalata a Bibi e Zionisti ” Gerusalemme capitale, prendetevi il Golan ” , mentre le volpi sioniste gongolavano ” trump è dei ns,” per la prima volta dal ’90 tutti i Paesi Arabi ( Saud inclusi ) sono coalizzati contro israele, i Saud disapprovano e con la NATO in uscita dal MO, la vedo male per TSHAL , nel 2006 solo contro Hezbollah ha preso legnate.
    Il Fake Russia-gate è servito per aprire gli occhi a molti sulla liberta’ di stampa USA.
    Stimata Redazione abbiamo un finestra di 4 anni, poi Trump e Putin verranno sostituiti, ma se The Donald perdesse la rielezione, la krikka ( caba’la ) Roth-Rock-Gates-Soros- Obaba.Clinton, non avrebbe piu’ ostacoli ad imporre l’agenza globale, quindi non è il momento di fare gli svizzeri, per perseguire il Bene necessitiamo di kriminali come The Donald, non di Manchuriani alla Obama. Il re è Nudo grazie a Trump che stà evidenziando la modalita’ kriminale con cui gli USA hanno imperato fin dalla false flag del MAINE.

Inserisci un Commento

*

code