APPELLO RACCOLTA FONDI! MANTIENI IN VITA UNA VOCE LIBERA!

Trump sta preparando il suo “Gabinetto di Guerra”?

Trump sta allineando il governo di guerra’? La nomina di Bolton a consulente NSC  alimenta l’allarme.
I rimpasti di gabinetto di Donald Trump hanno alimentato le preoccupazioni, non da ultimo dopo l’ultima nomina del falco John Bolton come consigliere per la sicurezza nazionale, pochi giorni dopo la definizione di un ex capo della CIA come nuovo segretario di stato.

Giovedì pomeriggio Donald Trump ha deciso di licenziare il generale HR McMaster dal suo incarico di consigliere per la sicurezza nazionale, sostituendolo con John Bolton. L’ex inviato degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite assumerà la carica il 9 aprile – pochi giorni dopo che Mike Pompeo sostituirà Rex Tillerson come nuovo segretario di stato.

La doppia nomina appena perfezionata ha causato ondate di shock tra i democratici, che hanno affermato che Trump sembra si stia preparando per la guerra. Il senatore democratico del Massachusetts Ed Markey ha avvertito che Trump sta creando un “gabinetto di guerra”, ed avverte di “grave pericolo” dopo la nomina di Bolton.
“Con le nomine di Mike Pompeo e John Bolton, Donald Trump sta mettendo in fila il suo gabinetto di guerra. Bolton ha svolto un ruolo chiave nel politicizzare le informazioni che ci hanno ingannato nella guerra in Iraq. Non possiamo permettere che questo falco da guerra estremo ci faccia cadere in un altro terribile conflitto “, ha twittato.

“John Bolton sostiene in modo proattivo il bombardamento dell’Iran e sostiene la necessità di colpire la Corea del Nord con armi nucleari per primi e senza provocazione. La nomina di Nat Sec Advisor è un grave pericolo per il popolo americano e un chiaro messaggio di Donald Trump che si sta preparando per un conflitto militare “, ha aggiunto il senatore Markey.

Il super falco John Boston

La rappresentante Barbara Jean Lee del 13 ° distretto congressuale della California è stata anche lei delusa  dalla scelta di Trump, sostenendo che lei avverte il suono dei  “tamburi di guerra”.
I timori espressi da alcuni membri di Capitol Hill e dal pubblico sembrano giustificati. L’ex ambasciatore delle Nazioni Unite, notoriamente super falco, era uno dei protagonisti responsabili della giustificazione dell’amministrazione di George W. Bush per la guerra in Iraq nel 2003, basata sulle false accuse secondo cui Baghdad possedeva armi di distruzione di massa.

Anche la scelta di Trump del direttore della Central Intelligence Agency (CIA) Mike Pompeo come nuovo segretario di stato ha messo a disagio molti esponenti  a Washington. A differenza del suo predecessore, Rex Tillerson, Pompeo sembra meglio allineato con la politica estera conflittuale di Trump, vale a dire sulla rottura dell’accordo nucleare iraniano, sulla Corea del Nord e sullo spostamento dell’ambasciata statunitense da Tel Aviv a Gerusalemme. Oltre ai politici, il pubblico americano ha anche espresso preoccupazione per la fattibilità di un conflitto armato incombente.

Il senatore del Vermont Bernie Sanders ha definito Bolton “assolutamente la persona sbagliata come consigliere per la sicurezza nazionale ora”, ricordando come ha ingannato il pubblico sulla guerra in Iraq.

“John Bolton è stato parte dello sforzo per ingannare gli Stati Uniti nella disastrosa guerra in Iraq e ha sostenuto l’azione militare contro la Corea del Nord e l’Iran. Era troppo estremista per essere confermato come ambasciatore delle Nazioni Unite nel 2005 ed è assolutamente la persona sbagliata ad essere consigliere per la sicurezza nazionale ora “, ha scritto Sanders.

“John Bolton è un pericoloso radicale. La decisione del presidente Trump di rendere Bolton il suo consigliere per la sicurezza nazionale è profondamente preoccupante “, ha dichiarato in una dichiarazione scritta il membro del Congresso Brendan F. Boyle (PA-13). “John Bolton ha speso la sua intera carriera spingendo le teorie della cospirazione marginale, sposando idee radicali sul multilateralismo e minando le alleanze chiave in tutto il mondo”.

Fonte: RT News

Traduzione: Luciano Lago

*

code

  1. Animaligebbia 7 mesi fa

    Se il grande capo prepara il gabinetto non dimentichi la carta igienica,ne avra’ bisogno,sappiamo tutti cosa si fa in un gabinetto.Intanto la Serbia trascina la nato davanti alla corte europea a causa dell’uranio impoverito che sembra abbia fatto esplodere i tumori a livelli da guerra atomica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Idea3online 7 mesi fa

    Trump sta preparando il suo “Gabinetto di Guerra”?

    Che lo “costruiscano” grande perchè la Russia li farà pisciare o orinare dalla paura…non in senso ironico ma essendo un Orso ferito a morte nel 1991, e ritornato in vita con Ciro il Grande o Putin, appena verrà attaccato, l’Orso esprimerà tanta di quella rabbia che solo chi avrà reni di ferro potrà contenere l’orina, perciò meglio un bel Gabinetto per contenere l”incontinenza urinaria….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Riki 7 mesi fa

    Non voglio fare il tuttologo ma non immagino una guerra come “aerei che partono da una portaerei per andare a colpire un obiettivo”. Immagino “portaerei messa fuori uso con sistemi elettronici” Houston abbiamo un problema… quale? qui non funziona niente! – Perché le superpotenze, le loro armi segrete le pubblicano sulla gazzetta della Spezia eeeh come no!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Horus 7 mesi fa

    Gia vedere Trump in un gabinetto di guerra coi militare e’ esilarante.
    Il gabinetto sara’di oro massiccio, vista l occasione, perche’le guerre Trump le fa con armi d oro,altro cche uranio impoverito, oro arricchito.

    Ma dove lo vuol fare Trump un conflitto militare?E’risaputo che la geografia in Usa e’una opinione e che gli stati vengono allegramente scambiati con altri per una sola sillaba tipo Iraq Iran.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. atlas 7 mesi fa

    Pompeo…un cognome, un programma

    Rispondi Mi piace Non mi piace