Trump intraprenderà più guerre per distrarre dal COVID-19 e dal collasso economico?

Di Stephen Lendman (*)

Trump è l’ultimo di una lunga serie di bellicosi presidenti degli Stati Uniti, il quale, durante tutto il suo mandato, si è occupato di guerra su più fronti in patria e all’estero.

Le sue priorità sono l’auto-arricchimento, al servizio di Wall Street, Big Oil, Big Pharma, Big Military e altri favoriti aziendali, oltre a essere rieletto.

La guerra del regime di Trump e del Congresso infuria a livello nazionale —SARS-Cov-2 (il virus che produce la malattia COVID-19) usata come arma dalle élite di potere per consolidare un maggior dominio sul mercato eliminando la concorrenza.
Un’impennata senza precedenti di approcci fallimentari, che colpisce soprattutto centinaia di migliaia di piccole e medie imprese.

Anche quelli più deboli sono vulnerabili all’acquisto da parte di forti concorrenti a prezzi di vendita al saldo.

Il bilancio è una nuova crisi extra-normale inaccettabile, gli Stati Uniti assomigliano molto al Guatemala, alla Somalia o al Bangladesh, milioni di posti di lavoro persi non tornano.

La maggior parte degli americani impiegati lavorerà per i salari di povertà o sub-povertà con pochi o nessun beneficio – uno stato di guerra permanente che esiste all’estero contro più nemici inventati, nuovi forse per essere attaccati come belligeranti.

All’inizio di gennaio, chi avrebbe potuto immaginare che la maggior parte degli americani avrebbe accettato volentieri gli arresti domiciliari, che le grandi competizioni sportive sarebbero cessate nel frattempo, che la vera disoccupazione si sarebbe avvicinata al 40%, che una strada principale di lunga depressione potrebbe essere iniziata!
Peggio ancora, oso suggerire che le forze oscure statunitensi hanno pianificato ciò che sta accadendo per il loro interesse personale e i loro compari, scatenando SARS-Cov-2 sull’umanità con un diabolico piano di follow-up in mente.

È in corso una campagna implacabile per gli americani e altri all’estero per accettare la vaxx di massa in avanti con vaccini tossici in grado di fare danni molto più che buoni, comprese le sostanze in grado di causare la malattia da cui dovrebbero proteggere.

Insieme a quanto sopra a livello nazionale, ci sono DJT e gli eserciti del regime di Trump guidati da Pompeo che viziano il confronto con Cina, Iran, Venezuela e persino Cuba.

Una guerra di parole degli Stati Uniti infuria contro questi paesi, le grandi bugie che annegano dure verità e ragione.

Giovedì, il South China Morning Post (SCMP) ha riferito che “i canali diplomatici Cina-USA (sono) prosciugati (ing), rendendo più difficile comunicare …”

Le relazioni sino-americane sono le più tristi da decenni. Comunicazioni bilaterali “interrotte a causa della crescente ostilità e restrizioni di viaggio causate dalla pandemia …”

Trump vuole mezzo miliardo di dollari per finanziare il cambio di regime in Venezuela.
Il Regime di Trump con la campagna anti-Cina e le azioni congressuali minacciano di rompere le relazioni bilaterali.
La strategia di rielezione di Trump include la falsa incolpazione della Cina per le sue politiche sanitarie ed economiche mal gestite.
Nulla di positivo può nascere per entrambi i paesi dall’approccio rigido degli Stati Uniti.
Separatamente, il regime di Trump potrebbe essere diretto verso il confronto con l’Iran e il Venezuela.
Mercoledì Pompeo ha attaccato entrambi i paesi, twittando:

“Gli Stati Uniti condannano le disgustose e odiose osservazioni antisemite (sic) del supremo leader iraniano Khamenei” – questo è come i sostenitori della linea dura degli Stati Uniti descrivono una retorica che dice la verità che tocca i nervi giusti.

Pompeo ha preso di mira il presidente venezuelano Nicolas Maduro, eletto democraticamente e rieletto, ribaltando la verità e twittando:
“Due anni fa oggi, Maduro ha mostrato al popolo venezuelano e al mondo che non possono esserci elezioni libere ed eque mentre occupa il palazzo di Miraflores (sic)”.
“Il quadro di transizione democratica fornisce una tabella di marcia per una transizione democratica pacifica per il Venezuela (sic)”.

Proteste in Venezuela contro Trump

Il Venezuela sotto Hugo Chavez e Maduro è la democrazia modello dell’emisfero, una nozione sempre più totalitaria che gli USA non tollerano da nessuna parte, soprattutto non a casa propria (nel proprio cortile).

Cuba era anche nella lista dei destinatari di Pompeo, accusando falsamente le sue autorità al potere di “calpestare i diritti del popolo cubano” – una specialità americana della propaganda di lunga data in patria e all’estero.

Prima delle elezioni di novembre, il regime di Trump istigherà il confronto contro uno o tutti i paesi sopra elencati nella lista degli obiettivi degli Stati Uniti per il cambio di regime?

Mercoledì scorso, il Ministro della Difesa iraniano Amir Hatami ha avvertito il regime di Trump che “(w) e darà sicuramente una risposta ferma e decisa se le molestie continuano o aumentano”.

I suoi commenti si riferivano alla possibile interdizione del Pentagono delle petroliere iraniane con benzina in rotta verso il Venezuela – un atto di pirateria d’altura se questo si verifica.

“Le nostre politiche sono cristalline e abbiamo annunciato esplicitamente che non tollereremo alcun atto di molestia”, ha sottolineato Hatami.

Con lettera al segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, il ministro degli Esteri iraniano Zarif ha denunciato “le minacce illegali, pericolose e provocatorie degli Stati Uniti” contro le petroliere iraniane in rotta legalmente verso il Venezuela, avvertendo delle conseguenze se il regime di Trump si spingesse così lontano.
Previsto per l’arrivo nelle acque venezuelane alla fine di maggio o all’inizio di giugno, le navi militari della Repubblica Bolivariana le incontreranno quando entreranno nella zona economica del paese per scortarle al porto per scaricare il loro carico.
Il ministro della Difesa venezuelano Vladimir Padrino Lopez ha dichiarato che la marina e l’aeronautica del paese daranno il benvenuto alle petroliere iraniane quando raggiungeranno il territorio marittimo della nazione.

Durante una sessione del Consiglio di sicurezza, l’inviato dell’ONU della Repubblica Bolivariana Samuel Moncada ha denunciato l’ostilità del regime di Trump, affermando che le azioni che potrebbe intraprendere per bloccare le petroliere iraniane “dal raggiungere la loro destinazione costituirebbero quindi un crimine contro l’umanità”.
Separatamente, l’ambasciatore dell’Iran in Venezuela, Hojjatollah Soltani, ha difeso il diritto legale di entrambe le nazioni di impegnarsi nel commercio internazionale e in altre relazioni normali, aggiungendo:
“Questa relazione tra Iran e Venezuela non minaccia nessuno. Non è un pericolo per nessuno. ” È il diritto legale di tutte le nazioni a trattare con gli altri politicamente, economicamente e attraverso il commercio.
I sostenitori del regime di Trump considerano le relazioni legali riconosciute a livello internazionale tra i paesi nell’elenco degli Stati Uniti per il cambio di regime come “una minaccia” alla loro sicurezza nazionale.

Petroliera iraniana verso il Venezuela

È una delle innumerevoli bugie e distorsioni usate da entrambe le ali di destra dello stato monopartitico americano per far avanzare la loro agenda imperiale.
Le guerre con mezzi caldi e altri mezzi, il terrorismo di stato e altre azioni ostili sono le loro strategie preferite: perché gli Stati Uniti rimangono la più grande minaccia dell’umanità.

*Il pluripremiato autore Stephen Lendman vive a Chicago. Può essere raggiunto a lendmanstephen@sbcglobal.net . È un ricercatore associato del Center for Research on Globalization (CRG)

Il suo nuovo libro come editore e collaboratore si intitola “Flashpoint in Ucraina: US Drive for Hegemony Risks WW III”.

http://www.claritypress.com/LendmanIII.html

Traduzione: Lisandro Alvarado

9 Commenti

  • nicholas
    22 Maggio 2020

    Penso che l Onu, stia dando un altro obiettivo a Trump. Rovesciare l attuale governo Italiano. Forse, stavolta sarà operazione giusta???

  • Arditi, a difesa del confine
    22 Maggio 2020

    un articolo che se fosse scritto da uno del pd o da un giornale del partito comunista cinese non vedrei differenze

    Trump in 4 anni non ha fatto una guerra, a differenza della scimmia a cui piacciono i bambini che bombardò Siria, Libia e Yemen e grazie a questo si prese persino il nobel per la pace

    • Teoclimeno
      22 Maggio 2020

      Egregio Signor Arditi, è vero come dice Lei, che “Trump in 4 anni non ha fatto una guerra”. Almeno non nel senso tradizionale del termine. Tuttavia, non solo ha continuato quelle che aveva ereditato dal suo predecessore Premio Nobel per la “Pace”, ma ne ha iniziato una su scala globale con la nuova arma del Capra Virus. Non meno letale di tutte le altre guerre, di cui anche Lei potrà agevolmente constatarne gli effetti devastanti sulla nostra Nazione. Molti cordiali saluti. TECLIMENO

      • Arditi, a difesa del confine
        22 Maggio 2020

        io sono dell’idea, e lo sono stato dall’inizio, che questo virus sia si americano, ma “sguinzagliato” dal deep state visto che nell’ordine ha colpito Cina, Iran, Italia ed adesso gli USA per mettere in difficoltà Trump.
        Che il presidente usa abbia intrapreso una guerra commerciale contro la Cina non lo metto in dubbio, ma lei preferisce una guerra commerciale alla Cina o una possibile guerra nucleare contro la Russia nel caso Biden vinca le elezioni ?
        e di guerra commerciale con la Cina non penso sia morto nessun bambino, lo stesso non si può dire dello Yemen e della Siria bombardati dal presidente sposato con un trans.

        Sull’Italia si è detto tanto, ma se i russi hanno mandato dei militari in un paese NATO il permesso chi crede glielo abbia dato, il Deep State?

        Io spero ardentemente che a settembre si apra l’Obamagate ma ho come la sensazione che finirà come il precedente scandalo, pizzagate, in una bolla di sapone.

  • Teoclimeno
    22 Maggio 2020

    Ormai anche i ciechi e i sordi hanno capito che il Capra Virus è l’ultima arma in ordine di tempo, che gli anglo-sionisti hanno usato per imporre la loro agenda agli altri popoli. I presidenti ameri-cani, compreso Polentina Trump, contano poco o niente, in quanto si limitano ad eseguire gli ordini che vengono impartiti loro dal padrone sionista, che controlla tutta l’economia. Credo che non ci sia più spazio per la diplomazia, e che in un modo o nell’altro anche per loro sia arrivato il momento di fare i conti con la realtà. Il sogno imperiale sta per finire e li attende un brusco risveglio.

  • Mardunolbo
    23 Maggio 2020

    Ora Trump ha dato un ultimatum ai governatori :
    https://www.rt.com/news/489527-trump-orders-open-churches-now/

    chi non vuol capire, continui a non capire ! Queste sono prese di posizione eccezionali che fanno Trumpetta uno statista coi fiocchi !

  • Teoclimeno
    23 Maggio 2020

    Cari amici e lettori, vorrei essere chiaro con tutti gli estimatori di Trump. La Cartina di Tornasole per valutare qualsiasi politica dei presidenti ameri-cani, non è la politica interna, che loro praticano nei confronti dei loro cittadini, di cui francamente mi interessa fino ad un certo punto. Mi interessa invece e molto, la politica che il padrone ameic-ano, e quindi dei suoi presidenti, pratica nei confronti del nostro disgraziato Paese. Riconsidererò la mia posizione di totale avversione nei confronti dei presidenti ameri-cani, quando vedrò che la presa satanica sul nostro disgraziato Paese verrà meno. Sino ad allora tutti i presidenti USA, per me pari sono. Vorrei precisare che io non ce l’ho con nessuno, è solo una questione di punti di vista, che a volte in politica posso divergere, ma niente di personale. Molti cordiali saluti. TEOCLIMENO

  • antonio
    23 Maggio 2020

    gli unni ed i mongoli del 2020 sono USA e GB

    • Teoclimeno
      23 Maggio 2020

      Egregio Signor ANTONIO, vorrei fare una piccola aggiunta: Israele. Molti cordiali saluti. TEOCLIMENO

Rispondi a Arditi, a difesa del confine cancella risposta

*

code