Trump segnala il ritiro degli Stati Uniti dalla Siria, dichiara la vittoria contro Daesh

Nuova dichiarazione di Trump su un prossimo ritiro delle truppe dalla Siria…..sarà vero?

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha comunicato di aver disposto il ritiro delle truppe USA dalla Siria a seguito della vittoria contro i terroristi del Daesh (ISIS) in Siria.
“Abbiamo sconfitto l’ISIS in Siria, la mia unica ragione per esserci stato durante la Presidenza Trump”, ha scritto su Twitter Trump, usando un acronimo per il gruppo terrorista.

La dichiarazione arriva dopo che il Wall Street Journal e il Washington Post hanno riferito che Trump si sta preparando a “ritirare immediatamente” le 2.000 truppe americane nel paese.

Quando gli è stato chiesto di commentare i rapporti, il portavoce del Pentagono, il colonnello Rob Manning, ha detto mercoledì che “in questo momento, continuiamo a lavorare, con e attraverso i nostri partner nella regione”.
Secondo quanto riferito, gli Stati Uniti hanno oltre 2.000 soldati di stanza nella Siria orientale, oltre a diverse migliaia nel nord del paese arabo.

Trump si è lamentato del fatto che gli Stati Uniti hanno sprecato trilioni di dollari nelle guerre in Medio Oriente, ma in cambio non hanno ottenuto “nulla”, ammettendo implicitamente la sconfitta del piano USA di rovesciare il governo di Damasco e suddividere il paese arabo in varie entità – (il vecchio piano di balcanizzazione che era l’obiettivo primario degli USA in Siria ed in Iraq).

“Abbiamo speso $ 7 trilioni in Medio Oriente e sai cosa abbiamo per questo? Nulla”, ha detto Trump all’inizio di quest’anno, promettendo di concentrare la spesa futura degli Stati Uniti sulla costruzione di posti di lavoro e infrastrutture in patria.
Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno bombardato quelle che chiamano le posizioni del Daesh all’interno della Siria dal settembre 2014 senza alcuna autorizzazione da parte del governo di Damasco o un mandato delle Nazioni Unite.

In molti casi gli bombardamenti hanno provocato n folto numero di vittime tra i civili e non hanno rispettato il loro obiettivo dichiarato di contrastare il terrorismo.

La Siria ha più volte scritto alle Nazioni Unite, lamentando il fatto che gli Stati Uniti violassero palesemente la propria sovranità. Gli Stati Uniti hanno sostenuto apertamente i miliziani che combattevano per rovesciare il presidente Bashar al-Assad e hanno ripetutamente attaccato le posizioni dell’esercito siriano.
Gli Stati Uniti non possono abbandonare basi militari in Siria’
Commentando il tweet di Trump, l’analista politico americano Stephen Lendman ha detto: “Trump dice una cosa un giorno, qualcos’altro il giorno dopo. Prima ha promesso di ritirare le forze statunitensi dalla Siria e dall’Afghanistan. poi ha proceduto ad aumentare le forze Usa in entrambi i paesi.” “Il Pentagono ha ben più di una dozzina di basi in Siria, soprattutto nel nord, ma dubito fortemente che le abbandonerà”, ha riferito a Press TV.

Forze speciali USA in Siria salvano i terroristi

Nessuno crede veramente che gli Stati Uniti abbiano sconfitto il Daesh ma piuttosto che lo abbiano favorito ed armato


Un recente rapporto dei media dice che i membri del gruppo terroristico Daesh Takfiri hanno ricevuto armi avanzate dagli Stati Uniti in Siria, rivelando il sostegno di Washington ai terroristi nel paese arabo.

Yeni Şafak , un quotidiano turco, citando fonti, ha riferito mercoledì che ci sono stati molti casi di forze statunitensi che hanno fornito assistenza materiale e tecnica ai militanti nella città di al-Mansurah, che si trova nella provincia settentrionale siriana di Raqqah.

Una grande quantità di armi prodotte dagli Stati Uniti, in particolare proiettili e munizioni, è stata inviata anche al valico di confine al-Tanf con la Giordania, che si trova nell’intersezione ultra-strategica dei confini siriano, iracheno e giordano, ha aggiunto.

Si ritiene che gli Stati Uniti, che hanno una base militare a Tanf, addestrino regolarmente terroristi nell’area. Gli Stati Uniti hanno dichiarato unilateralmente una “zona di disaccordo” di 55 chilometri attorno alla base, e spesso hanno minacciato di colpire le forze siriane all’interno dell’area.

L’area recintata contiene anche il campo profughi di Rukban, che, secondo i funzionari siriani e russi, ospita terroristi, compresi quelli del gruppo terroristico Jabhat Fateh al-Sham, affiliato ad al-Qaeda, precedentemente noto come Fronte al-Nusra .

Il rapporto diceva anche che un gruppo sostenuto dagli Stati Uniti composto da curdi e arabi etnici veniva usato dalle forze americane per fornire armi e materiale.

I gruppi curdi sostenuti dagli Stati Uniti come le cosiddette forze democratiche siriane (SDF), guidate militarmente dalle Unità di protezione del popolo curdo (YPG), sono stati accusati di aver colluso con i militanti di Daesh Takfiri.

All’inizio di giugno, il portavoce presidenziale turco Ibrahim Kalin ha dichiarato in un’intervista al canale di NTV che il GpP avrebbe probabilmente fornito ai terroristi di Daesh un corridoio sicuro da Raqqah.
Le forze governative siriane hanno spesso scoperto bombe e armi prodotte dagli Stati Uniti e da Israele, alcune delle quali erano estremamente rare nel paese arabo, durante la campagna anti-terrorismo in corso in tutto il paese.

Deposito armi della NATO in Siria

Il governo siriano ha recentemente inviato un messaggio alle Nazioni Unite, accusando la coalizione guidata dagli Stati Uniti di raggiungere accordi con Daesh e coordinando le sue azioni con i comandanti del gruppo terrorista.

A settembre, la coalizione guidata dagli Stati Uniti presumibilmente combattendo Daesh, ha trasportato in aereo in un santuario sicuro diversi comandanti del gruppo terroristico sponsorizzato dagli stranieri da una regione della provincia orientale di Dayr al-Zawr, in Siria.

Lo scorso agosto, il cosiddetto Osservatorio siriano per i diritti umani ha riferito che gli elicotteri guidati dagli Stati Uniti avevano trasportato quattro membri del Daesh e un civile da una casa usata come deposito di armi a Beqres, una zona periferica ad est di Dayr al-Zawr, in una la zona.
La coalizione guidata dagli Stati Uniti ha condotto attacchi aerei contro quelli che si dice siano obiettivi Daesh in Siria dal settembre 2014 senza alcuna autorizzazione da parte del governo di Damasco o un mandato delle Nazioni Unite.

L’alleanza militare è stata ripetutamente accusata di aver preso di mira e ucciso civili. Inoltre è stato largamente incapace di raggiungere il suo obiettivo dichiarato di distruggere Daesh.La Siria è stata attanagliata dalla militanza sostenuta dagli stranieri dal marzo 2011. Il governo siriano afferma che il regime israeliano e i suoi alleati occidentali e regionali stanno aiutando i gruppi terroristici Takfiri che stanno scatenando il caos nel paese.

Fonti: Press Tv   RT News

Traduzione: Luciano Lago


4 Commenti

  • Mardunolbo
    20 Dicembre 2018

    ho scritto di questo “cinguettio” di Trump-etta in altro articolo, auguriamoci che sia la volta buona ed il biondo decida una volta per tutte ! Del resto, ora con gli SS300 in Siria, non possono più razzolare in pace in territorio siriano..

  • atlas
    20 Dicembre 2018

    il quotidiano turco dovrebbe scrivere che il suo governo ha favorito i wahhabiti salafiti sin dall’inizio della guerra contro la Siria Sociale e Nazionale, ma vivono in un terrore democratico di merdogan

  • Sed Vaste
    20 Dicembre 2018

    I figli del diavolo soon maestri nell’inganno hanno I Loro servi I Loro scribacchini che eseguono in modo impeccabile tutti gli Ordini che provengono Dalla Sinagoga ,a capo dei governi mettono I piu dementi I piu ricattabili I piu servili ,ora visto che al mardunolbo piace blondet le dico di rileggerlo 2-3 volte e si accorgera alla secondary lettura di come vi frega e con quanta eloquenza ,l’articolo in questions tratta la rai e I’ll buon blondet non menziona un fatto “irrilevante” SONO TUTTI MASSONI” guardatevi I’ll film ilborghese piccolo piccolo uno dei pochi che e’ sfuggito all’occhio del grande fratello ebreo massonico

  • Zerco
    20 Dicembre 2018

    Non ci credo, come a tutto ciò che dicono o annuncia l’autoproclamato “impero del bene”.
    Impossibile che i loro padroni li lascino andare via così: qualcosa sta bollendo nella pentola sionazista.

Inserisci un Commento

*

code